Soggetti federali della Russia

1leftarrow blue.svgVoce principale: Suddivisioni della Russia.

I soggetti federali della Russia (in russo: субъекты Российской Федерации, subyekty Rossiyskoy Federatsii) o semplicemente i soggetti della Federazione (russo: субъекты федерации subyekty Federatsii), sono le entità costitutive della Russia e le sue divisioni politiche di alto livello secondo la Costituzione della Federazione Russa.[1] Dal 18 marzo 2014, la Federazione Russa costituzionalmente è composta da 85 soggetti federali,[2] sebbene i due soggetti aggiunti più di recente, la Repubblica di Crimea e la città autonoma di Sebastopoli, siano riconosciuti dalla maggior parte degli stati come parte dell'Ucraina.[3][4]

Secondo la Costituzione della Federazione Russa, la Federazione è costituita da repubbliche, territori, oblast', circondari autonomi, città federali e un'oblast' autonoma, tutti uguali soggetti della Federazione Russa.[5] Tre città russe di importanza federale (Mosca, San Pietroburgo e Sebastopoli) hanno lo status di città federali separate anche se comprendono altri centri abitati (come Zelenograd, Troitsk, Kronštadt, Kolpino, ecc.), mantenendo le vecchie strutture per gli indirizzi postali. Nel 1993 la Federazione Russa comprendeva 89 soggetti federali. Nel 2008, il numero di soggetti federali era sceso a 83 a causa di diversi accorpamenti. Nel 2014 Sebastopoli e la Repubblica di Crimea sono diventati l'84° e l'85° soggetto federale della Russia.

Ogni soggetto federale ha un capo, un Parlamento e una Corte costituzionale. Ogni soggetto federale ha una propria Costituzione e legislazione. I soggetti hanno pari diritti nei rapporti con gli organi del governo federale.[6][7] I soggetti federali eleggono due rappresentanti nel Consiglio federale, la camera alta del dell'Assemblea federale. Differiscono, tuttavia, per il grado di autonomia di cui godono (federalismo asimmetrico).

I confini della Russia post-sovietica ricalcano quelli della Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa. Nel 1992, durante la cosiddetta "parata delle sovranità" le regioni russe firmarono il trattato della Federazione (in russo: Федеративный договор Federativny Dogovor),[8] per stabilire e regolare l'attuale composizione interna della Russia, basata sulla divisione delle autorità e dei poteri tra gli organi del governo russo e gli organi del governo delle entità costituenti. L'attuale Costituzione della Federazione Russa, adottata con referendum nazionale il 12 dicembre 1993 e entrata in vigore il 25 dello stesso mese, abolì il modello del sistema di governo sovietico introdotto nel 1918 da Lenin e basato sul diritto alla secessione dal paese e sulla sovranità illimitata dei soggetti federali. La nuova costituzione eliminò una serie di conflitti legali, indicò i diritti dei soggetti, introdusse l'autogoverno locale ma non concesse il diritto alla secessione dal paese presente nell'era sovietica. Alla fine degli anni '90 e all'inizio degli anni 2000, il sistema politico divenne de jure più vicino ad altri stati federali moderni con una forma di governo repubblicana nel mondo. Negli anni 2000, seguendo la politica di Vladimir Putin e del partito della Russia Unita (partito dominante in tutti gli organi federali), il Parlamento russo modificò la distribuzione delle entrate fiscali, ridusse il numero delle elezioni nelle regioni e diede più potere alle autorità federali.

TipiModifica

Ogni soggetto federale appartiene a uno dei seguenti tipi:

Legenda Descrizione

     46 Oblast'

Il tipo più comune di soggetto federale con un governatore e un legislatore eletto a livello locale. Comunemente intitolate ai loro centri amministrativi.

     22 Repubbliche

Nominalmente autonome,[9][10] ognuna ha una propria Costituzione e legislatura; sono rappresentate dal governo federale negli affari internazionali; sono pensate per ospitare una specifica minoranza etnica.

     9 Territori (o krai)

Essenzialmente uguale agli oblast. Il titolo "krai" ("frontiera" o "territorio") è storico, legato alla posizione geografica di frontiera avuta in un certo periodo della storia. I krais attuali non sono collegati al concetto di frontiera.

     4 Circondari autonomi

Con una minoranza etnica sostanziale o predominante.

     3 Città federali

Città di notevole importanza che funzionano come regioni separate.

     1 Oblast' autonoma

L'unica attualmente esistente è l'oblast' autonoma ebraica.

RepubblicheModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Repubbliche della Russia.

22 degli 85 soggetti federali sono repubbliche. Esse insistono su territori abitati da minoranze etniche e hanno la prerogativa di poter stabilire la propria lingua ufficiale.

 
I soggetti federali della Federazione Russa

RegioniModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Oblast' della Russia.

46 degli 85 soggetti federali sono Regione. A essi va aggiunta una regione autonoma.

TerritoriModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Territori della Russia.

9 degli 85 soggetti federali sono territori. Corrispondono a zone poco abitate della federazione.

Città federaliModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Città federali della Russia.

Due città della Russia (Mosca e San Pietroburgo) costituiscono soggetti federali a sé stanti. Dal 2014 a esse va aggiunta Sebastopoli, situata nel territorio conteso della Repubblica della Crimea.

Circondari autonomiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Circondari autonomi della Russia.

4 circondari autonomi, benché 3 di essi siano considerati anche soggetti a delle oblast', costituiscono dei soggetti federali.

FusioniModifica

 
Soggetti federali della Russia: in giallo gli enti che si sono accorpati, dando vita a soggetti più ampi; in arancione gli enti per i quali si è discusso di accorpamento, senza tuttavia generare atti concreti in tal senso.

A partire dal 2005, alcuni dei soggetti federali si sono fusi in territori più ampi. Il processo di fusione è finito il 1º marzo 2008. Nessun'altra fusione è stata pianificata da marzo 2008.

Territori originali Data del referendum Data della fusione Fusione
1, 1a 7 dicembre 2003 1º dicembre 2005 Oblast' di Perm' (1) + Circondario dei Komi-Permiacchi (1a) → Territorio di Perm'
2, 2a, 2b 17 aprile 2005 1º gennaio 2007 Territorio di Krasnojarsk (2) + Circondario degli Evenchi (2a) + Circondario del Tajmyr (2b) → Territorio di Krasnojarsk
3, 3a 23 ottobre 2005 1º luglio 2007 Oblast' di Kamčatka (3) + Circondario dei Coriacchi (3a) → Territorio della Kamčatka
4, 4a 16 aprile 2006 1º gennaio 2008 Oblast' di Irkutsk (4) + Circondario autonomo buriato di Ust'-Orda (4a) → Oblast' di Irkutsk
5, 5a 11 marzo 2007 1º marzo 2008 Oblast' di Čita (5) + Circondario di Aga Buriazia (5a) → Territorio della Transbajkalia

NoteModifica

  1. ^ The Constitution of the Russian Federation: Chapter 3, The Federal Structure, su constitution.ru. URL consultato il 28 aprile 2013.
  2. ^ Constitution of the Russian Federation, Russian Presidential Executive Office. URL consultato il 28 aprile 2013.
  3. ^ Kremlin.ru. Договор между Российской Федерацией и Республикой Крым о принятии в Российскую Федерацию Республики Крым и образовании в составе Российской Федерации новых субъектов (Treaty Between the Russian Federation and the Republic of Crimea on Ascension to the Russian Federation of the Republic of Crimea and on Establishment of New Subjects Within the Russian Federation) (RU)
  4. ^ Steve Gutterman and Pavel Polityuk, Putin signs Crimea treaty as Ukraine serviceman dies in attack, in Reuters, 18 marzo 2014. URL consultato il 7 maggio 2016.
  5. ^ Capitolo 1. I fondamenti del sistema costituzionale – Costituzione della Federazione Russa, su constitution.ru. URL consultato il 7 maggio 2016.
  6. ^ Конституция Российской Федерации, su eng.constitution.kremlin.ru. URL consultato il 7 maggio 2016.
  7. ^ Capitolo 1. I fondamenti del sistema costituzionale – Costituzione della Federazione Russa. Constitution.ru. URL consultato il 20 agosto 2013.
  8. ^ Questo trattato consisteva in tre trattati, si vedano anche le disposizioni conclusive e transitorie: [1] [2]
  9. ^ E. Publications, The Territories of the Russian Federation 2012, Taylor & Francis, 2012, p. 5, ISBN 978-1-135-09584-0. URL consultato il 6 ottobre 2019.
  10. ^ R.A. Saunders, Historical Dictionary of the Russian Federation, Historical Dictionaries of Europe, Rowman & Littlefield Publishers, 2019, p. 232, ISBN 978-1-5381-2048-4. URL consultato il 6 ottobre 2019.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

  Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Russia