Apri il menu principale
Henry Knox
Henry Knox by Gilbert Stuart 1806.jpeg

Segretario alla Guerra degli Stati Uniti
Durata mandato 12 settembre 1789 –
31 dicembre 1794
Predecessore Carica istituita
Successore Timothy Pickering

Segretario Continentale alla Guerra
Durata mandato 8 marzo 1785 –
12 settembre 1789
Predecessore Benjamin Lincoln
Successore Carica abolita

Comandante generale dell'esercito statunitense
Durata mandato 23 dicembre 1783 –
20 giugno 1784
Predecessore George Washington
Successore John Doughty

Dati generali
Partito politico Indipendente
Partito Federalista
Firma Firma di Henry Knox
Henry Knox
25 luglio 1750 – 25 ottobre 1806
Nato aBoston
Morto aAugusta
Dati militari
Paese servitoFlag of the United States (1777-1795).svg Stati Uniti d'America
Forza armataEsercito continentale
Esercito degli Stati Uniti
Anni di servizio1772 - 1784
GradoUS-O8 insignia.svg Maggior generale
GuerreGuerra d'indipendenza americana
BattaglieBattaglia di Bunker Hill
Assedio di Boston
Spedizione di Knox
Fortificazione di Dorchester Heights
Battaglia di Long Island
Battaglia di Trenton
Battaglia dell'Assunpink Creek
Battaglia di Princeton
Battaglia di Brandywine
Battaglia di Germantown
Battaglia di Monmouth
Battaglia di Yorktown
Comandante diArtiglieria dell'Esercito continentale
voci di militari presenti su Wikipedia

Henry Knox (Boston, 25 luglio 1750Augusta, 25 ottobre 1806) è stato un generale statunitense, ricordato soprattutto per essere stato a capo dell'artiglieria americana durante la guerra d'indipendenza e per essere stato il primo Ministro della guerra degli Stati Uniti durante la presidenza di George Washington.[1].

Indice

BiografiaModifica

Knox nacque il 25 luglio 1750 nella città di Boston, in Massachusetts. Alla morte del padre, avvenuta nel 1762, iniziò a lavorare come commesso in una cartoleria che rilevò nel 1771.[1]

L'anno successivo, dopo essersi dedicato a lungo agli studi militari, divenne comandante in seconda del Corpo dei Granatieri, di stanza nella sua città natale.[1]

Nel 1774 riuscì a sposare la figlia di un aristocratico, Lucy Flucker, cosa che gli garantì la sicurezza economica.[1] Allo scoppio delle prime battaglie tra americani ed inglesi, nel 1775, entrò nell'Esercito Continentale come colonnello d'artiglieria. Venne incaricato dal generale Washington di trasportare a Boston i cannoni catturati al forte Ticonderoga per sgomberare la città dagli inglesi.[1]

Nel 1776 fu a capo dell'artiglieria americana nell'assedio di New York e nelle successive battaglie. Il 24 dicembre organizzò a George Washington l'attraversamento del fiume Delaware.[1]

Fu quindi promosso comandante dell'artiglieria per le battaglie di Princeton (3 gennaio 1777), di Brandywine (11 settembre 1777), di Germantown (4 ottobre 1777), di Monmouth (28 giugno 1778) e di Yorktown (ottobre 1781).[1]

Nel 1782 fu nominato comandante dell'Accademia Militare degli Stati Uniti di West Point e, nel 1789, divenne il primo Ministro della Guerra.[1]

Si ritirò a vita privata nel 1794 ad Augusta (Contea di Kennebec), nel Maine, dove morì il 25 ottobre 1806.

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h Indro Montanelli, Mario Cervi, Volume 2 (pag. 29), in Due secoli di guerre, il risveglio dell'America, Milano, Editoriale nuova, 1980.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Predecessore: Segretario alla Guerra degli Stati Uniti d'America Successore:  
Benjamin Lincoln 12 settembre 1789 - 31 dicembre 1794 Timothy Pickering
Segretari alla Guerra degli Stati Uniti
B. Lincoln · Knox · Pickering · McHenry · Dexter · Dearborn · Eustis · Armstrong · Monroe · W. Crawford · Calhoun · Barbour · P. Porter · Eaton · Cass · Poinsett · Bell · Spencer · J. Porter · Wilkins · Marcy · G. Crawford · Conrad · J. Davis · Floyd · Holt · S. Cameron · Stanton · Schofield · Rawlins · Belknap · A. Taft · J. Cameron · McCrary · Ramsey · R. Lincoln · Endicott · Proctor · Elkins · Lamont · Alger · Root · W. Taft · Wright · Dickinson · Stimson · Garrison · Baker · Weeks · D. Davis · Good · Hurley · Dern · Woodring · Stimson · Patterson · Royall
Controllo di autoritàVIAF (EN17657529 · ISNI (EN0000 0000 6317 2935 · LCCN (ENn50042395 · GND (DE104273240 · BNF (FRcb161780325 (data) · CERL cnp00363342