Apri il menu principale

Helichrysum stoechas

specie di pianta della famiglia Asteraceae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Helichrysum stoechas
Helichrysum stoechas 1.JPG
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Asteridae
Ordine Asterales
Famiglia Asteraceae
Sottofamiglia Asteroideae
Tribù Gnaphalieae
Sottotribù Gnaphaliinae
Genere Helichrysum
Specie H. stoechas
Classificazione APG
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Tricolpate basali
(clade) Asteridi
(clade) Euasteridi II
Ordine Asterales
Famiglia Asteraceae
Sottofamiglia Asteroideae
Tribù Gnaphalieae
Sottotribù Gnaphaliinae
Nomenclatura binomiale
Helichrysum stoechas
(L.) Moench, 1794
Nomi comuni

Stecade, Tignamica (I)
Stoechas citrin (F), Taija (E)
Strawflower (GB)
Sandsstrohblume (D)

La stocade o tignamica (Helichrysum stoechas (L.) Moench 1794) è una pianta erbacea aromatica, perenne, appartenente alla famiglia delle Asteracee.

DescrizioneModifica

I fusti, fortemente accespati, sono cosparsi di densa peluria biancastra.
Le foglie sono lineari, lunghe 10–35 mm.
I fiori sono disposti in infiorescenze a capolino emisferiche di 4–6 mm di diametro.

Fiorisce da maggio ad agosto. Se bruciata da secca emana un gradevole odore.

Distribuzione e habitatModifica

Si trova fino agli 800 m s.l.m. in garighe costiere e macchie delle regioni mediterranee occidentali. In Italia è una specie rara e la si trova a macchia di leopardo lungo la costa tirrenica[1].

UsoModifica

Fiori e foglie sono usati per le loro proprietà terapeutiche, principalmente balsamiche[1]. È abbondante tra le dune costiere del Parco naturale di Migliarino, San Rossore, Massaciuccoli, dove viene utilizzato nella produzione di un particolare miele millefiori denominato "Miele della spiaggia".

NoteModifica

  1. ^ a b Maria Luisa Sotti, Maria Teresa della Beffa, Le piante aromatiche. Tutte le specie più diffuse in Italia, Milano, Editoriale Giorgio Mondadori, 1989, ISBN 88-374-1057-3.

BibliografiaModifica

  • Maria Luisa Sotti, Maria Teresa della Beffa, Le piante aromatiche. Tutte le specie più diffuse in Italia, Milano, Editoriale Giorgio Mondadori, 1989, ISBN 88-374-1057-3.
  • Funk V.A., Susanna A., Stuessy T.F. and Robinson H., Classification of Compositae (PDF), in Systematics, Evolution, and Biogeography of Compositae, Vienna, International Association for Plant Taxonomy (IAPT), 2009.
  • Michael O. Dillon: Classification and Phylogeny of the South American Gnaphalieae (Asteraceae), in Arnaldoa, 10(1), 2003, S. 45-60: Gnaphalieae

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica