Carlo II Augusto del Palatinato-Zweibrücken

nobile
Carlo II Augusto
KarlIIAugustL1080922 (2).jpg
Ritratto di Carlo II Augusto del Palatinato-Zweibrücken come Generalissimo, di Johann Kaspar Pitz,
1783, Residenza di Monaco di Baviera.
Conte palatino e Duca di Zweibrücken
Stemma
In carica 1775 - 1795
Predecessore Cristiano IV
Successore Massimiliano Giuseppe
Nome completo Karl August Christian
Nascita Düsseldorf, 29 ottobre 1746
Morte Mannheim, 1º aprile 1795
Luogo di sepoltura Chiesa di San Michele, Monaco di Baviera
Casa reale Wittelsbach
Padre Federico Michele di Zweibrücken-Birkenfeld
Madre Maria Francesca di Sulzbach
Consorte Maria Amalia di Sassonia
Figli Carlo Federico Augusto

Carlo II Augusto Cristiano (tedesco: Karl II. August Christian; Düsseldorf, 29 ottobre 1746Mannheim, 1º aprile 1795) fu duca di Zweibrücken dal 1775 al 1795. Era figlio di Federico Michele di Zweibrücken-Birkenfeld e di Maria Francesca di Sulzbach, membro del casato del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld, un ramo del casato di Wittelsbach.

BiografiaModifica

Nacque a Düsseldorf, maggiore dei figli del conte palatino Federico Michele di Zweibrücken-Birkenfeld e di sua moglie, la contessa palatina Maria Francesca di Sulzbach e fu fratello maggiore di Amalia, futura regina di Sassonia, e di Massimiliano, futuro re di Baviera.

Pretendente respintoModifica

Voleva sposare l'arciduchessa Maria Amalia d'Asburgo-Lorena, ottava figlia dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria, ma sebbene fosse ben noto nella corte austriaca, e la giovane fosse innamorata di lui, l'imperatrice lo riteneva di rango insufficiente per sposare una arciduchessa. Maria Teresa d'Austria, inoltre, per rafforzare l'alleanza dell'Austria con il casato di Borbone aveva programmato di dare in moglie una figlia al duca Ferdinando I di Parma, un nipote del re francese Luigi XV e tale proposito era appoggiato dall'imperatore Giuseppe II, essendo il duca fratello minore della sua amata moglie Isabella. Essendo morta un'altra figlia, Maria Giuseppina, la scelta cadde su Maria Amalia, che dovette sposare il duca di Parma nel 1769.[1]

Carlo infine sposò un'altra Maria Amalia, sorella dell'elettore di Sassonia.

Rivendicazioni bavaresiModifica

L'elettore Massimiliano III di Baviera, morì senza figli nel 1778 e il suo erede fu suo cugino Wittelsbach, Carlo Teodoro di Baviera, il quale tuttavia non aveva figli legittimi che avrebbero potuto succedergli nei suoi possedimenti congiunti in Baviera e Palatinato. Carlo II Augusto era l'erede dei territori Wittelsbach del ducato di Zweibrucken (suo proprio), dei ducati di Neuburg, Sulzbach, Julich, Berg e degli elettorati del Palatinato e della Baviera (trattato di Westfalia del 1648). Carlo Teodoro preferiva il Palatinato e tentò di scambiare parti dell'eredità bavarese con l'imperatore Giuseppe in cambio di parti dei Paesi Bassi austriaci.[2] Carlo Augusto, erede presuntivo per la Baviera, si era opposto fortemente a questo progetto, con il sostegno di Federico II di Prussia e dell'elettorato di Sassonia e anche del ministro degli esteri francese Vergennes, nonostante l'alleanza formale della Francia con la corte di Vienna.

La guerra di successione bavarese fu risolta senza combattimenti prolungati; Carlo Teodoro successe in tutta la Baviera, tranne per il distretto est del fiume Inn, noto come il Innviertel, che andò all'Austria con la pace di Teschen (maggio 1779). Un secondo tentativo di effettuare lo scambio nel 1784, fu nuovamente osteggiato da Carlo Augusto, sempre con il supporto prussiano, e fallì nuovamente.

Carlo Augusto morì senza figli maschi prima di Carlo Teodoro, ma la Baviera andò infine a suo fratello, Massimiliano Giuseppe.[3]

MatrimonioModifica

A Dresda nel 1774, Carlo Augusto sposo Maria Amalia di Sassonia, figlia dell'elettore Federico Cristiano di Sassonia. Ebbero un solo figlio maschio che morì nell'infanzia. Alla sua morte il titolo di duca di Zweibrücken fu ereditato dal fratello Massimiliano Giuseppe.

Carlo Augusto fu il principale proprietario del famoso castello di Karlsberg. Morì a Mannheim nel 1795 mentre i francesi invadevano i suoi territori.

DiscendenzaModifica

Carlo II Augusto e Maria Amalia ebbero un figlio:

  • Carlo Federico Augusto (1776 - 1784), principe ereditario del Palatinato-Zweibrücken.

OnorificenzeModifica

  Cavaliere dell'Ordine di Sant'Uberto (Baviera)
  Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del leone del Palatinato

AscendenzaModifica

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Cristiano II del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld Cristiano I del Palatinato-Birkenfeld-Bischweiler  
 
Maddalena Caterina del Palatinato-Zweibrücken  
Cristiano III del Palatinato-Zweibrücken  
Caterina Agata di Rappoltstein Giovanni Giacomo di Rappoltstein  
 
Anna Claudia di Salm-Kyrburg  
Federico Michele di Zweibrücken-Birkenfeld  
Luigi Crato di Nassau-Saarbrücken Gustavo Adolfo di Nassau-Saarbrücken  
 
Eleonora Clara di Hohenlohe-Neuenstein  
Carolina di Nassau-Saarbrücken  
Filippina Enrichetta di Hohenlohe-Langenburg Enrico Federico di Hohenlohe-Langenburg  
 
Giuliana Dorotea di Castell-Remlingen  
Carlo II Augusto del Palatinato-Zweibrücken  
Teodoro Eustachio del Palatinato-Sulzbach Cristiano Augusto del Palatinato-Sulzbach  
 
Amalia di Nassau-Siegen  
Giuseppe Carlo del Palatinato-Sulzbach  
Maria Eleonora d'Assia-Rotenburg Guglielmo d'Assia-Rotenburg  
 
Maria Anna di Löwenstein-Wertheim-Rochefort  
Maria Francesca di Sulzbach  
Carlo III Filippo del Palatinato Filippo Guglielmo del Palatinato  
 
Elisabetta Amalia d'Assia-Darmstadt  
Elisabetta Augusta Sofia del Palatinato-Neuburg  
Ludwika Karolina Radziwiłł Bogusław Radziwiłł  
 
Anna Maria Radziwiłł  
 

NoteModifica

  1. ^ Julia P. Gelardi. In Triumph's Wake: Royal Mothers, Tragic Daughters, and the Price They Paid. New York: St. Martin's Press, 2008, ISBN 978-0-312-37105-0, p. 183.
  2. ^ Paul Bernard. Joseph II and Bavaria: Two Eighteenth Century Attempts at German Unification. Hague: Martin Nijoff, 1965.
  3. ^ Berenger, pp. 96–97.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN22941256 · ISNI (EN0000 0000 1355 3692 · GND (DE118968173 · CERL cnp00993987 · WorldCat Identities (ENviaf-22941256