Apri il menu principale

Paul-Thérèse-David d'Astros

cardinale francese
Paul-Thérèse-David d'Astros
cardinale di Santa Romana Chiesa
Paul-Thérèse-David d'Astros.jpg
Ritratto del cardinale d'Astros
Template-Cardinal (Metropolitan Archbishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato15 ottobre 1772, Tourves
Ordinato presbitero23 settembre 1797
Nominato vescovo1º ottobre 1817 da papa Pio VII
Consacrato vescovo9 luglio 1820 dall'arcivescovo Hyacinthe-Louis de Quélen
Elevato arcivescovo5 luglio 1830 da papa Leone XII
Creato cardinale30 settembre 1850 da papa Pio IX
Deceduto29 settembre 1851, Tolosa
 

Paul-Thérèse-David d'Astros (Tourves, 15 ottobre 1772Tolosa, 29 settembre 1851) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico francese.

Indice

BiografiaModifica

InfanziaModifica

Paul-Thérèse-David d'Astros nacque il 15 ottobre 1772 nel comune di Tourves, facente parte dell'arcidiocesi di Aix, in Francia. Suo padre era un notaio e sua madre, Marie-Madeleine-Angélique Portalis, la figlia del ministro dell'imperatore Napoleone I di Francia che fu impegnato nelle trattative del Concordato del 1801, Jean-Étienne-Marie Portalis.

Formazione ed ordinazione sacerdotaleModifica

Inizialmente venne educato da un insegnante privato, e in seguito compì degli studi a Marsiglia. Successivamente decise di seguire la sua vocazione, e dopo gli studi ecclesiastici, ricevette la tonsura ecclesiastica nel 1788. Dal 1793 al 1794, dovette svolgere il servizio militare. Ricevette l'ordine e suddiaconato a Parigi, nel 1795.

Venne ordinato presbitero il 23 settembre 1797 a Marsiglia. Essendo nipote del ministro Portalis, prese parte alla preparazione del Concordato del 1801 tra l'Imperatore Napoleone I e Papa Pio VII. Questo importante ruolo, gli fece guadagnare l'incarico di vicario generale dell'Arcidiocesi di Parigi, incarico che mantenne dal settembre 1805 al 1808, quando venne promosso vicario capitolare; tenne questo incarico fino alla sua nomina a vescovo nel 1817. In quanto vicario dell'arcidiocesi, dovette in tale qualità divulgare la bolla pontificia di scomunica a Napoleone da parte di Papa Pio VII. Per questo venne considerato un nemico, e venne imprigionato a Vicennes il 1º gennaio 1811, restando prigioniero fino al 19 aprile 1814.

Vescovo ed arcivescovoModifica

Venne eletto vescovo di Orange il 1º ottobre 1817, ma la diocesi, già soppressa, non venne ristabilita per via del mancato concordato con il Parlamento di Parigi. Tuttavia ricevette la consacrazione episcopale per mano di Hyacinthe-Louis de Quélen, arcivescovo di Traianopoli di Rodope, assistito da Jean-Charles de Coucy, arcivescovo di Reims, e da Marc-Marie de Bombelles, vescovo di Amiens. La mancata possibilità di soggiorno, costrinse al trasferimento del neo vescovo alla sede di Saint-Flour il 21 febbraio 1820, dove tuttavia rimase per poco, dato che venne affidato alla diocesi di Bayonne il 29 maggio dello stesso anno. Dopo un decennio, venne promosso alla sede metropolitana di Tolosa-Narbona il 5 luglio 1830. Il presidente della repubblica francese Napoleone III, richiese la sua nomina a cardinale, che dopo molto tempo venne accolta.

Cardinale e morteModifica

Venne creato cardinale nel concistoro del 30 settembre 1850, da Papa Pio IX. Sfortunatamente egli morì prima di poter ricevere la berretta rossa e il titolo cardinalizio, il 29 settembre 1851, all'età di 79 anni, a Tolosa. La sua salma venne esposta nella cattedrale metropolitana di Tolosa, dove il suo funerale ebbe luogo, e lì sepolta il 7 ottobre 1851.

Genealogia episcopaleModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN68920530 · ISNI (EN0000 0001 1664 9881 · LCCN (ENnr94023500 · GND (DE103158170 · BNF (FRcb10711009x (data) · BAV ADV12614122 · CERL cnp00344175