Ponte Taro

frazione dei comuni italiani di Fontevivo, Noceto e Parma
Ponte Taro
frazione
Ponte Taro – Veduta
Ponte sul Taro
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Parma-Stemma.svg Parma
ComuneFontevivo-Stemma.png Fontevivo
Noceto-Stemma.png Noceto
Coat of arms of Parma.svg Parma
Territorio
Coordinate44°49′30″N 10°12′46.3″E / 44.825°N 10.212861°E44.825; 10.212861 (Ponte Taro)Coordinate: 44°49′30″N 10°12′46.3″E / 44.825°N 10.212861°E44.825; 10.212861 (Ponte Taro)
Altitudine62 m s.l.m.
Abitanti3 626[4]
Altre informazioni
Cod. postale43010, 43015 e 43126
Prefisso0521
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantipontetaresi
Patronosanta Teresa del Bambin Gesù
Giorno festivoprima domenica di settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ponte Taro
Ponte Taro

Ponte Taro, talvolta indicata anche come Pontetaro,[5] è una frazione di 3 626 abitanti,[1][2][3] divisa in tre comuni: a ovest del fiume Taro, Fontevivo a nord della via Emilia e Noceto a sud; a est del fiume Taro, Parma.

La località dista 4,32 km da Fontevivo,[1] 3,15 km da Noceto[2] e 8,02 km dal centro di Parma.[3]

Geografia fisicaModifica

Il paese sorge in posizione pianeggiante sviluppandosi prevalentemente a ovest del fiume Taro, lungo il cui corso si estende tra Ponte Taro e Fornovo di Taro il Parco fluviale regionale del Taro.[6]

Origini del nomeModifica

La località deve il suo nome al ponte sul Taro, edificato in origine dai Romani e ricostruito nel 1821.[7]

StoriaModifica

Le più antiche tracce di un insediamento umano nella zona di Ponte Taro, rinvenute sulla sponda destra del fiume nei pressi della via Emilia, risalgono alle prime due fasi della cultura dei vasi a bocca quadrata, durante il neolitico evoluto.[8]

I Romani costruirono il primo ponte della via Aemilia di attraversamento del Taro, che, all'epoca navigabile, consentiva un rapido collegamento verso monte;[7] per questo motivo, nelle vicinanze del corso d'acqua sorsero anche alcuni piccoli insediamenti.[9]

All'antico ponte ne seguì un altro edificato nel 1170, ma distrutto da una piena nel 1235; successivamente per secoli la forza delle acque impedì la costruzione di altri manufatti sul Taro, attraversabile soltanto mediante imbarcazioni.[10]

Nel XIV secolo sorse il borgo medievale nelle vicinanze del fiume, che scorreva molto più a ovest dell'attuale posizione, nei pressi del castello di Castelguelfo; il villaggio si trovava quindi sulla sponda destra del corso d'acqua, presidiato dal grande maniero sulla riva opposta.[11]

Nel 1325 il territorio fu assegnato ai monaci cistercensi dell'abbazia di Fontevivo.[11]

Il notevole movimento di merci e persone lungo la via Emilia spinse nel XVIII secolo i duchi di Parma Borbone a organizzare un servizio di barcaioli a pagamento e a ipotizzare la costruzione di un nuovo ponte,[5] ma fu necessario attendere l'insediamento nel 1816 della nuova duchessa Maria Luigia per l'avvio dei lavori di costruzione del lungo ponte in laterizio, inaugurato nel 1821.[11]

Il paese, sviluppatosi prevalentemente nel XX secolo, rimase a lungo spezzato in due parti dalla trafficata via Emilia, ma, in seguito alla costruzione della nuova strada statale a nord, completata nel 2005,[12] e al declassamento dell'antico tracciato, il centro abitato fu notevolmente riqualificato mediante la realizzazione di una serie di opere pubbliche.[5]

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Ponte sul TaroModifica

 
Spalla destra del ponte sul Taro
 Lo stesso argomento in dettaglio: Ponte sul Taro.

Edificato tra il 1816 e il 1821 per volere della duchessa Maria Luigia su progetto dell'ingegner Antonio Cocconcelli, il ponte rappresentò fino al 2004 l'unico manufatto della via Emilia di attraversamento del corso d'acqua; lungo 565,5 m e sviluppato su 20 arcate, è arricchito alle due estremità da quattro statue realizzate nel 1828 da Giuseppe Carra, raffiguranti i principali corsi d'acqua del Parmense: Parma, Taro, Enza e Stirone.[13][12]

Oratorio del Sacro Cuore e di Santa Teresa di Gesù BambinoModifica

 
Oratorio del Sacro Cuore e di Santa Teresa di Gesù Bambino
 Lo stesso argomento in dettaglio: Oratorio del Sacro Cuore e di Santa Teresa di Gesù Bambino.

Costruito per volere di Giuseppe Antonio Folezzani tra il 1843 e il 1849, il piccolo oratorio neoclassico fu donato agli inizi del XX secolo a Ida Mari, che nel 1913 fece edificare in adiacenza alla chiesa la scuola materna di Santa Teresa di Lisieux; destinato in eredità nel 1964 alla parrocchia, costituì l'unico luogo di culto del paese fino al 1973, quando fu completata la nuova chiesa di Santa Maria Maddalena.[14]

Chiesa di Santa Maria MaddalenaModifica

Progettata nel 1963 dagli ingegneri Gino Galloni e Luigi Caffarra, la chiesa, dedicata anche a san Giuseppe lavoratore, fu costruita a partire dal 1967 su un terreno donato dalla famiglia Saj, per sostituire il piccolo oratorio del Sacro Cuore; completata nel 1973 grazie a numerose donazioni da parte di privati, fu consacrata solennemente l'8 aprile di quell'anno alla presenza del vescovo Amilcare Pasini; sviluppata su una pianta a ventaglio, la moderna struttura è coperta da un tetto in acciaio, sormontato da una grande croce realizzata da Dino e Giuliano Fiorini; rivestita in laterizio, ospita al suo interno le statue lignee di San Giuseppe Lavoratore e della Vergine Maria, i dipinti a olio rappresentanti l'Angelo che parla a Giuseppe raccomandandogli di fuggire in Egitto, la Madonna col Bambino e Cristo Re realizzati dalla pittrice Ester Aimi, una croce scolpita con Cristo morente e un organo a canne "Chicci Rosari".[15]

Cappellina della Vergine del Buon PastoreModifica

Edificata nel 2005, la piccola cappella, danneggiata da un incendio, fu restaurata nel 2010; conosciuta come Madonna del Taro, contiene al suo interno un bassorilievo in pietra, raffigurante la Madonna col Bambino.[16]

MonumentiModifica

Nel centro del paese si trovano due monumenti realizzati agli inizi del XX secolo: il monumento ai caduti di tutte le guerre e il monumento del Guerriero, dedicato all'imprenditore Otello Paladini.[17]

CulturaModifica

EventiModifica

Nel paese di svolgono a cadenza annuale varie manifestazioni; le principali sono la "Festa patronale di Santa Teresa", cerimonia religiosa che si svolge dal 1913 la prima domenica di settembre, accompagnata dalla processione attraverso le vie pontetaresi,[18] la "Festa della Griglia e Mira la Pinta", festa culinaria che si svolge dal 1975 nel campo sportivo della parrocchia, per tre serate consecutive nel primo week-end di luglio,[19] e il "Memorial Gigi Stok", manifestazione musicale che si svolge dal 2006 nel mese di giugno in onore del fisarmonicista Luigi Stocchi.[20]

Infrastrutture e trasportiModifica

 
Tram a Ponte Taro intorno al 1930

Ponte Taro è attraversata da est a ovest dalla via Emilia, storica via di comunicazione.[5]

A Ponte Taro è presente l'uscita "Parma Ovest" dell'autostrada A15, la cui sede si trova nei pressi del casello.[21]

Dal 1893 la località iniziò a essere servita dalla tranvia Parma-Soragna-Busseto, che aveva una stazione in località Fornace Bizzi; da qui a partire dal 1908 un'ulteriore diramazione costituiva la linea Fornace Bizzi-Medesano. Tali linee, esercite con tram a vapore, furono soppresse rispettivamente nel 1939 e 1937.[22]

La mobilità urbana e suburbana è garantita da autocorse in servizio pubblico svolte dalla società TEP.

NoteModifica

  1. ^ a b c La Frazione di Ponte Taro, su italia.indettaglio.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  2. ^ a b c La Frazione di Ponte Taro, su italia.indettaglio.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  3. ^ a b c La Frazione di Ponte Taro, su italia.indettaglio.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  4. ^ [1][2][3]
  5. ^ a b c d Pontetaro, su www.comune.noceto.pr.it. URL consultato il 26 maggio 2017.
  6. ^ Taro, su www.piuturismo.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  7. ^ a b Beatrice Orsini, Seguendo la Via Aemilia, su rivista.ibc.regione.emilia-romagna.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  8. ^ Neolitico evoluto, su www.archeologia.parma.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  9. ^ Noceto, su www.viefrancigene.org. URL consultato il 25 maggio 2017.
  10. ^ Noceto (PDF), su www.nocetoweb.net. URL consultato il 25 maggio 2017.
  11. ^ a b c Ponte Taro, su web.tiscali.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  12. ^ a b Tangenziale Ovest - Ponte sul Taro - Castelguelfo, su www.parmaitaly.com. URL consultato il 25 maggio 2017.
  13. ^ Ponte sul Taro, su marialuigia2016.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  14. ^ Oratorio del Sacro Cuore e di Santa Teresa di Gesù Bambino "Pontetaro, Noceto", su www.chieseitaliane.chiesacattolica.it. URL consultato il 26 maggio 2017.
  15. ^ Chiesa di Santa Maria Maddalena "Pontetaro, Noceto", su www.chieseitaliane.chiesacattolica.it. URL consultato il 26 maggio 2017.
  16. ^ Davide Montanari, Pontetaro, restaurata la Madonna del Taro, in www.gazzettadiparma.it, 15 maggio 2010. URL consultato il 26 maggio 2017.
  17. ^ Parma, monumenti dell'orrore, in parma.repubblica.it. URL consultato il 26 maggio 2017.
  18. ^ Due giorni di sagra a Pontetaro, in www.gazzettadiparma.it, 4 settembre 2010. URL consultato il 26 maggio 2017.
  19. ^ Festa della griglia e mira la pinta a Pontetaro, in www.parmatoday.it, 24 giugno 2016. URL consultato il 26 maggio 2017.
  20. ^ Roberto Ghirardi, Il gotha della fisarmonica al Memorial "Gigi Stok", in www.gazzettadiparma.it, 16 giugno 2014. URL consultato il 26 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 4 maggio 2015).
  21. ^ Servizi utili, su www.autocisa.com. URL consultato il 26 maggio 2017 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2016).
  22. ^ Ogliari, Sapi.

BibliografiaModifica

  • Francesco Ogliari, Franco Sapi, Ritmi di ruote. Storia dei trasporti italiani, volume 10° - Emilia-Romagna, Milano, a cura degli autori, 1966.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Parma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Parma