Apri il menu principale

Ferrovia Circumflegrea

linea ferroviaria italiana
(Reindirizzamento da Circumflegrea)
Ferrovia Circumflegrea
Mappa ferrovia Circumflegrea.png
InizioNapoli
FineTorregaveta
Stati attraversatiItalia Italia
Lunghezza27,042 km
Aperturadal 1962 al 1986
GestoreEnte Autonomo Volturno
Precedenti gestoriSEPSA
Scartamento1435 mm
Elettrificazione3000 V cc
Ferrovie

La ferrovia Circumflegrea collega il centro di Napoli con l'area nord-occidentale della città, le località flegree Licola e Cuma, nel comune di Pozzuoli, e il comune di Quarto.

La linea, di proprietà della Regione Campania, è affidata all'Ente Autonomo Volturno (EAV) che vi opera in qualità sia di gestore dell'infrastruttura sia di impresa ferroviaria.

I capolinea di Montesanto e Torregaveta sono in comune con la ferrovia Cumana.

La Circumflegrea si snoda per 27 km e 15 stazioni. Partendo da Montesanto raggiunge Torregaveta, ma seguendo un percorso più lungo rispetto alla ferrovia Cumana, attraversando i quartieri occidentali di Napoli (Soccavo e Pianura) e le località di Quarto e di Licola.

Indice

StoriaModifica

Negli anni cinquanta la SEPSA, società che aveva in gestione la ferrovia Cumana, curò i lavori di costruzione della ferrovia Circumflegrea, rendendo possibile il collegamento tra Napoli e Torregaveta attraversando l'entroterra flegreo.

Nel 1962 fu aperto all'esercizio il primo tratto. L'opera venne conclusa l'11 gennaio 1986, con l'attivazione della tratta da Marina di Licola a Torregaveta[1].

Nel 1987 è stata inaugurata la nuova officina di Quarto presso la quale vengono effettuate le operazioni di manutenzione programmata e correttiva dei rotabili ferroviari. In contemporanea alla nuova officina viene inaugurata la stazione di Quarto Officina. Nel 1999 è stato consegnato il nuovo deposito per elettrotreni situato a Quarto e costruito su un'area di 120 000 m² che potrà fungere anche da moderna officina avente un capannone di oltre 5 000 m² che ospita sei binari per la manutenzione dei rotabili; inoltre è stata completata la seconda canna di galleria che collega le stazioni di Montesanto e Piave, mentre quella precedentemente utilizzata è da allora in fase di ristrutturazione.

Nel corso del 2005 si è dato inizio ai lavori di rifacimento della stazione terminale di Montesanto, capolinea delle due linee ferroviarie esercite da SEPSA e della funicolare di Montesanto, nonché vicina alla fermata della linea 2 della metropolitana. I lavori sono stati terminati ufficialmente nel maggio 2008.

Materiale RotabileModifica

Al 2019 il parco rotabili della ferrovia Circumflegrea (nonché della Ferrovia Cumana) risulta così composto:

  • 10 ET 100 ex SEPSA. Costruiti da Aerfer/Ocren nel periodo 1958/60. Alimentazione a 3.000 V c.c. Scartamento ordinario.
  • 14 ET 400 ex SEPSA. Consegnati da Firema tra il 1991 e il 1998 su progetto Firema E 82 e sottoposti a revamping tra il 2013 e il 2017. Alimentazione a 3.000 V c.c. Scartamento ordinario.
  • 4 ET 500 EAV. Consegnati da TFA nel 2017. Alimentazione a 3.000 V c.c. Scartamento ordinario.

Raddoppio della lineaModifica

Nel 1975, come per la linea Cumana, anche per la Circumflegrea si è reso indispensabile programmare il raddoppio della linea a causa della crescente domanda di trasporto.

Del progetto complessivo è stata ultimata una parte, precisamente il raddoppio parziale delle tratte Montesanto - Pianura (per complessivi km 7,460) e Pisani - Quarto (km 2,620).

È in funzione un unico binario per la stazione di Piave, ed i lavori di costruzione del secondo binario (la cui parte interessata è stata momentaneamente chiusa) sono al momento fermi. Provvisoriamente, i rotabili in transito attendono il rotabile proveniente dalla direzione opposta nella galleria tra le stazioni di Montesanto, Piave e Soccavo.

Sono in corso i lavori per il raddoppio dei binari tra le stazioni di Pisani e Quarto[2].

ProgettiModifica

Nel 2012 è stata approvata la costruzione di una diramazione da Licola a Giugliano in Campania, presso la base NATO di Lago Patria[3]. Era, inoltre, stata progettata una stazione denominata "Giugliano Sud" tra quelle di Licola e Grotta del Sole[4].

Da tempo si discute anche della realizzazione di una fermata posta in Via Montagna Spaccata denominata "Torre Poerio"

ServizioModifica

La linea è percorsa da un treno ogni 20 minuti sulla tratta Montesanto-Licola, mentre la tratta Licola-Torregaveta è temporaneamente sospesa a causa della scarsa affluenza viaggiatori. Sono presenti alcune corse in occasioni particolari, come l'apertura dell'area archeologica di Cuma, o durante il periodo estivo. Collegamenti straordinari per Cuma

PercorsoModifica

Stazioni e fermate
 
Montesanto
     
Ferrovia Cumana
 
Piave
 
Soccavo
 
linea 7 (in costruzione)
 
Traiano
 
 
La Trencia
 
 
Pianura fine doppio binario
 
 
Pisani inizio doppio binario
 
 
 
Quarto Centro
 
Quarto fine doppio binario
 
     
officine
 
Quarto Officina
     
passante ferroviario di Napoli
 
 
 
Grotta del Sole
 
Licola
 
Marina di Licola
 
Cuma
 
Lido Fusaro
     
ferrovia Cumana
 
Torregaveta
 
Tunnel della stazione di Montesanto. In quello di sinistra passa la ferrovia Cumana, in quello di destra la Circumflegrea.

NoteModifica

  1. ^ "Notizia flash" su "I Treni" n. 58 (febbraio 1986), p. 6
  2. ^ http://www.lucacascone.it/quarto-raddoppio-circumflegrea/
  3. ^ "Notizia flash" su "I Treni" n. 346 (marzo 2012), pp. 8-9
  4. ^ Stazioni Quarto Grotta Sole Giugliano Sud Cuma Circumflegrea ferrovia sepsa, su b5srl.eu.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti