Olio di pesce

olio derivato dai tessuti del pesce grasso
Olio di pesce in capsule

L'olio di pesce è un olio derivato dai tessuti dei pesci. Il suo utilizzo e forte interesse commerciale, contrariamente ad altri grassi estratti, soprattutto in passato, da mammiferi marini (olio di balena, spermaceti, grasso di foca) è dipendente dal contenuto di acidi grassi omega-3, acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA), ed ai loro presunti effetti sulla salute.[1]

DescrizioneModifica

I pesci, usati come fonti, non producono effettivamente acidi EPA e DHA, ma li accumulano consumando microalghe, plancton o pesci prede che hanno accumulato acidi grassi omega-3. Gli acidi grassi a catena lunga Omega-3 hanno origine nei lipidi del fitoplancton che passano lungo la catena alimentare attraverso lo zooplancton fino ai pesci.

Il tenore di lipidi e la distribuzione percentuale di acidi grassi nei tessuti dei pesci varia in funzione dell specie, della alimentazione e delle diverse condizioni ambientali (stagione, temperatura dell'acqua, ecc.). Le varie specie possono essere classificate come magre o bianche, con 0,7-3% di grassi, e grasse o blu, con 3-17% di grassi nel muscolo "fresco".[2]

Nei pesci di allevamento, le diete artificiali forniscono una vasta gamma di nutrienti, che determinano non solo il tasso di crescita dei pesci, ma anche la composizione della carne, in particolare il contenuto lipidico, che può essere modificato quantitativamente e qualitativamente.[1]

Il principale utilizzo dell'olio di pesce (oltre l'80% della produzione mondiale di circa 1 milione di tonnellate) è come mangime per pesci d'allevamento al fine di rendere la carne del pesce d'allevamento più simile a quella del pesce da cattura.

Il settore dell'acquacoltura nel suo complesso fornisce ogni anno 206 000 tonnellate di EPA + DHA, ma allo stesso tempo consuma un totale di 210 000 tonnellate; vale a dire, in pratica, fornisce la stessa quantità che consuma.[3]

Più del 50 percento dell'olio di pesce del mondo viene utilizzato nei mangimi per l'acquacoltura dei salmoni e una piccola quota ne viene ricavata da parti non commerciabili degli stessi salmoni d'allevamento.[4][5]

L'olio di pesce marino e di acqua dolce come quello di mammiferi marini, variano nei contenuti di acido arachidonico, EPA e DHA. Le varie specie variano da magre a grasse e tipicamente le specie d'acqua dolce forniscono un olio coen concentrazioni di EPA e DHA minori. Gli acidi grassi polinsaturi a catena lunga (PUFALC) negli oli di pesce sono normalmente esterificati al glicerolo in posizione sn2, con in posizione sn1 e sn3 acidi grassi saturi e monoinsaturi. Curiosamente invece negli oli derivati da mammiferi marini, i PUFALC si trovano soprattutto in posizione sn1 e sn3.[6][7][8][9][10]

Effetti sulla saluteModifica

È stato solo con la pubblicazione degli studi epidemiologici danesi di Bang e Dyerberg nei primi anni '70[11] che è iniziata la ricerca sugli acidi grassi polinsaturi (PUFA) omega 3. Venne postulato che la bassa incidenza della malattia coronarica degli eschimesi della Groenlandia potrebbe essere correlata alla loro particolare abitudine alimentare e al consumo di grassi ricchi di PUFA. Dopo questo primo studio, sono stati pubblicati moltissimi studi sui benefici epidemiologici, clinici e biochimici degli acidi polinsaturi omega 3 a lunga catena, principalmente EPA e DHA. Questi eserciterebbero una forte influenza positiva sulla salute umana, prevenendo il rischio di malattie cardiovascolari, numerosi disturbi immunitari che influenzano lo sviluppo neurale e alcune malattie neurodegenerative. Proteggerebbero inoltre, secondo alcuni studi, dalla tumorigenesi e avrebbero effetti positivi in diversi ambiti[12][13][14][15][16][17][18][19][20][21][22][23][24]:

  • Sviluppo cognitivo e comportamentale,
  • Artrite reumatoide
  • Disturbi psichiatrici, inclusi depressione e schizofrenia
  • Recupero dalla chirurgia
  • Demenza negli anziani
  • Psoriasi
  • Morbo di Crohn
  • Progressione della malattia metabolica

ma anche, con prove molto meno consistenti, per:

  • Asma nei bambini
  • Visione e macula degenerativa
  • Progressione verso il diabete di tipo 2
  • Comportamento e concentrazione, inclusi ADHD (disturbo da deficit di attenzione e iperattività) e dislessia, problemi comportamentali nei bambini con disturbo del coordinamento dello sviluppo (DCD)
  • Obesità
  • Fibrosi cistica e molte altre condizioni

Per queste ragioni, il consumo regolare di pesce per fornire circa 200-500 mg a settimana di EPA e DHA è stato raccomandato da diverse organizzazioni sanitarie.[25][26][27][28][29][30]Questi studi e raccomandazioni hanno portato a una forte domanda di oli di pesce e concentrati di olio di pesce come integratori alimentari o coadiuvanti terapeutici. Ci sono state però molte controversie sui presunti benefici effetti derivanti dal consumo dell'olio di pesce e varie meta-analisi concludono che effetti positivi se ci sono sono comunque limitati.[31][32][31][33][34]:

Le prove più promettenti supportano, a specifiche condizioni, l'integrazione alimentare per la prevenzione della morte cardiaca.[35] La FDA ha autorizzato la commercializzazione di alcuni farmaci a prescrizione derivati dall'olio di pesce per soggetti con trigliceridemia molto alta e con rischio cardiovascolare, anche se assumono statine.[36][37]

La FDA ha approvato un'indicazione qualificata sulla salute per alimenti convenzionali e integratori alimentari che contengono EPA e DHA dove si afferma che "la ricerca di supporto ma non conclusiva mostra che il consumo di acidi grassi omega-3 EPA e DHA può ridurre il rischio di malattie coronariche". La FDA specifica inoltre che le etichette degli integratori alimentari non dovrebbero raccomandare l'assunzione giornaliera di EPA e DHA superiore a 2 g. Molte altre indicazioni salutistiche, richieste dall'industria, non sono state autorizzate.[38][39][40]

L'EFSA ha autorizzato alcune specifiche indicazioni salutistiche[41]:

  • DHA ed EPA contribuiscono alla normale funzione del cuore (0,25 g al giorno)
  • DHA ed EPA contribuiscono al mantenimento della normale pressione sanguigna (3 g al giorno)
  • DHA ed EPA contribuiscono al mantenimento dei normali livelli di trigliceridi nel sangue (2 g al giorno)
  • Il DHA contribuisce al mantenimento dei normali livelli di trigliceridi nel sangue (2 g al giorno in associazione con EPA)
  • Il DHA contribuisce al mantenimento della normale funzione cerebrale (0,25 g al giorno)
  • Il DHA contribuisce al mantenimento della visione normale (0,25 g al giorno)
  • L'assunzione materna di DHA contribuisce al normale sviluppo cerebrale del feto e dei bambini allattati al seno (0,2 g di DHA più l'assunzione giornaliera raccomandata di acidi grassi omega-3 (EPA + DHA per gli adulti che è 0,25 g al giorno).
  • L'assunzione materna di DHA contribuisce al normale sviluppo dell'occhio del feto e dei bambini allattati al seno (0,2 g di DHA più l'assunzione giornaliera raccomandata di acidi grassi omega-3 (EPA + DHA) per gli adulti che è 0,25 g al giorno).

Molte altre, richieste dall'industria, non sono state autorizzate.[41][42]

I prodotti derivati dai pesci, come l'olio, introducono però dei rischi di possibile contaminazione con metalli pesanti (in particolare etil mercurio), diossine, furano, PCB.

Questi contaminanti possono essere facilmente rilevati nei grandi predatori come squali, pesce spada, tonni che, a causa della loro posizione in cima alla catena alimentare, possono accumulare sostanze tossiche per biomagnificazione. Nei normali processi di raffinazione i produttori di olio di pesce possono ridurre la concentrazione di questi contaminanti ma una raffinazione e purificazione molto accurata può ridurre anche il tenore di EPA e DHA.[43]

Tipi di olio di pesceModifica

  • Gli oli di pesce generici sono derivati da una o più specie di pesci o molluschi. Questo include anche miscele con oli di fegato di pesce.
  • Gli oli di fegato di pesce nominati sono derivati dai fegati dei pesci e sono composti da acidi grassi, vitamine o altro componenti rappresentativi dei fegati delle specie da cui viene estratto l'olio.
  • L'olio di fegato di merluzzo deriva dal fegato di merluzzo selvatico, Gadus morhua L e altre specie di Gadidae.
  • L'olio di fegato di pesce (senza nome) deriva dai fegati di una o più specie di pesci.
  • Gli oli di pesce concentrati sono derivati dagli oli di pesce che sono stati sottoposti ai processi che possono comportare, ma non sono limitati a, idrolisi, frazionamento, winterizzazione e / o interesterificazione per aumentare la concentrazione di acidi grassi specifici. L'olio di pesce concentrato contiene dal 35 al 50% in peso di acidi grassi come somma di acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA).
  • L'olio di pesce ad alta concentrazione contiene oltre il 50% in peso di acidi grassi come somma di EPA e DHA.
  • Oli etilici concentrati di oli di pesce sono derivati dagli oli di pesce e sono principalmente composto da acidi grassi etil esteri.

Gli oli etilici di olio di pesce concentrati contengono acidi grassi come esteri di etanolo di cui il 40-60% p / p% è somma di EPA e DHA.

  • Gli esteri etilici di olio di pesce altamente concentrati contengono acidi grassi come esteri di etanolo di cui oltre 6 w / w% sono come somma di EPA e DHA.

Metodo di produzioneModifica

Gli impianti che producono olio di pesce producono anche farina di pesce. Una volta separate le parti del pesce utili per l'estrazione, nel salmone la testa, nei merluzzi il fegato, la maggior parte dell'olio e della farina sono prodotti con il metodo della spremitura a umido.

Le fasi principali di questo processo sono:

  • Bollire il pesce per denaturare/coagulare le proteine,
  • Spremendo il prodotto coagulato se ne separano due fasi:
    • una fase solida (la "torta"), contenente dal 60 all'80% di sostanza secca (proteine e sostanza ossea) che non contiene più olio,
    • una fase liquida (il "liquore"), contenente acqua e olio assieme ad un residuo di solidi dissolti o dispersi (proteine disciolte o sospese, vitamine, minerali).
  • Decantazione e centrifugazione del liquore, per rimuovere l'acqua e la maggior parte delle impurità e ricavare l'olio greggio che viene immagazzinato in botti.

Dall'acqua contenente proteine attraverso evaporatori si produce un concentrato che viene miscelato con la torta. Questa, una volta che sia stata ulteriormente disidratata in un essiccatore. viene macinata in forma di farina, quindi conservata in sacchi o sfusa.

ComposizioneModifica

Gli oli da specie acquatiche sono complessi. Contengono molte classi diverse di lipidi (trigliceridi, fosfolipidi, idrocarburi, esteri cerosi, esteri di alcoli diversi dal glicerolo). EPA e DHA sono rilevabili solo in trigliceridi e fosfolipidi. Gli oli raffinati in commercio sono composti prevalentemente da trigliceridi con la seguente distribuzione percentuale di acidi grassi, come definito dal CODEX ALIMENTARIUS:[44]

Notazione Delta acido grasso Acciuga
Engraulis ringens
(Engraulidae)
Tonno
Thunnus, Katsuwonus pelamis
(Scombridae).
Krill
Euphausia superba
Brevootia, Ethmidium
(Clupeidae)
Salmone non d'allevamento
(Salmonidae)
Salmone d'allevamento
(Salmonidae)
Fegato di Merluzzo
Gadus morhua
(Gadidae)
14:0 acido miristico 2,7-11,5 ND-5,0 5,0-13,0 8,0-11,0 2,0-5,0 1,5-5,5 2,0-6,0
15:0 acido pentadecanoico ND-1,5 ND-2,0 NR ND-1,0 ND-1,0 ND-0,5 ND-0,5
16:0 acido palmitico 13,0-22,0 14,0-24,0 17,0-24,6 18,0-20,0 10,0-16,0 6,5-12,0 7,0-14,0
16:1Δ9c acido palmitoleico 4,0-12,6 ND-12,5 2,5-9,0 9,0-13,0 4,0-6,0 2,0-5,0 4,5-11,5
17:0 acido margarico ND-2,0 ND-3,0 NR ND-1,0 ND-1,0 ND-0,5 NR
18:0 acido stearico 1,0-7,0 ND-7,5 NR 2,5-4,0 2,0-5,0 2,0-5,0 1,0-4,0
18:1Δ11t acido vaccenico 1,7-3,7 ND– 7,0 4,7-8,1 2,5-3,5 1,5-2,5 NR 2,0–7,0
18:1Δ9c acido oleico 3,6-17,0 10,0-25,0 6,0-14,5 5,5-8,5 8,0-16,0 30,0-47,0 12,0-21,0
18:2Δ9c,12c acido linoleico ND-3,5 ND-3,0 ND-3,0 2,0-3,5 1,5-2,5 8,0-15,0 0,5-3,0
18:3Δ9c,12c,15c acido α-linolenico ND-7,0 ND-2,0 0,1-4,7 ND-2,0 ND-2,0 3,0-6,0 ND-2,0
18:3Δ6c,9c,12c acido γ-linolenico ND-5,0 ND-4,0 NR ND-2,5 ND-2,0 ND-0,5 NR
18:4Δ6c,9c,12c,15c acido stearidonico ND-5,0 ND-2,0 1,0-8,1 1,5-3,0 1,0-4,0 0,5-1,5 0,5-4,5
20:0 acido arachidico ND-1,8 ND-2,5 NR 0,1-0,5 ND-0,5 0,1-0,5 NR
20:1Δ11c acido gondoico ND-4,0 ND-2,5 NR ND-0,5 2,0-10,0 1,5-7,0 5,0-17,0
20:1Δ9c acido gadoleico ND-4,0 ND-3,0 NR 0,5-2,0 NR NR 1,0-5,5
20:4Δ5c,8c,11c,14c acido arachidonico ND-2,5 ND-3,0 NR ND-2,0 0,5-2,5 ND-1,2 ND-1,5
20:4Δ8c,11c,14c,17c Acido juniperonico ND-2,0 ND-1,0 NR NR 1,0-3,0 0,5-1,0 ND-2,0
20:5Δ5c,8c,11c,14c,17c acido eicosapentaenoico 5,0-26,0 2,5-9,0 14,3-28,0 12,5-19,0 6,5-11,5 2,0-6,0 7,0-16,0
21:5Δ6c,9c,12c,15c,18c acido eneicosapentaenoico ND-4,0 ND-1,0 NR 0,5-1,0 ND-4,0 NR ND-1,5
22:1Δ13c acido erucico ND-2,3 ND-2,0 ND-1,5 0,1-0,5 ND-1,5 3,0-7,0 ND-1,5
22:1Δ11c acido cetoleico ND-5,6 ND-1,0 NR ND-0,1 1,0-1,5 NR 5,0-12,0
22:5Δ7c,10c,13c,16c,19c acido clupanodonico ND-4,0 ND-3,0 ND-0,7 2,0-3,0 1,5-3,0 1,0-2,5 0,5-3,0
22:6Δ4c,7c,10c,13c,16c,19c acido docosaesaenoico 4,0-26,5 21,0-42,5 7,1-15,7 5,0-11,5 6,0-14,0 3,0-10,0 6,0-18,0

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Ian H. Pike e Andrew Jackson, Fish oil: production and use now and in the future, in Lipid Technology, vol. 22, nº 3, 2010-03, pp. 59–61, DOI:10.1002/lite.201000003. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  2. ^ Federico Soriguer, Salvador Serna e Esteban Valverde, Lipid, protein and calorie content of different Atlantic and Mediterranean fish, shellfish and mollusks commonly eaten in the south of Spain., in European Journal of Epidemiology, vol. 13, nº 4, 1997, pp. 451–463, DOI:10.1023/a:1007327304925. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  3. ^ Fish meal and fish oil - International aquafeed (PDF), su iffo.net, Settembre-Ottobre 2012.
  4. ^ Farmed fish: a major provider or a major consumer of omega-3 oils? | GLOBEFISH | Food and Agriculture Organization of the United Nations, su www.fao.org. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  5. ^ Salmon Aquaculture Supply Chain (PDF), su ascs.is.
  6. ^ Michel Linder, Nabila Belhaj e Pascale Sautot, From Krill to Whale: an overview of marine fatty acids and lipid compositions, in Oléagineux, Corps gras, Lipides, vol. 17, nº 4, 2010-07, pp. 194–204, DOI:10.1051/ocl.2010.0328. URL consultato il 13 dicembre 2019.
  7. ^ Fatty Acid Composition of Fish Oils (PDF; 6,42 MB), Edward H. Gruger, United States Department of the Interior, Fish and Wildlife Service, Bureau of Commercial Fisheries, 1967. (PDF), su spo.nmfs.noaa.gov.
  8. ^ (EN) E. H. Gruger, R. W. Nelson e M. E. Stansby, Fatty acid composition of oils from 21 species of marine fish, freshwater fish and shellfish, in Journal of the American Oil Chemists' Society, vol. 41, nº 10, 1964, pp. 662–667, DOI:10.1007/BF02661403. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  9. ^ R. G. Ackman, Characteristics of the fatty acid composition and biochemistry of some fresh-water fish oils and lipids in comparison with marine oils and lipids, in Comparative Biochemistry and Physiology, vol. 22, nº 3, 1º settembre 1967, pp. 907–922, DOI:10.1016/0010-406X(67)90781-5. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  10. ^ (EN) Bimal Prasanna Mohanty, Satabdi Ganguly e Arabinda Mahanty, DHA and EPA Content and Fatty Acid Profile of 39 Food Fishes from India, in BioMed Research International, vol. 2016, 2016, pp. 1–14, DOI:10.1155/2016/4027437. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  11. ^ (EN) H. O. Bang, J. Dyerberg e Aase Brøndum Nielsen, PLASMA LIPID AND LIPOPROTEIN PATTERN IN GREENLANDIC WEST-COAST ESKIMOS, in Nutrition Reviews, vol. 44, nº 4, 27 aprile 2009, pp. 143–146, DOI:10.1111/j.1753-4887.1986.tb07607.x. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  12. ^ Artemis P. Simopoulos, Omega-3 fatty acids in inflammation and autoimmune diseases, in Journal of the American College of Nutrition, vol. 21, nº 6, 2002-12, pp. 495–505, DOI:10.1080/07315724.2002.10719248. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  13. ^ Daniel Weitz, Howard Weintraub e Edward Fisher, Fish Oil for the Treatment of Cardiovascular Disease, in Cardiology in review, vol. 18, nº 5, 2010, pp. 258–263, DOI:10.1097/CRD.0b013e3181ea0de0. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  14. ^ William E Connor, Importance of n−3 fatty acids in health and disease, in The American Journal of Clinical Nutrition, vol. 71, nº 1, 1º gennaio 2000, pp. 171S–175S, DOI:10.1093/ajcn/71.1.171s. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  15. ^ Mahinda Y. Abeywardena e Glen S. Patten, Role of ω3 Longchain Polyunsaturated Fatty Acids in Reducing Cardio- Metabolic Risk Factors, in Endocrine, Metabolic & Immune Disorders - Drug Targets, vol. 11, nº 3, 1º settembre 2011, pp. 232–246, DOI:10.2174/187153011796429817. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  16. ^ Mitsuhiro Yokoyama, Hideki Origasa e Masunori Matsuzaki, Effects of eicosapentaenoic acid on major coronary events in hypercholesterolaemic patients (JELIS): a randomised open-label, blinded endpoint analysis, in Lancet (London, England), vol. 369, nº 9567, 31 marzo 2007, pp. 1090–1098, DOI:10.1016/S0140-6736(07)60527-3. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  17. ^ Philip C. Calder, The role of marine omega-3 (n-3) fatty acids in inflammatory processes, atherosclerosis and plaque stability, in Molecular Nutrition & Food Research, vol. 56, nº 7, 2012-07, pp. 1073–1080, DOI:10.1002/mnfr.201100710. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  18. ^ Michio Hashimoto, Masanori Katakura e Yoko Tanabe, n-3 fatty acids effectively improve the reference memory-related learning ability associated with increased brain docosahexaenoic acid-derived docosanoids in aged rats, in Biochimica et Biophysica Acta (BBA) - Molecular and Cell Biology of Lipids, vol. 1851, nº 2, 2015-02, pp. 203–209, DOI:10.1016/j.bbalip.2014.10.009. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  19. ^ IFFO (a cura di), The importance of dietary EPA & DHA omega-3 fatty acids in the health of both animals and humans (PDF), su iffo.net.
  20. ^ K. Naliwaiko, R. L. E. Araújo e R. V. da Fonseca, Effects of fish oil on the central nervous system: a new potential antidepressant?, in Nutritional Neuroscience, vol. 7, nº 2, 2004-04, pp. 91–99, DOI:10.1080/10284150410001704525. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  21. ^ Kuan-Pin Su, Shih-Yi Huang e Chih-Chiang Chiu, Omega-3 fatty acids in major depressive disorder. A preliminary double-blind, placebo-controlled trial, in European Neuropsychopharmacology: The Journal of the European College of Neuropsychopharmacology, vol. 13, nº 4, 2003-08, pp. 267–271, DOI:10.1016/s0924-977x(03)00032-4. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  22. ^ (EN) Paul E. Marik e Joseph Varon, Omega-3 Dietary Supplements and the Risk of Cardiovascular Events: A Systematic Review, in Clinical Cardiology, vol. 32, nº 7, 2009-07, pp. 365–372, DOI:10.1002/clc.20604. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  23. ^ Raquel Cristina Schwanke, Rodrigo Marcon e Allisson Freire Bento, EPA- and DHA-derived resolvins' actions in inflammatory bowel disease, in European Journal of Pharmacology, vol. 785, 15 agosto 2016, pp. 156–164, DOI:10.1016/j.ejphar.2015.08.050. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  24. ^ Roxana Coras, Arthur Kavanaugh e Tristan Boyd, Pro- and anti-inflammatory eicosanoids in psoriatic arthritis, in Metabolomics: Official Journal of the Metabolomic Society, vol. 15, nº 4, 19 aprile 2019, pp. 65, DOI:10.1007/s11306-019-1527-0. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  25. ^ Skulas-Ray Ann C., Wilson Peter W.F. e Harris William S., Omega-3 Fatty Acids for the Management of Hypertriglyceridemia: A Science Advisory From the American Heart Association, in Circulation, vol. 140, nº 12, 17 settembre 2019, pp. e673–e691, DOI:10.1161/CIR.0000000000000709. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  26. ^ WHO | Marine oil supplementation to improve pregnancy outcomes, su WHO. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  27. ^ AFSSA. Avis de l’Agence française de sécurité sanitaire des aliments relatif à l’actualisation des apports nutritionnels conseillés pour les acides gras (marzo 2010)
  28. ^ Dietary Guidelines for Americans -. U.S. Department of Agriculture - U.S. Department of Health and Human Services (PDF), su health.gov. URL consultato il 17 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º aprile 2018).
  29. ^ 2015-2020 Dietary Guidelines | health.gov, su health.gov. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  30. ^ Fats and Fatty Acids in Human Nutrition, S. Karger AG, 15 settembre 2009, ISBN 978-3-8055-9261-1. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  31. ^ a b Konrad M. Szymanski, David C. Wheeler e Lorelei A. Mucci, Fish consumption and prostate cancer risk: a review and meta-analysis, in The American Journal of Clinical Nutrition, vol. 92, nº 5, 2010-11, pp. 1223–1233, DOI:10.3945/ajcn.2010.29530. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  32. ^ (EN) Omega-3 Supplements: In Depth, su NCCIH, 1º luglio 2009. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  33. ^ Emma Sydenham, Alan D. Dangour e Wee-Shiong Lim, Omega 3 fatty acid for the prevention of cognitive decline and dementia, in The Cochrane Database of Systematic Reviews, nº 6, 13 giugno 2012, pp. CD005379, DOI:10.1002/14651858.CD005379.pub3. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  34. ^ (EN) New Cochrane health evidence challenges belief that omega 3 supplements reduce risk of heart disease, stroke or death, su www.cochrane.org. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  35. ^ Thekkuttuparambil A. Ajith e Thankamani G. Jayakumar, Omega-3 fatty acids in coronary heart disease: Recent updates and future perspectives, in Clinical and Experimental Pharmacology & Physiology, vol. 46, nº 1, 01 2019, pp. 11–18, DOI:10.1111/1440-1681.13034. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  36. ^ Which prescription fish oil products are approved by the FDA for the treatment of hypertriglyceridemia (high triglyceride levels)?, su www.medscape.com. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  37. ^ VASCEPA Is Different from Other Treatments | VASCEPA® (icosapent ethyl), su www.vascepa.com. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  38. ^ (EN) Center for Food Safety and Applied Nutrition, FDA Announces New Qualified Health Claims for EPA and DHA Omega-3 Consumption and the Risk of Hypertension and Coronary Heart Disease, in FDA, 4 settembre 2019. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  39. ^ Food Labeling: Nutrient Content Claims; Alpha-Linolenic Acid, Eicosapentaenoic Acid, and Docosahexaenoic Acid Omega-3 Fatty Acids - Food and Drug Administration, su fda.gov.
  40. ^ (EN) Office of Dietary Supplements - Omega-3 Fatty Acids, su ods.od.nih.gov. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  41. ^ a b EPA/DHA/DPA related health claims, su European Food Safety Authority, 19 ottobre 2010. URL consultato il 17 dicembre 2019.
  42. ^ (EN) Scientific Opinion on the substantiation of health claims related to docosahexaenoic acid (DHA), eicosapentaenoic acid (EPA) and brain, eye and nerve development (ID 501, 513, 540), maintenance of normal brain function (ID 497, 501, 510, 513, 519, 521, 534, 540, 688, 1323, 1360, 4294), maintenance of normal vision (ID 508, 510, 513, 519, 529, 540, 688, 2905, 4294), maintenance of normal cardiac function (ID 510, 688, 1360), “maternal health; pregnancy and nursing” (ID 514), “to fulfil increased omega‐3 fatty acids need during pregnancy” (ID 539), “skin and digestive tract epithelial cells maintenance” (ID 525), enhancement of mood (ID 536), “membranes cell structure” (ID 4295), “anti‐inflammatory action” (ID 4688) and maintenance of normal blood LDL‐cholesterol concentrations (ID 4719) pursuant to Article 13(1) of Regulation (EC) No 1924/2006, in EFSA Journal, vol. 9, nº 4, 1º aprile 2011, DOI:10.2903/j.efsa.2011.2078. URL consultato il 16 dicembre 2019.
  43. ^ Tania E. John, Rachel M. Rebry, Kevin L. Yan, Harry B. Rice, William J. Rowe,, MEASUREMENT OF ENVIRONMENTAL CONTAMINANTS IN A GLOBALLY-REPRESENTATIVE SAMPLE OF FISH OIL SUPPLEMENTS (PDF), su Global Organization for EPA and DHA Omega-3s (a cura di), goedomega3.com.
  44. ^ CODEX ALIMENTARIUS COMMISSION, STANDARD FOR FISH OILS CXS 329-2017 Adopted in 2017. (PDF).

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàNDL (ENJA00562733