Cédric Pioline

ex tennista francese

Cédric Pioline (Neuilly-sur-Seine, 15 giugno 1969) è un ex tennista francese. Pioline è nato in Francia da madre rumena e padre francese. È cresciuto in una famiglia di sportivi.[1]

Cédric Pioline
Cédric Pioline at the 2010 US Open 03.jpg
Nazionalità Francia Francia
Altezza 188 cm
Peso 79 kg
Tennis Tennis pictogram.svg
Termine carriera 2002
Carriera
Singolare1
Vittorie/sconfitte 398 - 318
Titoli vinti 5
Miglior ranking 5º (8 maggio 2000)
Risultati nei tornei del Grande Slam
Australia Australian Open 4T (1998)
Francia Roland Garros SF (1998)
Regno Unito Wimbledon F (1997)
Stati Uniti US Open F (1993)
Doppio1
Vittorie/sconfitte 41 - 50
Titoli vinti 1
Miglior ranking 93 (13 gennaio 2003)
Palmarès
Transparent.png Coppa Davis
Argento Coppa Davis 1999
Oro Coppa Davis 2001
1 Dati relativi al circuito maggiore professionistico.
Statistiche aggiornate al ottobre 2000

Divenne professionista nel 1989 e raggiunse l'apice della sua carriera da tennista nel maggio del 2000, raggiungendo la quinta posizione della classifica ATP. Inoltre in due finali del Grande Slam si scontrò con Pete Sampras, finendo sconfitto in entrambe le occasioni.

CarrieraModifica

Pioline era un giocatore completo ed atletico che aveva nel rovescio ad una mano il suo colpo migliore ed in grado di ben figurare su tutte le superfici e sulla lunga distanza, come ben evidenziato dai grandi risultai ottenuti nei tornei del Grande Slam. Non particolarmente in evidenza nei tornei juniores la sua ascesa tra pro fu costante fino all'esplosione del 1993 che lo vide passare dal n. 33 al n. 10 del mondo.

A livello ATP si fa notare per la prima volta raggiungendo la semifinale nel torneo di Genova del 1990. L'anno dopo raggiunge le semifinali a Nizza e Bordeaux e i quarti a Genova, Stoccarda, Tolosa e Berlino arrivando al n. 51 ATP.

Nel 1992 passa 3 turni a Key Biscayne e al Roland Garros, è in semifinale a Bordeaux e Mosca, nei quarti a Basilea mentre a Lione gioca la sua prima finale del circuito maggiore, perdendo da Pete Sampras. Chiude l'anno al 33.

Nel 1993 gioca la sua prima finale in un Masters-series a Montecarlo, battendo tra gli altri Korda ed Edberg e cedendo a Bruguera. Inanella da quel momento una serie impressionante di risultati con grande continuità: semifinale a Monaco, quarti a Rosmalen, Manchester, Wimbledon, Indianapolis e Long Island. Agli Us Open dopo aver dominato il redivivo Mats Wilander, sorprende negli ottavi di finale il n. 1 del mondo Jim Courier, che in quella stagione aveva raggiunta in tutti i precedenti Slam, nei quarti si conferma sul n. 8 Medvedev e in semifinale su Masur. Perde la finale da Pete Sampras, arrivando così ai piedi della top10, al n. 11. Nella stagione indoor raggiunge altre 3 finali, perdendole però tutte, a Tolosa, Bolzano e Lione, ancora da Sampras, che lo ferma anche in semifinale ad Anversa, in due match molto lottati. Non riesce a qualificarsi per il Masters, chiudendo la stagione al n. 10, ma per la Grand Slam Cup, dove perde al primo turno.

Nel 1994 non conferma i risultati della stagione precedente raggiungendo come risultato di rilievo solo la finale a Long Island, perdendo da Kafelnikov. Nel '95, sceso nel frattempo al n. 58, gioca molto bene a Wimbledon, tornando nei quarti di finale dopo aver battuto Courier e Korda e perdendo da Boris Becker per 9-7 al quinto set ma è nel 96 che torna nei piani alti della classifica. Dopo aver perso a Zagabria e a Marsiglia l'ottava e la nona finale consecutiva, spezza l'incantesimo a Copenhaghen dove batte il giocatore di casa Carlsen. Raggiunge la semifinale a Montecarlo, i quarti al Roland Garros e gli ottavi a Wimbledon. Schierato titolare nella finale di Coppa Davis contro la Svezia, batte facilmente Stefan Edberg mentre perde per 9-7 da Thomas Enqvist, trofeo poi vinto dalla Francia.

Nel 1997 raggiunge i quarti di finale a Indian Wells e Barcellona. Sulla terra di Praga centro il secondo successo in carriera battendo Bohdan Ulihrach. Tali risultati non bastono a difendere i punti in scadenza, vedendo Pioline scendere dal 21 al 44. A Wimbledon, senza essere testa di serie, conquista la seconda finale Slam in carriera, eliminando tra gli altri Wayne Ferreira, Greg Rusedski e Michael Stich, al suo ultimo torneo, in 5 set spettacolari. Nulla da fare invece in finale contro Sampras, che si impone 6-4 6-2 6-4. Raggiunge in seguito gli ottavi agli Us Open e i quarti nel Masters-series di Stoccolma, per chiudere in top20 la stagione.

Inizia il 1998 raggiungendo per la prima volta gli ottavi anche agli Australian Open, di gran lunga il suo Slam meno favorito. Continua la buona stagione con la semifinale a San Pietroburgo e le finali a Londra e a Montecarlo, dove batte Guga Kuerten e Alberto Berasategui, in un match rocambolesco. Bene anche a Parigi, dove Corretja lo ferma ai quarti mentre esce al 1t nei due slam successivi. Va in semifinale a Boston e Tashkent e chiude l'anno al n. 18, dopo essere rientrato brevemente in top10 tra il Roland Garros e Wimbledon.

Nel 1999 ottiene la semifinale a Doha e Marsiglia, e gioca molto bene sull'erba con la vittoria a Nottingham e i quarti a Wimbledon, mentre agli Us Open si issa fino alla semifinale, fermato da Todd Martin, dopo aver sconfitto Kuerten. Grazie ai quarti di Bercy, chiude al n. 13 ATP la seconda migliore stagione della carriera.

Parte molto bene nel 2000, dove vince invertendo la tendenza dei primi anni vince altri due tornei: Rotterdam in finale su Henman e il più importante Montecarlo su Hrbaty. Arriva così al best ranking di n. 5, alla soglia dei 31 anni, risultato non consueto in quegli anni. Raggiunge successivamente i quarti ad Amburgo e gli ultimi ottavi slam a Parigi mentre a livello ATP gioca altre 2 semifinali: Vienna 2000 e Marsiglia 2002, ritirandosi al termine dell'anno.

StatisticheModifica

Finali del Grande Slam (2)Modifica

Perse (2)Modifica

Anno Torneo Avversario in finale Punteggio
1993 US Open   Pete Sampras 4–6, 4–6, 3–6
1997 Wimbledon   Pete Sampras 4–6, 2–6, 4–6

Titoli (6)Modifica

Singolare (5)Modifica

Legenda
Grand Slam (0)
Tennis Masters Cup (0)
ATP Masters Series (1)
ATP Tour (4)
Legenda superfici
Cemento (1)
Terra (2)
Erba (1)
Sintetico (1)
Data Torneo Superficie Avversario della finale Risultato
1. 11 marzo, 1996   Copenaghen Open, Copenaghen Sintetico   Kenneth Carlsen 6–2, 7–6(7)
2. 28 aprile, 1997   Praga, Repubblica Ceca Terra rossa   Bohdan Ulihrach 6–2, 5–7, 7–6(4)
3. 14 giugno, 1999   Nottingham Open, Nottingham Erba   Kevin Ullyett 6–3, 7–5
4. 14 febbraio, 2000   ABN AMRO World Tennis Tournament, Rotterdam Cemento   Tim Henman 6–7(3), 6–4, 7–6(4)
5. 17 aprile, 2000   Monte Carlo Open, Monte Carlo Terra rossa   Dominik Hrbatý 6–4, 7–6(3), 7–6(6)

Sconfitte in finale in singolare (12)Modifica

Legenda
Grande Slam (2)
Tennis Masters Cup (0)
Grand Slam Cup (0)
ATP Masters Series (2)
ATP Championship Series (1)
ATP World Series (7)
No. Data Torneo Superficie Avversario in finale Punteggio
1. 26 ottobre, 1992   Grand Prix de Tennis de Lyon, Lione (1) Sintetico   Pete Sampras 6–4, 6–2
2. 26 aprile, 1993   Monte Carlo Open, Monte Carlo (1) Terra rossa   Sergi Bruguera 7–6, 6–0
3. 13 settembre, 1993   U.S. Open, New York Cemento   Pete Sampras 6–4, 6–4, 6–3
4. 11 ottobre, 1993   Grand Prix de Tennis de Toulouse, Tolosa Cemento   Arnaud Boetsch 7–6, 3–6, 6–3
5. 18 ottobre, 1993   ATP Bolzano, Bolzano Sintetico   Jonathan Stark 6–3, 6–2
6. 25 ottobre, 1993   Grand Prix de Tennis de Lyon, Lione (2) Sintetico   Pete Sampras 7–6, 1–6, 7–5
7. 29 agosto, 1994   Waldbaum's Hamlet Cup, Long Island Cemento   Evgenij Kafel'nikov 5–7, 6–1, 6–2
8. 5 febbraio, 1996   Zagabria, Croazia Sintetico   Goran Ivanišević 3–6, 6–3, 6–2
9. 19 febbraio, 1996   Open 13, Marsiglia Cemento   Guy Forget 7–5, 6–4
10. 7 luglio, 1997   Wimbledon, Londra Erba   Pete Sampras 6–4, 6–2, 6–4
11. 2 marzo, 1998   Guardian Direct Cup, Londra Sintetico   Evgenij Kafel'nikov 7–5, 6–4
12. 27 aprile, 1998   Monte Carlo Open, Monte Carlo (2) Terra rossa   Carlos Moyá 6–3, 6–0, 7–5

Doppio (1)Modifica

No. Data Torneo Superficie Compagno Avversari in finale Punteggio
1. 5 luglio, 1993 Gstaad, Svizzera Terra rossa   Marc Rosset   Hendrik Jans Davids
  Piet Norval
6–3 3–6 7–6

NoteModifica

  1. ^ (ES) Sampras tiene todo a su favor, in El Tiempo, 6 luglio 1997. URL consultato il 3 dicembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN191877959 · ISNI (EN0000 0003 5668 8847 · BNF (FRcb167692663 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-191877959