Apri il menu principale

Gomorra (romanzo)

romanzo scritto da Roberto Saviano
Gomorra
AutoreRoberto Saviano
1ª ed. originale2006
Genereromanzo realistico
Sottogeneresaggio-romanzo, romanzo d'inchiesta
Lingua originaleitaliano

Gomorra. Viaggio nell'impero economico e nel sogno di dominio della camorra è il primo romanzo di Roberto Saviano, pubblicato nel 2006 dalla casa editrice Mondadori.

Il romanzo ha venduto oltre 2.250.000 copie nella sola Italia[1] e 10 milioni nel mondo[2], ed è stato tradotto in 52 lingue[3]. È presente nelle classifiche di best seller in Germania, dove l'opera è saltata subito in cima alla classifica del settimanale Der Spiegel, e si è diffuso anche in altri paesi, tra cui Paesi Bassi, Belgio, Spagna, Francia, Svezia, Finlandia e Lituania. Da Gomorra è stato tratto un film diretto da Matteo Garrone dal titolo omonimo, uscito nelle sale italiane il 16 maggio 2008, e nel 2014 ne è stata tratta anche una serie televisiva prodotta da Sky Italia, Gomorra - La serie.

Il quotidiano statunitense New York Times l'ha inserito nella classifica dei 100 libri più importanti del 2007[4].

Indice

IndiceModifica

Prima parte:

  • Il porto - descrive il commercio di scarpe, abbigliamento, accessori d'importazione cinese attraverso il porto di Napoli.
  • Angelina Jolie - la sartoria di qualità per i grandi marchi della moda italiana realizzata in condizioni di miseria umana e imprenditoriale.
  • Il Sistema - descrizione del funzionamento della camorra.
  • La guerra di Secondigliano - i boss, gli equilibri, le regole della scalata al potere nel quartiere di Secondigliano, prima, durante e dopo la Prima faida di Scampia.
  • Donne - la vita delle donne degli affiliati e dei boss e la trasformazione dei loro ruoli all'interno dei clan.

Seconda parte:

TramaModifica

Il libro è un viaggio nel mondo affaristico e criminale della camorra e dei luoghi dove questa è nata e vive: la Campania, Napoli, Casal di Principe, San Cipriano d'Aversa, Casapesenna, Mondragone, Giugliano, luoghi dove l'autore è cresciuto e dei quali fa conoscere al lettore un'inedita realtà.

Una realtà fatta di ville sfarzose di boss malavitosi create a copia di quelle di Hollywood, fatta di una popolazione che non solo è connivente con questa criminalità organizzata, ma addirittura la protegge e ne approva l'operato; l'autore racconta di un Sistema (questo il vero nome usato per riferirsi alla camorra) che adesca nuove reclute non ancora adolescenti, facendogli credere che la loro sia l'unica scelta di vita possibile, di bambini boss convinti che l'unico modo di morire come un uomo vero sia quello di morire ammazzati e di un fenomeno criminale influenzato dalla spettacolarizzazione mediatica, in cui i boss si ispirano negli abiti e nelle movenze ai divi del cinema.

Saviano, basandosi sugli atti processuali e sulle indagini di polizia, descrive una realtà fatta di terre dove finiscono quasi tutti i rifiuti sfuggiti ai controlli legali, pari ad una massa grande il doppio del Monte Everest (ogni anno, secondo una stima di Legambiente, sono quattordici milioni le tonnellate di rifiuti smaltiti illegalmente), di una terra infetta, quella della Campania, dove i morti di tumore sono cresciuti del 21% rispetto al resto dell'Italia. Ci parla di montagne gravide di rifiuti tossici, campagne pregne di sostanze mortali che individui senza alcuna morale hanno sparso vendendo fertilizzanti misti a rifiuti tossici. Tutto questo con il benestare di funzionari pubblici compiacenti e delle aziende stesse che, facendo finta o non volendo sapere dove i propri rifiuti andassero a finire, hanno affidato alla camorra quella che ormai è diventata merce di un traffico di centinaia di miliardi di euro ogni anno, valore inferiore solo a quello del traffico della cocaina.

Il libro, la sua storia ed il film che ha ispirato, hanno ricevuto critiche da parte del Presidente del Consiglio allora in carica Silvio Berlusconi riguardo alla capacità del libro di avere dato troppa pubblicità alla mafia danneggiando l'immagine internazionale dell'Italia[5][6]. A queste critiche si sono aggiunte quelle dell'allora direttore del TG4, Emilio Fede, il quale affermò che Saviano avrebbe ottenuto una visibilità eccessiva rispetto ai suoi meriti[7]. Nonostante ciò Roberto Saviano è stato ricevuto dall'allora Presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini, che nel mese di maggio 2010 ha assicurato all'autore napoletano la piena collaborazione e vicinanza delle istituzioni alla causa che Gomorra sosteneva, in relazione alla lotta alla criminalità organizzata[8].

Premi e riconoscimentiModifica

 
Roberto Saviano

Saviano ha vinto anche la prima edizione del Premio Nazionale Enzo Biagi.

Da Gomorra è stato tratto uno spettacolo teatrale scritto da Saviano e Mario Gelardi che è valso agli autori il Premio E.T.I. Gli Olimpici del teatro come migliori autori di novità italiana.

Il 18 ottobre 2008 Gomorra viene insignito del Hessische Filmpreis per il miglior adattamento cinematografico di un'opera letteraria. È la prima volta che il premio, sponsorizzato dalla "Fiera internazionale del libro" di Francoforte viene diviso tra l'autore del copione e il regista di un film. Juergen Book, direttore della Buchmesse, ha così spiegato i motivi della scelta della giuria: «La forza del racconto nel film Gomorra è pari a quella della sua fonte letteraria, in maniera autentica e non sentimentale, e questo lo rende ancora più avvincente».

Altri mediaModifica

CinemaModifica

TeatroModifica

TelevisioneModifica

EdizioniModifica

NoteModifica

  1. ^ Alain Elkann, Gian Arturo Ferrari "Non c'è il megaseller ma la crisi è battuta", in La Stampa.it, 19 maggio 2010. URL consultato il 27 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2010).
  2. ^ Tra letteratura e impegno Pietrasanta incontra Saviano, in La Nazione, 14 giugno 2010. URL consultato il 17 novembre 2010.
  3. ^ Luca Pocci, ``Io so: A Reading of Roberto Saviano's "Gomorra", MLN, Vol. 126, No. 1, Italian Issue (January 2011), pp. 224-244.
  4. ^ "Gomorra" consacrato dal New York Times: il libro di Saviano tra i 100 migliori dell'anno, in Il Messaggero.it, 23 novembre 2007. URL consultato il 17 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2013).
  5. ^ Alberto Custodero, Berlusconi attacca Saviano Fa cattiva pubblicità all'Italia, in la Repubblica, 17 aprile 2010, p. 6. URL consultato il 27 maggio 2010.
  6. ^ Alberto D'Argenio, Saviano, dal premier parole sconsiderate, in la Repubblica, 19 aprile 2010, p. 11. URL consultato il 27 maggio 2010.
  7. ^ Fede all'attacco "Basta, non è un eroe", in la Repubblica.it, 10 maggio 2010. URL consultato il 27 maggio 2010.
  8. ^ Fini riceve Roberto Saviano "Grande stima, istituzioni vicine", in la Repubblica.it, 11 maggio 2010. URL consultato il 27 maggio 2010.
  9. ^ (FR) Grand Prix : "Gomorra" de Matteo Garrone, su festival-cannes.fr. URL consultato il 27 maggio 2010.
  10. ^ Gomorra a Teatro, su robertosaviano.it. URL consultato il 13 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2014).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN203787216
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura