Apri il menu principale
Buzzi Unicem S.P.A.
Logo
StatoItalia Italia
Borse valoriBorsa Italiana: BZU
Borsa Italiana: BZUR
ISINIT0001347308 e IT0001369427
Fondazione1999[1]
Sede principaleCasale Monferrato
Persone chiaveEnrico Buzzi, Presidente

Michele Buzzi Amministratore delegato

Pietro Buzzi Amministratore delegato
SettoreEdilizia e materiali
Prodotti
Fatturato2.813,4 milioni (2012)
Utile netto1,965 milioni (2012)
Dipendenti10.837 (2012)
Sito web

Buzzi Unicem S.p.A. è un'azienda italiana specializzata nella produzione di cemento, di cui è il secondo operatore del Paese con una quota di mercato del 16%[2].

È quotata nell'indice FTSE MIB della Borsa di Milano[3].

Indice

StoriaModifica

Nel 1872 Luigi Marchino fonda a Casale Monferrato la Cementi Marchino, che nel 1933 verrà incorporata dalla Unione Cementi della famiglia Agnelli per dare vita all'Unione Cementi Marchino[4][5].

Nel 1969 l'impresa assorbe altri due cementifici del gruppo Agnelli, le Industrie Cementifere Emiliane e la Cementeria di Augusta, e cambia nome in Unicem. Nel 1973 la società viene quotata in borsa. Nel 1979 acquista la Cementeria di Barletta e la Cementi Nuoresi[4].

Nel 1987 la Cementeria di Augusta e la Cementeria di Barletta vengono quotate in borsa[4].

Nel 1999 la Buzzi Cementi incorpora l'Unicem, diventando Buzzi Unicem[1].

GovernanceModifica

La società ha sede a Casale Monferrato[6]; il presidente è Enrico Buzzi, amministratori delegati sono Pietro Buzzi (Finance) e Michele Buzzi (Operations).

AzionariatoModifica

L'azionariato comunicato alla Consob è il seguente[7]:

NoteModifica

  1. ^ a b Buzzi Unicem (1999 - 2009), su buzziunicem.it. URL consultato il 6 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2016).
  2. ^ Buzzi Unicem - Italia, su buzziunicem.it. URL consultato il 18 giugno 2017 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2017).
  3. ^ Azioni ed azionisti, su buzziunicem.it. URL consultato il 6 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2016).
  4. ^ a b c Unicem (1872- 1998), su buzziunicem.it. URL consultato il 17 marzo 2018 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2018).
  5. ^ Mario Minoja, Bene comune e comportamenti responsabili. Storie di Imprese e di istituzioni
  6. ^ Buzzi Unicem - Italia, su buzziunicem.it. URL consultato il 6 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2016).
  7. ^ Le percentuali di azionariato derivano da quanto comunicato dagli azionisti, secondo quanto previsto dall'articolo 120 del TUF. Parti minori dell'azionariato possono essere indicate direttamente dalla società attraverso altre fonti.

Collegamenti esterniModifica

Sito web ufficiale