Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Essen (disambigua).
Essen
Città extracircondariale
Essen – Stemma Essen – Bandiera
Essen – Veduta
Veduta
Localizzazione
StatoGermania Germania
LandFlag of North Rhine-Westphalia.svg Renania Settentrionale-Vestfalia
DistrettoDüsseldorf
CircondarioNon presente
Territorio
Coordinate51°27′03″N 7°00′47″E / 51.450833°N 7.013056°E51.450833; 7.013056 (Essen)Coordinate: 51°27′03″N 7°00′47″E / 51.450833°N 7.013056°E51.450833; 7.013056 (Essen)
Altitudine116 m s.l.m.
Superficie210,34 km²
Abitanti583 084[1] (31-12-2016)
Densità2 772,1 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale45359 e 45001
Prefisso0201 e 02054
Fuso orarioUTC+1
Codice Destatis05 1 13 000
TargaE
Cartografia
Mappa di localizzazione: Germania
Essen
Essen
Essen – Mappa
Sito istituzionale
La miniera di carbone Zollverein è il punto di riferimento della città

Essen è una città extracircondariale di 583 084 abitanti della Renania Settentrionale-Vestfalia, in Germania.

Appartiene alla regione della Ruhr, di cui è il secondo centro maggiore dopo Dortmund. È, dopo Colonia, Düsseldorf e Dortmund, la quarta città del Land, e la nona dell'intera Germania. La città è legata all'industria siderurgica della famiglia Krupp, originaria di Essen.

Indice

Geografia fisicaModifica

Essen (5 756 018 ab. con l'agglomerato urbano) si trova al centro della Regione della Ruhr, compresa nella regione metropolitana della Rhein-Ruhr. Nella popolosa conurbazione si trova a metà strada dalle città di Düsseldorf e Dortmund, nonché molto vicina ad altri popolosi centri come Duisburg, Bochum, Wuppertal e Gelsenkirchen.

StoriaModifica

EtimologiaModifica

Nelle nazioni germanofone il nome della città causa spesso confusione per ciò che riguarda la sua origine, poiché corrisponde all'infinito del verbo tedesco essen, che significa "mangiare", e al sostantivo tedesco Essen, che significa "cibo". Gli esperti discutono ancora sull'interpretazione del toponimo e hanno formulato alcune interpretazioni degne di nota.

La forma più antica del nome della città è Astnide, che si cambiò in Essen passando attraverso forme come Astnidum, Assinde, Essendia ed Esnede. Il nome Astnide poteva riferirsi a una regione in cui si trovavano molti frassini o a una regione nell'est dell'Impero dei Franchi. Si è anche pensato a una derivazione dall'antico termine tedesco per indicare il focolare, Esse, data la storia industriale della città, ma il legame è assai improbabile poiché le forme antiche del nome hanno origine in tempi precedenti l'industrializzazione.

Alla fine del XVI secolo erano attive a Essen diverse miniere di carbone e la città iniziò a essere un importante centro economico legato alla produzione di armi. Lo sviluppo industriale di Essen crebbe ulteriormente con l'industria siderurgica della famiglia Krupp. Nel 1811 Friedrich Krupp creò la sua prima fabbrica e nel giro di due decenni Essen divenne uno dei più grandi poli industriali europei. Nel 1896 la città contava già 100.000 abitanti.

MonumentiModifica

Architetture religioseModifica

  • Cattedrale di Essen, costruita a partire dalla metà del VII secolo e più volte restaurata, è situata nel cuore della città. Al suo interno è custodito un tesoro fra i più importanti di tutto il paese per pregio e qualità delle opere. Tra di esse spicca la celebre Madonna dorata di Essen, ovvero la più antica scultura della Vergine esistente realizzata a nord delle Alpi.
  • Sinagoga vecchia di Essen: inaugurata nel 1913, è uno degli edifici di culto ebraici più grandi e imponenti della Germania, uno dei pochi ad aver sopravvissuto le distruzioni del periodo nazista.


EconomiaModifica

Essen è un importante centro economico che ospita attività industriali e terziarie di rilevanza mondiale.

In città si trova uno dei due quartieri generali della ThyssenKrupp, la principale azienda siderurgica europea nata nel 1999 dalla fusione tra la Thyssen della vicina Duisburg e la Krupp della famiglia omonima. La maggiore compagnia della città è la E.ON, seguita dalla RWE che sono i principali produttori nazionale di energia elettrica. Vi sono anche la Hochtief AG (costruzioni), ALDI Nord (grande distribuzione), Evonik Industries, Arcandor AG, Medion (elettronica di consumo), Deichmann (commercio di scarpe), DB Schenker (divisione logistica delle ferrovie Deutsche Bahn), Eon-Ruhrgas (gas naturale). Fino al 2003 ospitava anche la filiale tedesca della Coca-Cola, poi spostata a Berlino.

CulturaModifica

Nel 2010 Essen è stata capitale europea della cultura.

IntrattenimentoModifica

Nel 2013, dal 26 luglio al 28 luglio, a Essen si è tenuta la seconda edizione europea della convention di Star Wars, ovvero la "Star Wars Celebration Europe II", che ha avuto in tre giorni un totale di 20.000 visitatori.

Suddivisione amministrativaModifica

Essen è suddivisa in 9 distretti urbani (Stadtbezirk), a loro volta suddivisi in quartieri (Stadtteil), complessivamente 50.

Infrastrutture e trasportiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione di Essen Hauptbahnhof.

Essen è servita dalle linee S1, S2, S3, S6 e S9 del sistema S-Bahn Reno-Ruhr.

SportModifica

Vi ha sede il Rot-Weiss Essen, società di calcio. La squadra di pallacanestro è l'ETB Wohnbau Baskets Essen.

AmministrazioneModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN125488872 · LCCN (ENn80089415 · GND (DE4015557-2 · BAV ADV12564372
  Portale Germania: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Germania