Evander Holyfield

pugile statunitense
Evander Holyfield
Campione del mondo dei pesi massimi
Evander Holyfield.jpg
Holyfield nel 2007
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 189 cm
Peso 102 kg
Pugilato Boxing pictogram.svg
Categoria Pesi massimi
Mediomassimi
Ritirato 5 maggio 2011
Carriera
Incontri disputati
Totali 57
Vinti (KO) 44 (29)
Persi (KO) 10 (2)
Pareggiati 2
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Los Angeles 1984 Mediomassimi
Flag of PASO.svg Giochi Panamericani
Argento Caracas 1983 Mediomassimi
Statistiche aggiornate al 5 maggio 2011

Evander Holyfield (Atmore, 19 ottobre 1962) è un ex pugile statunitense.

BiografiaModifica

È il minore di 9 fratelli, nonché padre di ben 11 figli.[1] In gioventù ha praticato il football americano, prima di dedicarsi alla boxe.[2]

La sua abilità negli affari economici gli è valsa il soprannome di «Real Deal».[2][3][4][5][6]

CarrieraModifica

Attività amatorialeModifica

Imbattuto per 184 incontri da dilettante, coronò la carriera vincendo il bronzo tra i massimi leggeri a Los Angeles 1984.[2] Nel corso del torneo fu squalificato per un colpo scorretto ai danni di Kevin Barry.[7][8] L'esordio professionistico avvenne il 15 novembre dello stesso anno, con una vittoria.[9]

ProfessionismoModifica

1986-1994: dai primi successi al temporaneo stopModifica

Dal 1986 al 1988 Holyfield fu capace di riunire la corona dei mediomassimi, aggiudicandosi il titolo in tre versioni differenti: Wba, Ibf e Wbc.[10] Passato alla categoria superiore, ascese al primo posto del ranking[11]; il 25 ottobre 1990 strappò la cintura a James Douglas[12], impostosi contro Mike Tyson nel febbraio precedente.[13] Durante gli anni a venire respinse gli assalti di George Foreman[14] (19 aprile 1991[15]), Bert Cooper (22 novembre 1991[16]) e Larry Holmes (19 giugno 1992).[17]

Il 13 novembre 1992 venne spodestato da Riddick Bowe[18], trionfando tuttavia nel rematch del 1993.[19] Nell'aprile 1994, dopo una sconfitta con Michael Moorer[20], gli fu rinvenuta un'aritmia cardiaca tale da costringerlo ad una temporanea inattività.[21] In quel momento, Holyfield contava un record di 30 vittorie e 2 sconfitte.[22]

1995-2001: dal ritorno alle sfide con Tyson, Lewis e RuizModifica

Riprese la carriera già nel 1995, perdendo a 33 anni ancora contro Bowe.[23] Il 9 novembre 1996 si confrontò invece con Tyson, per una sfida attesa già nel 1991 ma saltata a causa delle vicende giudiziarie di Iron Mike[24]: la vittoria arrise a Holyfield, per un knock-out tecnico all'undicesima ripresa.[25] La circostanza rappresentò la terza affermazione del pugile dell'Alabama tra i massimi[26], anche se la rivincita del 28 giugno 1997 assunse contorni grotteschi: Tyson fu squalificato al terzo round, dopo aver ripetutamente morso a sangue l'orecchio di Holyfield.[27][28]

Il 1999 fu invece l'anno del doppio match con Lennox Lewis, che fece dapprima registrare un pari e successivamente una controversa vittoria ai punti del canadese[29]: quest'ultimo verdetto incontrò il disappunto di Holyfield.[30][31] Il 12 agosto 2000 conquistò per la quarta volta il titolo della Wba, imponendosi sul portoricano John Ruiz[32]: quest'ultimo fece poi sua la rivincita, il 3 marzo 2001.[33] L'ultimo confronto tra i due andò in scena il 15 dicembre successivo, risolvendosi in parità.[34]

2002-2011: il decennio conclusivoModifica

Ormai prossimo ai quarant'anni, nel 2002 ebbe la meglio su Hasim Rahman.[35][36] Ad un anno dal combattimento con Ruiz, tentò un altro assalto al titolo che fallì per mano di Chris Byrd.[37] Vani risultarono anche i tentativi contro James Toney nel 2003 e Larry Donald nel 2004.[38] Proprio in seguito a tale sfida, la commissione di New York ne sospese la licenza per ragioni mediche.[39] Holyfield non pose termine alla carriera[40], vincendo anche contro Lou Savarese nel 2007.[41] Nel medesimo anno affrontò Sultan Ibragimov per il titolo[42], cedendo ai punti.[43] Lo stesso esito fu quello del match con Nikolaj Valuev[3], nel dicembre 2008.[44]

Dopo aver smentito la possibilità di un'ulteriore sfida con Tyson — ritiratosi, da par suo, nel 2005 —[45] sostenne, a 47 anni, un match con il più giovane Francois Botha[46]: a dispetto dell'età avanzata, colse una vittoria in otto riprese ai danni del sudafricano.[47] Aggiudicatosi per la quinta volta in carriera il titolo, lo difese contro Sherman Williams e Brian Nielsen ritirandosi infine nella primavera 2011.[48]

Lista degli incontriModifica

N. Risultato Record Avversario Tipo Round, tempo Data Località Note
57 Vittoria 44–10–2 (1)   Brian Nielsen TKO 10 (12), 2:49 5 maggio 2011   Koncerthuset, Copenaghen, Danimarca
56 NC 43–10–2 (1)   Sherman Williams NC 3 (12), 3:00 22 gennaio 2011   The Greenbrier, White Sulphur Springs, Virginia Occidentale, U.S. Difende il titolo WBF (Federation);
No contest dopo che Holyfield si procurò un taglio a causa di una testata accidentale
55 Vittoria 43–10–2   Francois Botha TKO 8 (12), 0:55 10 aprile 2010   Thomas & Mack Center, Paradise, Nevada, U.S. Vince il vacante titolo WBF (Federation) dei pesi massimi
54 Sconfitta 42–10–2   Nikolaj Valuev MD 12 20 dicembre 2008   Hallenstadion, Zurigo, Svizzera Per il titolo WBA dei pesi massimi
53 Sconfitta 42–9–2   Sultan Ibragimov UD 12 13 ottobre 2007   Khodynka Arena, Mosca, Russia Per il titolo WBO dei pesi massimi
52 Vittoria 42–8–2   Lou Savarese UD 10 30 giugno 2007   Don Haskins Center, El Paso, Texas, U.S.
51 Vittoria 41–8–2   Vinny Maddalone TKO 3 (10), 2:48 17 maggio 2007   American Bank Center, Corpus Christi, Texas, U.S.
50 Vittoria 40–8–2   Fres Oquendo UD 12 10 novembre 2006   Alamodome, San Antonio, Texas, U.S. Vince il titolo vacante USBA dei pesi massimi
49 Vittoria 39–8–2   Jeremy Bates TKO 2 (12), 2:56 18 agosto 2006   American Airlines Center, Dallas, Texas, U.S.
48 Sconfitta 38–8–2   Larry Donald UD 12 13 novembre 2004   Madison Square Garden, New York City, New York, U.S. Per il vacante titolo NABC dei pesi massimi
47 Sconfitta 38–7–2   James Toney TKO 9 (12), 1:42 4 ottobre 2003   Mandalay Bay Events Center, Paradise, Nevada, U.S.
46 Sconfitta 38–6–2   Chris Byrd UD 12 14 dicembre 2002   Boardwalk Hall, Atlantic City, New Jersey, U.S. Per il titolo vacante IBF dei pesi massimi
45 Vittoria 38–5–2   Hasim Rahman TD 8 (12), 1:40 1 giugno 2002   Boardwalk Hall, Atlantic City, New Jersey, U.S. Split TD per infortunio accidentale di Rahman
44 Pareggio 37–5–2   John Ruiz SD 12 15 dicembre 2001   Foxwoods Resort Casino, Ledyard, Connecticut, U.S. Per il titolo WBA dei pesi massimi
43 Sconfitta 37–5–1   John Ruiz UD 12 3 marzo 2001   Mandalay Bay Events Center, Paradise, Nevada, U.S. Perde titolo WBA dei pesi massimi
42 Vittoria 37–4–1   John Ruiz UD 12 12 agosto 2000   Paris Las Vegas, Paradise, Nevada, U.S. Vince titolo vacante WBA dei pesi massimi
41 Sconfitta 36–4–1   Lennox Lewis UD 12 13 novembre 1999   Thomas & Mack Center, Paradise, Nevada, U.S. Perde titoli WBA e IBF;
Per i titoli WBC, Lineare, e titolo vacante IBO
40 Pareggio 36–3–1   Lennox Lewis SD 12 13 marzo 1999   Madison Square Garden, New York City, New York, U.S. Difende titoli WBA e IBF;
Per i titoli WBC e Lineare dei pesi massimi
39 Vittoria 36–3   Vaughn Bean UD 12 19 settembre 1998   Georgia Dome, Atlanta, Georgia, U.S. Difende titoli WBA e IBF
38 Vittoria 35–3   Michael Moorer RTD 8 (12), 3:00 8 novembre 1997   Thomas & Mack Center, Paradise, Nevada, U.S. Difende titolo WBA;
Vince titolo IBF dei pesi massimi
37 Vittoria 34–3   Mike Tyson DQ 3 (12), 3:00 28 giugno 1997   MGM Grand Garden Arena, Paradise, Nevada, U.S. Difende titolo WBA
Tyson squalificato per morsi
36 Vittoria 33–3   Mike Tyson TKO 11 (12), 0:37 9 novembre 1996   MGM Grand Garden Arena, Paradise, Nevada, U.S. Vince titolo WBA dei pesi massimi
35 Vittoria 32–3   Bobby Czyz RTD 5 (10), 3:00 10 maggio 1996   Madison Square Garden, New York City, New York, U.S.
34 Sconfitta 31–3   Riddick Bowe TKO 8 (12), 0:58 4 novembre 1995   Caesars Palace, Paradise, Nevada, U.S.
33 Vittoria 31–2   Ray Mercer UD 10 20 maggio 1995   Convention Hall, Atlantic City, New Jersey, U.S.
32 Sconfitta 30–2   Michael Moorer MD 12 22 aprile 1994   Caesars Palace, Paradise, Nevada, U.S. Perde titoli WBA, IBF, e Lineare
31 Vittoria 30–1   Riddick Bowe MD 12 6 novembre 1993   Caesars Palace, Paradise, Nevada, U.S. Vince titoli WBA, IBF, e Lineare dei pesi massimi
30 Vittoria 29–1   Alex Stewart UD 12 26 giugno 1993   Convention Hall, Atlantic City, New Jersey, U.S.
29 Sconfitta 28–1   Riddick Bowe UD 12 13 novembre 1992   Thomas & Mack Center, Paradise, Nevada, U.S. Perde titoli WBA, WBC, IBF, e Lineare
28 Vittoria 28–0   Larry Holmes UD 12 19 giugno 1992   Caesars Palace, Paradise, Nevada, U.S. Difende titoli WBA, WBC, IBF, e Lineare
27 Vittoria 27–0   Bert Cooper TKO 7 (12), 2:58 23 novembre 1991   Omni Coliseum, Atlanta, Georgia, U.S. Difende titoli WBA, WBC, IBF, e Lineare
26 Vittoria 26–0   George Foreman UD 12 19 aprile 1991   Convention Hall, Atlantic City, New Jersey, U.S. Difende titoli WBA, WBC, IBF, e Lineare dei pesi massimi
25 Vittoria 25–0   Buster Douglas KO 3 (12), 1:10 25 ottobre 1990   The Mirage, Paradise, Nevada, U.S. Vince titoli WBA, WBC, IBF, e Lineare dei pesi massimi
24 Vittoria 24–0   Seamus McDonagh TKO 4 (12), 0:44 1 giugno 1990   Convention Hall, Atlantic City, New Jersey, U.S. Difende titolo WBC Continental Americas dei pesi massimi
23 Vittoria 23–0   Alex Stewart TKO 8 (12), 2:51 4 novembre 1989   Trump Plaza Hotel and Casino, Atlantic City, New Jersey, U.S. Difende titolo WBC Continental Americas dei pesi massimi
22 Vittoria 22–0   Adílson Rodrigues KO 2 (12), 1:29 15 luglio 1989   Caesars Tahoe, Stateline, Nevada, U.S. Difende titolo WBC Continental Americas dei pesi massimi
21 Vittoria 21–0   Michael Dokes TKO 10 (12), 1:41 11 marzo 1989   Caesars Palace, Paradise, Nevada, U.S. Vince titolo WBC Continental Americas dei pesi massimi
20 Vittoria 20–0   Pinklon Thomas RTD 7 (10), 3:00 9 dicembre 1988   Convention Hall, Atlantic City, New Jersey, U.S.
19 Vittoria 19–0   James Tillis RTD 5 (10), 3:00 15 luglio 1988   Caesars Tahoe, Stateline, Nevada, U.S.
18 Vittoria 18–0   Carlos de León TKO 8 (12), 1:08 9 aprile 1988   Caesars Palace, Paradise, Nevada, U.S. Difende titoli WBA e IBF Cruiserweight;
Vince titolo WBC Cruiserweight e Lineare Cruiserweight
17 Vittoria 17–0   Dwight Muhammad Qawi KO 4 (15), 2:30 5 dicembre 1987   Convention Hall, Atlantic City, New Jersey, U.S. Difende titoli WBA e IBF Cruiserweight
16 Vittoria 16–0   Ossie Ocasio TKO 11 (15), 1:24 15 agosto 1987   Parking de Nouveau Port, Saint-Tropez, Francia Difende titoli WBA e IBF Cruiserweight
15 Vittoria 15–0   Ricky Parkey TKO 3 (15), 2:44 15 maggio 1987   Caesars Palace, Paradise (Nevada), U.S. Difende titolo WBA Cruiserweight;
Vince titolo IBF Cruiserweight
14 Vittoria 14–0   Henry Tillman TKO 7 (15), 1:43 14 febbraio 1987   Bally's, Reno, Nevada, U.S. Difende titolo WBA Cruiserweight
13 Vittoria 13–0   Mike Brothers TKO 3 (10) 8 dicembre 1986   Parigi, Francia
12 Vittoria 12–0   Dwight Muhammad Qawi SD 15 12 luglio 1986   Omni Coliseum, Atlanta, Georgia, U.S. Vince titolo WBA Cruiserweight
11 Vittoria 11–0   Terry Mims KO 5 (10), 1:12 28 maggio 1986   Metairie Louisiana, U.S.
10 Vittoria 10–0   Jesse Shelby KO 3 (10) 6 aprile 1986   Corpus Christi, Texas, U.S.
9 Vittoria 9–0   Chisanda Mutti TKO 3 (10), 1:37 1 maggio 1986   Host Resort, Lancaster, Pennsylvania, U.S.
8 Vittoria 8–0   Anthony Davis TKO 4 (10), 1:31 21 dicembre 1985   Pavilion Convention Center, Virginia Beach, Virginia, U.S.
7 Vittoria 7–0   Jeff Meachem TKO 5 (8), 1:02 30 ottobre 1985   Broadway by the Bay Theater, Atlantic City, New Jersey, U.S.
6 Vittoria 6–0   Rick Myers TKO 1 (8), 3:00 29 agosto 1985   Omni Coliseum, Atlanta, Georgia, U.S.
5 Vittoria 5–0   Tyrone Booze UD 8 20 giugno 1985   Scope, Norfolk, Virginia, U.S.
4 Vittoria 4–0   Mark Rivera TKO 2 (8), 2:46 20 aprile 1985   Memorial Coliseum, Corpus Christi, Texas, U.S.
3 Vittoria 3–0   Fred Brown TKO 1 (6), 1:56 13 marzo 1985   Scope, Norfolk, Virginia, U.S.
2 Vittoria 2–0   Eric Winbush UD 6 20 giugno 1985   Broadway by the Bay Theater, Atlantic City, New Jersey, U.S.
1 Vittoria 1–0   Lionel Byarm UD 6 15 novembre 1984   Madison Square Garden, New York, U.S.

