Felice di Borbone-Parma

Felice di Borbone-Parma
Prince Félix of Luxembourg, Prince of Parma and Princely consort of Luxembourg (1893-1970).jpg
Felice di Borbone-Parma in un ritratto fotografico d'epoca
Principe consorte di Lussemburgo
Stemma
In carica 6 novembre 1919
12 novembre 1964
Predecessore Maria Anna di Braganza
Successore Giuseppina Carlotta del Belgio
Nome completo tedesco: Félix Marie Vincent
italiano: Felice Maria Vincenzo
Trattamento Sua Altezza Reale
Nascita Schwarzau am Steinfeld, Germania, 28 ottobre 1893
Morte Fischbach, Lussemburgo, 8 aprile 1970
Casa reale Casato di Borbone-Parma
Padre Roberto I di Parma
Madre Maria Antonia di Braganza
Consorte Carlotta di Lussemburgo
Figli Giovanni
Elisabetta
Maria Adelaide
Maria Gabriella
Carlo
Alice
Religione Cattolicesimo

Felice Vincenzo Maria di Borbone-Parma (Schwarzau am Steinfeld, 28 aprile 1893Fischbach, 8 aprile 1970) fu principe consorte di Lussemburgo come marito di Carlotta di Lussemburgo, granduchessa dal 1919 fino alla sua abdicazione nel 1964.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

Era il diciottesimo figlio (l'ottavo maschio) di Roberto I di Parma e della sua seconda moglie, Maria Antonia di Braganza.

Nonostante la perdita del trono, il duca Roberto e la sua famiglia godettero di una notevole ricchezza, viaggiando in un treno privato e più di una dozzina di auto, tra i le dimore di Schwarzau am Steinfeld, nei pressi di Vienna, Villa Pianore nel nord-ovest Italia e il magnifico Castello di Chambord in Francia.

Meno di quattro mesi dopo la morte di Roberto, nel 1907, il Gran Maresciallo della Corte austriaca dichiarò sei dei figli del suo primo matrimonio legalmente incapaci, per volere della duchessa Maria Antonia. Ciò nonostante, l'erede principale di Roberto rimase Elia, il figlio più giovane del primo matrimonio, che divenne anche il tutore legale dei suoi sei fratelli maggiori. I fratelli maggiori di Felice, il principe Sisto e il principe Saverio, nati dal secondo matrimonio, citarono in giudizio il loro fratellastro per ottenere una quota maggiore del patrimonio paterno, ma persero la causa, lasciando Felice con modeste prospettive.

MatrimonioModifica

Felice sposò, il 6 novembre 1919 a Lussemburgo, Carlotta di Lussemburgo, divenendo anche, il giorno prima, Principe di Lussemburgo in base a un decreto granducale. A differenza di altri Principi consorti europei, non adottò il cognome dinastico della moglie né cedette il suo titolo. Dal matrimonio nacquero sei figli.

Principe consorte di LussemburgoModifica

Felice servì nel reggimento dei Dragoni dell'esercito austriaco come tenente e capitano, ma rassegnò le sue dimissioni nel novembre 1918. Fu Presidente della Croce Rossa lussemburghese tra il 1923 e il 1932 e di nuovo tra il 1947 e il 1969. È stato anche colonnello dei reggimenti dei volontari lussemburghesi (1920) e ispettore generale dell'esercito Lussemburgo tra il 1945 e il 1967.

In occasione delle loro nozze d'oro nel 1969, la granduchessa Carlotta ed il principe Felice ricevettero la Croce dell'Ordine della resistenza.

MorteModifica

Felice di Borbone muore l'8 aprile 1970 al castello di Fiscbach, dove si era stabilito dopo l'abdicazione di Carlotta. Le sue spoglie riposano nella cripta della famiglia granducale sotto la Cattedrale di Notre-Dame.

DiscendenzaModifica

Dal matrimonio tra Felice e Carlotta di Lussemburgo nacquero sei figli:

Nome Nascita Morte Note
Giovanni 5 gennaio 1921 23 aprile 2019 sposò la principessa Giuseppina Carlotta del Belgio e fu Granduca di Lussemburgo dal 1964 al 2000.
Elisabetta 22 dicembre 1922 22 novembre 2011 sposò il duca Francesco Ferdinando di Hohenberg.
Maria Adelaide 21 maggio 1924 28 febbraio 2007 sposò Carlo Giuseppe Henckel di Donnersmark.
Maria Gabriella 2 agosto 1925 sposò il conte Knud di Holstein-Ledreborg.
Carlo 7 agosto 1927 26 luglio 1977 sposò Joan Douglas Dillon.
Alice 24 agosto 1929 11 febbraio 2019 sposò il principe Antonio de Ligne.

AscendenzaModifica

OnorificenzeModifica

Onorificenze lussemburghesiModifica

  Cavaliere dell'Ordine del Leone d'Oro di Nassau

Onorificenze straniereModifica

  Cavaliere dell'Ordine supremo del Cristo (Santa Sede)
  Cavaliere di gran croce dell'Ordine militare di San Benedetto d'Avis (Portogallo)
— 24 febbraio 1950
  Cavaliere del Reale Ordine dei Serafini (RSerafO, Svezia)
— 18 luglio 1951

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN304920899 · ISNI (EN0000 0000 5573 2672 · GND (DE136926630 · BNF (FRcb170892893 (data) · BNE (ESXX5188679 (data) · BAV (EN495/201256 · WorldCat Identities (ENviaf-304920899