Benedetta Buccellato

attrice italiana

Benedetta Buccellato (Roma, 17 febbraio 1953[1]) è un'attrice italiana.

BiografiaModifica

Diplomata all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica S. D’Amico e laureata in Storia del Teatro e dello Spettacolo presso la Facoltà di Lettere classiche dell’Università di Salerno, ha debuttato in teatro nel 1975 come Ofelia in “Un Amleto di meno” di Carmelo Bene.

Da allora è stata la protagonista femminile in oltre cinquanta produzioni teatrali. Tra queste:

1976-77 “Riccardo II” di W. Shakespeare, regia Maurizio Scaparro

1977-78 “Le sedie” di E. Ionesco, regia Andrea Camilleri

1978-79 “Al pappagallo verde” di A. Schnitzler, regia Luca Ronconi

1979-80-81-82 “La donna serpente” di C. Gozzi, regia Egisto Marcucci (tournèe europea, in Urss e Messico)

1979-80 “Turcaret” di A.R.Lesage, regia Egisto Marcucci

1980-81 “L’orologio americano” di A.Miller, regia Elio Petri

1981-82 “Una diabolica invenzione” di G.de Nerval, regia Aldo Trionfo

1983 “Il calapranzi” di H.Pinter e “Da elefante per i colpi duri, da passerotto per le melodie” di S.Beckett, regia Gian Carlo Sammartano

1984 “Diana e la Tuda” di L.Pirandello, regia Arnoldo Foà

1984 “Oreste” di Euripide, regia Luigi Squarzina

1984-85 “Il Cid” di P.Corneille, regia Giorgio Albertazzi

1984-85 “Cafè Feydau” di G.Feydau, regia Marco Parodi

1985-86 “Peccato che sia una sgualdrina” di J.Ford, regia Augusto Zucchi

1986 “Elettra o la caduta delle maschere” di M.Yourcenar, regia Luca Coppola (prima mondiale)

1986 “Spogliarello” monologo di D.Buzzati, regia dell’interprete (prima mondiale)

1986-87 “I cinque sensi” di Luigi Squarzina, regia dell’autore

1987 “Anna Cappelli” monologo di Annibale Ruccello, regia dell’interprete (prima mondiale)

1988 “Gioco a due” di T. Williams, regia Paolo Emilio Landi

1989 “La vita è sogno” di P. Calderon de la Barca, regia Giampiero Solari

1989-90 “Mille franchi di ricompensa” di V.Hugo, regia Benno Besson

1990-91-92 “Sei personaggi in cerca d’autore” di L.Pirandello, regia Franco Zeffirelli

1992 “Sette contro Tebe” di Eschilo, regia Luigi Squarzina

1992-93 “Morte di un commesso viaggiatore” di A.Miller, regia Enrico Maria Salerno

1993-94 “Love letters” di A.R.Gurney, regia Enrico Maria Salerno

1994 “Prometeo” di Eschilo, regia Antonio Calenda

1994-1995 “Tre donne alte” di E.Albee, regia Luigi Squarzina

1995-96-97 “Prigioniero della seconda strada” di N.Simon, regia Tonino Pulci

1998-99 “La guerra” di C.Goldoni, regia Luigi Squarzina

1999 “Maria Maddalena o della salvezza”, monologo di M.Yourcenar, regia Marco Parodi.

1999-2000 “Le troiane” di Euripide, regia Micha van Hoecke

2001 “I reverendi” di S.Mrozek, regia Jerzy Sthur (prima mondiale)

2005-06-07 “Giù dal monte Morgan”di A.Miller, regia Sergio Fantoni

2006 “Qualcosa di verde”, testo e regia di B. Buccellato

2006 “Processo a Giulio Cesare” di C. Augias e V. Polchi, regia Giorgio Ferrara

2008 “Agrippina” di C. Augias e V. Polchi, regia Giorgio Ferrara

2008-09 “Cena a sorpresa” di N. Simon, regia Giovanni Lombardo Radice

2011 “Natale in casa Cupiello” di E. De Filippo, regia Nello Mascia.

__________________________________________________________________

E’ autrice teatrale e radiofonica. Tra i suoi testi rappresentati: "La trasvolata di Cesare Balbo", con Anna Marchesini; "Valzer viola", regia di Umberto Marino; "La Pizia", da F.Durrenmatt, regia Francesco Origo; "Marchas e Pitolet", regia Francesco Origo; la trilogia "Qualcosa di nero", "Qualcosa di verde" e "Qualcosa di rosso", regia dell’autrice.

_____________________________________

Insegna recitazione all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica S.D’Amico.

È stata per otto anni la Presidente della Fondazione Nicolò Piccolomini per l’Accademia d’Arte Drammatica, Istituzione di beneficenza per gli artisti teatrali anziani e indigenti.

E’ Segretario generale dell’ApTI-Associazione per il Teatro Italiano.

Prosa televisiva RaiModifica

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

NoteModifica

  1. ^ Elenco Artisti Settore Audiovisivo Rappresentati da Nuovo IMAIE (al 31/01/2014) (PDF), su areasoci.nuovoimaie.it, IMAIE. URL consultato il 16 settembre 2015 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2015).

BibliografiaModifica

  • Le Teche Rai, la prosa televisiva dal 1954 al 2008
  • Il Radiocorriere

Collegamenti esterniModifica