Apri il menu principale

Eccellenza 2011-2012 (rugby a 15)

82º campionato italiano di rugby a 15 di prima divisione
Eccellenza 2011-2012
Logo della competizione
Competizione Eccellenza
Sport Rugby union pictogram.svg Rugby a 15
Edizione 82ª
Organizzatore Federazione Italiana Rugby
Date dall'8 settembre
al 19 maggio
Luogo Italia Italia
Partecipanti 10
Formula girone unico + play-off
Sede finale Stadio San Michele (Calvisano)
Risultati
Vincitore Calvisano
(3º titolo)
Finalista I Cavalieri
Retrocessioni San Gregorio
Statistiche
Miglior marcatore Italia Rima Wakarua (261)
Record mete Australia Steven Bortolussi (12)
Rugby Calvisano festeggiamenti scudetto 2012.jpg
Giocatori e tifosi del Calvisano festeggiano la vittoria del campionato
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2010-11 2012-13 Right arrow.svg

Il Campionato di Eccellenza Super 10 2011-12 fu l'82º campionato nazionale italiano di rugby a 15 di prima divisione.

Il campionato vide il ritorno in massima serie del Calvisano, vincitore della serie A1 2010-11, a due anni dalla mancata iscrizione del club al Super 10 2009-10 e la riassegnazione in serie A2; il Calvisano prese il posto del Veneziamestre, retrocesso nella stagione precedente.

Rispetto ai risultati conseguiti sul campo sopraggiunsero, prima dell'avvio della stagione, le seguenti variazioni:

  • cessione del titolo sportivo del GranDucato al Reggio Emilia con passaggio di quest'ultima dalla serie A1 all'Eccellenza;
  • esclusione del Rugby Roma dal campionato a causa della mancanza di garanzie finanziarie dopo il rilevamento della società da parte di un altro soggetto[1], con conseguente ripescaggio del San Gregorio, secondo classificato in serie A1 2010-11[2];
  • penalizzazione di quattro punti in classifica a carico de I Cavalieri di Prato per non avere adempiuto alle disposizioni federali riguardo l'attività giovanile obbligatoria nella stagione precedente[3].

Per quanto riguarda la struttura del torneo, infine, la FIR istituì prima della stagione 2011-12 la disputa della finale per il titolo in doppia gara, la prima delle quali da disputarsi in casa della squadra classificata ai playoff in posizione inferiore; in caso di parità dopo le due gare ne fu prevista una terza, in casa della migliore classificata nella stagione regolare.

In semifinale il capolista e neopromosso Calvisano affrontò il Rovigo, finalista della stagione precedente: all'andata i veneti vinsero 14-8 mentre al ritorno i lombardi guadagnarono la qualificazione nei minuti di recupero con un calcio piazzato di Paul Griffen che permise al Calvisano di vincere di 7 punti[4]; nell'altra semifinale, I Cavalieri di Prato vinsero entrambi i confronti contro Mogliano, 24-29 e 18-16[5].

Sconfiggendo sia all'andata che al ritorno i toscani, il Calvisano si aggiudicò il suo terzo scudetto[6], divenendo, contestualmente, la prima squadra nella storia del rugby italiano a diventare campione nazionale dopo avere militato nell'anno precedente in seconda divisione[6].

Indice

Squadre partecipantiModifica

Stagione regolareModifica

RisultatiModifica

8/9-10-2011 1ª/10ª giornata 22-2-2012[7]
21-16 Petrarca - Calvisano 9-16
22-14 Mogliano - Lazio 27-27
11-22 Reggio Emilia - Rovigo 3-23
17-15 L'Aquila - Crociati 9-35
24-55 S. Gregorio - I Cavalieri 14-43
29/30-10-2011 4ª/13ª giornata 3/4-3-2012
36-3 Calvisano - S. Gregorio 19-8
38-10 Rovigo - Lazio 27-21
12-16 Crociati - Mogliano 16-23
42-10 I Cavalieri - Reggio Emilia 41-20
15-26 L'Aquila - Petrarca 15-51
23-12-2011 7ª/16ª giornata 31-3/1-4-2012
19-10 Calvisano - Crociati 18-14
16-17 Lazio - L'Aquila 17-12
20-23 Rovigo - I Cavalieri 23-27
20-15 Reggio Emilia - S. Gregorio 22-13
32-23 Mogliano - Petrarca 12-9
15/16-10-2011 2ª/11ª giornata 19-2-2012
50-13 Calvisano - Reggio Emilia 37-7
28-28 Lazio - Petrarca 9-13
9-9 Rovigo - Mogliano 19-26
26-21 Crociati - S. Gregorio 13-7
17-25 L'Aquila - I Cavalieri 11-53
26/27-11-2011 5ª/14ª giornata 10/11-3-2012
7-10 Lazio - Calvisano 11-30
40-7 Rovigo - Crociati 22-16
12-18 Reggio Emilia - Petrarca 13-34
12-7 Mogliano - I Cavalieri 19-22
18-15 S. Gregorio - L'Aquila 16-19
7/8-1-2012 8ª/17ª giornata 14/15-4-2012
20-20 I Cavalieri - Calvisano 17-18
17-25 S. Gregorio - Lazio 16-37
8-27 L'Aquila - Rovigo 25-32
25-0 Petrarca - Crociati 20-19
16-33 Reggio Emilia - Mogliano 15-62
22/23-10-2011 3ª/12ª giornata 25/26-2-2012
8-30 Mogliano - Calvisano 18-26
26-18 Lazio - Crociati 25-33
23-17 S. Gregorio - Rovigo 5-39
19-14 Reggio Emilia - L'Aquila 9-23
13-16 Petrarca - I Cavalieri 28-19
3/4-12-2011 6ª/15ª giornata 24/25-3-2012
14-20 Calvisano - Rovigo 3-44
46-20 I Cavalieri - Lazio 29-10
0-20[8] Crociati - Reggio Emilia 20-27
38-5 Petrarca - S. Gregorio 13-19
22-15 L'Aquila - Mogliano 10-52
28/29-1-2012 9ª/18ª giornata 21/22-4-2012
30-12 Calvisano - L'Aquila 43-17
20-16 Lazio - Reggio Emilia 18-19
5-21 Rovigo - Petrarca 16-16
26-42 Crociati - I Cavalieri 6-17
75-5 Mogliano - S. Gregorio 20-7