OnorificenzeModifica

  Ellis Island Medal of Honor

FilmografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ R.G., Holyfield e un figlio di troppo, in La Gazzetta dello Sport, 29 ottobre 1999.
  2. ^ a b c Claudio Ferretti e Augusto Frasca, Enciclopedia dello Sport, in Le Garzantine, Garzanti Libri, 2008, p. 1696, ISBN 978-88-11-50522-8.
  3. ^ a b Emanuela Audisio, Holyfield, in la Repubblica, 19 dicembre 2008, p. 38.
  4. ^ Massimo Arcidiacono, Boxe, Holyfield: "Arrendersi mai, rischiate e vivete i sogni", su gazzetta.it, 10 settembre 2016.
  5. ^ (EN) Wallace Matthews, Now a Promoter, Evander Holyfield tries to find the next Real Deal, su nytimes.com, 17 novembre 2017.
  6. ^ Rino Tommasi, Holyfield fa gli onori di casa, in La Gazzetta dello Sport, 18 settembre 1998.
  7. ^ (EN) Peter Alfano, Holyfield of U.S. is disqualified, in The New York Times, 10 agosto 1984.
  8. ^ Emanuela Audisio, Una donna tutta sola, è la Dorio, in la Repubblica, 12 agosto 1984, p. 28.
  9. ^ Una pioggia di dollari sulle medaglie dei Giochi, in la Repubblica, 17 novembre 1984, p. 28.
  10. ^ (EN) Phil Berger, Holyfield is aiming to take a shot at Tyson, in The New York Times, 6 dicembre 1988.
  11. ^ Ancora Douglas-Tyson, in la Repubblica, 14 febbraio 1990, p. 38.
  12. ^ Tutta la verità su Douglas..., in la Repubblica, 25 ottobre 1990, p. 39.
  13. ^ Il bluff di Douglas, in la Repubblica, 27 ottobre 1990, p. 35.
  14. ^ (EN) Phil Berger, Holyfield keeps title; Foreman wins respect, in The New York Times, 20 aprile 1991.
  15. ^ Foreman, va bene così, in la Repubblica, 21 aprile 1991, p. 43.
  16. ^ Rosi rilancia la sfida, in la Repubblica, 23 novembre 1991, p. 24.
  17. ^ Ha perso ai punti, Holmes si consola così, in la Repubblica, 21 giugno 1992, p. 29.
  18. ^ Emanuela Audisio, Bowe, campione da Far West, in la Repubblica, 15 novembre 1992, p. 42.
  19. ^ Sarà processato il paracadutista del mondiale Bowe-Holyfield, in la Repubblica, 9 novembre 1993, p. 32.
  20. ^ Il mancino Moorer caccia Holyfield, in la Repubblica, 24 aprile 1994, p. 42.
  21. ^ (EN) Matt Tench, Holyfield fought with heart condition: Former world heavyweight champion retires after doctor says it was "a miracle" that he finished 12-round bout, in The Independent, 26 aprile 1994.
  22. ^ Cuore affaticato, Holyfield si ritira, in la Repubblica, 27 aprile 1994, p. 27.
  23. ^ Emanuela Audisio, L'addio felice di Holyfield, in la Repubblica, 6 novembre 1995, p. 51.
  24. ^ Emanuela Audisio, Tyson, sono pugni in svendita, in la Repubblica, 9 novembre 1996, p. 41.
  25. ^ Ripresa numero 11: nove colpi ed è finita, in la Repubblica, 11 novembre 1996, p. 36.
  26. ^ Emanuela Audisio, "Dio lo ha voluto", in la Repubblica, 11 novembre 1996, p. 36.
  27. ^ Fausto Narducci, Rino Tommasi e Daniele Redaelli, Tyson, un vampiro impazzito, in La Gazzetta dello Sport, 30 giugno 1997.
  28. ^ Emanuela Audisio, Tyson l'indemoniato, a morsi contro Holyfield, su repubblica.it, 30 giugno 1997.
  29. ^ Emanuela Audisio, Holyfield-Lewis, boxe da scandalo, in la Repubblica, 15 marzo 1999, p. 36.
  30. ^ (EN) Lewis crowned undisputed champ, su news.bbc.co.uk, 14 novembre 1999.
  31. ^ Emanuela Audisio, L'inglese Lewis nuovo re del ring, in la Repubblica, 15 novembre 1999, p. 42.
  32. ^ (EN) Michael Arkush, Holyfield regains part of title but goes backward, in The New York Times, 14 agosto 2000.
  33. ^ Ruiz toglie il mondiale a Holyfield, in la Repubblica, 5 marzo 2001, p. 49.
  34. ^ (EN) Ruiz-Holyfield III a draw, in Los Angeles Times, 16 dicembre 2001.
  35. ^ (EN) Mike Freeman, After fight is stopped, the winner is Holyfield, in The New York Times, 2 giugno 2002.
  36. ^ Pugilato, Holyfield batte Rahman ai punti, su sport.repubblica.it, 2 giugno 2002.
  37. ^ (EN) Clifton Brown, Byrd wins unanimous decision and I.B.F. title, in The New York Times, 15 dicembre 2002.
  38. ^ Toney fa più triste il declino di Holyfield, in La Gazzetta dello Sport, 6 ottobre 2003.
  39. ^ È SUCCESSO ANCHE, in La Gazzetta dello Sport, 17 novembre 2004.
  40. ^ Holyfield a 44 anni vince senza lampi, in La Gazzetta dello Sport, 12 novembre 2006.
  41. ^ Tutte notizie, in La Gazzetta dello Sport, 2 luglio 2007.
  42. ^ Riccardo Crivelli, Holyfield si sente l'ultimo Rocky, in La Gazzetta dello Sport, 13 ottobre 2007.
  43. ^ Holyfield, sogno svanito, su it.eurosport.com, 14 ottobre 2007.
  44. ^ Valuev batte Holyfield, su it.eurosport.com, 21 dicembre 2008.
  45. ^ Massimo Lopes Pegna, Holyfield e Tyson, la pace va in diretta tv, in La Gazzetta dello Sport, 17 ottobre 2009.
  46. ^ Stefano Arcobelli, Holyfield e quel match da circo pur di guadagnare, in La Gazzetta dello Sport, 3 gennaio 2010.
  47. ^ (EN) Holyfield stops Botha in eighth round, su reuters.com, 11 aprile 2010.
  48. ^ Holyfield vince per ko, in la Repubblica, 9 maggio 2011, p. 34.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN75582728 · ISNI (EN0000 0000 3218 0414 · LCCN (ENn96065957 · GND (DE134217942 · NDL (ENJA00559334 · WorldCat Identities (ENn96-065957