Apri il menu principale

Edoardo Artistico

calciatore italiano
Edoardo Artistico
Edoardo Artistico - Torino Calcio 1998-99.jpg
Artistico al Torino nel 1998
Nazionalità Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 78 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 2006
Carriera
Giovanili
19??-19?? non conosciuta Maestrelli
19??-19?? Lazio
Squadre di club1
1986-1987 Cynthia 10 (4)
1987 Lanerossi Vicenza 0 (0)
1987-1988 Roma 0 (0)
1988-1989 Frosinone 30 (9)
1989-1990 Perugia 33 (6)
1990-1992 Vicenza 62 (21)
1992-1994 Monza 67 (12)
1994 Pescara 9 (2)
1994-1996 Ancona 56 (26)
1996 Perugia 3 (1)
1996-1998 Salernitana 53 (18)
1998-2001 Torino 47 (16)
2001-2002 Crotone 14 (5)
2002 Napoli 4 (1)
2002-2003 Crotone 27 (16)
2003-2005 Pistoiese 42 (17)
2005 Verona 9 (1)
2005-2006 Latina 6 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Edoardo Artistico – detto Ciccio[1] (Roma, 16 giugno 1969) è un ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Ha segnato reti in tutte le categorie in cui è stato impiegato, dalla Serie A alla Serie D.

BiografiaModifica

Originario di Napoli e nato a Trastevere[1][2], è fratello maggiore di Mario, anch'egli calciatore nelle serie inferiori[3].

Caratteristiche tecnicheModifica

Centravanti mobile, forte fisicamente[4] e abile nel gioco aereo[1], era dotato di una limitata tecnica individuale[4].

CarrieraModifica

Dopo gli esordi giovanili con la Maestrelli di Portonaccio e con la Lazio (Giovanissimi)[4], nel 1986 si accasa al Cynthia di Genzano. L'anno successivo viene acquistato dal Lanerossi Vicenza, che lo cede in prestito alla Primavera della Roma e poi per due stagioni in Serie C1 al Frosinone e al Perugia[5]. Mentre veste la maglia dei Grifoni gioca con la Top Umbria (una selezione dei calciatori di Perugia, Ternana e Gubbio) un'amichevole contro la Nazionale brasiliana in preparazione ai Mondiali 1990: la partita viene vinta dagli italiani proprio con un gol di Artistico[6]. Nel 1990 rientra al Vicenza, con cui realizza 21 reti in poco più di due stagioni sempre in Serie C1.

Nell'autunno 1992 sale per la prima volta in Serie B, acquistato dal Monza[5]. Schierato in coppia con Anselmo Robbiati, contribuisce con 8 reti alla salvezza dei brianzoli nel campionato 1992-1993[5]; viene riconfermato anche per la stagione successiva, chiusa dai biancorossi all'ultimo posto, e mette a segno 4 reti[5]. Rimane comunque in cadetteria vestendo le maglie di Pescara (per pochi mesi all'inizio del campionato 1994-1995) e poi Ancona. Con i dorici disputa la sua migliore stagione in termini realizzativi, con 20 gol in 34 presenze, non sufficienti a evitare la retrocessione in Serie C1.

 
Artistico (accosciato, secondo da destra) al Perugia nel 1996

Nel 1996 torna al Perugia, nel frattempo promosso in Serie A. Debutta nella massima serie il 24 novembre 1996, nella vittoria interna sul Verona, realizzando il terzo gol degli umbri[4]; tuttavia non si integra nel modulo di gioco di Giovanni Galeone, che non lo vede come titolare[4], e nel dicembre 1996 si trasferisce alla Salernitana in Serie B. Dopo una prima stagione altalenante[4] le prestazioni migliorano con l'arrivo di Delio Rossi che lo schiera come punta centrale per aprire spazi a Marco Di Vaio[4]; i due formano una prolifica coppia d'attacco (33 reti complessive) vincendo il campionato di Serie B 1997-1998.

Nell'estate 1998, non rientrando nei piani tecnici dei campani dopo la promozione[7], viene acquistato dal Torino per 4 miliardi di lire per fare coppia con Marco Ferrante (già suo compagno di squadra a Salerno)[7][8]. Con i granata festeggerà nuovamente la promozione in Serie A, a cui contribuisce con 8 reti in 26 partite disputate nonostante problemi di compatibilità tattica con Ferrante, che lo portano spesso in panchina[9]. Nelle due stagioni successive il suo rendimento è pesantemente condizionato da intemperanze caratteriali[1] e da una serie di infortuni al tendine d'Achille e al tallone, che richiedono due operazioni chirurgiche e uno stop di 14 mesi, dal dicembre 1999 al febbraio 2001[2]. Rientrato in squadra per gli ultimi mesi del campionato 2000-2001, contribuisce alla sua terza promozione personale in Serie A con 6 reti in 13 partite, tra cui quella decisiva sul campo del Pescara[10]. Ciononostante, non gli viene rinnovato il contratto e a fine stagione rimane svincolato[10].

Per il campionato 2001-2002 resta tra i cadetti con il Crotone di Antonio Cabrini[11]. La stagione è negativa per la squadra, e nel gennaio 2002 il nuovo allenatore Giuseppe Materazzi lo mette fuori rosa insieme ad altri compagni[12]. Passa quindi in prestito al Napoli[13], dove è poco impiegato anche a causa di un infortunio al menisco[14]. A fine stagione ritorna al Crotone per il campionato di Serie C1 2002-2003[15], nel quale riprende a giocare e segnare con regolarità (16 reti in 27 partite). A causa del mancato raggiungimento dei playoff e della successiva contestazione dei tifosi, tuttavia, rescinde il contratto in anticipo sul termine della stagione agonistica[16].

Viene quindi ingaggiato dalla Pistoiese, sempre in Serie C1, dove trova come allenatore il suo ex compagno al Torino Massimo Ficcadenti[17]. Resta in Toscana per una stagione e mezza, fino al gennaio 2005, quando viene ingaggiato dall'Hellas Verona, su indicazione di Ficcadenti, come riserva del centravanti titolare Erjon Bogdani[18]. Chiude la carriera nel 2006 con 6 presenze nel Latina, in Serie C2.

PalmarèsModifica

Competizioni nazionaliModifica

Salernitana: 1997-1998
Torino: 2000-2001

NoteModifica

  1. ^ a b c d Cicciogol, genio ma soprattutto follia, La Repubblica, 10 gennaio 2002
  2. ^ a b Artistico diventa il bomber di scorta, La Repubblica, 4 febbraio 2001
  3. ^ Il Chieti ha preso Artistico «Felice di essere neroverde», Il Centro, 5 agosto 2005
  4. ^ a b c d e f g E nel campionato di B sono in testa 4 romani, La Repubblica, 16 gennaio 1998
  5. ^ a b c d #ExMonza - "Ciccio" Artistico in attesa di... Archiviato il 27 agosto 2016 in Internet Archive. Monza-news.net
  6. ^ Curzio Maltese, La Seleçao si squaglia, in La Stampa, 29 maggio 1990, p. 20.
  7. ^ a b Artistico, un goleador da Toro "Faremo come la Salernitana", La Gazzetta dello Sport, 19 luglio 1998
  8. ^ Artistico: che coppia con Ferrante, La Stampa, 19 luglio 1998
  9. ^ Torino, bentornato a casa, La Gazzetta dello Sport, 7 giugno 1999
  10. ^ a b Edoardo Artistico: “Io e quel Verona – Torino d’altri tempi. Accadde tutto in tre minuti…” Toronews.net
  11. ^ Artistico, la vita ricomincia a Crotone, La Gazzetta dello Sport, 13 luglio 2001
  12. ^ È bufera a Crotone: 8 giocatori fuori rosa e grossi colpi in canna Tuttomercatoweb.com
  13. ^ Accordo all'ultimo istante con l'Udinese. Arrivano Pavon e Lopez, va via Jankulovski, La Gazzetta dello Sport, 1º febbraio 2002
  14. ^ Stellone s'arrende: sarà operato, La Gazzetta dello Sport, 27 marzo 2002
  15. ^ Napoli: vendere, vendere, vendere! Tuttomercatoweb.com
  16. ^ Ciccio Artistico dice addio al Crotone Ilcrotonese.it
  17. ^ Il primo super-colpo di Fagni: preso Artistico, Il Tirreno, 14 agosto 2003
  18. ^ Sorpresa: Artistico se ne va, Il Tirreno, 1º febbraio 2005

Collegamenti esterniModifica