ClassificaModifica

Squadra G V N P PF PS B Pen Pt
  1. Calvisano 18 14 1 3 435 259 176 7 0 65
  2. I Cavalieri 18 14 1 3 554 311 243 10 4 64
  3. Mogliano 18 12 2 4 481 289 192 6 0 58
  4. Rovigo 18 11 2 5 443 268 175 9 0 57
5. Petrarca 18 11 2 5 406 267 139 8 0 56
6. S.S. Lazio 18 6 2 10 342 417 -75 6 0 34
7. Reggio Emilia 18 5 0 13 271 486 -215 4 0 24
8. L’Aquila 18 5 0 13 278 509 -231 4 0 24
9. Crociati 18 4 0 14 286 394 -108 9 4 21
  10. San Gregorio 18 3 0 15 236 532 -296 4 0 16

PlayoffModifica

SemifinaliModifica

Rovigo
28 aprile 2012, ore 17:30 UTC+2
Semifinale d’andata
Rovigo14 – 8CalvisanoStadio Mario Battaglini (3 200 spett.)
Arbitro:  Alan Falzone (Padova)

Mogliano Veneto
29 aprile 2012, ore 17:30 UTC+2
Semifinale d’andata
Mogliano24 – 29I CavalieriStadio Maurizio Quaggia (1 500 spett.)
Arbitro:  Stefano Pennè (Milano)

Calvisano
5 maggio 2012, ore 17:30 UTC+2
Semifinale di ritorno
Calvisano16 – 9RovigoStadio San Michele (2 000 spett.)
Arbitro:  Claudio Passacantando (L'Aquila)

Prato
6 maggio 2012, ore 17:30 CEST
Semifinale di ritorno
I Cavalieri18 – 16MoglianoStadio Enrico Chersoni
Arbitro:  Stefano Mancini (Frascati)

FinaleModifica

Prato
12 maggio 2012, ore 16:50 UTC+2
Finale d’andata
I Cavalieri22 – 27CalvisanoStadio Enrico Chersoni (2 430 spett.)
Arbitro:  Carlo Damasco (Napoli)

Calvisano
19 maggio 2012, ore 16:30 UTC+2
Finale di ritorno
Calvisano16 – 14I CavalieriStadio San Michele (3 500 spett.)
Arbitro:  Marius Mitrea (Treviso)

VerdettiModifica

NoteModifica

  1. ^ Comunicato federale FIR nº 1 stagione sportiva 2011-12 (PDF), su federugby.it. URL consultato il 9 agosto 2011.
  2. ^ Comunicato Stampa FIR del 23 luglio 2011, su federugby.it. URL consultato il 6 maggio2012.
  3. ^ Delibera FIR dell'8 agosto 2011 (PDF), su docs.google.com. URL consultato il 12 maggio 2012.
  4. ^ Il sogno è finito, in Rovigo Oggi, 5 maggio 2012. URL consultato il 4 giugno 2012.
  5. ^ I Cavalieri centrano la finale scudetto. Battuto il Mogliano 18-16, in il Tirreno, 6 maggio 2012. URL consultato il 4 giugno 2012.
  6. ^ a b Calvisano nella storia: scudetto da matricola, in la Repubblica, 19 maggio 2012. URL consultato il 4 giugno 2012.
  7. ^ Originariamente prevista per il 4/5 febbraio, fu rinviata al 22 febbraio 2012 per maltempo.
  8. ^ L'incontro, vinto dai Crociati sul campo per 15-7, non fu omologato a causa del ricorso del Rugby Reggio Emilia che fece opposizione circa l'utilizzo e il rientro di alcuni giocatori non specialisti senza fondato motivo. Il Giudice Sportivo accolse il ricorso e concesse il 20-0 al Reggio Emilia e un'ulteriore penalizzazione di 4 punti in classifica ai Crociati (Il testo della delibera FIR in formato PDF)
  Portale Rugby: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rugby