Sandro Tiberi

allenatore di calcio, dirigente sportivo e ex calciatore italiano
Sandro Tiberi
Sandro TIBERI.jpg
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Carriera
Giovanili
Roma
Squadre di club1
1958-1959 Roma 0 (0)
1959-1960 Siena 14 (0)
1960-1962 Chieti 52 (7)
1962-1966 L.R. Vicenza 68 (2)
1966-1967 Cagliari 11 (0)
1967-1969 Atalanta 47 (0)
1969-1970 Marzotto Valdagno 20 (2)
1970-1971 L.R. Vicenza 0 (0)
1971-1972 Schio 17 (0)
Nazionale
1966 Italia Italia B 1 (0)
Carriera da allenatore
1983-1984 Cesena
1987-1988 Bologna (Giovanili)[1]
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Sandro Tiberi (Roma, 11 novembre 1938) è un allenatore di calcio, dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Indice

CarrieraModifica

Centrocampista dotato di grande temperamento e rendimento costante, cresce nella Roma senza tuttavia esordirvi. Disputa tre anni in serie C con Siena e Chieti per salire in Serie A con il Lanerossi Vicenza, dove disputa 4 stagioni imponendosi progressivamente come titolare.

Nel 1966 passa al Cagliari, dove non riesce ad imporsi da titolare, quindi all'Atalanta dove disputa altri due campionati in massima serie, il secondo chiuso con la retrocessione. Scende quindi in Serie C per indossare la maglia del Marzotto Valdagno. Nel 1970 torna al Lanerossi Vicenza ma non scende mai in campo in incontri di campionato. Chiude la carriera nelle file dello Schio in Serie D.

In carriera ha totalizzato complessivamente 126 presenze e 2 reti in Serie A.

Nel 1966 ha disputato un incontro con la Nazionale B contro i pari categoria del Belgio.

Dopo il ritiroModifica

Appesi gli scarpini al chiodo, ha allenato il Cesena e poi le giovanili del Bologna. Del club felsineo è stato anche il Responsabile del Settore Giovanile. Ha scoperto tra gli altri anche Andrea Stramaccioni, che ha smesso prematuramente di giocare per un infortunio al ginocchio.[2] Adesso è responsabile del settore giovanile dell'Ascoli Calcio.

NoteModifica

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1988, edizioni Panini, pag. 261
  2. ^ Matteo Dalla Vite, Alle radici di Strama, in La Gazzetta dello Sport, 28 ottobre 2012, p. 14.

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica