Apri il menu principale
Camerlata
Como, Fontana di Camerlata.jpg
Piazzale Camerlata, con al centro la fontana.
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
ProvinciaComo Como
CittàComo-Stemma.png Como
Circoscrizione3
Codice postale22100
Abitanti5 502 ab.
Patronosanta Brigida d'Irlanda
Giorno festivoprima domenica di febbraio

Coordinate: 45°47′25.59″N 9°05′04.68″E / 45.790442°N 9.084633°E45.790442; 9.084633

Camerlata (Camerlada in dialetto comasco, AFI: [kamerˈla:da]) è un quartiere[1] del comune di Como. Fu un comune autonomo fino al 1884.

Il quartiere possiede una stazione meteorologica ufficiale facente parte della rete Centro Meteo Lombardo.

Indice

Origine del nomeModifica

Il nome della località è probabilmente da collegare all'espressione (in lingua lombarda) cà merlada, cioè "casa dotata di merli". Più difficile, però, è comprendere quale possa essere questa "casa". Spontaneamente si può pensare al castel Baradello, il torrione che sorge sull'ultimo colle della Spina Verde che separa la zona di Camerlata dalla convalle di Como, probabilmente dotato in passato di merli di tipo ghibellino. Altri ipotizzano che questa casa merlata sorgesse nei pressi dell'attuale piazzale Camerlata, forse in corrispondenza del reparto di pneumologia "G.B. Grassi" dell'ex-ospedale Sant'Anna.

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

La fontanaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Fontana di Camerlata.

Nel nodo viario al centro del quartiere, piazzale Camerlata, sorge una fontana monumentale, opera di Cesare Cattaneo e Mario Radice, intorno alla quale si snoda il traffico automobilistico e, un tempo, anche tranviario.

Infrastrutture e trasportiModifica

Nel territorio di Camerlata sono presenti due stazioni ferroviarie:

Nella prima metà del XX secolo Camerlata ospitò un capolinea della rete tranviaria di Como, oltre ai binari delle tranvie Como-Cantù-Asnago e Como-Appiano Gentile-Mozzate.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia