Sara Montiel

attrice spagnola

Sara Montiel, pseudonimo di Maria Antonia Alejandra Vicenta Elpidia Isidora Abad Fernandez (Campo de Criptana, 10 marzo 1928Madrid, 8 aprile 2013), è stata un'attrice e cantante spagnola.

Sara Montiel nel 1955

Fu la prima attrice spagnola a lavorare a Hollywood e fu l'interprete di una delle pellicole di maggior incasso in Spagna, El último cuplé (1957), che le permise di diventare l'attrice più pagata del momento.

BiografiaModifica

Figlia di contadini, nacque in un paesino di campagna. A causa della guerra civile spagnola si trasferì con la famiglia a Orihuela, nei pressi di Alicante. Grazie agli studi di canto presso la scuola religiosa, venne chiamata a cantare la "saeta" durante la settimana santa e in seguito fu invitata a partecipare a un concorso di voci giovani che si sarebbe tenuto a Madrid e vinse il primo premio, un contratto con la Cifesa, la principale casa di produzione cinematografica spagnola. Notata dal produttore Vicente Casanova, dopo un primo film nel quale ebbe una piccola parte, interpretò come protagonista Empezó en boda (1944) accanto all'attore Fernando Fernán Gómez, usando per la prima volta il suo nome d'arte. In questi primi film poté anche dare sfoggio delle sue doti di cantante.

Il suo primo ruolo importante però arrivò nel 1948 con Giovanna la pazza di Juan de Orduña, dramma storico incentrato sulla figura di Giovanna di Castiglia, cui seguirono altri film coronati da un grande successo di pubblico. In questi stessi anni visse una intensa storia d'amore con Miguel Mihura, giornalista e scrittore molto più anziano di lei, che le fece conoscere i grandi della letteratura e del pensiero, anche se non volle mai sposarsi per lasciarle la sua libertà.

Giudicando ripetitivi i ruoli che le venivano offerti dal cinema spagnolo, decise di accettare una proposta di lavoro proveniente dal Messico, paese che grazie ad attrici come Dolores del Río e María Félix stava vivendo quello che sarebbe stato chiamato il "periodo d'oro". Durante la sua permanenza in terra messicana girò 14 pellicole e conobbe grandi intellettuali messicani, ma anche artisti di lingua spagnola esiliati in quel paese, come Frida Kahlo e Pablo Neruda. Con il film Piel canela (1953) - nel quale cantava - attirò l'attenzione di Hollywood, i cui produttori erano alla ricerca di una nuova stella ispanica sulla scia di Rita Hayworth.

Il primo a proporle un ruolo fu l'attore Burt Lancaster, produttore di Vera Cruz (1954), che la convinse ad accettare, nonostante la pronuncia dell'attrice non fosse delle migliori. Nel film il suo ruolo era meno importante dell'altra protagonista Denise Darcel, ma ottenne un successo personale tanto inaspettato quanto notevole, diventando subito l'artista spagnola più popolare negli Stati Uniti. Il boss della Columbia Pictures Harry Cohn le propose un contratto in esclusiva di sette anni, che la Montiel rifiutò per essere libera di scegliere i ruoli che più le interessavano e soprattutto di ritornare in Spagna in qualsiasi momento. A Hollywood incontrò numerose personalità con le quali strinse amicizia, come Ernest Hemingway e Marlon Brando, ma ebbe ottimi rapporti anche con le attrici Sophia Loren ed Elizabeth Taylor. Nel secondo film americano conobbe quello che sarebbe diventato il suo primo marito, il regista Anthony Mann. Una sua foto con James Dean fu utilizzata da tutti giornali per dare l'annuncio della morte dell'attore in quanto fu l'ultima foto che lo ritrasse vivo; in un ristorante di New York fece una scenata perché non volevano fare entrare la cantante Billie Holiday che l'accompagnava.

Il 1957 fu un anno fondamentale per l'attrice: si sposò con il regista Anthony Mann, prima con la clausola articulo mortis" su consiglio della figlia di lui, dopo che un attacco cardiaco lo aveva ridotto in fin di vita, e poi con una cerimonia civile. Nello stesso anno, durante una vacanza nel suo paese natale, le venne proposta una pellicola a basso budget che lei accettò quasi controvoglia solo per fare un piacere al suo vecchio amico Juan de Orduña, regista dei suoi esordi. Il film, intitolato El último cuplé (1957), era ritenuto modesto da tutte le persone che vi erano coinvolte, ma divenne il titolo di maggior incasso nella storia spagnola e tale rimase per decenni.

I produttori spagnoli ed europei iniziarono a offrirle contratti vantaggiosi e l'attrice diede l'addio a Hollywood per iniziare una nuova carriera in produzioni spagnole (spesso in coproduzione con Francia e Italia) che la vedevano recitare con grandi attori come Raf Vallone in La bella fioraia di Madrid (1958) e Maurice Ronet in Duello implacabile (1959). Grazie a questi titoli divenne l'attrice di lingua spagnola meglio pagata del decennio. Il successo di queste pellicole non era dovuto solo alla sua particolare maniera di cantare, quasi sussurrando, ma anche per le situazioni e gli abiti che attiravano l'attenzione della censura.

Nel 1963 divorziò da Anthony Mann e si sposò con un industriale spagnolo, José Vicente Ramírez Olalla. Il matrimonio durò pochi mesi perché il marito voleva che lei smettesse di recitare. Negli anni settanta decise di lasciare il cinema dove, secondo lei, c'erano troppi nudi inutili per dedicarsi alla canzone partecipando a spettacoli televisivi e organizzando tournée teatrali che ottennero sempre grande successo. Nel 1988 pubblicò l'album Purísimo, registrato a Londra con la partecipazione di Montserrat Caballé, diva dell'opera, album che registrò grandi vendite (platino in Spagna) e vinse un premio a New York.

Iniziò una lunga relazione con l'attore Giancarlo Viola, che proseguì negli anni tra rotture e riappacificazioni, poi conobbe e sposò l'impresario e giornalista José Tous Barberán (Pepe Tous) che considerò il vero amore della sua vita e con il quale adottò i suoi due figli Thais e Zeus. Il matrimonio finì nel 1992 quando l'uomo morì di cancro. Un ultimo matrimonio si celebrò nel 2002 con un fan cubano molto più giovane di lei, unione che l'attrice definì poi "il suo più grande errore"[senza fonte]. Negli ultimi anni rifiutò numerose offerte per tornare al cinema ma un altro artista manchego, Pedro Almodóvar, la omaggiò affettuosamente nel film La mala educación (2004), in cui il protagonista Gael García Bernal canta la canzone Quizás, quizás, quizás imitando l'interpretazione della Montiel nel film Spionaggio a Casablanca (1963). L'attrice morì all'età di 85 anni.

RiconoscimentiModifica

Nel 1994 ricevette il Golden Eagle, il premio più importante dello showbiz hollywoodiano consegnatole da Burt Lancaster.

Durante una piccola tournée americana nel 2012 attirò l'attenzione di diversi giornalisti come Mario Vargas Llosa ma anche di Michael Bloomberg, sindaco di New York.

Filmografia parzialeModifica

Doppiatrici italianeModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN57514322 · ISNI (EN0000 0003 6860 4540 · Europeana agent/base/148492 · LCCN (ENno96061217 · GND (DE123177766 · BNF (FRcb13933885w (data) · BNE (ESXX980585 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no96061217