Apri il menu principale

Non faccio la guerra, faccio l'amore

film del 1966 diretto da Franco Rossi
Non faccio la guerra, faccio l'amore
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneSpagna, Italia
Anno1966
Durata87 min
Rapporto2,35 : 1
Generecommedia
RegiaFranco Rossi
SoggettoJaja Fiastri, Luigi Magni, José Luis Martínez Mollá
SceneggiaturaJaja Fiastri, Luigi Magni, José Luis Martínez Mollá
ProduttoreSilvio Clementelli
Casa di produzioneAtlántida Films, Clesi
FotografiaRoberto Gerardi
MontaggioGiorgio Serrallonga
MusicheRiz Ortolani
CostumiGaia Romanini
Interpreti e personaggi

Non faccio la guerra, faccio l'amore è un film del 1966, diretto da Franco Rossi.

TramaModifica

Un sommergibile tedesco, dopo vent'anni dalla fine della guerra, non si è ancora arreso e vaga nell'oceano trascinando un ufficiale mezzo rimbambito, una ciurma sparuta e inebetita, nonché Ombrina, una ragazza salvata da un naufragio quando aveva solo un anno e adottata dagli uomini dello strano natante. Un giorno, poiché per caso presso il sommergibile sommerso si è fermato lo yacht del miliardario sudamericano, don Getulio, sul lussuoso battello Ombrina viene mandata a rubare dei viveri. La ragazza incontra Nicola, il medico di bordo e lo cattura per cui viene in seguito punita dal comandante con un periodo di reclusione su di una isola deserta, dove, casualmente, finisce per trovarsi anche Nicola. Nel loro reciproco amore i due giovani trovano finalmente una ragione di vita. Vengono sposati dal capitano e in seguito, quando si scopre che Ombrina è la figlia del miliardario, mentre il sommergibile affonda, il capitano assume il comando dello yacht sul quale prende posto con piacere anche l'equipaggio. Ombrina e Nicola scelgono la libertà e si allontanano nuotando.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema