Apri il menu principale
Fabrizio Cecchetti
Fabrizio Cecchetti daticamera 2018.jpg

Presidente del Consiglio Regionale della Lombardia
Durata mandato 8 maggio 2012 –
26 marzo 2013
Predecessore Davide Boni
Successore Raffaele Cattaneo

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
Lega - Salvini Premier
Circoscrizione Lombardia 1
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Lega Nord
Titolo di studio Diploma di Liceo Scientifico
Professione Impiegato

Fabrizio Cecchetti (Rho, 3 dicembre 1977) è un politico italiano.

BiografiaModifica

Nato e residente a Rho, ha conseguito il diploma di liceo scientifico; il 4 giugno 2018 si è sposato con Laura Santin.[1]

Attività politicaModifica

Entra nella Lega Nord sin da giovanissimo, aderendo al Movimento Giovani Padani.[2]

Nel 1998 viene eletto Consigliere comunale a Rho, venendo rieletto anche alle successive elezioni del 2002 e del 2007.[3]

Alle elezioni regionali in Lombardia del 2005 viene eletto in Consiglio regionale nelle liste della Lega Nord, in provincia di Milano. Viene rieletto consigliere regionale anche alle successive regionali del 2010.[4]

L'8 maggio 2012 viene eletto Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, subentrando a Davide Boni, che si era dimesso il 17 aprile precedente dopo essere stato indagato per corruzione.[5][6]

Nel 2011 è stato il candidato Sindaco della Lega Nord a Rho, non ricevendo tuttavia l'appoggio del Popolo della Libertà, che si schiera con un altro candidato: dopo aver conseguito il 27,84% al primo turno, viene sconfitto al ballottaggio dal candidato del centro-sinistra Pietro Romano.[7]

Alle regionali del 2013 è eletto per la terza volta consecutiva in Consiglio regionale, andando ad assumere la carica di Vicepresidente del Consiglio regionale.[8]

Elezione a deputatoModifica

Alle elezioni politiche del 2018 viene eletto alla Camera dei Deputati, nelle liste della Lega nella circoscrizione Lombardia 1.[9]

Il 15 giugno 2018 diviene vice capogruppo vicario della Lega alla Camera.[10]

Posizioni politicheModifica

Si è spesso contraddistinto per avere spesso assunto posizioni divergenti rispetto a quelle del proprio partito. Nella fattispecie si è dichiarato favorevole al testamento biologico,[11] alle unioni civili e al matrimonio tra persone dello stesso sesso.[12][13]

Per tre anni consecutivi (2014, 2015, 2016),[14] nonostante il parere contrario del partito, ha espresso il proprio voto favorevole al patrocinio della Regione Lombardia al Gay pride di Milano,[15] risultando determinante nella concessione dello stesso patrocinio: questo scatenò accese polemiche all'interno della Lega.[16]

Procedimenti giudiziariModifica

Nel 2012 viene indagato nell'inchiesta legata all'uso dei fondi destinati ai gruppi consiliari regionali, durante il mandato di consigliere regionale nel periodo 2008-2012.[17][18]

Il 16 maggio 2014, prima della sentenza della Corte dei conti, ha restituito 49 mila euro, riconducibili all'acquisto di pranzi e cene con i fondi destinati ai gruppi consiliari.[19]

Il 29 aprile 2015 viene rinviato a giudizio.[20]

NoteModifica

  1. ^ Tanti auguri da TN a Fabrizio Cecchetti e Laura Santin, oggi sposi | Ticino Notizie, in Ticino Notizie, 4 giugno 2018. URL consultato l'8 settembre 2018.
  2. ^ Elezioni/Lega, Fabrizio Cecchetti 'verso' Roma. 'Tutti gli uomini' di Salvini. E nell'Est Ticino.. | Ticino Notizie, in Ticino Notizie, 6 dicembre 2017. URL consultato l'8 settembre 2018.
  3. ^ Gli incarichi e le dichiarazioni di FABRIZIO CECCHETTI | openpolis, su politici.openpolis.it. URL consultato l'8 settembre 2018.
  4. ^ consiglio.regione.lombardia.it, http://www.consiglio.regione.lombardia.it/wps/portal/crl/home/istituzione/I-Consiglieri/elenco-consiglieri/Dettaglio-consigliere/fabrizio-cecchetti/fabrizio-cecchetti.
  5. ^ Lombardia, tangenti targate Lega: i verbali che accusano Davide Boni - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano, 7 marzo 2012. URL consultato l'8 settembre 2018.
  6. ^ Cecchetti è il nuovo presidente del Consiglio regionale - Bergamo News, in BergamoNews, 8 maggio 2012. URL consultato l'8 settembre 2018.
  7. ^ Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, su elezionistorico.interno.gov.it. URL consultato l'8 settembre 2018.
  8. ^ (EN) La mia attività, su Fabrizio Cecchetti. URL consultato l'8 settembre 2018.
  9. ^ ilsussidiario.net, http://www.ilsussidiario.net/News/Politica/2018/3/8/ELETTI-LEGA-CAMERA-E-SENATO-Nomi-proporzionale-e-uninominale-tutti-i-seggi/810413/.
  10. ^ Lega, la scalata di Fabrizio Cecchetti continua: vicepresidente del gruppo alla Camera | Ticino Notizie, in Ticino Notizie, 15 giugno 2018. URL consultato l'8 settembre 2018.
  11. ^ Eutanasia: Cecchetti (Ln), Lombardia superi Roma su testamento biologico. URL consultato l'8 settembre 2018.
  12. ^ «Pro gay? Molti i leghisti con me Dobbiamo tutelare le unioni civili», in Corriere della Sera. URL consultato l'8 settembre 2018.
  13. ^ Fontana, il ministro per la Famiglia contro aborto e coppie gay - VanityFair.it, in VanityFair.it, 1527850002. URL consultato l'8 settembre 2018.
  14. ^ Gay Pride, sì al patrocinio con voto leghista. E il centrodestra si divide, in Corriere della Sera. URL consultato l'8 settembre 2018.
  15. ^ Sottoscrivi C+, in Corriere della Sera. URL consultato l'8 settembre 2018.
  16. ^ Gay pride, scandalo nella Lega: Cecchetti regala il patrocinio - - - Il Corriere di Lecco, su www.corrieredilecco.it. URL consultato l'8 settembre 2018.
  17. ^ Via agli interrogatori per i 40 indagati La Minetti tra i primi a finire davanti ai pm - Gazzetta di Mantova, in Archivio - Gazzetta di Mantova. URL consultato l'8 settembre 2018.
  18. ^ Il riciclato, l'economista fallito e quelli delle spese pazze Gli impresentabili di Salvini - la Repubblica.it, in Archivio - la Repubblica.it. URL consultato l'8 settembre 2018.
  19. ^ Regione Lombardia, spese pazze. Prima condanna della Corte di Conti - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano, 31 luglio 2014. URL consultato l'8 settembre 2018.
  20. ^ Spese pazze al Pirellone: rinviato a giudizio anche Fabrizio Cecchetti, in MilanoToday. URL consultato l'8 settembre 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica