Apri il menu principale

Sambucus nigra

specie di pianta della famiglia Caprifoliaceae
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sambuco
Sambucus nigra 004.jpg
Sambuco in fiore
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Dipsacales
Famiglia Adoxaceae
Genere Sambucus
Specie S. nigra
Classificazione APG
Ordine Dipsacales
Famiglia Adoxaceae
Nomenclatura binomiale
Sambucus nigra
L., 1753
Sinonimi

Sambucus palmensis

Nomi comuni

Sambuco nero, sambuco nostrale, sambuco comune

Areale

Sambucus nigra range.svg

Il sambuco comune (Sambucus nigra L.) è una pianta angiosperma dicotiledone appartenente, secondo la Classificazione APG III, alla famiglia delle Adoxaceae e al genere Sambucus[1]. È una specie molto diffusa in Italia, dalla pianura fino a 1400 metri di quota, soprattutto negli ambienti ruderali (rive, strade, ferrovie...), nei boschi umidi e sulle rive dei corsi d'acqua.

DescrizioneModifica

 
dettaglio dei fiori di Sambucus nigra L.

PortamentoModifica

Il sambuco è un arbusto legnoso e perenne, caducifoglie e latifoglie, alto fino a 6 metri. Il tronco ha una scorza grigio-bruna e verrucosa, mentre i rami sono opposti, ricadenti e con midollo chiaro. Fiorisce in aprile-maggio e fruttifica in luglio-agosto.

FoglieModifica

I rami portano delle foglie di colore verde brillante o scuro, imparipennate con margine dentato-seghettato; le foglie sono a loro volta composte da cinque foglioline ovate-lanceolate con margini profondamente seghettati o dentellati e apice acuminato, della lunghezza variabile tra i 10 e i 30 centimetri. La fillotassi è opposta.

FioriModifica

I fiori sono ermafroditi e portati in infiorescenze (corimbi) molto vistose, color bianco panna, larghe 10–23 cm. I singoli fiori sono formati da 5 petali fusi alla base (fiori gamopetali), calice anch'esso gamesepalo, ovario infero, 4 stami sporgenti. Per il intenso profumo, i fiori attirano api e altri insetti pronubi.

FruttiModifica

I frutti sono delle drupe nerastre, lucide. I semi sono 2 o 3 per ogni drupa, lucidi e di colore nero-violaceo.

UsiModifica

MedicinaleModifica

 
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
 
bacche di Sambucus nigra L.

Il sambuco presenta proprietà medicinali-erboristiche riscontrabili nei frutti e nei fiori. Tutto il resto della pianta (semi compresi) è velenoso poiché contiene il glicoside sambunigrina (C14H17NO6, Numero CAS 99-19-4)[2]). Estratti da corteccia, foglie, fiori, frutti e radici erano usati nel trattamento di bronchiti, tosse, infezioni del sistema respiratorio superiore e febbre. Un piccolo (N=60) trial clinico pubblicato nel 2004 ha mostrato una riduzione della durata e della gravità dei sintomi para-influenzali in pazienti che assumevano un estratto di sambuco[3].

AltroModifica

  • Viene usato come aroma nel pane per fare il "pane col sambuco"
  • Con i fiori è possibile fare uno sciroppo che, dopo diluizione in acqua, produce una bevanda dissetante, molto usata in Tirolo e nei paesi nordici. Essa si può anche fermentare, ottenendo una specie di spumante[senza fonte]. Lo sciroppo entra anche nella preparazione di alcuni cocktail, come l'Hugo[4].
  • Le bacche sono commestibili solo dopo cottura e vengono impiegate per gelatine e marmellate, delle quali non si deve abusare a causa delle proprietà lassative. Le bacche vengono utilizzate anche per minestre dolci, come la Fliederbeersuppe del nord della Germania.
  • Le bacche e il loro succo, fresco o fermentato, sono usati per produrre inchiostri che, a seconda della specie, delle condizioni della pianta e della ricetta, possono apparire blu, blu/nero, marrone, lilla, rosso.[5].
  • I fiori sono commestibili e in alcune parti d'italia sono consumati all'interno di frittelle ovvero passati in pastella e fritti.
  • La pianta viene utilizzata anche a scopo ornamentale, mentre dal tronco si ricava un legno duro e compatto, utilizzato come combustibile e per lavori al tornio; il legno dei giovani rami al contrario è tenero e fragile, con l'interno costituito da una sostanza a consistenza spugnosa. Questa peculiarità ha permesso, nella tradizione popolare italiana, la realizzazione di semplici flauti.
  • E' pianta visitata, sia pur raramente, dalle api per il polline ed il nettare.[6]

NoteModifica

  1. ^ Nella classificazione tradizionale l'intera famiglia delle Adoxaceae è parte delle Caprifoliaceae
  2. ^ Campa, C. et al. (2000): Analysis of cyanogenic glycosides by micellar capillary electrophoresis. In: J. Chromatogr. B. Biomed. Sci. Appl. 739:95–100. PMID 10744317
  3. ^ (EN) Randomized study of the efficacy and safety of oral elderberry extract in the treatment of influenza A and B virus infections [1]
  4. ^ "Hugo", lo spritz al sambuco, su iprosecco.it. URL consultato il 4 giugno 2013.
  5. ^ ricette di alcuni inchiostri fatti in casa - FountainPen.it, su forum.fountainpen.it. URL consultato l'8 luglio 2014.
  6. ^ (FR) Sambucus nigra & Apis mellifera, su Florabeilles, 19 luglio 2013. URL consultato il 5 luglio 2019.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4136383-8
  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica