Apri il menu principale
Versalis
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione
Sede principaleItalia, San Donato Milanese (MI)
FilialiBrindisi, Ferrara, Mantova, Novara, Porto Marghera (Venezia), Porto Torres (SS), Priolo Gargallo (SR), Ragusa, Ravenna, Crescentino (VC), Rivalta Scrivia (AL), Dunkerque (F), Százhalombatta (H), Oberhausen (D), Grangemouth (GB), Bruxelles (B), Shanghai (PRC), Mumbai (IND)
Settorechimica
Prodotti
Dipendenti5708
Slogan«Chemistry to evolve»
Sito web

La Versalis S.p.A. è una società del gruppo Eni impegnata nei settori della chimica di base (o primaria), della petrolchimica e delle materie plastiche.

È il leader italiano del comparto[1].

StoriaModifica

 
Vecchio logo Polimeri Europa

OriginiModifica

Nata come Polimeri Europa, ha ricevuto da Syndial S.p.A., le attività maggiormente interessante al mercato, tra cui gli elastomeri, il polietilene e gli stirenici.

Nell'ambito di un progetto di rilancio e di internazionalizzazione del gruppo, il 5 aprile 2012 diventa Versalis S.p.A.[2], concentrandosi su 4 settori: stirenici, polietileni, fenoli e derivati, elastomeri[3].

Le produzioniModifica

Il settore della chimica di base (o primaria) ha la seguente gamma produttiva: etilene, propilene, butadiene, derivati del dimetilcarbonato, benzene ed etilbenzene, cumene, fenolo e derivati, acetone, toluene, paraxilene, metaxilene, ortoxilene, pseudocumene, mesitilene, ciclopentano e diclopentadiene. Per gli elastomeri la produzione è strutturata in: europrene intol, europrene Sol, europrene Sol B, europrene Sol R, europrene HS, intene, europrene Neocis, europrene Sol T, dutral, europrene N, europrene N Ozo, intex ed europrene latice.

Il settore del polietilene ha le seguenti produzioni: riblene, clearflex, flexirene, eraclene, greenflex. Quello degli stirenici ha infine questa gamma: edistir, extir, sinkral, kostil e koblend. I principali stabilimenti produttivi sono: Priolo Gargallo, Brindisi, Ferrara, Mantova, Porto Marghera, Porto Torres, Ragusa, Ravenna, Dunkerque, Shaszalombatta, Oberhausen, Grangemouth. Il principale centro di ricerca per la Green Chemistry è situato a Novara all'interno dello storico Centro Ricerche per le Energie Non Convenzionali - Istituto Eni Donegani di via Fauser, 4.

A febbraio 2016 viene resa nota l'avvenuta prima produzione, nel fermentatore da 200 litri situato a Novara[4][5], di bio-butadiene da materie prime totalmente rinnovabili, con il quale è stato prodotto bio-polibutadiene, una gomma interamente bio-based[6][7].

Fino a giugno 2016 è stato ritenuto imminente il suo passaggio al fondo SK Capital: in dieci anni, stima La Repubblica, Versalis ha causato ad Eni più di 5.6 miliardi di euro di perdite[8]. Il compratore avrebbe dovuto versare 1.2 miliardi per il 70% della compagnia chimica, ma l'operazione salta perché il piano di SK non rispettava i vincoli di Eni[9]. La società, pertanto, a partire dal Bilancio Semestrale di Eni al 30 giugno 2016 è stata nuovamente inclusa nel perimetro delle attività aziendali, inquadrata presso la Divisione Refining&Marketing e Chimica.

Dati economici e finanziariModifica

2015Modifica

Versalis ha chiuso il 2015 con ricavi per 4.83 miliardi di euro, Ebit negativo per 1.39 miliardi di euro, perdite per 1.84 miliardi di euro. Questi dati sono imputabili alla svalutazione di 1.57 miliardi di euro che la società ha dovuto sostenere per adeguarsi al suo reale valore di mercato, in occasione dell' (ormai sfumato) imminente passaggio ad SK Capital[10]. Gli analisti Eni hanno calcolato che, escludendo queste poste non ricorrenti, per la prima volta dopo 20 anni (considerate anche le esperienze Enichem e Syndial), Versalis ha chiuso l'esercizio con un Ebit dal risultato positivo (308 milioni di euro) e con un utile netto in nero (230 milioni di euro)[11][12][13]. Il motivo di questo risultato è imputabile a:

  • chiusura/riconversione di siti in perdita strutturale;
  • fermata di linee non competitive;
  • ripresa della filiera etilene, polietilene e stirenici (questi ultimi due gonfiati dalla temporanea carenza di offerta, da fermate non programmate di impianti e da minori importazioni, a causa della svalutazione dell’euro).

Per il futuro, Versalis ammodernerà l'impianto di Marghera (fermandolo un anno, investendo 200 milioni), Ferrara (250 milioni), Porto Torres (la jv con Novamont) e investirà sulla collaborazione con Yulex e Pirelli[14], confermando i piani con Genomatica a Novara[15].

2017Modifica

Versalis nel 2017 ottiene 4.85 miliardi di ricavi e 460 milioni di euro di Ebit, definito il miglior risultato della storia recente Eni[16].

FontiModifica

  • Bilancio Eni S.p.A. al 31/12/2015
  • Bilancio Eni S.p.A. al 30/06/2016
  • Bilancio Eni S.p.A. al 31/12/2017

NoteModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Economia