Apri il menu principale

Franco Rossi (regista)

regista italiano

BiografiaModifica

Laureato in Giurisprudenza, si dedica fin da giovane al teatro. Si avvicina al cinema come assistente alla regia di alcuni registi affermati: Mario Camerini, Luis Trenker, Renato Castellani, Aldo Vergano. Dirige dalla fine degli anni trenta alcuni lavori teatrali soprattutto in spettacoli di varietà e musicali.

La radioModifica

Per circa dieci anni, si occupa di programmi radiofonici e, come regista e programmista presso l'EIAR e successivamente la Rai, dirige commedie, radiodrammi e varietà, prevalentemente presso la sede di Roma, in via Asiago.

Prosa radiofonica e varietà RaiModifica

Il cinemaModifica

Il suo primo film (1951) è stato I falsari che, come i suoi lavori successivi, risente della sua formazione negli anni del neorealismo.[senza fonte] Nel 1953 affianca quale consulente tecnico Renato Rascel ne La passeggiata, unica prova registica dell'artista romano, di cui è anche co-sceneggiatore. Il successo gli è giunto con Il seduttore (1954), interpretato da Alberto Sordi.

Tra i suoi film più noti figurano poi Amici per la pelle (1955)[1], Odissea nuda (1961) e Smog (1962), entrambi con Enrico Maria Salerno come protagonista, Giovinezza, giovinezza, dall'omonimo romanzo di Luigi Preti (1969), Porgi l'altra guancia (1974)[2].

Fu uno dei primi a dedicarsi alla produzione di film per la televisione, tra cui lo sceneggiato televisivo del 1968 Odissea, diretta dallo stesso Rossi, Mario Bava e Piero Schivazappa.

Per la televisione ha diretto anche lo sceneggiato Storia d'amore e d'amicizia (1981), in cui si lanciano al grande pubblico attori come Claudio Amendola e Barbara De Rossi.

DoppiaggioModifica

Negli anni cinquanta Rossi fu uno dei principali direttori di doppiaggio della ODI (Organizzazione Doppiatori Italiani), occupandosi della post-sincronizzazione di vari film italiani dell'epoca, in particolare quelli diretti da Federico Fellini, cui lo legò un lungo sodalizio artistico: infatti Rossi diresse il doppiaggio de I vitelloni, Il bidone, Le notti di Cabiria e La dolce vita. Negli ultimi anni della sua carriera, Rossi continuò a dedicarsi alla direzione del doppiaggio di film stranieri (tra questi, Ritorno al futuro, primo capitolo della trilogia).

FilmografiaModifica

RegistaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

SceneggiaturaModifica

Premi e riconoscimentiModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Il Radiocorriere, annate e fascicoli vari.
  • Dizionario Bolaffi, I Registi italiani, Torino 1976.
  • Tatti Sanguineti e Gerardo Di Cola, Voci del varietà / Federico delle voci, Fondazione Federico Fellini.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN87040612 · ISNI (EN0000 0000 8161 6165 · SBN IT\ICCU\TO0V\289989 · LCCN (ENno96045542 · GND (DE142022179 · BNF (FRcb146981135 (data) · WorldCat Identities (ENno96-045542