Okrug di Zakatal

L'Okrug di Zakatal[1][2] o di Zakatali (in russo: Закатальскій округъ in azero Zaqatala dairəsi?) era un okrug (distretto) amministrativo speciale del Vicereame del Caucaso dell'Impero russo e parte del Governatorato di Tiflis dal 1893 al 1905. Il centro amministrativo del distretto era la città Zakataly (Zaqatala), e corrispondeva alla maggior parte degli attuali distretti di Balakan, Zaqatala e Gakh dell'Azerbaigian. L'Okrug di Zakatal fu creato dai territori degli ex Jamaat liberi di Jar-Balakan, al confine con il Governatorato di Tiflis a ovest, con il Governatorato di Elisabethpol a sud e con l'Oblast del Daghestan a nord. Il distretto era unico in quanto fu la più piccola unità amministrativa indipendente (non facente parte di alcuna provincia o regione) dell'Impero russo, in modo simile all'Okrug di Sukhumi.[3]

Okrug di Zakatal
Закатальскій округъ
Coat of Arms of Zakataly (1843).gif
Okrug di Zakatal
Posizione nel Vicereame del Caucaso
Informazioni generali
CapoluogoZakataly
Superficie3 985,77 ()
Popolazione92 608 (1916)
Dipendente daVicereame del Caucaso, Impero russo
Suddiviso inUchastok: Aliabad, Kakh, Belokan e Jaro-Mukhakh
Amministrazione
Forma amministrativaOkrug
Evoluzione storica
Inizio1859
CausaIstituzione
Fine1918
CausaRiorganizzazione amministrativa

StoriaModifica

Il distretto fu originariamente istituito con il nome "Belokan" nel 1842, all'interno del Governatorato della Georgia-Imerezia, due anni dopo essere stato ribattezzato Jaro-Belokan. Lo status autonomo del distretto fu confermato nel 1846, portando alla sua ridenominazione in Zakataly nel 1860 e al suo inserimento nell'amministrazione temporanea del Daghestan. In questo periodo la sua amministrazione fu organizzata in un consiglio militare, di cui al vertice c'era il capo del distretto, in concomitanza con il Daghestan.[4] Nel 1881 fu introdotta un'amministrazione indipendente. L'Okrug di Zakatal fu incorporato nell'amministrazione "civile" del Governatorato di Tiflis dal 1893 fino al 1905, quando fu rimosso e posto direttamente sotto il Vicereame del Caucaso.[5]

La struttura sociale dell'Okrug di Zakatal era multistrato nei suoi clan patriarcali coinvolti nel "feudalesimo di montagna", che divenne confuso dal crescente etnonazionalismo e dalle differenze sociali che portavano. I popoli Liberi Jamaat (Società) erano i proprietari collettivi delle terre in cui vivevano i georgiani e i tatari (poi azeri), per i quali questi ultimi pagavano loro le tasse. Nel 1863 circolò una voce secondo cui l'amministrazione di Zakataly stava progettando di emancipare georgiani e tatari dai loro obblighi finanziari nei confronti dei popoli liberi Jamaat, portando a una rivolta anti-russa dei suoi abitanti del Daghestan. La rivolta si elevò dalla dichiarazione del jihad (guerra santa) fino alla sua soppressione da parte delle truppe locali assistite da volontari tatari.[3]

Dopo la rivoluzione russa, la maggior parte del distretto fu incorporata nella Repubblica Democratica dell'Azerbaigian e trasformata nel Governatorato di Zaqatala, nonostante fosse rivendicato anche dalla vicina Georgia.[4][6][7][8] A causa della controversia, le autorità di entrambe le nazioni decisero di risolvere la disputa territoriale sullo Zakatal rigorosamente con mezzi pacifici.[7]

Nonostante la RSFS Russa riconoscesse l'Okrug di Zakatal come parte della Georgia nel Trattato di Mosca (1920),[9] fu formata una commissione mista di georgiani e azeri con un presidente russo per arbitrare la controversia in seguito alla sovietizzazione della regione. Durante le riforme amministrativo-territoriali degli anni '20, il distretto di Zakataly fu separato nelle rajon di Balakan, Zagatala e Gakh.

EconomiaModifica

Le principali occupazioni della popolazione prevalentemente sunnita includevano l'allevamento del bestiame, l'agricoltura, la viticoltura, la raccolta dei frutti (principalmente noci), l'artigianato e l'allevamento dei bachi da seta.[3]

Divisioni amministrativeModifica

Gli uchastok (sotto-distretti) dello Zakatal Okrug erano:[10]

  • Aliabad (Алиабадский участок)
  • Kakh (Кахский участок)
  • Belokan (Белоканский участок)
  • Jaro-Mukhakh (Джаромухахский участок)

I cosiddetti Gornye magaly (quartieri di montagna) lungo le sorgenti del Samur (villaggi di Tsakhur) furono rimossi dal distretto nel 1860.

DemografiaModifica

Censimento dell'Impero russo (1897)Modifica

Secondo il censimento dell'Impero russo del 1897, l'Okrug di Zakatal, allora parte del Governatorato di Tiflis, aveva una popolazione di 84.224 abitanti, di cui 45.418 uomini e 38.806 donne. La pluralità della popolazione indicava che l'avaro fosse la loro lingua madre, con significative minoranze di lingua tatara (in seguito nota come azera), georgiana e dargin.

Composizione linguistica dell'Okrug di Zakatal nel 1897
Lingua Madrelingua %
Avaro 31.670 37.60
Tataro 28.950 34.37
Georgiano 12.389 14.71
Dargin 7.441 8.83
Armeno 2.100 2.49
Kyurin 975 1.16
Russo 315 0,37
Ucraino 118 0.14
Polacco 115 0.14
Kazi-Kumukh 61 0.07
Tedesco 11 0.01
Ebreo 11 0.01
Persiano 7 0.01
Osseto 6 0.01
Mingrelio 3 0.00
Turco 3 0.00
Greco 2 0.00
Imereziano 2 0.00
Bielorusso 1 0.00
Kist 1 0.00
Altri 43 0,05
TOTALE 84.224 100.00

Calendario caucasico (1917)Modifica

Il calendario caucasico del 1917 che produsse le statistiche del 1916 indica 92.608 residenti nell'Okrug di Zakatal, inclusi 48.323 uomini e 44.285 donne, 86.128 dei quali erano la popolazione permanente e 6.480 erano residenti temporanei:[11]

Nazionalità etnico-religiosa Urbana Rurale TOTALE
Numero % Numero % Numero %
Musulmani sunniti 288 6.39 42.491 48.23 42.779 46.19
Caucasici del nord 1.068 23.71 40.712 46.21 41.780 45.11
Georgiani 204 4.53 4.370 4.96 4.574 4.94
Armeni 2.165 48.06 365 0,41 2.530 2.73
Musulmani sciiti 486 10.79 91 0.10 577 0,62
Russi 270 5.99 56 0.06 326 0,35
Altri europei 21 0,47 2 0.00 23 0.02
cristiani asiatici 0 0.00 16 0.02 16 0.02
Ebrei 3 0.07 0 0.00 3 0.00
TOTALE 4.505 100.00 88.103 100.00 92.608 100.00

NoteModifica

  1. ^ Bollettino del Ministero degli affari esteri, Tip. del Ministero degli affari esteri, 1913, p. 3.
  2. ^ Bessarione pubblicazione periodica di studi orientali, Tip. S. Bugiardini, 1908, p. 145.
  3. ^ a b c (RU) ЗАКАТАЛЬСКИЙ ОКРУГ • Большая российская энциклопедия - электронная версия, su bigenc.ru.
  4. ^ a b Otʻar Janeliże, The Democratic Republic of Georgia, 1918-1921, 2018, pp. 52-53, ISBN 978-9941-8-0096-2, OCLC 1110424382.
    «Nell'estate del 1918, l'esercito islamico caucasico della Turchia ottomana occupò Zakatala. I distaccamenti militari della Repubblica dell'Azerbaigian facevano parte di questo esercito. È vero che il Trattato Mudros ha sradicato la presenza degli ottomani nel Caucaso meridionale, ma Sainguilo non fu ceduto alla Repubblica Democratica della Georgia. In realtà rimase parte dell'Azerbaigian, poiché dopo che i turchi lasciarono la regione, il territorio fu controllato da distaccamenti militari dell'Azerbaigian»
  5. ^ Arthur Tsutsiev, Atlas of the ethno-political history of the Caucasus, 2014, pp. 172-174.
  6. ^ Aleko Daushvili, The Democratic Republic of Georgia: Struggle for Independence 1918-1921, 1º gennaio 2012, p. 41.
    «Nell'autunno del 1918 il distretto di Zakatala faceva ufficialmente parte della Repubblica dell'Azerbaigian. Avendo il sostegno della Turchia e la comodità di una religione islamica condivisa, lo stato azero impose pesantemente nella regione la propaganda anti-georgiana. Con l'aiuto dei mullah locali, la popolazione musulmano-georgiana cadde facilmente sotto l'influenza azera, che a sua volta creò l'illusione che Zakatala fosse completamente incorporato nell'Azerbaigian.»
  7. ^ a b Harun Yilmaz, An Unexpected Peace: Azerbaijani–Georgian Relations, 1918–20, in Revolutionary Russia, vol. 22, n. 1, 1º giugno 2009, pp. 37-67, DOI:10.1080/09546540902900288.
    «C'erano considerevoli popolazioni musulmane nelle province di Kutaisi e Tbilisi, che rimasero in Georgia, e una minoranza di cristiani nell'okrug di Zakatala, in Azerbaigian.»
  8. ^ Javakhishvili, Ivane, Caucasiologic Papers (PDF), su caucasiology.tsu.ge, Tbilisi State University, p. 235.
    «Allo stesso tempo, Georgia e Azerbaigian cercarono di includere il distretto di Zakatala [...] I tentativi della Georgia non ebbero successo, perché i georgiani erano meno del 20% della popolazione del distretto e la posta in gioco era solo su di essi. L'Azerbaigian ... [ebbe] più successo nei loro tentativi, perché l'idea faceva appello all'unità islamica.»
  9. ^ (EN) John F. R Wright, Suzanne Goldenberg e Richard N Schofield, Transcaucasian boundaries, UCL Press, 1996, p. 136, ISBN 978-0-203-21447-3, OCLC 252906502.
    «Gli articoli tre e quattro del trattato [di Mosca] delimitavano i confini della Georgia e in particolare il confine settentrionale. Questi ponevano la frontiera settentrionale della Georgia come un'estensione dal Mar Nero a ovest lungo il fiume Psou fino al monte Akhakhcha e poi al monte Agapeta, e poi lungo la frontiera dell'ex regione del Mar Nero, dei governatorati di Kutaisi e Tiflis fino alla regione di Zakataly e lungo la regione di Zakataly al confine orientale alla frontiera armena dell'Impero russo.»
  10. ^ (RU) Кавказский календарь .... на 1913 год, pp. 271-317.
  11. ^ (RU) Кавказский календарь .... на 1917 год, pp. 357-358.