Dmitrij Gluchovskij

scrittore e giornalista russo

Dmitrij Alekseevič Gluchovskij, traslitterato (in inglese) anche come Dmitry Glukhovsky (in russo: Дмитрий Алексеевич Глуховский?; 12 giugno 1979), è uno scrittore e giornalista russo.

Gluchovskij è famoso in Russia per tre romanzi bestseller: Metro 2033 (Метро 2033), It's Getting Darker (Сумерки) (2007) e Metro 2034 (Метро 2034) (2009). È anche autore di una serie di scritti satirici, Рассказы о Родине (lett. "Storie di patria", 2010), con i quali critica la Russia odierna.

BiografiaModifica

Dmitrij Alekseevič Gluchovskij incomincia la sua carriera nel 2002 pubblicando il suo primo romanzo, Metro 2033, sul proprio sito e concedendo un accesso gratuito a tutti i lettori. Il romanzo è poi diventato un esperimento interattivo, migliorato gradualmente grazie ai suggerimenti di migliaia di lettori, e in seguito ha originato un videogioco per Xbox 360 e PC.

Come giornalista, Gluchovskij ha lavorato per le televisioni Euronews in Francia, Deutsche Welle, e RT. Nel 2008-2009 ha lavorato come conduttore radiofonico di una radio, Mayak Station. Scrive per Harper's Bazaar, L'Officiel e Playboy. Ha vissuto in Israele, Germania e Francia, e parla inglese, francese, tedesco, ebraico e spagnolo fluentemente come il nativo russo. Nel 2011 ha pubblicato il sequel di Metro 2033, Metro 2034.

RomanziModifica

Metro 2033Modifica

Metro 2033 (Метро 2033) racconta la storia di un ragazzo, Artyom, che compie un lungo viaggio per salvare il suo mondo da un pericolo mortale. Il libro descrive le conseguenze di una guerra atomica. I suoi unici sopravvissuti lottano per l'esistenza nei labirinti della Mosca della metropolitana (la "Metro" del titolo) circa due decenni dopo l'olocausto nucleare. Formalmente un romanzo di fantascienza, Metro 2033 descrive una distopia, nella quale si prevede il punto d'arrivo della società attuale, e la Russia è meticolosamente analizzata e descritta.

È apparso on-line nel 2002 ed è poi diventato un esperimento interattivo, coinvolgendo migliaia di lettori di tutta la Russia nel dare suggerimenti per migliorarlo. Nel 2005 è stato stampato da un editore affermato ed è diventato un bestseller a livello nazionale. Nel 2007, a Gluchovskij è stato assegnato il Premio Promozione della European Science Fiction Society nel prestigioso Eurocon concorso a Copenaghen, proprio per il romanzo Metro 2033.

Alla fine del 2009, oltre 400.000 copie di Metro 2033 sono state vendute nella sola Russia. E i lettori online sono cinque volte più numerosi. I diritti del libro sono stati venduti a case editrici straniere di più di 20 paesi. Un videogame FPS, Metro 2033, è stato pubblicato da THQ a livello mondiale nel marzo 2010 per PC,Xbox 360 e Playstation 3. Nel 2015 è uscito per Android un videogioco strategico chiamato Metro 2033 Wars, realizzato sotto con l'approvazione dell'autore.

Metro 2034Modifica

Metro 2034 (Метро 2034), sequel di Metro 2033, ha venduto circa 300.000 copie in soli 6 mesi, il che lo rende il più grande bestseller della Russia nel 2009. Il libro è stato pubblicato anche on-line gratuitamente sul sito ufficiale di Metro 2034, dove oltre un milione di visitatori hanno letto il testo. Gluchovskij ha trasformato un libro in un progetto d'arte, invitando il famoso performer elettronico russo Dolphin a scrivere una colonna sonora originale per il romanzo, mentre il pittore Anton Gretchko ha lavorato alla galleria di immagini, dipinte a olio.

Contrariamente a quanto avvenuto con il prequel, il nuovo episodio video-ludico della serie "Metro", ossia Metro: Last Light, non si ispirerà al libro ma verrà comunque seguito dall'autore nella stesura.

Metro 2035Modifica

Metro 2035 (Метро 2035) è un sequel di Metro 2034, che narra le avventure del soldato Artyom, protagonista del primo libro, in un'altra avventura insieme con la sua squadra e sua moglie.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN29325308 · ISNI (EN0000 0001 1933 2484 · Europeana agent/base/106973 · LCCN (ENno2007136133 · GND (DE136623530 · BNF (FRcb16511672t (data) · NLA (EN52786414 · NDL (ENJA01221660 · WorldCat Identities (ENlccn-no2007136133