Derby italiano di trotto

Il Derby italiano di trotto è una corsa ippica dedicata ai trottatori di tre anni di età, maschi e femmine, allevati in Italia. È la vetrina più prestigiosa per i giovani cavalli del trotto italiano.

Si è disputato a Roma all’Ippodromo di Villa Glori dalla sua istituzione, nel 1926, fino al 1959; poi, dal 1960 al 2012, si è corso, sempre a Roma, all'Ippodromo di Tor di Valle, fino alla chiusura di questo.

Dopo l'edizione 2013 disputata all'Ippodromo di Agnano, dal 2014 è stato trasferito, ancora a Roma, all’Ippodromo delle Capannelle. Nuovamente spostato ad Agnano nel 2018 e nel 2019 per lavori di adeguamento alle Capannelle, ha fatto finalmente ritorno a tale ultimo impianto per l’edizione 2020.

Il record della corsa appartiene a Unicka (edizione 2016) con il tempo di 1.12.2 (guidatore: Pietro Gubellini), record poi uguagliato nel 2018 da Zlatan (guidatore: Giampaolo Minnucci).

Il nomeModifica

Il nome della corsa richiama una competizione per cavalli da galoppo di tre anni di età organizzata per la prima volta nel 1780 da un gruppo di nobili inglesi appassionati di ippica ed intitolata al proprietario della tenuta che aveva ospitato l’evento[1], Edward Smith-Stanley, XII conte di Derby (1752-1834).

Il Derby inglese si disputa annualmente all’Ippodromo di Epsom, a circa 6 km dal luogo originario delle prime edizioni della corsa e a circa 30 km dal centro di Londra. Dal 1780 non ne è stata mai saltata un’edizione, anche se negli anni dal 1915 al 1918 e dal 1940 al 1945, dati gli eventi bellici, la corsa fu spostata a Newmarket, nel Suffolk, a circa 100 km a Nord di Londra.

Il Derby è tutt’oggi considerato uno dei grandi eventi sportivi britannici e ha un ampio seguito di pubblico, sia in presenza che a livello mediatico, specie in televisione.

Il termine "Derby" è stato adottato nel tempo per denominare numerose grandi corse ippiche in tutto il mondo, sia di galoppo che di trotto, per sottolinearne il carattere di appuntamento cruciale nel calendario degli eventi sportivi del circuito. In particolare, si possono ricordare, oltre al Derby italiano di galoppo e al Derby italiano di trotto: il Derby svedese di trotto (Svenskt Travderby), disputato annualmente all’ippodromo Jägersro di Malmö, riservato ai quattro anni; il Derby neozelandese di trotto (New Zealand Derby), disputato annualmente all’ippodromo The Met di Addington e riservato ai tre anni; il Dayton Pacing, Distaff & Trotting Derby (tre corse, disputate annualmente in un'unica riunione, riservate ai cavalli dai quattro anni in su, rispettivamente ambiatori, ambiatrici e trottatori, che hanno luogo a Dayton, nell’Ohio, Stati Uniti); il Kentucky Derby (galoppo) che ha luogo, sempre con cadenza annuale, all'ippodromo Churchill Downs di Louisville (Kentucky, Stati Uniti).

Con la stessa valenza, volta a enfatizzare l’importanza di un evento sportivo periodico accostandolo al prototipo londinese, l’appellativo “Derby” è da tempo di uso comune, in Italia come in molti altri Paesi (ad esempio, in Gran Bretagna e in Spagna) per indicare le sfide fra due squadre, di calcio o di altri sport, della stessa città.

La storia della corsaModifica

Le originiModifica

In Italia ad avvalersi per primo della denominazione “britannica” fu il settore del galoppo, che promosse nel 1884 il primo Derby destinato ai galoppatori di tre anni, che fu disputato all’Ippodromo delle Capannelle. Da allora la corsa è stata disputata annualmente, senza mai essere sospesa, neanche in periodo bellico.

Dovettero passare 42 anni perché analoga iniziativa venisse assunta anche per il settore del trotto: la prima edizione del “Derby Reale del Trotto” si ebbe infatti nel 1926, e fu disputata all’ippodromo romano di Villa Glori, sulla distanza dei 2000 metri e con una dotazione di 100.000 lire. Vinse un puledro di nome Malacoda con il tempo di 1.29.2 in pista da 800 metri.

Dal 1928 al 1932 la distanza venne portata a 2100 metri, e la corsa condusse alla ribalta i più famosi cavalli da trotto e driver dell’epoca. In termini cronometrici, le prestazioni di quegli anni non sono ovviamente paragonabili con quelle attuali, che riflettono il progressivo affinamento delle tecniche di allevamento e di allenamento dei cavalli: il miglior ragguaglio fu infatti quello ottenuto da Palla che vinse il Derby del 1927 in 1.26.

Negli anni ’30 il Derby cambiò ancora distanza e denominazione: i metri diventarono prima 2400 e poi 2500 e la corsa prese il nome di “Gran Premio del Re e Imperatore”.

Mentre i proprietari italiani si mettevano in luce in campo internazionale grazie ai successi degli importati Muscletone, Hazleton, De Sota, Prince Hall e Tara, anche il settore dell’allevamento conseguì notevoli progressi. Nel 1935 infatti, Aulo Gellio, guidato e allenato da Dino Fabbrucci, vinse il Derby alla media di 1.23.4 sui 2400 metri, prestazione che all’epoca destò notevole impressione, e resistette per ben 17 anni, sino all’affermazione di Dakota in 1.23.2 sui 2500 metri del Derby 1952.

Gli anni della guerra sconvolsero inevitabilmente anche la programmazione del Derby: l’ultima edizione tenuta a Roma fu vinta nel 1943 dal celebre Mistero, guidato da Ugo Bottoni, poi la corsa fu spostata a Milano, dove fu disputata nel 1944 e nel 1945 con il nome di “Gran Premio Allevamento”, e infine a Napoli, nel 1946, anno in cui ritrovò il nome di Derby.

Nel 1947, finalmente, il Nastro Azzurro tornò a Roma nella sua sede naturale e ritrovò la sua tradizionale collocazione della serata del 29 Giugno, festa dei santi Pietro e Paolo, patroni della città.[2]

Gli anni ’50 segnarono il primo avvio dato con l’autostart (1952) e conclusero l’epoca di Villa Glori, poiché l’ippodromo fu demolito per fare posto al nuovo Villaggio Olimpico.

Da Villa Glori a Tor di Valle (1960)Modifica

Nel 1960 la corsa si trasferisce sulla nuovissima pista da 1000 metri di Tor di Valle, all’interno di un impianto ampio e moderno costruito in prossimità dell’abitato di Roma in un’ansa del fiume Tevere a mezza via fra l’EUR (quartiere alla periferia Sud di Roma) e il litorale. Si corre sui 2100 metri, che diventeranno l’attuale distanza della corsa, con un intermezzo, dal 1968 al 1974, nel quale questa fu portata ai 2600 metri.

L’impianto di Tor di Valle fu il teatro della prima grande affermazione di Varenne, che vincendo inaspettatamente il Derby del 1998 vi ebbe la prima consacrazione in una carriera straordinaria che lo porterà ad essere considerato il più forte cavallo della storia del trotto mondiale.

Il nuovo approdo all’Ippodromo delle Capannelle (2014)Modifica

Nel 2013, dopo 52 edizioni consecutive disputate all’Ippodromo di Tor di Valle, si apre una complicata fase di transizione, che vede disputare il Derby all’Ippodromo di Agnano (2013), poi a quello delle Capannelle (2014, 2015, 2016[3] e 2017), nuovamente ad Agnano (2018 e 2019), e infine, dopo ulteriori lavori di adeguamento, ancora alle Capannelle (2020).

Albo d'oroModifica

Anno Cavallo vincitore Nazionalità cavallo vincitore Tempo Distanza Padre cavallo vincitore Driver cavallo vincitore Cavallo arrivato secondo Cavallo arrivato terzo Cavallo arrivato quarto
2022
2021
2020 BLEFF DIPA   1.13.5 2100 MISTER J.P.   ROBERTO VECCHIONE BLACKFLASH BAR BEPI BI BUBBLE EFFE
2019 ALRAJAH ONE   1.12.6 2100 MAHARAJAH   ENRICO BELLEI AMON YOU SM ANTONY LEONE ARAMIS BAR
2018 ZLATAN   1.12.2 2100 NAPOLEON BAR   GIAMPAOLO MINNUCCI ZE MARIA ZABUL FI ZEFIR GAR
2017 VALCHIRIA OP   1.14.8 2100 IDEALE LUIS   ROBERTO ANDREGHETTI VERTIGO SPIN VILLA SANTINA JET VESSILLO AS
2016 UNICKA   1.12.2 2100 LOVE YOU   PIETRO GUBELLINI USQUE DL UMA FRANCIS URLO DEI VENTI
2015 TESTIMONIAL OK   1.12.8 2100 VARENNE   ENRICO BELLEI TESORO DEGLI DEI TROJA D'ASOLO TOBIN KRONOS
2014 SUGAR REY   1.13.4 2100 LOOK THE STAR   GIAMPAOLO MINNUCCI SANSONE BAR SCEICCO SANTIAGO D'ETE
2013 ROBERT BI   1.12.7 2100 TOSS OUT   ROBIN BAKKER ROD STEWART ROYAL BLESSED ROSSELLA ROSS
2012 PASCIÀ LEST   1.13.6 2100 VARENNE   ENRICO BELLEI PROBO OP PITAGORA BI PONTIAC TURBO
2011 OLONA OK   1.13.8 2100 VARENNE   VINCENZO PISCUOGLIO DELL'ANNUNZIATA JR. OCCHIONE JET ODINO JET OLIVER UR
2010 NADIR KRONOS   1.14.3 2100 VARENNE   ANDREA GUZZINATI NESTA EFFE NORTON ANS NEPHENTA LUX
2009 MACHO GAMS   1.13.5 2100 LEMON DRA   VINCENZO PISCUOGLIO DELL'ANNUNZIATA JR. MERCKX OK MONDIALE OK MIND WISE AS
2008 LANA DEL RIO   1.13.4 2100 VARENNE   SANTO MOLLO LIGHT KRONOS LIBECCIO GRIF LISA AMERICA
2007 INFINITIF   1.15.0 2100 PINE CHIP   PIETRO GUBELLINI IMPETO GRIF IGOR FONT ILARIA JET
2006 GLEN KRONOS   1.13.0 2100 ENJOY LAVEC   ROBERTO ANDREGHETTI GOING KRONOS GIUSEPPE BI GIULIA GRIF
2005 FAIRBANK GI   1.13.0 2100 LEMON DRA   GIUSEPPE MAISTO FLECHE FOR KELLY PARK FLEMONE DEI
2004 ECHÒ DEI VELTRI   1.14.7 2100 WAIKIKI BEACH   ENRICO BELLEI ELDGRADO BI EQUINOX BI EVERY DAY FEDS
2003 DAGUET RAPIDE   1.15.2 2100 PINE CHIP   PIETRO GUBELLINI DEDALO ZAC DAURADE DORIA AS
2002 CONCORD JET   1.15.4 2100 SUPERGILL   ROBERTO ANDREGHETTI CHEROKEE CHIEF CANDID EFFE CROWN LG
2001 BLUAM LB   1.14.6 2100 DIAMOND WAY   PIETRO GUBELLINI BOSS DI JESOLO BRANDY DEI FIORI BORDEAUX AS
2000 AVRIL   1.14.9 2100 DIAMOND WAY   PIETRO GUBELLINI AIR FORCE BLUE ALMAHURST OM ANTARES ROB
1999 ZAMBESI BI   1.14.7 2100 CROWN'S INVITATION   MAURO BIASUZZI ZAMIA FC ZANETTIN ZAMBESI FLASH
1998 VARENNE   1.13.9 2100 WAIKIKI BEACH   GIAMPAOLO MINNUCCI VIGLIANO PRINCE VIDAR VIKING KRONOS
1997 URONOMETRO   1.15.8 2100 LEMON DRA   ENRICO BELLEI UXER LB UWENY UNIFORZ
1996 TINAK MO   1.15.1 2100 DICKS BELL   BIAGIO LO VERDE TOP THE GAN TOME DE SOUSA TOPKAPI AS
1995 SEC MO   1.15.1 2100 EBSERO MO   GLAUCO CICOGNANI SOFOCLE EGRAL SCORFANO SANTIAGO KING
1994 RE DEI JET   1.16.0 2100 SHARIF DI JESOLO   CARLO BOTTONI RICETTATORE RINGMASTER BI RAPID EFFE
1993 PROFUMO OM   1.16.5 2100 SUPER BOWL   VITTORIO GUZZINATI PENELOPE DEI PECOS BI PIGMEO MO
1992 OFFEN LB   1.16.6 2100 TORWAY   HÅKAN WALLNER ORANGE JUICE ORNEUS
1991 NEVAIO   1.16.0 2100 CHAMBON P   MARCO SMORGON NOBODY BI NETTARE DEI
1990 MINT DI JESOLO   1.15.5 2100 GATOR BOWL   ANTONIO LUONGO MOL DEGLI DEI MADRIGALE
1989 LANCASTER OM   1.15.7 2100 SHARIF DI JESOLO   LORENZO BALDI LAVINA LARSEN PER
1988 INDRO PARK   1.16.4 2100 SHARIF DI JESOLO   LORENZO BALDI INFLATED ISI PL
1987 GITANA D'ASOLO   1.17.6 2100 UDET HANOVER   MARIO RIVARA GIL DEL LUPO AWHARI
1986 FEYSTONGAL   1.17.4 2100 KEYSTONE SPARTAN   ANTONIO LUONGO FENECH OM FLAMINGO OM FINGENT BI
1985 ERCOLE AC   1.16.8 2100 TOP HANOVER   MARCELLO MAZZARINI ETERE D'ASOLO EUDEMO ERIL BS
1984 DAI PRA   1.17.7 2100 QUALTO   VITTORIO GUZZINATI DAMONE DROSCIE
1983 CHERIE   1.16.8 2100 MARENGO HANOVER   MARCELLO MAZZARINI CROMYKO CROOL DEL PINO
1982 BELMEZ   1.17.7 2100 SHORT STOP   GIUSEPPE GUZZINATI BANGIE BI BERTUZ
1981 ARGO VE   1.17.4 2100 SHARIF DI JESOLO   SIVIERO MILANI ABACO ANSALDO RED
1980 GOLDEN TOP   1.19.4 2100 TOP HANOVER   MARCELLO MAZZARINI FREGOLI GHENDERO'
1979 GENTILE   1.18.0 2100 SOME FIRE   GIUSEPPE ROSSI GENTILHOMBRE DIVIDEND
1978 ATMOS   1.18.5 2100 QUALTO   VITTORIO GUZZINATI FURGMAN ARCOS DEL RONCO
1977 ESKIPAZAR   1.18.6 2100 SPIN SPEED   EDOARDO GUBELLINI MALTASAR BUBY
1976 DAILER   1.19.6 2100 SAILER   GIUSEPPE ROSSI NAUCIDE ATOLLO
1975 MARIBON   1.18.9 2100 NIKE HANOVER   CATELLO SAVARESE SCELLINO BASILE
1974 APRILE   1.19.1 2600 STENO   NELLO BELLEI DANZICA CODERO
1973 UNNO   1.20.5 2600 MIDLAND HANOVER   FRANCO ALBONETTI MEDOC ZIGONI
1972 SHARIF DI JESOLO   1.20.4 2600 QUICK SONG   GIUSEPPE ROSSI PATROCLO SEM
1971 FREDDY   1.20.5 2600 SAFE MISSION   SERGIO BRIGHENTI DALIA TOP HANOVER
1970 TEDO   1.20.5 2600 HIT SONG   WILLIAM CASOLI AKOBO CAROSIO
1969 ACERO   1.21.5 2600 ORIOLO   SIVIERO MILANI VATSON QUASSARAN
1968 ATINA   1.20.6 2600 QUICK SONG   FRANCO ALBONETTI RIVASCO ALESSIO
1967 BRUNICO   1.20.6 2100 FRA DIAVOLO   SERGIO BRIGHENTI SCOPERTO QUENONE
1966 MIKORI DI JESOLO   1.19.1 2100 HICHORY FIRE   WALTER BARONCINI HONOS SEGUGIO
1965 URANIO   1.20.8 2100 SILVER WAY   VITTORIO GUZZINATI MARYPORT ORONTO
1964 NAVAZZO   1.20.2 2100 DOCTOR SPENCER   WILLIAM CASOLI QUENTIN BASTA
1963 STENO   1.20.4 2100 ORIOLO   NELLO BELLEI QUALTO GEBRASCO
1962 LIRI   1.21.7 2100 DOCTOR SPENCER   WILLIAM CASOLI TITAN STEFANO
1961 IRUNDA   1.20.2 2100 MIGHTY NED   GIANFRANCO BONGIOVANNI OHM VIBO
1960 GUALDO   1.20.4 2100 MIGHTY NED   WILLIAM CASOLI GUIGLIA GRIFONE
1959 GIUSTO   1.22.6 2100 THEME SONG   EROS MARTELLI LAMPANTE RIGEL
1958 NIEVO   1.22.1 2500 PHARAON   UGO BOTTONI LORD MAJOR SICILIANA
1957 SEDUTTORE   1.21.3 2500 MCLIN HANOVER   VIVALDO BALDI DIONE OCCAGNO
1956 CAPRICCIO   1.22.4 2500 DANAO   ALFREDO CICOGNANI DUART RICCIUTA
1955 DONATELLO   1.22.6 2500 MISTERO   UGO BOTTONI BORGOGNA BATTIFIACCA
1954 FIAMES   1.21.5 2500 CONDOTTIERO   WILLIAM CASOLI LINCO BORDO
1953 NELUMBO   1.23.3 2500 DOCTOR SPENCER   RENO MISERONI ZIMA NANKINO
1952 DAKOTA   1.23.2 2500 DE SOTA   ALEXANDRE FINN GUFO VALENZANO
1951 UNICO   1.25.1 2500 IDOLO   VINCENZO ANTONELLINI LANFRANCO GALLODORO
1950 ALTISSIMO   1.24.4 2500 SCHNAPPS   SERGIO BRIGHENTI TICINO TEMPRA
1949 MANDORLO   1.27.9 2500 MISTERO   UGO BOTTONI SELVATICO TIP TOP
1948 RIALTI   1.26.9 2500 MCLIN HANOVER   NELLO BRANCHINI TARO TUDOR
1947 EGI   1.17.9 2500 SCHNAPPS   CLAUDIO MENARINI CAPRESE EMILIUCCIA
1946 JONIA   1.28.3 2500 PRINCE JOHN   ROMOLO OSSANI FAVONIO GIAUR DEL BRIVIO
1945 NON DISPUTATO
1944 NON DISPUTATO
1943 MISTERO   1.24.9 2500 PRINCE HALL   UGO BOTTONI MARCONI DARDANO
1942 LORETO   1.24.9 2500 THE LAUREL HALL   PAOLO ORSI MANGELLI LANDOLFO TREBBIOLO
1941 IMPAVIDO   1.23.7 2500 AUGIAS   ALEXANDRE FINN INVERNO FORNARINA
1940 LEPANTO   1.25.2 2500 HOMER   GIULIO FABBRUCCI GHERSA DANAO
1939 FLORIDORO   1.24.7 2500 THE LAUREL HALL   ORSINO ORSI MANGELLI FILIBUSTIERE FUOCO
1938 CAPRONI   1.26.2 2500 ULDER   CARLO CACCIARI DECURIO AULO ESPERO
1937 DAMA   1.26.4 2500 AUGIAS   FAUSTO BRANCHINI ARRIO LEONCAVALLO
1936 SABAUDO   1.26.3 2400 CLYDE THE GREAT   CARLO CACCIARI NAPOLEONE CRISPI
1935 AULO GELLIO   1.23.4 2400 DAVID GUY   DINO FABBRUCCI JAGO CLYDE APOLLO AUGURE
1934 LORD QUINTO R   1.27.7 2400 LORD ELLERSLIE   GIULIO FABBRUCCI ANTONIANA AYACK
1933 MAGDA   1.28.3 2400 PETER FELLOWS   GIOVANNI D’ERRICO ILDA THE GREAT AMBROSIANA
1932 MARIO FELLOWS   1.28.1 2100 PETER FELLOWS   ALEXANDRE FINN COSACCO LOREDAN WORTH
1931 ETRUSCO   1.27.0 2100 CLYDE THE GREAT   CARLO CACCIARI MILIARDO PETRARCA
1930 PETER BELL   1.29.0 2100 PETER GOLT   ALFONSO GONELLA GERMANA JOCKEY PORTUS NAONIS
1929 RISSA   1.28.2 2100 PETER WORTH   ALEXANDRE FINN CATULLO MARCELLO
1928 APPIA   1.28.1 2100 JOCKEY   OTTO DIEFFENBACHER ERMANNO TORRIANA
1927 PALLA   1.26.0 2000 PETER WORTH   ETTORE BARBETTA AGLAIA NICLA
1926 MALACORDA   1.29.2 2000 JOHN GARNER   NELLO BRANCHINI GIANNI SCHICCHI MACRONE

Statistiche driver vincitoriModifica

VITTORIE GUIDATORE 1 2 3 4 5 6
5   BELLEI ENRICO 1997 2004 2012 2015 2019
5   GUBELLINI PIETRO 2000 2001 2003 2007 2016
5   CASOLI WILLIAM 1954 1960 1962 1964 1970
4   GUZZINATI VITTORIO 1965 1978 1984 1993
4   BOTTONI UGO 1943 1949 1955 1958
4   FINN ALEXANDRE 1929 1932 1941 1952
3   MINNUCCI GIAMPAOLO 1998 2014 2018
3   ANDREGHETTI ROBERTO 2002 2006 2017
3   MAZZARINI MARCELLO 1980 1983 1985
3   ROSSI GIUSEPPE 1972 1976 1979
3   BRIGHENTI SERGIO 1950 1967 1971
3   CACCIARI CARLO 1931 1936 1938
2   PISCUOGLIO DELL'ANNUNZIATA JR. VINCENZO 2009 2011
2   LUONGO ANTONIO 1986 1990
2   BALDI LORENZO 1988 1989
2   MILANI SIVIERO 1969 1981
2   BELLEI NELLO 1963 1974
2   ALBONETTI FRANCO 1968 1973
2   BRANCHINI NELLO 1926 1948
2   FABBRUCCI GIULIO 1934 1940
1   VECCHIONE ROBERTO 2020
1   BAKKER ROBIN 2013
1   GUZZINATI ANDREA 2010
1   MOLLO SANTO 2008
1   MAISTO GIUSEPPE PIETRO 2005
1   BIASUZZI MAURO 1999
1   LO VERDE BIAGIO 1996
1   CICOGNANI GLAUCO 1995
1   BOTTONI CARLO 1994
1   WALLNER HÅKAN 1992
1   SMORGON MARCO 1991
1   RIVARA MARIO 1987
1   GUZZINATI GIUSEPPE 1982
1   GUBELLINI EDOARDO 1977
1   SAVARESE CARLO 1975
1   BARONCINI WALTER 1966
1   BONGIOVANNI GIANFRANCO 1961
1   ANTONELLINI VINCENZO 1951
1   MENARINI CLAUDIO 1947
1   OSSANI ROMOLO 1946
1   ORSI MANGELLI PAOLO 1942
1   ORSI MANGELLI ORSINO 1939
1   BRANCHINI FAUSTO 1937
1   FABBRUCCI DINO 1935
1   D'ERRICO GIOVANNI 1933
1   GONELLA ALFONSO 1930
1   DIEFFENBACHER OTTO 1928
1   BARBETTA ETTORE 1927
1   BRANCHINI NELLO 1926

STATISTICHE PADRI DI CAVALLI VINCITORI DEL DERBY ITALIANO DI TROTTO

VITTORIE PADRE 1 2 3 4 5
5 VARENNE 2008 2010 2011 2012 2015
4 SHARIF DI JESOLO 1981 1988 1989 1994
3 LEMON DRA 1997 2005 2009
3 DOCTOR SPENCER 1953 1962 1964
2 PINE CHIP 2003 2007
2 WAIKIKI BEACH 1998 2004
2 DIAMOND WAY 2000 2001
2 TOP HANOVER 1980 1985
2 QUALTO 1978 1984
2 QUICK SONG 1968 1972
2 ORIOLO 1963 1969
2 MIGHTY NED 1960 1961
2 MCLIN HANOVER 1948 1957
2 MISTERO 1949 1955
2 SCHNAPPS 1947 1950
2 THE LAUREL HALL 1939 1942
2 CLYDE THE GREAT 1931 1936
2 PETER FELLOWS 1932 1933
2 PETER WORTH 1927 1929

NoteModifica

  1. ^ The Oaks Park, situata a Carlshalton, rientrante nel quadrante Sud dell’odierna Outer London, a 15 km da Charing Cross, a Londra.
  2. ^ Il 1947 fu anche l’anno del primo successo di un cavallo italiano nel Prix d’Amérique, vinto da Mistero, il Derbywinner 1943, destinato a rimanere isolato fino al trionfale biennio 2000-2001 nel quale il mitico trottatore italiano Varenne seppe imporsi a Parigi per due volte di seguito.
  3. ^ Edizione vinta da Unicka, pochi mesi dopo rapita e (al 2 dicembre 2020) non più ritrovata. In proposito, si veda il seguente articolo: “Rapita in Toscana la cavalla Unicka, star del trotto erede di Varenne”, adnkronos.com (pubblicato il 7 marzo 2017 alle 10,57).

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica