Apri il menu principale
Drones
ArtistaMuse
Tipo albumStudio
Pubblicazione8 giugno 2015
(vedi date di pubblicazione)
Durata52:38
Dischi1
Tracce12
GenereRock alternativo[1]
Hard rock[2]
EtichettaWarner Bros., Helium-3
ProduttoreRobert John "Mutt" Lange, Muse
Registrazione3 ottobre 2014–1º aprile 2015, The Warehouse Studio, Vancouver (Canada)
FormatiCD, CD+DVD, 2 LP, MC, download digitale
Certificazioni
Dischi d'oroAustralia Australia[3]
(vendite: 35 000+)
Austria Austria[4]
(vendite: 7 500+)
Belgio Belgio[5]
(vendite: 15 000+)
Messico Messico[6]
(vendite: 30 000+)
Regno Unito Regno Unito[7]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platinoCanada Canada[8]
(vendite: 80 000+)
Francia Francia (2)[9]
(vendite: 200 000+)
Italia Italia[10]
(vendite: 50 000+)
Russia Russia[11]
(vendite: 20 000+)
Svizzera Svizzera[12]
(vendite: 30 000+)
Muse - cronologia
Album successivo
(2018)
Logo
Logo del disco Drones
Singoli
  1. Dead Inside
    Pubblicato: 23 marzo 2015
  2. Mercy
    Pubblicato: 18 maggio 2015
  3. Revolt
    Pubblicato: 9 marzo 2016
  4. Aftermath
    Pubblicato: 11 marzo 2016
  5. Reapers
    Pubblicato: 16 aprile 2016

Drones è il settimo album in studio del gruppo musicale britannico Muse, pubblicato l'8 giugno 2015 dalla Warner Bros. Records.[13]

L'album ha debuttato direttamente al primo posto della Official Albums Chart, diventando il quinto disco consecutivo del gruppo al numero uno in classifica.[14] È inoltre il primo album nella carriera del gruppo ad aver raggiunto la vetta della Billboard 200 negli Stati Uniti d'America.[15]

Nel febbraio 2016 è stato premiato con il Grammy Award al miglior album rock.[16]

AntefattiModifica

Nei precedenti album The Resistance (2009) e The 2nd Law (2012), i Muse hanno avuto modo di sperimentare le proprie sonorità aggiungendo influenze orchestrali ed elettroniche.[17][18] Il 2 dicembre 2013 il gruppo ha pubblicato l'album dal vivo e film Live at Rome Olympic Stadium: il frontman Matthew Bellamy ha spiegato che i Muse volevano questo album dal vivo per «catturare alcuni degli estremi di quanto abbiamo svolto in quanto vogliamo andare verso una differente direzione [musicale] in futuro.»[17]

Nel corso di un'intervista a fine 2013, Bellamy ha fornito alcuni dettagli su come si sarebbe sviluppato il settimo album in studio, previsto inizialmente entro il 2014:[19]

«Negli ultimi due dischi ci siamo allontanati un po' da quelli che sono i nostri veri strumenti, concentrandoci su sintetizzatori, batterie elettroniche, effetti vari e via di questo passo. Sento che per il prossimo disco torneremo verso una musica "suonata", torneremo ad usare i nostri soliti strumenti, ossia chitarra, basso e batteria. Sarà un disco in qualche modo più grezzo, di certo più rock.»

Il 20 settembre 2014, attraverso il social network Twitter, il frontman dei Muse ha spiegato che le iniziali tematiche dell'album, che includono ecologia profonda, divario di empatia e terza guerra mondiale, si sarebbero unificate in un'unica grande tematica, aggiungendo inoltre che nel disco esso sarebbe stato presente un seguito del brano Citizen Erased, tratto dal secondo album Origin of Symmetry.[20] In un'intervista di tre mesi più tardi, Bellamy e il batterista Dominic Howard hanno rivelato che l'album sarebbe potuto uscire a inizio 2015 o a fine 2015;[21] proprio a inizio 2015, i Muse, attraverso un video pubblicato su Instagram, hanno rivelato il titolo dell'album,[22] annunciandolo in via ufficiale l'11 marzo dello stesso anno.[13] Il 1º aprile, il produttore Rich Costey, il quale ha curato la fase di missaggio dell'album, ha rivelato il completamento dell'album attraverso Instagram.[23]

ConcezioneModifica

 
Matthew Bellamy, autore e compositore dell'intero album

«Per me, i droni sono metaforicamente psicopatici che permettono comportamenti psicopatici senza possibilità di appello. Il mondo è dominato da droni che utilizzano altri droni per trasformarci tutti in droni. Questo album analizza il viaggio di un essere umano, dalla sua perdita di speranza e dal senso di abbandono, al suo indottrinamento dal sistema per divenire un drone umano, fino all'eventuale defezione da parte dei loro oppressori.»

(Matthew Bellamy[13])

Secondo quanto spiegato da Bellamy, Drones è un concept album incentrato sulla progressiva disumanizzazione del mondo, rappresentata in maniera simbolica dal sopravvento dei droni.[24] All'interno dell'album è presente una storia (descritta da Dead Inside fino ad Aftermath) che ruota attorno a una persona che perde la propria fede e la propria sicurezza, divenendo facilmente manipolabile da alcune forze oscure, fino a quando comprende di non voler essere più usato e, ribellandosi, inizia a ritrovare fiducia nell'amore e nell'umanità.[24] I due brani conclusivi, The Globalist e l'omonimo Drones, secondo le dichiarazioni del frontman, narrano più o meno «la stessa storia ma con un finale negativo. Alla fine si hanno i fantasmi dei morti sconosciuti uccisi dai robot che non vedranno mai la giustizia e noi non vedremo mai chi sono».[25]

I testi e le musiche dell'album sono stati curati da Bellamy, ad eccezione della sezione di The Globalist che va da 6:45 a 9:45 (che trae ispirazione da Enigma Variations: Nimrod di Edward Elgar) e di Drones, che trae ispirazione dal Santo; entrambe le musiche sono state riarrangiate da Bellamy.[26] I brani [JFK] e Defector contengono inoltre un campionamento dal discorso The President and the Press tenuto da John Fitzgerald Kennedy.[26]

PromozioneModifica

Drones è stato promosso da un primo tour promozionale, denominato Psycho UK Tour, svoltosi esclusivamente nel Regno Unito dal 15 al 23 marzo 2015.[27] In queste date i Muse hanno portato al debutto i brani Psycho (già reso disponibile dal gruppo attraverso un lyric video pubblicato il 12 marzo),[28] Reapers e Dead Inside. Quest'ultimo brano è stato inoltre il primo singolo dell'album ed è stato pubblicato il 23 marzo 2015 attraverso un lyric video diretto da Tom Kirk.[29]

Per anticipare l'album i Muse hanno pubblicato attraverso il proprio canale YouTube i lyric video di Mercy e di Reapers, usciti rispettivamente il 18 e il 29 maggio 2015.[30][31] A essi hanno fatto seguito The Handler, trasmesso in anteprima da BBC Radio 1 e reso disponibile per il download digitale il 1º giugno dello stesso anno[32] (ricevendo successivamente un lyric video il 2 giugno),[33] e Defector, il cui lyric video è stato pubblicato il 3 giugno.[34]

Drones è stato infine commercializzato l'8 giugno 2015 in edizione standard da 12 tracce (pubblicata attraverso i formati CD, doppio LP e download digitale) e in edizione deluxe comprensiva di un DVD aggiuntivo che racchiude le esecuzioni dei brani di Drones tratti dallo Psycho UK Tour più materiale aggiuntivo filmato in studio.[35] In aggiunta, i Muse hanno reso disponibile esclusivamente sul proprio sito un cofanetto contenente il doppio vinile con tripla copertina, il CD+DVD, un codice per scaricare l'album in formato digitale e due stampe.[35]

Il 24 settembre 2015 i Muse hanno reso disponibile per l'ascolto attraverso Deezer l'EP Live at Koln - Gloria Theatre, costituito da quattro brani registrati durante il concerto tenuto dal gruppo a Colonia il 30 giugno dello stesso anno.[36] Il 3 novembre è stato invece pubblicato il videoclip del brano Revolt, girato a Praga sotto la regia di Guy Shelmerdine.[37] Il brano è stato successivamente estratto come terzo singolo il 9 marzo 2016.[38]

L'11 marzo il gruppo reso disponibile per il download digitale il quarto singolo Aftermath,[39] mentre tre giorni prima hanno annunciato attraverso il proprio sito la pubblicazione del quinto singolo Reapers in formato 7" per l'annuale Record Store Day, avvenuto il 16 aprile dello stesso anno.[40]

TracceModifica

Testi e musiche di Matthew Bellamy, eccetto dove indicato.

  1. Dead Inside – 4:23
  2. [Drill Sergeant] – 0:21
  3. Psycho – 5:16
  4. Mercy – 3:51
  5. Reapers – 5:59
  6. The Handler – 4:33
  7. [JFK] – 0:54
  8. Defector – 4:33
  9. Revolt – 4:05
  10. Aftermath – 5:47
  11. The Globalist – 10:07 (musica: Edward Elgar, Matthew Bellamy)
  12. Drones – 2:49 (musica: Giovanni Pierluigi da Palestrina, Matthew Bellamy)
DVD bonus nell'edizione deluxe
  1. Psycho (Live at Glasgow Barrowland) – 5:45
  2. Dead Inside (Live at Brighton Dome) – 4:39
  3. The Handler (Soundcheck, Exeter Great Hall) – 4:46
  4. Reapers (Live at Exeter Great Hall) – 6:19
  5. Bonus Studio Footage – 9:59

FormazioneModifica

GruppoModifica

Altri musicistiModifica

  • Olle "Sven" Romo – programmazione aggiuntiva
  • Audrey Riley – arrangiamento e conduzione strumenti ad arco
  • Edodea Ensemble – strumenti ad arco
    • Eduardo De Angeles – contractor, primo violino
    • Gian Lodigiani, Valerio D'Ercole, Tommaso Belli, Elia Mariani, Gian Guerra, Gianmaria Bellisario, Marco Corsini, Michelle Torresetti, Anna Minella, Freimerr von Dellingshausen – violini
    • Valentina, Emilio Eria, Serena Palozzi, Maria Lucchi – viole
    • Eliana Gintoli, Francesco Sacco, Martina Rudic, Andrea Scacchi, Dellingshausen, Sarah Cross – violoncelli
    • Linati Omar, Massimo Clavenna – contrabbassi
  • Will Leon Thompson (drill sergeant) – dialogo (tracce 2 e 3)
  • Michael Shilgan (recruit) – dialogo (tracce 2 e 3)
  • John F. Kennedy – dialogo (tracce 7 e 8)
  • Robert John "Mutt" Lange – cori aggiuntivi (traccia 10)
  • Edward Elgar – composizione (traccia 11)
  • Giovanni Pierluigi da Palestrina – composizione (traccia 12)

ProduzioneModifica

ClassificheModifica

Date di pubblicazioneModifica

Paese Data di pubblicazione Formato Etichetta
Australia[76] 5 giugno 2015 CD, 2 LP
download digitale
Warner Bros. Records
Helium-3
Austria[77]
Finlandia[78]
Germania[79]
Irlanda[80]
Nuova Zelanda[81]
Paesi Bassi[82]
Svizzera[83]
Francia[84] 8 giugno 2015
Polonia[85]
Regno Unito[86]
Canada[87] 9 giugno 2015
Giappone[88]
Italia[89]
Spagna[90]
Stati Uniti[91]
Norvegia[92] 10 giugno 2015
Svezia[93]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Brice Ezell, Muse: Drones, PopMatters, 9 giugno 2015. URL consultato il 20 giugno 2015.
  2. ^ (EN) Bernand Zuel, Muse, Paul Weller and FFS bring back the 1970s we should have had, The Sidney Morning Herald, 13 giugno 2015. URL consultato il 20 giugno 2015.
  3. ^ (EN) Accreditations - 2015 Albums, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 22 settembre 2015.
  4. ^ (DE) Gold & Platin, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 16 giugno 2016. Digitare "Drones" in "Titel", dunque premere "Suchen".
  5. ^ (NL) Goud en Platina – 2015, Ultratop. URL consultato l'8 luglio 2015.
  6. ^ a b c (ES) Top 100 México - Los Mas Vendidos 2015, Asociación Mexicana de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 29 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2016).
  7. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. URL consultato il 26 giugno 2015. Digitare "Muse" in "Keywords", dunque premere "Search".
  8. ^ (EN) Gold/Platinum, Music Canada. URL consultato il 9 febbraio 2016.
  9. ^ (FR) Les Certifications, Syndicat national de l'édition phonographique. URL consultato il 9 aprile 2019.
  10. ^ Drones (certificazione), Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 29 luglio 2019.
  11. ^ (EN) Warner Russia gave a 'platinum CD' of Drones to Muse, Twitter, 22 giugno 2015. URL consultato l'11 marzo 2016.
  12. ^ (DE) Edelmetall, Schweizer Hitparade. URL consultato il 2 aprile 2016.
  13. ^ a b c (EN) Drones, Muse, 11 marzo 2015. URL consultato il 23 marzo 2015.
  14. ^ (EN) Liv Moss, Muse score fifth UK chart-topper with Drones, Official Charts Company, 14 giugno 2015. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  15. ^ (EN) Keith Caulfield, Muse Earns Its First No. 1 Album on Billboard 200 Chart, Billboard, 17 giugno 2015. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  16. ^ I Muse vincono il Grammy per la categoria "Miglior Album Rock" con "Drones", SpazioRock, 16 febbraio 2016. URL consultato il 16 febbraio 2016.
  17. ^ a b (EN) Andy Greene, Muse Singer Matt Bellamy: Live DVD Completes an 'Upside-Down Journey', Rolling Stone, 2 dicembre 2013. URL consultato il 23 marzo 2015.
  18. ^ (EN) Muse: 'Our new album is set for Classic FM', New Musical Express, 2 marzo 2009. URL consultato il 23 marzo 2015.
  19. ^ Andrea Mariano, Muse, nuovo album nel 2015: "Sarà più rock", SpazioRock.it, 25 novembre 2013. URL consultato il 23 marzo 2015.
  20. ^ (EN) David Renshaw, Matt Bellamy hints at World War 3 theme and guitar solos for new Muse album, New Musical Express, 20 settembre 2014. URL consultato il 12 marzo 2015.
  21. ^ (EN) Muse: "our new album could be out in early 2015", Triple J, 16 dicembre 2013. URL consultato il 23 marzo 2015.
  22. ^ (EN) Muse confirm new album title 'Drones' in latest in-the-studio video, New Musical Express, 26 gennaio 2015. URL consultato il 23 marzo 2015.
  23. ^ (EN) Rich Costey, ...and we're done, su instagram.com, 1º aprile 2015. URL consultato il 18 maggio 2015.
  24. ^ a b (EN) Claudia Rossi, Muse, ecco il nuovo 'Drones': un'opera rock oscura, tra JFK e Orwell, Il Fatto Quotidiano, 19 maggio 2015. URL consultato il 1º giugno 2015.
  25. ^ (EN) Andy Greene, Inside Muse's 'Drones' Strike: Matt Bellamy on High-Concept LP, Rolling Stone, 8 maggio 2015. URL consultato il 4 giugno 2015.
  26. ^ a b (EN) Note di copertina di Drones, [[Muse]], Warner Bros. Records, CD, 8 giugno 2015.
  27. ^ (EN) Psycho UK Tour, Muse, 11 marzo 2015. URL consultato il 23 marzo 2015.
  28. ^   Muse, Muse - Psycho [Official Lyric Video], su YouTube, 12 marzo 2015. URL consultato il 23 marzo 2015.
  29. ^ (EN) Dead Inside, Muse, 23 marzo 2015. URL consultato il 23 marzo 2015.
  30. ^ (EN) Mercy, Muse, 18 maggio 2015. URL consultato il 18 maggio 2015.
  31. ^ (EN) Reapers, Muse, 29 maggio 2015. URL consultato il 30 maggio 2015.
  32. ^ (EN) The Handler, Muse, 1º giugno 2015. URL consultato il 2 giugno 2015.
  33. ^ (EN) The Handler - Lyric Video, Muse, 3 giugno 2015. URL consultato il 3 giugno 2015.
  34. ^ (EN) Defector, Muse, 3 giugno 2015. URL consultato il 4 giugno 2015.
  35. ^ a b (EN) Drones: Pre-Order Now Available, Muse, 12 marzo 2015. URL consultato il 23 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 9 aprile 2016).
  36. ^ (EN) Live At Köln EP, Muse, 24 settembre 2015. URL consultato il 7 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 28 settembre 2015).
  37. ^ (EN) Revolt, Muse, 3 novembre 2015. URL consultato il 4 novembre 2015).
  38. ^ (EN) Maria Neve Capitale, Muse - Revolt (Radio Date: 09-03-2016), EarOne, 9 marzo 2016. URL consultato il 10 marzo 2016.
  39. ^ Aftermath (Radio Edit) - Single, iTunes. URL consultato il 24 marzo 2016.
  40. ^ (EN) Record Store Day, Muse, 8 marzo 2016. URL consultato il 9 marzo 2016.
  41. ^ a b (EN) Muse Celebrate Worldwide Number One Album with Drones, su radiox.co.uk, 17 giugno 2015. URL consultato il 30 gennaio 2016.
  42. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) Muse - Drones, Ultratop. URL consultato il 20 giugno 2015.
  43. ^ (EN) Muse - Chart history (Canadian Albums), Billboard. URL consultato il 20 giugno 2015.
  44. ^ (EN) South Korea Gaon International Album Chart: 2015.06.07~2015.06.13, Gaon Chart. URL consultato il 26 giugno 2015.
  45. ^ (JA) Oricon Top 50 Albums: 2015-06-22, Oricon. URL consultato il 26 giugno 2015.
  46. ^ (EN) Official IFPI Charts - Top-75 Albums Sales Chart - Week: 24/2015, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 27 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2015).
  47. ^ (EN) TOP 100 ARTIST ALBUM, WEEK ENDING 11 June 2015, Chart-Track. URL consultato il 17 giugno 2015.
  48. ^ (PL) Sales for the period 08.06.2015 - 14.06.2015, OLiS. URL consultato il 26 giugno 2015.
  49. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100: 14 June 2015 - 20 June 2015, Official Charts Company. URL consultato il 14 giugno 2015.
  50. ^ (EN) Official Album Downloads Chart Top 100: 14 June 2015 - 20 June 2015, Official Charts Company. URL consultato il 14 giugno 2015.
  51. ^ (EN) Official Physical Albums Chart Top 100: 14 June 2015 - 20 June 2015, Official Charts Company. URL consultato il 14 giugno 2015.
  52. ^ (EN) Official Progressive Albums Chart Top 30: 07 October 2015 - 13 October 2015, Official Charts Company. URL consultato il 27 ottobre 2015.
  53. ^ (EN) Official Rock & Metal Albums Chart Top 40: 14 June 2015 - 20 June 2015, Official Charts Company. URL consultato il 14 giugno 2015.
  54. ^ (EN) Official Albums Streaming Chart Top 100: 14 June 2015 - 20 June 2015, Official Charts Company. URL consultato il 14 giugno 2015.
  55. ^ (CS) Hitparáda – Týden – 25. 2015., International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 26 giugno 2015.
  56. ^ (EN) Official Scottish Albums Chart Top 100: 14 June 2015 - 20 June 2015, Official Charts Company. URL consultato il 14 giugno 2015.
  57. ^ (EN) Muse - Chart history (Billboard 200), Billboard. URL consultato il 20 giugno 2015.
  58. ^ (EN) Muse - Chart history (Alternative Albums), Billboard. URL consultato il 20 giugno 2015.
  59. ^ (EN) Muse - Chart history (Digital Albums), Billboard. URL consultato il 20 giugno 2015.
  60. ^ (EN) Muse - Chart history (Top Rock Albums), Billboard. URL consultato il 30 giugno 2015.
  61. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista, Hivatalos magyar slágerlisták, 14 giugno 2015. URL consultato il 26 giugno 2015.
  62. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 100 Albums 2015, Australian Recording Industry Association. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  63. ^ (NL) Jaaroverzichten 2015 (Vl), Ultratop. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  64. ^ (FR) Jaaroverzichten 2015 (Wa), Ultratop. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  65. ^ (EN) Top Canadian Albums: 2015 Year-End Charts, Billboard. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  66. ^ (FR) Les meilleures ventes d'albums de l'année 2015 en France, Pure Charts in France. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  67. ^ Classifiche 2015 "Top of the Music" FIMI-GfK, Federazione Industria Musicale Italiana, 8 gennaio 2016. URL consultato il 16 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2016).
  68. ^ (EN) Top Selling Albums of 2015, The Official New Zealand Music Chart. URL consultato il 16 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2015).
  69. ^ (NL) Jaaroverzichten 2015, dutchcharts.nl. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  70. ^ (RU) Пятьдесят оттенков дерзкого, Lenta.ru, 9 dicembre 2015. URL consultato il 29 gennaio 2016.
  71. ^ (EN) The Official Top 40 Biggest Artist Albums of 2015 revealed, Official Charts Company. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  72. ^ (ES) Listas anuales - 2015, Productores de Música de España. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  73. ^ (EN) 2015 Year End Charts - Top Rock Albums, Billboard. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  74. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 2015, Schweizer Hitparade. URL consultato il 16 gennaio 2016.
  75. ^ (HU) Összesített album- és válogatáslemez-lista - eladási darabszám alapján - 2015, Hivatalos magyar slágerlisták. URL consultato il 4 marzo 2016.
  76. ^ (EN) Drones (CD), Zoopcommerce. URL consultato il 17 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  77. ^ (DE) Drones CD von Muse, Weltbild.at. URL consultato il 27 marzo 2015.
  78. ^ (FI) Muse : Drones, Levykauppa Äx. URL consultato il 27 marzo 2015.
  79. ^ (DE) Drones, Amazon.com. URL consultato il 27 marzo 2015.
  80. ^ (EN) Drones, iTunes. URL consultato il 27 marzo 2015.
  81. ^ (EN) DRONES (DELUXE EDITION) - Muse, JB HI-FI. URL consultato il 27 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  82. ^ (NL) Drones, bol.com. URL consultato il 27 marzo 2015.
  83. ^ (DE) Drones - MUSE, exlibris.ch. URL consultato il 27 marzo 2015.
  84. ^ (FR) Drones - Édition limitée CD+ DVD, Amazon.com. URL consultato il 27 marzo 2015.
  85. ^ (PL) Nowy album Muse "Drones" Premiera w czerwcu, Warner Music Poland, 12 marzo 2015. URL consultato il 27 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  86. ^ (EN) Luke Morgan Britton, Muse announce new album 'Drones' for June and confirm live dates beginning Sunday, New Musical Express, 11 marzo 2015. URL consultato il 27 marzo 2015.
  87. ^ (EN) Drones [CD + DVD], Amazon.com. URL consultato il 27 marzo 2015.
  88. ^ (JA) Drones - Import, Amazon.com. URL consultato il 27 marzo 2015.
  89. ^ Drones, iTunes. URL consultato il 27 marzo 2015.
  90. ^ (ES) Drones (CD+DVD), Amazon.com. URL consultato il 27 marzo 2015.
  91. ^ (EN) Chris Payne, Muse Reveals Release Date, Art & Track List for New 'Drones' Album, Billboard, 11 marzo 2015. URL consultato il 27 marzo 2015.
  92. ^ (NO) Drones (2LP) (Vinyl LP), CDON. URL consultato il 27 marzo 2015.
  93. ^ (SV) Drones (2LP) (Vinyl LP), CDON. URL consultato il 27 marzo 2015.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock