Apri il menu principale
Forces royales air
القوات الجوية الملكية
al-Quwwat al-Jawwiyya al-Malikiyya
Adwas ujenna ageldan
Regie forze aeree
Royal Moroccan Air Force
Moroccan Air Force.png
La bandiera di guerra delle Regie forze aeree (in alto a destra c'è scritto Allāh (Iddio), in alto a sinistra al-Watan (la Patria) e in basso al centro al-Malik (il Re).
Descrizione generale
Attiva1956 - oggi
NazioneMarocco Marocco
Servizioforze armate marocchine
Tipoaeronautica militare
Dimensione13.000 effettivi,
274 aeromobili (2018)[1]
Battaglie/guerreGuerra delle sabbie
Guerra dei sei giorni
Guerra del Kippur
Guerra del Sahara Occidentale
Parte di
Dipartimento della Difesa
إدارة الدفاع
Comandanti
generaleAhmed Boutaleb
Capo cerimonialere Mohammed VI del Marocco
Simboli
Coccarda
Roundel of Morocco.svg
Fin Flash
Moroccan fin flash.PNG
Voci su forze aeree presenti su Wikipedia

Le Forces royales air (in arabo: القوات الجوية الملكية‎, al-Quwwat al-Jawwiyya al-Malikiyya; in tamazight: Adwas ujenna ageldan), ossia "Regie forze aeree", spesso abbreviate con la sigla FRA, sono l'aeronautica militare del Marocco e parte integrante delle Regie forze armate.

Indice

StoriaModifica

NascitaModifica

Le Regie forze aeree nascono il 19 novembre 1956 con il nome di "Aviation royale chérifienne" (Regia aviazione sceriffiana). Le sue moderne basi aeree sono state ereditate da Francia, Stati Uniti d'America e Spagna. I primi acquisti per la neonata forza aerea sono stati: sei Morane-Saulnier MS.500, tre aerei da trasporto Max Holste Broussard, due Beechcraft Twin Bonanza, un de Havilland DH.114 Heron ed un elicottero Bell 47.

Nel 1961 il nome cambiò in Forces royales air, ultimo nome utilizzato. Nello stesso periodo il Marocco ottenne dall'Unione Sovietica 12 MiG-17, 2 biposto MiG-15 "Midget" e 4 bombardieri Ilyushin Il-28; ricevette anche 24 aerei da addestramento Fouga Magister dalla Francia.

Intanto la rottura con Mosca portò il Marocco a cercare un nuovo alleato negli Stati Uniti, acquistando da essi sei aerei da combattimento Northrop F-5 e successivamente, nel 1966 altri 20 aeromobili dello stesso tipo. Per quanto riguarda gli aerei da trasporto, l'aeronautica marocchina disponeva di 10 Douglas C-47, 18 Fairchild C-119 Flying Boxcar e 6 C-130 Hercules. Disponeva inoltre di 24 elicotteri Bell UH-1 Iroquois e 12 addestratori biposto T-6 Texan. Negli anni novanta era in progetto l'acquisto di alcuni Dassault Mirage 2000 o F-16, ma l'operazione commerciale non venne conclusa per mancanza di fondi da parte del governo marocchino. Sembra però che il Marocco abbia ripreso in mano il progetto di modernizzare la propria flotta aerea, dati i contatti con la Russia per l'acquisto di alcuni aerei da combattimento MiG-29 e Su-30MKA. Nell'estate 2007 sono stati presi di nuovo in considerazione anche l'americano F-16 ed il francese Dassault Rafale,[2] anche se il primo dei due sembra avere maggiori possibilità di aggiudicarsi la commessa.[3]

Nel 2008 la RMAF avvia un programma per la modernizzazione della sua flotta aerea. 27 Dassault Mirage F1 vengono aggiornati e portati al livello del Mirage 2000-5 ad un costo stimato di $ 420 milioni.[4] Nel marzo 2013, è stato confermato dalle Regie forze aeree l'acquisto di aeromobile a pilotaggio remoto dalla Francia almeno 3 Dassault / IAI Heron, oltre ai tre droni, la RMAF possiede quattro General Atomics droni Predator XP, ed altri Aeromobile a pilotaggio remoto acquistati dagli Stati Uniti.

Al 2014 sono in corso negoziazioni per l'acquisto di diversi aeromobile:

Battaglie/guerreModifica

Guerra delle sabbieModifica

Nella Guerra delle sabbie le Regie forze aeree marocchine giocarono un ruolo importante.

Guerra dei sei giorniModifica

Durante la guerra dei sei giorni, uno squadrone di Northrop F-5 della Regie forze aeree, si trasferì in Egitto e partecipò alle missioni di pattugliamento

Guerra del KippurModifica

Durante la guerra del Kippur, uno squadrone di Northrop F-5A (12 unità in versione cacciabombardiere) delle Regie forze aeree marocchine si riunì al 69º Squadrone dell'aeronautica militare egiziana a Tanta, il 19 ottobre 1973. Lo squadrone marocchino fu accompagnato da un Lockheed C-130 Hercules che trasportava pezzi di ricambio, armi e attrezzature. Al reparto venne assegnato compiti e missioni di natura CAP, ossia, pattugliamento aereo da combattimento. Nel gennaio 1974 in una missione di ricognizione, due F-5A armati di AIM-9B e 2 cannoni Pontiac M39 da 20 mm, intercettarono due Dassault Mirage III dell'Heyl Ha'Avir, l'aeronautica militare dello Stato di Israele, ed i piloti israeliani alla vista degli F-5A decisero di allontanarsi. Preoccupati per una possibile imboscata da parte del F-4 Phantom II il centro comando dell'Al-Quwwat al-Jawwiyya al-Misriyya, l'aeronautica militare egiziana, ordinò ai caccia marocchini di non inseguirli e di far ritorno alla base, dove vennero sostituiti con due MiG-21MF della forza aerea egiziana.

La guerra del Sahara OccidentaleModifica

Allo scoppiare della guerra del Sahara Occidentale i primi aeromobili ad essere coinvolti furono i Fouga Magister, mentre poco dopo entrarono in servizio attivo anche i Northrop F-5. All'inizio l'obiettivo fondamentale del Marocco era quello di creare una zona sicura laddove risiedevano i maggiori interessi politici ed economici marocchini, ovvero la zona compresa tra la capitale Al-Aaiun, il centro religioso di Smara e i giacimenti di fosfato di Bu-Craa.
Il problema principale che la flotta marocchina dovette affrontare era lo scarsa autonomia di carburante dei Northrop F-5, insufficiente per realizzare missioni nel vasto fronte che si era aperto; per ovviare a questo inconveniente furono acquistati 2 Lockheed KC-130 nel 1982, mentre due Boeing.707-138B furono attrezzati per poter effettuare il rifornimento in volo, ampliando così notevolmente il raggio d'attacco dei Northrop F-5.

Nelle fasi iniziali del conflitto i Mirage F-1 vennero impiegati soprattutto sul confine con Libia e Algeria, che sostenevano politicamente ed economicamente il Fronte Polisario. Alla fine però le due nazioni non intervennero direttamente e così i Mirage F-1 vennero utilizzati per effettuare attacchi aria-terra contro Polisario.

Basi aereeModifica

  • Rabat Salé (GMME) – Base aerea Nº 1
  • Meknès - Bassatine (GMFM) – Base aerea Nº 2
  • Kenitra (GMMY) – Base aerea Nº 3
  • Casablanca - Base aerea Nº 4
  • Sidi Slimane (GMSL) – Base aerea Nº 5
  • Marrakech (GMMX) – Base aerea d'accademia
  • Laayoune (El Aaiún) - Isola di Hassan (GMML) – Distaccamento Nº 1
  • Aeroporto di Moulay Ali Cherif - Aeroporto militare e commerciale

Aeromobili in usoModifica

Aeromobile Origine Tipo Versione
(denominazione locale)
In servizio
(2018)[1][7]
Note Immagine
Aerei da combattimento
Lockheed Martin F-16 Fighting Falcon   Stati Uniti caccia multiruolo
conversione operativa
caccia multiruolo
F-16C Block 52+
F-16D Block 52+
F-16C Block 72
15[8][1][7][9][10]
8[8][1][7][9]
0
24 ordinati e consegnati dal 2011.[7] [9] Un F-16C è precipitato in Yemen per guasto tecnico a maggio 2015.[10] 25 F-16C block 70 Viper verranno consegnati entro il 2021 per un costo di 3.79 miliardi di dollari, mentre i 23 F-16 block 52 verranno aggiornati allo standard del Viper block 70 per un costi stimato di 985 milioni di dollari.[11][12] [13][8]
Dassault Mirage F1   Francia caccia multiruolo
conversione operativa
Mirage F1-MF2000
Mirage F1B
23[14][1][7][15]
3[1][7][16]
Dei 50 esemplari (30 F1CH, 14 F1EH, 6 F1EH-200S) acquisiti dal 1978, nel 2006, 27 furono aggiornati come F1-M2000 per portarli allo stesso standard dei Mirage 2000-5, ed a tutto il 2018 ne risultano in carico 24 in quanto uno è andato distrutto il 17 agosto 2015.[7][15] Un ulteriore esemplare è andato perso a gennaio 2019, portando a 23 il numero degli aerei monposto disponibili.[14] Nel 2013 sono stati consegnati 3 biposto F1B ex Armée de l'air, per la conversione operativa.[7][16]
Northrop F-5 Tiger II   Stati Uniti cacciabombardiere
conversione operativa
F-5E Tiger III
F-5F Tiger III
22[1][7]
4[1][7]
Acquistati dal 1981, dei 36 risultanti in organico, solo 25 (aggiornati allo standard Tiger III tra il 2001 ed il 2004) sono in servizio operativo, visto che gli F-5A/B e gli RF-5 sono prossimi alla radiazione.[7]
Impieghi speciali
Dassault Falcon 20   Francia ECM ELINT Falcon 20F-EW 2[1][7] 2 aerei acquistati dal 1968, sono stati aggiornati nel 2005.
Beechcraft Super King Air   Stati Uniti Inseminazione delle nuvole King Air 200 1[7] Equipaggiato per l'inseminazione delle nuvole[7][17]
Aeromobili a pilotaggio remoto - UAV[18][19][20][21]
General Atomics RQ-1 Predator   Stati Uniti Aeromobile a pilotaggio remoto RQ-1XP 4[7] Variante non armata ricevuta tra il 2010 ed il 2012.[7]
EADS Harfang   Francia
  Israele
Aeromobile a pilotaggio remoto Harfang 3[7] Acquistati nel 2013, sono esemplari ex francesi.[7]
General Atomics GNAT   Stati Uniti Aeromobile a pilotaggio remoto I-GNAT ER 4[7]
BAE Systems SkyEye R4E-50   Stati Uniti
  Regno Unito
Aeromobile a pilotaggio remoto BAE SkyEye R4E-50 2[7] 6 consegnati nel periodo 1988-1990
Aerei per rifornimento in volo
Lockheed C-130 Hercules   Stati Uniti aereo per rifornimento in volo KC-130H 2[1][7]
Aerei da trasporto
Lockheed C-130 Hercules   Stati Uniti aereo da trasporto C-130H 14[1][7] Consegnati nel periodo 1974-1976.[7]
Alenia C-27J Spartan   Italia aereo da trasporto tattico C-27J 4[1][7] Consegnati dal 2010.[7]
CASA CN-235   Spagna aereo da trasporto tattico CN-235M 6[1][7] Acquistati nel 1990.[7]
Boeing BBJ   Stati Uniti aereo da trasporto VIP 737BBJ2 2[7] Uno dei quali destinato esclusivamente al sovrano.[7]
Dassault Falcon 50   Francia aereo da trasporto VIP Falcon 50/100 2[7]
Gulfstream III   Stati Uniti aereo da trasporto VIP G.III 1[7]
Gulfstream V   Stati Uniti aereo da trasporto VIP G.V 1[7]
Gulfstream G550   Stati Uniti aereo da trasporto VIP G550 1[7]
Beechcraft Super King Air   Stati Uniti aereo da trasporto leggero Super King Air 200/300/350 7[1][7]
Cessna Citation   Stati Uniti aereo da trasporto Citation V/XLS 2[7]
Aerei da addestramento
Dassault-Dornier Alpha Jet   Francia
  Germania
aereo da addestramento
CAS/COIN
Alpha Jet E+ 22[22][1][7] 24 Alpha Jet E ricevuti tra il 1979 ed il 1981.[22] 22 aerei sono stati aggiornati tra il 2009 ed il 2012 dalla belga SABCA.[22][7]
Beechcraft Super King Air   Stati Uniti aereo da addestramento King Air 100 4[1][7]
Raytheon T-6 Texan II   Stati Uniti aereo da addestramento T-6C 24[1][7] Entrati in servizio a partire dal 2011 con consegne completate nel 2012.[22][7]
FFA AS-202 Bravo   Svizzera aereo da addestramento basico AS-202/18A 6[7]
Elicotteri
Agusta-Bell 205   Stati Uniti
  Italia
elicottero utility AB-205A 33[7][1] 47 acquistati dal 1969, che risultano in organico, ma solo 33 operativi.[1][7]
Agusta-Bell 206   Stati Uniti
  Italia
elicottero utility
elicottero da addestramento
AB-206A JetRanger
AB-206B
17[1][7]
5[1]
26 in organico ma 17 in servizio attivo.
Agusta-Bell 212   Stati Uniti
  Italia
elicottero utility AB-212 4[1][7]
SA 342 Gazelle   Francia elicottero d'attacco SA 342M/L 23[1][7]
Aérospatiale SA 330 Puma   Francia elicottero utility SA 330C
SA 330L
26[1][7] Dei 40 SA-330C consegnati nel 1976, 29 sono in servizio, ma solo 26 esemplari sono stati aggiornati tra il 2008 ed il 2010 dalla rumena IAR allo standard SA-330L.[7]
Boeing CH-47 Chinook   Stati Uniti elicottero da trasporto pesante CH-47C
CH-47D
7[7]
3[1][7]
Dei 12 CH-47C acquistati nel periodo 1979/1982, ne restano in servizio 7, a cui sono stati affiancati 3 CH-47D ex US Army acquistati nel 2009.[7]
AgustaWestland AW139   Italia elicottero da trasporto VIP AW139
CN-MMS
1 L'elicottero ufficiale utilizzato dal re del Marocco su dgualdo.it[23]

Aeromobili ritiratiModifica

ArmamentoModifica

PodModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y (EN) World Air Force 2019 (PDF), su Flightglobal.com, p. 22. URL consultato il 10 gennaio 2019.
  2. ^ (EN) Dogfight at the Casbah: Rafale vs. F-16, su Defense Industry Daily, LLC, https://www.defenseindustrydaily.com/, 22 ottobre 2007.
  3. ^ (EN) Exclusif: le Rafale de Dassault menace d'un echec au Maroc, su La Tribune.fr, https://www.latribune.fr/accueil/a-la-une.html (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2007).
  4. ^ www.arabianaerospace.aero.
  5. ^ www.ogginotizie.it.
  6. ^ farmorocco.wordpress.com.
  7. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at au av aw ax ay "Le Forze Armate del Marocco" - "Rivista italiana difesa" N. 3 - 03/2017 pp. 64-75
  8. ^ a b c "Il Marocco potenzia la sua flotta di F-16" - "Aeronautica & Difesa" N. 391 - 05/2019 pag. 68
  9. ^ a b c "LOCKHEED MARTIN DELIVERS FINAL F-16s TO MOROCCO", su defenceweb, 29 agosto 2013, URL consultato il 19 ottobre 2016.
  10. ^ a b "MAROCCO: AERONAUTICA, F-16 PRECIPITATO IN YEMEN PER GUASTO TECNICO", su agenzianova.com, 13 maggio 2015, URL consultato il 19 ottobre 2016.
  11. ^ "The US State Department approved the possible sale of 25 Lockheed Martin F-16C/D Block 72 fighters to the Royal Moroccan Air Force, as well as a possible agreement to upgrade 23 of the air force’s Lockheed Martin F-16 fighters to the F-16V variant."
  12. ^ "Morocco cleared for massive F-16 fighter buy"
  13. ^ "Morocco to Receive First Batch of F16 Viper in 2021"
  14. ^ a b "MOROCCAN MIRAGE F1 FIGHTER CRASHED AFTER A TECHNICAL MALFUNCTION", su defence-blog.com, 21 gennaio 2019, URL consultato il 21 gennaio 2019.
  15. ^ a b "MOROCCAN MIRAGE F1 CRASHED AFTER BIRD STRIKE", su itweb.co.za, 18 agosto 2015, URL consultato il 20 ottobre 2016.
  16. ^ a b "LA FRANCE ‘CONFIERAIT’ AU MAROC 3 AVIONS DE COMBAY, MIRAGE F1B" Archiviato il 20 ottobre 2016 in Internet Archive., su m.lemag.ma, URL consultato il 20 ottobre 2016.
  17. ^ www.airliners.net.
  18. ^ www.defense-update.com.
  19. ^ www.strategypage.com.
  20. ^ www.elconfidencialdigital.com.
  21. ^ www.militaryfactory.com Archiviato il 4 aprile 2014 in Internet Archive..
  22. ^ a b c d "LA REAL FUERZA AÉREA DE MARRUECOS CAMBIA AVIÓN DE ENTRENAMIENTO" su defensa.com, 5 marzo 2019, URL consultato il 8 marzo 2019.
  23. ^ [].
  24. ^ https://farmorocco.wordpress.com/rmaf/armament-and-electronics-in-the-royal-moroccan-air-force/ farmorocco.wordpress.com.
  25. ^ Morocco becomes 10th AIM-9X Sidewinder missile international customer - Jul 8, 2012.
  26. ^ ir.goodrich.com Archiviato il 9 luglio 2012 in Archive.is..
  27. ^ servimg.com.
  28. ^ eblcom.ch Archiviato il 19 luglio 2013 in Internet Archive..

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica