Pallamano ai Giochi olimpici

1leftarrow blue.svgVoce principale: Giochi olimpici estivi.

Torneo olimpico di pallamano
Olympic flag.svg
SportHandball pictogram.svg Pallamano
TipoSquadre nazionali
OrganizzatoreCIO
IHF
TitoloCampione olimpico
Cadenzaquadriennale
Partecipanti12 (uomini)
12 (donne)
Storia
Fondazione1936 (uomini)
1976 (donne)
DetentoreDanimarca Danimarca (uomini)
Russia Russia (donne)
Record vittorieRussia Russia (4, uomini)
Danimarca Danimarca e Russia Russia (3, donne)

La pallamano è tra le discipline più presenti ai giochi olimpici estivi. La prima edizione del torneo di pallamano si tenne in occasione dei Giochi di Berlino 1936, riservata a rappresentative maschili e giocata col formato di squadre da 11 giocatori e all'aperto[1]. Poi, la pallamano venne tolta dal programma olimpico e reintrodotta nel formato di squadre da 7 giocatori e giocata al chiuso in occasione dei Giochi di Monaco di Baviera 1972 per gli uomini e dei Giochi di Montreal 1976 per le donne[1].

StoriaModifica

Il gioco della pallamano nacque in Europa sul finire del XIX secolo, nell'ottobre 1917 vennero codificate le regole del gioco e nel successivo mese di dicembre venne disputata a Berlino la prima partita ufficiale[2]. Nel corso della 26ª sessione del CIO, tenutasi a Monaco di Baviera nell'aprile 1927, il membro irlandese del CIO, John Joseph Keane, propose l'inserimento della pallamano nel programma olimpico dei Giochi di Los Angeles 1932, ma la proposta non venne accolta[1]. Nel 1930 nel corso del congresso olimpico, tenutosi a Berlino, venne deciso di inserire la pallamano nel programma olimpico dei Giochi di Berlino 1936[1]. La pallamano al torneo olimpico del 1936 era giocata da squadre composte da 11 giocatori e su un campo in erba all'aperto. Vi parteciparono sei squadre nazionali maschili e la medaglia d'oro venne vinta dalla Germania[3].

Nel corso della 44ª sessione del CIO, tenutasi a Roma nell'aprile 1949, la proposta di inserire la pallamano nella lista degli sport obbligatori per i Giochi estivi venne rifiutata[1]. Nel corso della 64ª sessione del CIO, tenutasi a Madrid nell'ottobre 1965, venne deciso l'aumento degli sport del programma olimpico a 21 a partire dai Giochi di Monaco di Baviera 1972, e la pallamano venne inserita in questa lista[1]. Ai Giochi olimpici del 1972 la pallamano venne giocata nel formato con squadre composte da 7 giocatori e in un palazzetto dello sport. Vi presero parte ben 16 squadre nazionali maschili e la medaglia d'oro andò alla Jugoslavia[4]. Nello stesso anno la 73ª sessione del CIO, tenutasi proprio a Monaco di Baviera, decise l'introduzione del torneo femminile a partire dai Giochi di Montreal 1976[1]. Al torneo olimpico del 1976 presero parte 11 squadre nazionali maschili e 6 femminili, e le medaglie d'oro di entrambi i tornei andarono all'Unione Sovietica[5].

Il numero di squadre nazionali partecipanti crebbe fino a 12 per le rappresentative maschili già ai Giochi di Mosca 1980, mentre per le donne il numero di partecipanti crebbe progressivamente con le varie edizioni, raggiungendo le 12 nazionali partecipanti ai Giochi di Pechino 2008[1]. Gli anni ottanta videro un generale dominio delle nazionali dell'Europa dell'Est, con un progressivo spostamento delle medaglie verso le rappresentative dell'Europa occidentale nel corso degli anni novanta. La sola nazionale femminile della Corea del Sud è stata in grado di rompere il dominio di vittorie delle nazionali europee, vincendo due tornei olimpici successivi nel 1988 e nel 1992. Inoltre, la nazionale femminile della Danimarca è stata l'unica a vincere il torneo olimpico per tre edizioni consecutive.

StatisticheModifica

Edizioni svolteModifica

Torneo Edizioni Anni
XIX secolo XX secolo XXI secolo
96 00 04 08 12 20 24 28 32 36 48 52 56 60 64 68 72 76 80 84 88 92 96 00 04 08 12 16 20
Maschile 14 X X X X X X X X X X X X X X
Femminile 12 X X X X X X X X X X X X

Albo d'oroModifica

Torneo maschileModifica

Edizione Podio
Anno   Oro   Argento   Bronzo
Berlino
1936
 
Germania
 
Austria
 
Svizzera
Assente dal programma dei Giochi olimpici per 6 edizioni
Monaco di Baviera
1972
 
Jugoslavia
 
Cecoslovacchia
 
Romania
Montréal
1976
 
Unione Sovietica
 
Romania
 
Polonia
Mosca
1980
 
Germania Est
 
Unione Sovietica
 
Romania
Los Angeles
1984
 
Jugoslavia
 
Germania Ovest
 
Romania
Seul
1988
 
Unione Sovietica
 
Corea del Sud
 
Jugoslavia
Barcellona
1992
 
Squadra Unificata
 
Svezia
 
Francia
Atlanta
1996
 
Croazia
 
Svezia
 
Spagna
Sydney
2000
 
Russia
 
Svezia
 
Spagna
Atene
2004
 
Croazia
 
Germania
 
Russia
Pechino
2008
 
Francia
 
Islanda
 
Spagna
Londra
2012
 
Francia
 
Svezia
 
Croazia
Rio de Janeiro
2016
 
Danimarca
 
Francia
 
Germania
Tokyo
2020

Torneo femminileModifica

Edizione Podio
Anno   Oro   Argento   Bronzo
Montréal
1976
 
Unione Sovietica
 
Germania Est
 
Ungheria
Mosca
1980
 
Unione Sovietica
 
Jugoslavia
 
Germania Est
Los Angeles
1984
 
Jugoslavia
 
Corea del Sud
 
Cina
Seul
1988
 
Corea del Sud
 
Norvegia
 
Unione Sovietica
Barcellona
1992
 
Corea del Sud
 
Norvegia
 
Squadra Unificata
Atlanta
1996
 
Danimarca
 
Corea del Sud
 
Ungheria
Sydney
2000
 
Danimarca
 
Ungheria
 
Norvegia
Atene
2004
 
Danimarca
 
Corea del Sud
 
Ucraina
Pechino
2008
 
Norvegia
 
Russia
 
Corea del Sud
Londra
2012
 
Norvegia
 
Montenegro
 
Spagna
Rio de Janeiro
2016
 
Russia
 
Francia
 
Norvegia
Tokyo
2020

MedagliereModifica

Aggiornati ai Rio de Janeiro 2016.

In corsivo le nazioni (o le squadre) non più esistenti.[6]

Medagliere combinatoModifica

Pos Nazione        
1   Unione Sovietica 4 1 1 6
2   Danimarca 4 0 0 4
3   Jugoslavia 3 1 1 5
4   Corea del Sud 2 4 1 7
5   Norvegia 2 2 2 6
6   Francia 2 2 1 5
7   Russia 2 1 1 4
8   Croazia 2 0 1 3
9   Germania 1 1 1 3
  Germania Est 1 1 1 3
11   Squadra Unificata 1 0 1 2
12   Svezia 0 4 1 5
13   Romania 0 1 3 4
14   Ungheria 0 1 2 3
15   Austria 0 1 0 1
  Islanda 0 1 0 1
  Montenegro 0 1 0 1
  Cecoslovacchia 0 1 0 1
  Germania Ovest 0 1 0 1
20   Spagna 0 0 4 4
21   Cina 0 0 1 1
  Polonia 0 0 1 1
  Svizzera 0 0 1 1
  Ucraina 0 0 1 1

Medagliere del torneo maschileModifica

Pos Nazione        
1   Francia 2 1 1 4
2   Unione Sovietica 2 1 0 3
3   Jugoslavia 2 0 1 3
  Croazia 2 0 1 3
5   Germania 1 1 1 3
6   Russia 1 0 1 2
7   Germania Est 1 0 0 1
  Squadra Unificata 1 0 0 1
  Danimarca 1 0 0 1
9   Svezia 0 4 0 4
10   Romania 0 1 3 4
11   Austria 0 1 0 1
  Corea del Sud 0 1 0 1
  Germania Ovest 0 1 0 1
  Islanda 0 1 0 1
  Cecoslovacchia 0 1 0 1
16   Spagna 0 0 3 3
17   Polonia 0 0 1 1
  Svizzera 0 0 1 1

Medagliere del torneo femminileModifica

Pos Nazione        
1   Danimarca 3 0 0 3
2   Corea del Sud 2 3 1 6
3   Norvegia 2 2 2 6
4   Unione Sovietica 2 0 1 3
5   Russia 1 1 0 2
  Jugoslavia 1 1 0 2
6   Ungheria 0 1 2 3
7   Germania Est 0 1 1 2
8   Montenegro 0 1 0 1
  Francia 0 1 0 1
10   Cina 0 0 1 1
  Squadra Unificata 0 0 1 1
  Spagna 0 0 1 1
  Ucraina 0 0 1 1

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h (EN) HANDBALL: History of Handball at the Olympic Games (PDF), su stillmed.olympic.org. URL consultato il 25 aprile 2020.
  2. ^ (EN) Handball in Germany celebrates 100th anniversary, su eurohandball.com, 31 ottobre 2017. URL consultato il 25 aprile 2020.
  3. ^ (EN) Giochi di Berlino 1936, su olympic.org. URL consultato il 25 aprile 2020.
  4. ^ (EN) Giochi di Monaco di Baviera 1972, su olympic.org. URL consultato il 25 aprile 2020.
  5. ^ (EN) Giochi di Montreal 1976, su olympic.org. URL consultato il 25 aprile 2020.
  6. ^ Handball, sports-reference.com. URL consultato il 4 ottobre 2016 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2008).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport