Apri il menu principale
Duomo di Bobbio
Bobbio-duomo1.jpg
Facciata della Cattedrale in piazza del Duomo
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
LocalitàBobbio-Stemma.png Bobbio
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareMaria Assunta
Diocesi Piacenza-Bobbio
Consacrazione1075
Stile architettonicoromanico
Inizio costruzioneXI secolo
Completamento1463
Sito webSito della diocesi

Coordinate: 44°46′01.71″N 9°23′16.4″E / 44.767142°N 9.387889°E44.767142; 9.387889

Il duomo di Bobbio o concattedrale di Santa Maria Assunta, è una chiesa parrocchiale di Bobbio in provincia di Piacenza, cattedrale fino al 1986 della diocesi di Bobbio, successivamente, fino al 1989, concattedrale dell'arcidiocesi di Genova-Bobbio, ora concattedrale della diocesi di Piacenza-Bobbio e sede del vicariato di Bobbio, Alta Val Trebbia, Aveto e Oltre Penice.[1]

Sorge nel centro del tessuto urbano della cittadina, che si formò poco per volta attorno alla vasta area fra l'abbazia di San Colombano e la piazza del Duomo: si tratta del borgo medioevale detto "borgo intrinseco", l'odierno centro storico, che conservò l'originale denominazione di Bobium.[2].

Complesso del duomo oltre alla chiesa concattedrale si compone di vari edifici, il Palazzo vescovile con il Museo diocesano della Cattedrale, i giardini e l'oratorio, ed il Vecchio seminario oggi sede degli Archivi storici bobiensi con il chiostro seicentesco.

Dalla parrocchia di Santa Maria Assunta dipendono le seguenti chiese o istituti:

  • Santuario della Madonna dell'Aiuto in Bobbio[3]
  • Seminario vescovile
  • Istituto delle suore Gianelline
  • Oratorio Cuore Immacolato di Maria, nella frazione di Arelli[4]
  • Oratorio di San Carlo, nella frazione di Degara
  • Oratorio di San Martino, nella frazione di Fognano
  • Chiesa della Beata Vergine di Caravaggio, nella frazione di Lagobisione[5]
  • Antico oratorio della Beata Vergine di Caravaggio di Lagobisione (recentemente restaurato e recuperato al culto)[6]
  • Chiesa di San Rocco, nella frazione di Piancasale[7]

Indice

StoriaModifica

La storia della nascita della cattedrale si connette con la nascita della diocesi di Bobbio come separata dal territorio abbaziale: la sede vescovile di Bobbio nacque nel 1014 per opera dell'abate e poi vescovo Pietroaldo (999-1017), che risiedeva nell'abbazia, l'unione delle due cariche venne scissa dopo la morte di questi. Nel 1017, il nuovo vescovo, Attone, decise di spostarsi nell'antica e piccola basilica di San Pietro, e nel 1075, il vescovo conte Guarnerio (1073-1095) spostò la sede della diocesi nella nuova cattedrale[8].

La chiesa in stile romanico, fu costruita a partire dal 1070 e terminata dopo cinque anni, rimanendo pressoché immutata nella struttura fino al XIII secolo.

Vi era già presente la cappella di San Giovanni, la struttura di tre navate era articolata in tre campate, l'ultima delle quali sovrastante il presbiterio e l'altare allora non sopraelevati, l'abside aveva forma circolare. La copertura della cattedrale era inizialmente costituita da capriate lignee a vista sia nella navata che nei transetti, le finestre erano anguste con lieve strombatura, come è possibile ancora osservare sulle murature esterne. Il fronte della chiesa era in posizione arretrata rispetto alle due torri laterali allora di altezza pressoché simile. La torre di sinistra era la vera torre campanaria originale e presentava in sommità una apertura in forma di trifora.

Si accedeva alla chiesa quindi attraverso una scalinata esterna posta tra la quota della piazza, allora molto più bassa e quella del pavimento interno. La scalinata era coperta da un porticato pronao.

Nel XIII secolo fu sopraelevato il pavimento e furono allungati lateralmente i due bracci del transetto e venne finalmente ultimata la copertura chiudendo alla vista le capriate grazie alla costruzione delle volte.

Nel 1226 è realizzato il Palazzo Podestarile e sede del Podestà e del Consiglio dei Reggenti, nel 1527 il comune ottiene il permesso del vescovo per sopraelevare la torre di destra e collocarvi l'orologio ed una delle due antiche campane che prima aveva nella torre maggiore di San Colombano. L'edificio era addossato alla torre sinistra del Duomo, venne distrutto nel 1927 allo scopo di allargare la piazza.

Nel 1370 viene creata la cappella di San Michele nella parte iniziale della navata di destra, dove sono ancora visibili tracce di pitture trecentesche. Nel 1378 sul fronte della torre di destra verso la piazza venne realizzata la bifora per dar luce all'oratorio episcopale del vescovo Lanfranchi.

A partire dal 1448 vengono iniziati i lavori per la realizzazione della cripta, a cui si accedeva dal locale dell'attuale sacrestia, l'intervento rende necessaria una elevazione del pavimento del presbiterio.

Nel 1463 viene costruita la nuova facciata nella posizione attuale, allineandola alle due torri laterali. Viene innalzato il piano della piazza antistante per eliminare la pendenza verso la chiesa e le infiltrazioni di acqua piovana, coprendo la base delle torri di almeno un metro e mezzo di materiale di riporto e rifacendo quindi totalmente la scalinata centrale.

DescrizioneModifica

L'attuale facciata, risalente al 1463, ha tre porte d'ingresso, con al centro l'ampio portale, prima delle modifiche del XVIII secolo, erano in stile gotico; sopra il portale in alto vi è il grande rosone centrale.

La facciata è incorniciata da due torri campanarie, quella di sinistra è il vero e proprio campanile, quella di destra, più bassa fu sopraelevata dal comune, porta l'orologio; furono ultimate nel 1532, nel XVII secolo quella di sinistra fu modificata nella forma attuale distruggendo l'antica trifora.

Si entra scendendo alcuni gradini, la differenza di altezza deriva dalla sopraelevazione del livello della piazza.

 
L'interno della cattedrale

La basilica è a pianta a croce latina con cappelle perimetrali, coperte da volte a crociera costolonate; ha tre navate di sei campate laterali. Gli affreschi risalgono alla fine del XIX secolo ad opera di Luigi Morgari, mentre le decorazioni bizantineggianti sono del 1896 da parte di Aristide Secchi. La pavimentazione della chiesa è rifatta dal vescovo Porrati nel 1905.

Nella cappella maggiore e nel presbiterio gli affreschi sono realizzati a partire dal 1723 dal pittore Francesco Porro, esponente del quadraturismo lombardo.[9] Il motivo ripetuto rappresenta le varie fasi dell'Assunzione della Vergine Maria in cielo. La commissione è del vescovo Ildefonso Manara.

Subito a destra in fondo le scale vi è la cappella di San Sebastiano, realizzata nel 1498 con un pavimento in ceramica e parte degli affreschi risalenti al 1507, la finestra che da sulla piazza fu realizzata a seguito di una pestilenza che determinò la chiusura al culto e quindi consentiva ai fedeli di partecipare ai riti.[10] Subito dopo vi è un accesso al palazzo vescovile, dove un tempo vi era la cappella di San Michele. Sulla parete di fondo è stato recentemente restaurato un frammento di affresco del XIV secolo rappresentante la crocifissione. Sul lato sinistra della cappella vi è un'antica lapide tombale della famiglia Giorgi che ricorda la morte di "Janote", avvenuta il 21 febbraio 1462. Dalla parte opposta vi è il battistero con il fonte battesimale opera dello scultore piacentino Paolo Perotti. Subito dopo la cappella sempre nella navata di sinistra vi è una porticina che immette nel Chiostrino del Duomo dove vi aveva sede il vecchio Seminario vescovile.

Sempre nella navata di destra seguono le cappelle cinquecentesche di San Giovanni e di Santa Franca. Nella prima vi è un quadro dell'Angelo Custode, opera del pittore Carlo Francesco Nuvoloni eseguito nel 1625, mentre nella seconda sotto un quadro è stato recentemente ritrovato un antico affresco raffigurante la Crocifissione con Maria e Giovanni evangelista ai piedi della croce, un tempo sormontato da un'opera lignea scomparsa. Ai due lati vi sono due lapidi, una che ricorda il restauro del 1415 da parte di Corrado Buelli e l'altra riferisce di un privilegio del Papa Gregorio XIII, concesso in data 13 novembre 1584. Nella navata di sinistra vi sono le cappelle di San Giuseppe e del Suffragio. La prima con affreschi cinquecenteschi ospita un quadro del pittore genovese Mattia Traverso. La seconda ospita un quadro del Crocifisso di Luigi Morgari.

Nel transetto vi sono a destra la cappella della riserva eucaristica, con la piccola cappella di San Nicolao. La cappella è decorata con numerosi affreschi realizzati nel 1756 con il contributo del re Carlo Emanuele III. A sinistra la cappella del Rosario, con stucchi di Cristoforo Ciseri del XVII secolo

Il presbiterio è sopraelevato; il pavimento in marmo del 1975 fu fatto allestire dal cardinale e arcivescovo di Genova Giuseppe Siri titolare anche di Bobbio, i marmi furono donati dal vescovo di Rottenburg Carl Joseph Leiprecht in memoria dell'ultimo vescovo titolare Pietro Zuccarino[11]; l'altare maggiore è invece del 1750, dono del re Carlo Emanuele III dopo il passaggio della Contea di Bobbio nel Regno di Sardegna nel 1748; fu consacrato dal vescovo Gaspare Lancellotto Birago. La grande croce risale al XVI secolo. I mobili in legno di noce del presbiterio e del coro risalgono al XVII secolo.

La sacrestia costruita nel 1636 è collocata a sinistra, pregevoli gli armadi in legno di noce del XVII secolo. Vicino all'entrata riposa dietro la lapide bronzea l'ultimo vescovo titolare di Bobbio, monsignor Pietro Zuccarino (1953-73), opera dello scultore genovese G. B. Airaldi.

 
L'affresco quattrocentesco dell'Annunciazione

A destra in testa al transetto vi è l'entrata dell'antica cappella di San Giovanni Battista, risalente alla struttura della vecchia chiesa; che ospita in fondo l'antico affresco dell'Annunciazione riscoperto anch'esso sotto la calce nel 1981[12], assieme ad altri affreschi più antichi tra i quali quello raffigurante l'incoronazione della Madonna, o da taluni la regina longobarda Teodolinda.[13] La cappella originale aveva tre campate, l'ultima occupata dal presbiterio e dall'altare venne affrescata nella seconda metà del XV secolo, ma dopo la peste del 1630, l'intero dipinto fu ricoperto da calce come il resto della chiesa per motivi sanitari. In seguito la cappella passò in disuso e divenne sede dell'archivio capitolare. Nella seconda metà del XVIII secolo vennero distrutte le volte delle prime due campate per far posto agli accessori dell'organo. La cappella nel 2012 ha subito un completo restauro, recuperando l'antica struttura e collocandovi un nuovo altare.

Dal transetto mediante due scale si accede alla cripta, creata nel XV secolo; in fondo alle rampe di scale vi è il "sepolcro dei vescovi" dove riposano tutti i vescovi di Bobbio dal 1600. Di fronte scendendo le scale c'è la cappella di Sant'Antonio Maria Gianelli, vescovo dal 1838 fino alla morte nel 1846, dove il santo è sepolto in un'urna trasparente collocata sotto l'altare.

La festa annuale della cattedrale è il 15 agosto, festa patronale di Bobbio.

Complesso del duomoModifica

Oltre alla cattedrale, il complesso del duomo si compone di numerosi edifici: la piazza circondata dagli antichi palazzi nobiliari, il palazzo vescovile con i giardini e l'oratorio, il vecchio seminario ora sede sia degli Archivi storici bobiensi con il chiostro ed il palazzo con gli uffici della tipografia della rivista diocesana La Trebbia.

Palazzo vescovileModifica

Il palazzo vescovile risalente all'XI secolo è adiacente la cattedrale, vi si accede mediante un portale con una porta a vetri che immette sia agli uffici della curia che ai giardini interni ed a uno scalone che porta agli uffici vescovili.

Di interesse al secondo piano vi è il salone dei vescovi, una grande sala di ricevimento che ospita alle pareti vi sono i ritratti di tutti i vescovi di Bobbio, ed in altre sale, tutte arredate con esposti dipinti.

Museo diocesano della CattedraleModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Museo diocesano di Bobbio.

Il Museo ha sede nell'ala destra del piano nobile del Palazzo vescovile. L'esposizione si snoda in dieci sale, con opere che illustrano la storia della diocesi di Bobbio, del Palazzo vescovile e della Cattedrale. La sala d'ingresso racconta la storia della diocesi attraverso mappe, documenti e testimonianze dell'ultimo vescovo mons. Pietro Zuccarino. La sala successiva, sulle cui pareti si può ammirare il grande affresco con i ritratti dei vescovi di Bobbio, ospita pastorali e paramenti vescovili. Nella terza sala è esposto il tesoro della Cattedrale, costituito da opere d'intaglio ligneo, argenterie e tessuti. Il percorso include la sala dell'affresco (IV sala) che custodisce un dipinto murale settecentesco raffigurante l'Adorazione dei Magi, la saletta dell'Archivio (V sala) che conserva intatto l'arredo ligneo originario e la Cappella vescovile con un dipinto di Domenico Buonviso del 1624 (VI sala). Testimonianza della fede popolare sono i reliquiari esposti nella saletta attigua (VII sala), mentre le ultime stanze sono dedicate rispettivamente ad arredi provenienti dalle parrocchie della diocesi (VIII sala) ed opere pittoriche (IX sala). Conclude il percorso una sala dedicata a Sant'Antonio Maria Gianelli con documenti e atti sinodali che gli appartennero (X sala).

Vecchio seminarioModifica

A sinistra e sempre adiacente la cattedrale si trova l'edificio seicentesco che ospitò fino al 1960 il seminario cittadino e dove oggi hanno sede gli Archivi storici bobiensi, aperti al pubblico nel 1973. Si accede agli archivi attraverso un chiostro del 1663 su disegno dell'architetto Lucino da Milano. Sul lato destro si può ammirare la struttura romanica del Duomo, risalente all'XI secolo.

Gli archivi ospitano alcune pergamene e codici dal IX al XV secolo e riproduzioni in microfilm di tutto il materiale originariamente conservato nello scriptorium dell'abbazia di San Colombano: con la soppressione dell'abbazia nel 1803 il contenuto della sua biblioteca venne infatti per buona parte trasferito nel 1824 presso la Biblioteca Nazionale di Torino. Sono presenti anche i registri vescovili e parrocchiali risalenti al 1500.

L'istituzione pubblica con cadenza annuale «Archivum Bobiense», rivista scientifica a carattere storico, fondata nel 1979 e diretta fino agli anni novanta dallo studioso Michele Tosi[14].

NoteModifica

  1. ^ Parrocchie, chiese ed oratori del comune di Bobbio
  2. ^ Guida Editori, 1988
  3. ^ CEI - Scheda Santuario B.V. dell'Aiuto in Bobbio
  4. ^ CEI - Scheda oratorio Cuore Immacolato di Maria degli Arelli
  5. ^ CEI - Scheda Chiesa della B.V. di Caravaggio di Lagobisione
  6. ^ CEI - Scheda oratorio B.V. di Caravaggio di Lagobisione
  7. ^ CEI - Scheda Chiesa di S. Rocco di Piancasale
  8. ^ CEI - Scheda Concattedrale di S.M. Assunta di Bobbio
  9. ^ La Cattedrale di Bobbio - Nel millenario della città e della diocesi 1014-2014, pag. 28
  10. ^ La Cattedrale di Bobbio - Nel millenario della città e della diocesi 1014-2014, pag. 62
  11. ^ La Cattedrale di Bobbio - Nel millenario della città e della diocesi 1014-2014, pag. 28-29
  12. ^ La Cattedrale di Bobbio - Nel millenario della città e della diocesi 1014-2014, pag. 61
  13. ^ La Cattedrale di Bobbio - Nel millenario della città e della diocesi 1014-2014, pag. 43
  14. ^ De strata francigena, Volume 8 , Centro studi Romei, 2000 p.103; Rivista di storia della Chiesa in Italia, Volume 37

BibliografiaModifica

  • Catholic Encyclopedia, Volume II. New York 1907, Robert Appleton Company. Nihil obstat, 1907. Remy Lafort, S.T.D.
  • Pietro Giacinto Pezzi, Serie cronologica dei vescovi di Bobbio, corredata di notizie relative ai medesimi - offerta all'illmo. e reverendissimo monsignore Antonio Gianelli novello vescovo [sic] di essa città e conte, Voghera 1838
  • Michele Tosi, Bobbio. Guida storica artistica e ambientale della città e dintorni, Archivi storici bobiensi, 1983;
  • Bruna Boccaccia, La Cattedrale di Bobbio - Ed. Pontegobbo 1997
  • Bruna Boccaccia, Bobbio Città d'Europa - Ed. Pontegobbo 2000 ISBN 88-86754-33-7
  • Angelo Alpegiani, Le otto Parrocchie e Frammenti di Bobbio, Monumenti, edifici storici, religiosi e votivi e luoghi di interesse del comune di Bobbio - Foto A. Alpegiani - Testi storia e progetto grafico G.L. Libretti - Ed. Libreria Internazionale Romagnosi (LIR) - Bobbio 2011
  • A.Segagni, Introduzione all'architettura della Cattedrale di Bobbio
  • AA.VV., La Cattedrale di Bobbio - Nel millenario della città e della diocesi 1014-2014, a cura di Piero Coletto - Edizioni La Trebbia, Bobbio novembre 2013

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàLCCN (ENno00035533