Apri il menu principale
Parco della Preistoria
Tipo di areaarea naturale con ricostruzioni di animali preistorici
StatoItalia Italia
RegioneLombardia
ProvinciaCremona
ComuneRivolta d'Adda
GestoreParco dell'Adda Sud
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Parco della Preistoria
Parco della Preistoria
Sito istituzionale

Coordinate: 45°28′24.96″N 9°29′58.99″E / 45.4736°N 9.49972°E45.4736; 9.49972

Parco della Preistoria
Fountain rivolta.jpg
Laghetto del parco con tartarughe e carpe
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàRivolta d'Adda
Indirizzovia Pontevecchio, 21
Caratteristiche
Superficie100 ha
Inaugurazione1978
GestoreParco safari della preistoria srl
AperturaTutto l'anno. Chiusura solo nel periodo invernale.
Mappa di localizzazione
Sito web

Il parco della Preistoria è un parco naturalistico di oltre 100 ettari di bosco secolare, situato nella periferia del comune di Rivolta d'Adda (CR), a circa 20 km ad est di Milano. Il parco è inserito all'interno del Parco fluviale dell'Adda Sud, sito accanto all'omonimo fiume; è caratterizzato da una trentina di ricostruzioni di animali preistorici (uomini preistorici compresi), un centinaio di animali selvatici in semilibertà, un itinerario botanico con piante segnalate, ambienti naturali (come: una palude, prati, laghi, ecc.), aree pic-nic attrezzate, bar, parchi giochi, un labirinto, mostre fossili, trenino turistico, ecc., il tutto lungo un percorso ombreggiato intercalato da acque e due principali laghetti (lago dei Cigni e lago degli Aironi).

Il parco, immerso nel verde, è mirato anche all'educazione ambientale; è adatto sia ad adulti che a bambini.

Indice

Storia del parcoModifica

I primi lavori di realizzazione del parco risalgono al marzo 1976 e durarono due anni. Dal '76 al '78, oltre ai lavori di realizzazione, furono inserite le ricostruzioni di animali preistorici, realizzate scientificamente con attenzione, al fine che sembrassero veri animali.

Effettivamente, fu possibile ricostruire gli animali preistorici partendo da fossili scheletrici recuperati in diverse zone del mondo, i quali vennero ben analizzati sulle muscolature, sulle parti carnose e sulle pelli; vennero così costruiti dei modelli in miniatura, seguiti da ricostruzioni in vetroresina, la maggior parte a grandezza naturale, secondo quanto è stato finora scientificamente stimato.

Le altre amplificazioni del parco più significative sono state:

BotanicaModifica

Flora del parcoModifica

Sulla sponda sinistra del fiume Adda, il parco segnala la presenza parziale di formazioni boschive, dato che le foreste del Nord-Italia hanno subito, per molti secoli, le varie attività agricole, le bonifiche e vari disboscamenti. Su questa parte del fiume si possono osservare gli ultimi lembi della primordiale foresta, caratterizzata da latifoglie decidue. Il bosco del parco contiene anche specie legnose frammiste, come: pioppi, olmi, robinie, ecc. Nonostante tutto, il parco risente anche dell'infiltrazione di specie selvatiche (come viole, primule, biancospini, ecc.) e di coltivazioni ancestrali; il sottobosco rimane, comunque, pregevole.

BoscoModifica

Resto di un'antica foresta planiziale padana, il bosco del parco è caratterizzato da una moltitudine di latifoglie decidue. La struttura della foresta è divisa in tre parti: arborea, arbustiva ed erbacea. La parte arborea comprende piante ad alto fusto (sui 15 m di altezza media); le chiome di codeste piante forniscono una rara copertura continua, dando l'impressione di una foresta aperta. La parte arbustiva comprende invece piante ad altezza variabile (da 1 a 7 metri). La parte erbacea accoglie specie varie, comprese anche specie rampicanti come l'edera.

La paludeModifica

Nell'ultimo tratto del sentiero, è presente una palude, formatasi dal distaccamento del vicino Lago degli Aironi (meandro) e affiancata da un'ampia curva. Anche sulle rive di essa vi è presente un'abbondante vegetazione, che comprende: salici e carici; il resto della vegetazione è acquatica: ninfee, nannufaro, nasturzio, ecc.; nelle parti fangose della palude sono presenti: tife e canne palustri. Le piante presenti al centro della palude sono: piante sommerse, piante galleggianti, piante semisommerse, canneti, ecc.

ZoologiaModifica

FaunaModifica

Il parco ospita molti animali in libertà e in recinti.

Tra i primi abbiamo:

Tra i secondi abbiamo invece: cervidi, asini, cavalli, capre, pecore, pony, pappagalli e pavoni.

RicostruzioniModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica