Apri il menu principale

Castiglioncello

frazione del comune italiano di Rosignano Marittimo
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'unica frazione di Sarteano in provincia di Siena, vedi Castiglioncello del Trinoro.
Castiglioncello
frazione
Castiglioncello – Veduta
Veduta del paese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Livorno-Stemma.png Livorno
ComuneRosignano Marittimo-Stemma.png Rosignano Marittimo
Territorio
Coordinate43°24′19.37″N 10°24′36.08″E / 43.405381°N 10.410023°E43.405381; 10.410023 (Castiglioncello)Coordinate: 43°24′19.37″N 10°24′36.08″E / 43.405381°N 10.410023°E43.405381; 10.410023 (Castiglioncello)
Altitudine23 m s.l.m.
Abitanti3 800[1]
Altre informazioni
Cod. postale57016
Prefisso0586
Fuso orarioUTC+1
Nome abitanticastiglioncellesi
Patronosant'Andrea Apostolo
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castiglioncello
Castiglioncello
Sito istituzionale

«Risiede sulla punta di un piccolo promontorio che costituisce l'ultimo sperone meridionale dei Monti Livornesi, in una tale posizione che l'occhio domina tutto il litorale, da Montenero di Livorno sino al promontoro Argentaro

(Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana, Emanuele Repetti, 1841)

Castiglioncello (già Castiglione Mondiglio[2]) è una frazione di 3 800 abitanti del comune di Rosignano Marittimo, in provincia di Livorno.

Situata in una posizione privilegiata dal punto di vista panoramico, lontana dalle grandi vie di comunicazione, è rimasta fino all'epoca moderna sconosciuta e incontaminata, con le sue pinete e le scogliere a ridosso del mar Ligure.[3]

Castiglioncello è divenuta celebre negli anni sessanta dello scorso secolo come meta di vacanza di importanti esponenti del mondo del cinema, come Alberto Sordi e Marcello Mastroianni. Ospitò in tale periodo anche il set del noto film di Dino Risi Il sorpasso, con Vittorio Gassman e Jean-Louis Trintignant.

Indice

StoriaModifica

Villaggio di poveri pescatori ai margini estremi dell'Etruria, segue le sorti di Volterra. Di questo periodo, della potenza etrusca, rimane una testimonianza nell'urna cineraria in alabastro, risalente al II secolo a.C., ritrovata proprio nella necropoli di Castiglioncello.

Già avamposto dei Medici, che qui nel XVII secolo fecero costruire una torre d'avvistamento sul promontorio, è una famosa località balneare fin dalla metà dell'Ottocento; inoltre tra le sue riparate cale e la folta macchia mediterranea trovò sviluppo la corrente pittorica dei Macchiaioli, che si espresse attraverso le opere di Giovanni Fattori, Odoardo Borrani, Silvestro Lega, Telemaco Signorini, Giuseppe Abbati e molti altri, che solevano villeggiare in Castiglioncello, spesso ospiti del mecenate Diego Martelli, e i cui dipinti spesso ritraggono l'abitato e le colline limitrofe.

Sul finire dell'Ottocento venne costruito dal barone Fausto Lazzaro Patrone il Castello Pasquini, il cui stile neomedievale ha poi influenzato l'architettura della vicina stazione ferroviaria, inaugurata nel 1910 assieme al tratto di ferrovia Vada-Livorno che migliorò il percorso sulla linea Genova-Roma. Il barone edificò il castello sui terreni appartenuti a Diego Martelli acquistati contestualmente a tutti i suoi beni, con il preciso intento di creare il fulcro di uno dei primi centri balneari di fine Ottocento. Realizzò anche i primi "bagni" in forma di vero e proprio stabilimento balneare completi di ogni comfort, inseguendo il sogno di trasformare il piccolo centro di Castiglioncello in rinomata località balneare.[4]

La fortuna turistica di Castiglioncello ebbe inizio nella seconda metà dell'Ottocento, quando colpito dalla mitezza del clima e la bellezza del paesaggio, Diego Martelli, critico d'arte e mecenate, vi stabilì la sua residenza. Qui invitò in maniera continuativa fino alla fine del secolo, quasi tutti i pittori, divenuti poi famosi, del gruppo dei macchiaioli dando origine ad un periodo artistico celebre come la Scuola di Castiglioncello.

Meta ambita da sempre da personaggi illustri del mondo dell'arte, della cultura e dello spettacolo è oggi una delle più rinomate località turistiche, conosciuta in Italia e all'estero per le bellezze del paesaggio, per la qualità e raffinatezza dei servizi che essa offre e per le iniziative culturali ed associative di alto valore che promuove. Dal 1992 Castiglioncello ha ottenuto più volte l'attribuzione della Bandiera Blu da parte della FEE, acronimo di Foundation for Environmental Education.[5]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Architetture religioseModifica

Architetture civiliModifica

Architetture militariModifica

Aree naturaliModifica

CulturaModifica

MuseiModifica

EventiModifica

  • Inequilibrio Festival - Festival di Castiglioncello (Periodo estivo) che prevede manifestazioni di danza di alto livello nazionale ed internazionale, nuove produzioni di danza contemporanea, sperimentazioni oltre che il grande evento estivo (agosto) con la coreografia di Micha Wan Hoche ed il suo ensemble.
  • Premio letterario Castiglioncello-Costa degli Etruschi con sezione letteraria (settembre) e sezione filosofica (febbraio).
  • Parlare di Cinema a Castiglioncello rassegna diretta da Paolo Mereghetti per offrire agli appassionati la possibilità di incontrare chi fa il cinema concretamente.

Altre immaginiModifica

NoteModifica

  1. ^ In mancanza di dati ufficiali precisi si fa riferimento ai censimenti parrocchiali reperibili sul sito della CEI.
  2. ^ E. Repetti, Dizionario Geografico Fisico Storico della Toscana.
  3. ^ I confini del Mar Ligure su www.touringclub.it Archiviato il 31 maggio 2015 in Wikiwix.
  4. ^ Giampiero Celati, Leo Gattini, Quando la luna sorrise al lampionaio, Giardini, p. 21,22.
  5. ^ www.comune.rosignano.livorno.it[collegamento interrotto]
  6. ^ Cultura Italia, un patrimonio da esplorare, su www.culturaitalia.it. URL consultato il 22 settembre 2016.
  7. ^ Notizie sul museo Archiviato il 6 agosto 2013 in Internet Archive.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN158381036 · LCCN (ENn88120503 · WorldCat Identities (ENn88-120503