Edoardo di Gheldria

Edoardo
Johannes Hinderikus Egenberger - Anno 1371. Hertog Eduard van Gelre wordt te Baesweiler verraderlijk doodgeschoten - SA 4889 - Amsterdam Museum.jpg
Edoardo ferito a Baesweiler
Duca di Gheldria
Stemma
In carica 13611371
Predecessore Rinaldo III
Successore Rinaldo III
Nome completo = Edoardo di Gheldria
Altri titoli Conte di Zutphen
Nascita 12 marzo 1336
Morte 24 agosto 1371
Luogo di sepoltura abbazia di Graefenthal, Goch, Circondario di Kleve
Dinastia Wassenberg
Padre Rinaldo II
Madre Eleonora d'Inghilterra
Religione cattolico

Edoardo di Gheldria; in francese: Édouard de Gueldre (12 marzo 133624 agosto 1371) fu duca di Gheldria e Conte di Zutphen, dal 1361 alla sua morte.

OrigineModifica

Edoardo, sia secondo il Kronijk van Arent toe Bocop, che secondo Les chroniques de Jean Froissart. Tome 1 era il figlio secondogenito del Duca di Gheldria e conte di Zutphen, Rinaldo II e della sua seconda moglie, Eleonora d'Inghilterra[1][2], che, come ci viene confermato dal Kronijk van Arent toe Bocop era la figlia terzogenita del re d'Inghilterra, Edoardo II[3] e di Isabella di Francia[4], che, secondo lo storico e genealogista francese, Pierre de Guibours, detto Père Anselme de Sainte-Marie o più brevemente Père Anselme, nel suoHistoire généalogique et chronologique de la maison royale de France, era figlia del re di Francia, Filippo IV il Bello[5] e della regina di Navarra, contessa di Champagne e Brie, Giovanna I di Navarra[6], che, secondo le Gesta Philippi Tertii Francorum Regis, era la figlia secondogenita del re di Navarra (col nome di Enrico I) e conte di Champagne e Brie (col nome di Enrico III), Enrico di Navarra e di Bianca d'Artois[7].
Rinaldo II di Gheldria, come ci viene confermato dal Kronijk van Arent toe Bocop era il figlio maschio primogenito del Conte di Gheldria e di Zutphen, Rinaldo I e della sua seconda moglie, Margherita Dampierre o di Fiandra[3], che, secondo il Kronijk van Arent toe Bocop, era figlia del Conte di Fiandra, Guido di Dampierre[8] e della sua seconda moglie Isabella di Lussemburgo († 1298), figlia di Enrico IV di Lussemburgo[9][10] e di Margherita de Bar.

BiografiaModifica

Il 19 marzo 1339, suo padre, Rinaldo II, fu riconosciuto duca di Gheldria e conte di Zutphen al parlamento di Francoforte dall'Imperatori del Sacro Romano Impero, Ludovico di Baviera[11].

Nel 1343, suo padre, Rinaldo II, trasferì la sua residenza da Geldern a Nimega, ma morì improvvisamente ad Arnhem lo stesso anno e fu sepolto nell'abbazia di Graefenthal[12], vicino a Goch.
Essendo i figli maschi minorenni gli succedette il primogenito, suo fratello, Rinaldo, come Rinaldo III, con la reggenza della madre, Eleonora d'Inghilterra[1], che, come reggente ebbe sempre molte difficoltà a che venisse riconosciuta dai sudditi e l'anno dopo fu costretta a lasciare l'incarico.

Dal 1350, sua madre, Eleonora, riguardo alla suddivisione dell'eredità paterna, sostenne le rivendicazioni di Edoardo, ormai maggiorenne, che creò una accesa rivalità tra i due fratelli; Eleonora e Rinaldo ebbero poi una disputa circa il dissenso sorto fra i due fratelli, e Rinaldo III, respinti i tentativi di riconciliazione di sua madre, le confiscò tutte le sue proprietà, quindi Eleonore si trasferì nel monastero cistercense di Deventer e il 22 aprile 1355 Eleonora morì in povertà all'abbazia Cistercense di Deventer, e secondo il Kronijk van Arent toe Bocop, fu sepolta, accanto al marito, nell'abbazia di Graefenthal[12], Goch, Circondario di Kleve.

Dopo la morte della madre, secondo il Rerum Belgicarum Annales Chronici Et Historici si formarono due fazioni, una detta Hekers, che sosteneva Rinaldo, mentre la seconda, detta Bronchoerit, sosteneva Edoardo[13], che si fronteggiarono, sino a che, nel 1361, Rinaldo assediò Edoardo a Tiel, dove avvenne lo scontro finale, che vide la vittoria di Edoardo ed i suoi seguaci che catturarono Rinaldo[13]; Edoardo fu riconosciuto duca di Gheldria, mentre Rinaldo fu fu imprigionato[13], nel Castello di Nijenbeek, nei pressi di Voorst.
Sempre secondo il Rerum Belgicarum Annales Chronici Et Historici Rinaldo era molto grasso (pinguis et carnosus fuit)[14], e, a proposito si narra che nel dongione in cui fu rinchiuso non dovevano chiudere la porta in quanto, per le sue dimensioni, Rinaldo non riusciva a passare attraverso il varco.

Nel 1368, secondo ancora il Rerum Belgicarum Annales Chronici Et Historici, Edoardo aveva stipulato un contratto di matrimonio con Caterina di Baviera, figlia del duca di Baviera, conte d'Olanda e Zelanda e conte d'Hainaut, Alberto I di Baviera[15] e della moglie, Margherita di Brieg.

Edoardo morì il 24 agosto 1371, due giorni dopo essere stato ferito, combattendo a fianco del cognato, il duca Guglielmo II di Jülich, contro Venceslao I di Lussemburgo[15], che aveva attaccato il ducato di Jülich, ma fu sonoramente sconfitto a Baesweiler, dove perse parte del suo esercito e parecchi nobili persero la vita e Venceslao stesso fu fatto prigioniero[16]; sempre secondo il Rerum Belgicarum Annales Chronici Et Historici, Edoardo fu ferito da una freccia scagliata da un suo seguace, tale Ermanno, la cui moglie, si diceva fosse stata attratta dal duca Edoardo[15]; Edoardo fu sepolto nell'abbazia di Graefenthal, Goch, Circondario di Kleve, accanto ai suoi predecessori[15][1].
Caterina di Baviera, ancora vergine, rimase vedova a 10 anni, mentre il fratello di Edoardo, Rinaldo III, fu liberato e fu riconosciuto nuovamente duca di Gheldria[15].

Rinaldo III resse il ducato per poco più di tre mesi, morì il 4 dicembre di quello stesso anno e fu sepolto nell'abbazia di Graefenthal, Goch, Circondario di Kleve, accanto ai genitori[1]. Siccome, né Rinaldo, né Edoardo avevano lasciato eredi, il ducato andò alle sorellastre[15]; siccome la primogenite, Margherita, era morta, a Rinaldo III succedette Matilde[1], ma fu contestata dalla sorella Maria; contestazione che portò alla Prima guerra di successione gheldriana.

DiscendenzaModifica

Di Edoardo non si conosce alcuna discendenza[17][18].

NoteModifica

BibliografiaModifica

Letteratura storiograficaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN220946405 · GND (DE136113249 · CERL cnp01150116 · WorldCat Identities (ENviaf-220946405