Luis Alberni

attore statunitense
Luis Alberni

Luis Alberni (Barcellona, 4 ottobre 1886Hollywood, 23 dicembre 1962) è stato un attore spagnolo naturalizzato statunitense.

Interprete teatrale e cinematografico, nella sua carriera girò oltre cento settanta film in ruoli di caratterista[1].

BiografiaModifica

Nato in Catalogna, il nome di sua madre era Malo, quello di suo padre Alberni.

Iniziò a recitare in teatro mentre studiava all'università di Madrid. Continuò la carriera negli Stati Uniti e, nel 1915, apparve per la prima volta in un film di Frank Powell, Children of the Ghetto. Tra il 1915 e il 1928, recitò in una dozzina di lavori teatrali a Broadway, inclusa la prima rappresentazione nel 1924 di What Price Glory?, un grande successo di Maxwell Anderson e Laurence Stallings che restò in scena al Plymouth Theatre per ben 435 recite[2].

Tornato al cinema, nel 1922 prese parte anche a The Man from Beyond, uno dei pochi film interpretati dal celebre Harry Houdini. Girò un paio di pellicole anche con John Barrymore: in Svengali, del 1931, era Gecko, il suo fedele servitore e, l'anno seguente, lo affiancò ancora in Rasputin e l'imperatrice.

Attore caratterista, conosceva almeno sette lingue e suonava il pianoforte[3]. Benché fosse spagnolo, Hollywood gli affidò spesso parti di italiani: camerieri, inservienti, politici, negozianti. Il suo ultimo ruolo fu quello di un vecchio ebreo ne I dieci comandamenti del 1956[4].

Vita privataModifica

Luis Alberni si sposò due volte. Dal primo matrimonio, che sarebbe finito in un divorzio, nacquero due figli, Luis e Carlos. Si risposò poi con Wanda Wilson e il loro matrimonio durò fino alla sua morte. Negli ultimi anni, Alberni visse in una casa per attori anziani. Morì il 23 dicembre 1962 a 76 anni per un attacco cardiaco. Fu sepolto al Pierce Brothers Valhalla Memorial Park a North Hollywood[3].

FilmografiaModifica

Anni dieciModifica

Anni ventiModifica

1930Modifica

1931Modifica

1932Modifica

1933Modifica

1934Modifica

1935Modifica

1936Modifica

1937Modifica

1939Modifica

1940Modifica

1941Modifica

1942Modifica

1944Modifica

1950Modifica

1956Modifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN21146090 · ISNI (EN0000 0000 2841 5700 · LCCN (ENn85378934 · GND (DE1061742903 · WorldCat Identities (ENn85-378934