Apri il menu principale

Giuseppe Simonelli

pittore italiano
Mosè salvato dalle acque, 1675-1680 (Fondazione Cariplo)

Giuseppe Simonelli (Napoli, 1650Napoli, 1710) è stato un pittore italiano del periodo tardo barocco.

BiografiaModifica

Giuseppe Simonelli nacque a Napoli nel 1650, anche se altri storici dell'arte fissano la sua data di nascita all'anno precedente, mentre l'Abate Lanzi nella sua Storia pittorica dell'Italia sposta la sua data di morte:

«Simonelli Giuseppe napolitano scol[are]. del Giordano m[orto]. di an[ni]. 64 in c[irca]. nel 1713»

Fu uno dei più importanti pittori della scuola di Luca Giordano. Con "Luca fa presto" (soprannome del Giordano datogli vista la velocità con cui dipingeva anche grandi opere) si esercitò nella rifinitura delle sue opere. Il Simonelli apprese l'arte del maestro a tal punto che, quando questi lasciò, nel 1692, Napoli per la Corte del re di Spagna, dette a Simonelli il compito di concludere le sue opere napoletane per consegnarle ai committenti.

Purtroppo questa dote della ricopiatura dei dipinti del Giordano ha fatto un po' di pubblicità negativa intorno alle vere capacità espressive del Simonelli, come si deduce da questo passaggio, abbastanza spietato, della Vita del pittore scritta da Bernardo de Dominici, tratto dal suo libro Vite dei pittori, scultori e architetti napoletani (1846):

«...laonde poco, anzi nulla valendo in far d'invenzione [...] suppliva con condurle con la guida de' pensieri, e degli sbozzetti del suo maestro [...] giacché non avea abilità di aggiunger nemmen felicemente qualche graziosa figura di sua invenzione»

(p. 204)

E anche il già citato Abate Lanzi, scrive:

«...divenne copista esatto delle opere sue [Luca Giordano] e imitator eccellente del suo colore. Nel disegno non valse molto»

(p. 151)

In seguito il Simonelli cominciò a dipingere anche tele di propria mano, visto che a Napoli rimaneva il più talentuoso tra gli allievi del Giordano ed ebbe molte commissioni soprattutto per le chiese partenopee e del suo territorio. In un primo tempo i lavori di Simonelli furono spesso ritoccati dal Giordano stesso tanto che alcune opere del Simonelli furono confuse con quelle del più celebrato maestro.

Una delle sue prime opere fu un quadro con I santi martiri per il Collegio dei Gesuiti di Trapani, datata 1690. All'anno successivo risale una tela con San Nicola da Tolentino per la chiesa di Santa Maria della Speranza. Lavorò continuamente sino alla sua morte e la lista delle sue opere è molto lunga. Il Rosini nella Storia della pittura italiana esposta coi monumenti (1847) lo definisce: "pittor fecondissimo e fortunatissimo". La più celebre delle sue opere è stata la serie di 28 quadri per la Chiesa dell'Annunziata di Aversa, dipinti tra il 1702 e il 1703 insieme al fratello Gennaro.

Giuseppe Simonelli si spense a Napoli nel 1710, o 1713. Fra i suoi allievi è spesso citato Gian Leonardo Pinto, il fratello Gennaro Simonelli e il figlio Matteo Simonelli, suoi collaboratori.

Galleria d'immaginiModifica

Le opereModifica

  • Benevento
  • Torre del Greco
    • Chiesa dell'Immacolata Concezione, Crocifissione e tondi con Sant'Anna, San Filippo Neri, San Gennaro, San Michele Arcangelo e Santa Teresa
  • Sulmona
  • Lecce
  • Teverola
    • Chiesa di San Giovanni Evangelista in Taverola, Apoteosi di San Giovanni Evangelista
  • Aliano
    • Chiesa di San Luigi, Assunta
  • Cirigliano
    • Cappella dell'Addolorata, Madonna con Bambino e San Filippo Neri, San Michele
  • Marsico Nuovo
    • Cattedrale, Santa Lucia, Santa Barbara
  • Rotonda
    • Chiesa di Santa Maria della Consolazione, Madonna del Carmine con le sante Caterina e Maddalena, Assunta
  • Brienza
    • Chiesa di San Zaccaria, Circoncisione
  • Forio d'Ischia
    • Chiesa di San Francesco di Paola, La Vergine che dà la regola a San Francesco
  • Procida
    • Abbazia di San Michele Arcangelo, tele tra i finestroni della navata e tele dell'arco trionfale
  • Avellino
    • Duomo, Predicazione di San Gaetano da Thiene e Santi Modestino, Flaviano e Fiorentino (questa ultima tela è andata completamente distrutta durante il terremoto dell'Irpinia).
  • Somma Vesuviana
    • Chiesa di San Sossio: Il Martirio di San Sossio (tela)

NapoliModifica

Collezioni privateModifica

  • Rinaldo e Armida
  • La strage degli innocenti (replica della tela di Aversa)
  • Sacra Famiglia
  • Ecce Homo coll. privata, Roma
  • San Michele Arcangelo che sconfigge gli Angeli ribelli, Visione della Vergine a San Filippo Neri, coll. privata.

Altre opereModifica

Nelle descrizioni della città di Napoli, scritte tra il Settecento e l'Ottocento, vengono citate altre opere del Simonelli, talvolta non più in situ.

Giuseppe de Simone ci dice, ad esempio che nella Chiesa di San Nicola da Tolentino

«quasi tutti i quadri della chiesa sono opera di Giuseppe Simonelli napolitano»

(Giuseppe de Simone, Le chiese di Napoli descritte ed illustrate da Giuseppe de Simone con tavole litografiche dirette da Prota e Lotti (1845) p. 47)

Luigi Catalani gli attribuisce

«Il quadro del Rosario con molti Santi e Sante domenicane»

(Luigi Catalani, Le Chiese di Napoli, 1845, p. 10)

Mentre il Celano nel suo tomo Notizie del bello e dell'antico e del curioso della città di Napoli (1856) gli attribuisce:

BibliografiaModifica

  • Mario Pavone, Pittori napoletani della prima metà del Settecento. Dal documento all'opera. E-book, Liguori Editore Srl, 2008
  • Vincenzo Pacelli, Pittura del '600 nelle collezioni napoletane, Editore Grimaldi, 2001
  • Domenico Sedini, Giuseppe Simonelli, catalogo online Artgate della Fondazione Cariplo, 2010, CC-BY-SA.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN295675839 · GND (DE121937968 · ULAN (EN500002145 · WorldCat Identities (EN295675839
  Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Arte