Repubblica Popolare di Lugansk

repubblica federata della Russia (de facto)
Disambiguazione – Se stai cercando attuale regione dell'Ucraina, vedi Oblast' di Luhans'k.

La Repubblica Popolare di Lugansk (in russo Луганская Народная Республика, ЛНР?, Luganskaja Narodnaja Respublika, LNR; in ucraino Луганська Народна Республіка?, Luhans'ka Narodna Respublika) è de facto una repubblica federata della Russia. Il suo territorio corrisponde in parte all’Oblast' di Luhansk, che de iure appartiene all'Ucraina.

Repubblica Popolare di Lugansk
Repubblica Popolare di Lugansk - Localizzazione
Repubblica Popolare di Lugansk - Localizzazione
I territori controllati dall'autoproclamata Repubblica Popolare di Lugansk (verde scuro) all'interno dell'Oblast' di Luhansk (verde chiaro)
Territorio a status conteso
Motivo del contenziosoDichiarazione unilaterale di indipendenza
Situazione de factoConflitto in corso, indipendenza terminata con l'annessione unilaterale da parte della Russia
Posizione dell'ONUNon riconosce l'indipendenza
Posizione dell'UENon riconosce l'indipendenza
Posizione della Repubblica Popolare di Lugansk
Dichiarazione d'indipendenza12 maggio 2014
Nome completoRepubblica Popolare di Lugansk
Nome ufficiale(RU) Луганская народная республика
Capo di StatoLeonid Pasečnik[1]
Capo del governoSergej Kozlov[2]
Riconoscimenti internazionaliBandiera della Russia Russia
Bandiera della Corea del Nord Corea del Nord
Bandiera della Siria Siria
Bandiera della RP di Doneck RP di Doneck
Bandiera dell'Ossezia del Sud Ossezia del Sud
Bandiera dell'Abcasia Abcasia
InnoInno della Repubblica Popolare di Lugansk
Posizione dell'Ucraina
Sintesi della posizioneNon riconosce l'indipendenza; rivendica l'intero territorio come parte integrante dello Stato Ucraino.
Nome completoOblast' di Luhans'k
Nome ufficialeЛуганська область
Informazioni generali
LinguaRusso (ufficiale e parlata)
ucraino (parlata)
Capitale/CapoluogoLuhans'k (439.490[3] ab. / 2015)
Area8352,6 km²
Popolazione1.506.549[3] ab.
ContinenteEuropa
Fuso orarioUTC+3[4]
ValutaGrivnia ucraina[5], Rublo russo[6]
TLDNon assegnato

In precedenza lo era stata un'entità separatista[7] autoproclamatasi indipendente il 28 aprile 2014.[8] Tale entità si trovava solo parzialmente all'interno dell'Oblast' di Luhans'k, formalmente parte dell'Ucraina, sebbene i secessionisti e la Russia lo rivendichino per intero. Le autorità secessioniste hanno dichiarato, in modo unilaterale, l'indipendenza dall'Ucraina il 12 maggio 2014, a seguito di un referendum.[9]

L'Ucraina considera il territorio della LNR come parte integrante della nazione e temporaneamente occupato da gruppi armati separatisti e dalle Forze armate della Federazione Russa[10]. Tuttavia, dalla sua autoproclamazione nel 2014, all'aggressione militare russa contro l'Ucraina del 2022, la Repubblica Popolare di Lugansk era riconosciuta a livello internazionale soltanto dalla Russia[11], dalla Siria,[12] e dalla Corea del Nord,[13] oltre che da tre Stati a riconoscimento limitato: Repubblica Popolare di Doneck, Ossezia del Sud,[14] e Abcasia.[15]

Successivamente, il territorio della sedicente Repubblica è stato ingrandito, manu militari, nel corso dell'Invasione russa dell'Ucraina del 2022, arrivando, nel mese di luglio, a includere Lysyčans'k.[16]

Nel settembre 2022, il governo russo ha organizzato un referendum nei territori controllati dalle autorità secessioniste di Lugansk,[13] Doneck e in quelli occupati dalle truppe russe negli oblast' di Zaporižžja e Cherson, allo scopo di far ricadere tali territori sotto la propria sovranità. La totalità della comunità internazionale, compresi alleati storici come Cina e Kazakistan, hanno dichiarato di non riconoscere tale consultazione e in particolare, le potenze occidentali hanno giudicato il referendum come una farsa.[17] Il 30 settembre 2022 il presidente russo Vladimir Putin ha firmato i decreti per annettere alla Russia le quattro regioni integrandole come propri soggetti federali. L'annessione è stata condannata dalla maggior parte della comunità internazionale che continua a considerare l'oblast' come parte dell'Ucraina.[18]

Storia modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Governatorato di Ekaterinoslav e Oblast' di Luhans'k § Storia.

A partire dal marzo 2014 Luhans'k fu teatro di numerose azioni di protesta contro l'operato dell'ex opposizione arrivata al governo dell'Ucraina a seguito degli eventi legati all'Euromaidan. Manifestazioni con alcune migliaia di partecipanti che rifiutavano di riconoscere il nuovo potere instauratosi a Kiev e reclamavano la federalizzazione del paese si susseguirono per tutto il mese successivo.[senza fonte] Esse portarono, il 6 aprile[senza fonte], all'occupazione del palazzo del Servizio di sicurezza ucraino (SBU) di Lugansk.[19]

In risposta a quanto stava succedendo, ci furono diverse manifestazioni a favore dell'unità ucraina.[20][21] Inoltre, nell'aprile 2014, secondo un sondaggio condotto su un campione di almeno 400 persone dall'Istituto Internazionale di Sociologia di Kiev, solo il 24,4% (oltre ad un 15,6 che non si espresse né a favore né contro) della popolazione dell'oblast di Luhans'k supportava l'occupazione di edifici pubblici da parte dei separatisti e solo il 30,3% (oltre ad un 12,4 che non si espresse né a favore né contro) era a favore della secessione dall'Ucraina per unirsi alla Russia.[22]

Successivamente vennero inoltrati ultimatum finalizzati alla proclamazione della Repubblica Popolare di Lugansk e all'indizione di un referendum per l'autodeterminazione della regione. Il 21 aprile i secessionisti elessero Valerij Bolotov "governatore popolare"[17] e il 28 aprile fu sancita la nascita della Repubblica Popolare[8]. Il giorno dopo i secessionisti (circa 2000-2500 persone) occuparono il palazzo dell'Amministrazione regionale e quello della Procura[23].

Il referendum sull'autodeterminazione della Repubblica Popolare di Lugansk si tenne l'11 maggio. Secondo gli organizzatori si registrò un'affluenza del 75%, e i voti favorevoli furono il 86,2%. Nello stesso giorno un analogo referendum si svolse nella limitrofa Repubblica Popolare di Doneck. L'indomani i vertici delle due Repubbliche Popolari, sulla base dell'esito della votazione, proclamarono l'indipendenza dall'Ucraina[9], e il 24 maggio sottoscrissero un accordo di unione nell'ambito della Federazione della Nuova Russia, progetto che sarebbe stato accantonato un anno dopo[24].

Scontri militari sanguinosi tra i secessionisti e l'esercito ucraino si intensificarono nel corso dell'estate, fino al cessate il fuoco sancito in occasione della firma del protocollo di Minsk del 5 settembre 2014, che tuttavia fu ripetutamente violato[25][26]. Il conflitto, dopo un nuovo cessate il fuoco sottoscritto il 12 febbraio 2015 (Minsk II) e la successiva conclusione della battaglia di Debal'cevo, protrattasi fino al 18 febbraio[27], è quindi entrato in una fase di stallo[28]. Nel febbraio 2022, la Repubblica ha contribuito nell'invasione dell'Ucraina insieme alla Repubblica Popolare di Doneck e soprattutto della Russia, la quale aveva riconosciuto l'indipendenza delle due repubbliche pochissimi giorni prima. Circa cinque mesi dopo, nel mese di luglio, l'intero territorio da essa reclamato viene conquistato dai filorussi, con l'aiuto delle forze armate russe.

Annessione alla Russia modifica

Fra il 23 e il 27 settembre 2022, vengono svolti referendum per chiedere formalmente l'annessione alla Federazione russa nei territori, occupati dalle truppe russe, di Zaporižžja e Cherson e soprattutto nella Repubblica Popolare di Lugansk e Doneck a seguito dei quali il governo russo[13], come preannunciato, ha provveduto a formalizzare la loro annessione, sottoscrivendo il 30 settembre 2022 trattato di adesione alla Federazione Russa (atti considerati validi solo da una parte minoritaria della comunità internazionale)[29][30][31].

Ordinamento dello Stato al 2022 modifica

Istituzioni modifica

Secondo la Costituzione Temporanea adottata il 18 maggio 2014, la Repubblica Popolare di Lugansk era uno stato unitario democratico, di diritto e sociale. La forma di governo era il semipresidenzialismo. Il potere legislativo era affidato al Consiglio del Popolo, composto da 50 deputati, mentre il potere esecutivo era affidato al Capo dello Stato e al Consiglio dei Ministri. Il Capo dello Stato, eletto dal popolo, nominava il Presidente del Consiglio dei Ministri e, su proposta di quest'ultimo, i ministri[32].

Il primo Capo dello Stato della RPL è stato Valerij Bolotov, eletto dal Consiglio di Stato, temporaneamente facente funzioni legislative, il 18 maggio 2014[33]. Dopo le dimissioni di Bolotov (14 agosto 2014), ha esercitato le funzioni di Capo di Stato Igor' Plotnickij[34], confermato nel ruolo dalle elezioni generali del 2 novembre 2014, durante le quali è stato eletto anche il Consiglio del Popolo[35].

Il primo governo, guidato da Vasilij Nikitin[33], è rimasto in carica dal 18 maggio al 4 luglio 2014, quando è stato sciolto dal Capo dello Stato. Alla Presidenza del Consiglio è successivamente stato chiamato Marat Baširov[36], mentre il 26 agosto 2014 è stato formato un nuovo gabinetto, presieduto da Gennadij Cypkalov[37]. Quest'ultimo è stato sostituito il 25 dicembre 2015 da un governo guidato da Sergej Kozlov[2].

Capi di Stato modifica

Nome Mandato Partito
Aleksandr Charitonov 5 marzo 2014 – 13 maggio 2014 Partito Socialista Progressista
Gennadij Cypkalov 13 maggio 2014 – 17 maggio 2014 Pace per Lugansk
  Valerij Bolotov 18 maggio 2014 – 14 agosto 2014 Russia Unita
  Igor' Plotnickij 14 agosto 2014 – 24 novembre 2017 Pace per Lugansk
  Leonid Pasečnik 24 novembre 2017 – 4 ottobre 2022 Pace per Lugansk

Capi di governo modifica

Nome Mandato Partito
  Igor' Plotnickij 20 agosto 2014 – 26 agosto 2014 Pace per Lugansk
  Gennadij Cypkalov 26 agosto 2014 – 26 dicembre 2015 Pace per Lugansk
  Sergej Kozlov 26 dicembre 2015 – 4 ottobre 2022 Pace per Lugansk

Riconoscimenti internazionali dell'indipendenza modifica

Forze armate modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Forze separatiste del Donbass.

L'esercito della Repubblica Popolare di Lugansk è stato alleato della Russia nell'invasione dell'Ucraina del 2022.

Simboli modifica

Bandiera modifica

La bandiera della Repubblica Popolare di Lugansk (in russo Флаг Луганской Народной Республики?) venne adottata nel maggio del 2014.

Stemma modifica

Lo stemma della Repubblica Popolare di Lugansk (in russo Герб Луганской Народной Республики?) venne adottato nell'ottobre del 2014.

Politica modifica

La Repubblica Popolare di Lugansk, in qualità di repubblica della Russia, è oggi uno Stato federato di tipo semipresidenziale: secondo la costituzione, il presidente (Capo della Repubblica Popolare di Lugansk) è il capo dello Stato e di un sistema multipartitico dove il potere esecutivo viene esercitato dal governo, che può essere guidato dal presidente stesso o da un primo ministro da questi nominato con l'approvazione dal parlamento (Consiglio del Popolo), che detiene il potere legislativo.

Consiglio del Popolo modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Consiglio del Popolo della Repubblica Popolare di Lugansk.

Il Consiglio del Popolo della Repubblica Popolare di Lugansk (in russo Народный Совет Луганской Народной Республики?) è il parlamento unicamerale della Repubblica Popolare di Lugansk.

L'attuale presidente è Denis Mirošničenko.

Capo della Repubblica modifica

  Lo stesso argomento in dettaglio: Capo della Repubblica Popolare di Lugansk.

Il Capo della Repubblica Popolare di Lugansk (in russo Глава Луганской Народной Республики?, Glava Luganskoj Narodnoj Respubliki), equivalente a un Presidente della repubblica, è il più alto funzionario della Repubblica Popolare di Lugansk; viene eletto ogni 5 anni dal Consiglio del Popolo, su proposta del Presidente della Federazione Russa (che, eccezionalmente, può anche nominare un incaricato ad interim).

L'attuale Presidente è Leonid Pasečnik, in carica dal 4 ottobre 2022.

Suddivisioni amministrative modifica

La Repubblica Popolare di Lugansk era suddivisa amministrativamente in città di livello repubblicano e rajon[32].

Città Nome russo Traslitterazione russa Abitanti
1º gennaio 2006
Luhans'k Луганск Lugansk 449.827
Alčevs'k Алчевск Alčevsk 116.610
Sjevjerodonec'k Северодонецк Severodoneck 115.397
Lysyčans'k Лисичанск Lisičansk 110.344
Krasnyj Luč Красный Луч Krasnyj Luč 88.413
Stachanov Стаханов Stachanov 83.002
Sverdlovs'k Свердловск Sverdlovsk 68.900
Rubižne Рубежное Rubežnoe 63.048
Antracyt Антрацит Antracit 59.910
Roven'ky Ровеньки Roven'ki 51.264
Brjanka Брянка Brjanka 51.121
Krasnodon Краснодон Krasnodon 47.237
Pervomajs'k Первомайск Pervomajsk 40.548
Kirovs'k Кировск Kirovsk 31.936
Pereval's'k Перевальск Pereval'sk 27.350
Molodohvardijs'k Молодогвардейск Molodogvardejsk 24.476
Popasna Попасная Popasnaja 23.697
Kreminna Кременная Kremennaja 22.319
Suchodil's'k Суходольск Suchodol'sk 21.958
Starobil'sk Старобельск Starobel'sk 20.354
Svatove Сватово Svatovo 19.073
Lutuhyne Лутугино Lutugino 18.514
Červonopartyzans'k Червонопартизанск Červonopartizansk 16.656
Zolote Золотое Zolotoe 16.368
Juvilejne Юбилейное Jubilejnoe 15.747

Riconoscimento internazionale dell'annessione russa modifica

Note modifica

  1. ^ (EN) Separatist Leader In Ukraine's Luhansk Resigns Amid Power Struggle, su rferl.org, 24 novembre 2017. URL consultato il 24 febbraio 2021.
  2. ^ a b (RU) Правительство ЛНР возглавил Сергей Козлов, su vesti.ru, 26 dicembre 2015. URL consultato il 23 febbraio 2021.
  3. ^ a b Čislennost' naselenija (PDF), su gkslg.info, 1º novembre 2015 (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2015).
  4. ^ LNR perechodit na moskovskoe vremja, su crimea-24.com, 24 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2015).
  5. ^ (RU) LNR vernulas' k gryvne, su lenta.ru, 10 marzo 2022. URL consultato il 4 aprile 2022.
  6. ^ (RU) LNR perešla na rasčety v rossijskich rubljach, su lenta.ru, 1º settembre 2015. URL consultato il 24 febbraio 2021.
  7. ^ Descritta come "entità" cfr., (EN) Roman Petrov e Benedikt Harzl, Unrecognized Entities – Perspectives in International, European and Constitutional Law, in Law in Eastern Europe, vol. 69, Brill, 28 dicembre 2021, p. 69, ISBN 978-90-04-49910-2.
  8. ^ a b (RU) V Luganske ob''javlena narodnaja respublika, su lenta.ru, 28 aprile 2014. URL consultato il 24 febbraio 2021.
  9. ^ a b (RU) Luganskaja oblast' ob''javila o vychode iz sostava Ukrainy, su vesti-ukr.com, 12 maggio 2014. URL consultato il 24 febbraio 2021.
  10. ^ (UK) Postanova Verchovnoï Rady Ukrainy, su zakon3.rada.gov.ua, 17 marzo 2015. URL consultato il 24 febbraio 2021.
  11. ^ La Russia riconosce le repubbliche del Donbass, su ansa.it.
  12. ^ a b La Siria riconosce l’indipendenza del Donbass, su lidentita.it.
  13. ^ a b c La Corea del Nord ha riconosciuto come stati sovrani e indipendenti le due repubbliche autoproclamate e filorusse di Donetsk e di Luhansk, nella regione ucraina del Donbass, in il Post, 14 luglio 2022.
  14. ^ (RU) Указ «О признании Донецкой Народной Республики», su presidentruo.org, 27 giugno 2014. URL consultato il 24 febbraio 2022.
  15. ^ a b (RU) Абхазия признала независимость ДНР и ЛНР, su pnp.ru. URL consultato il 16 luglio 2022.
  16. ^ Ucraina, Mosca: 'Conquistato il Lugansk'. L'esercito ucraino annuncia il ritiro da Lysychansk | ANSA.it, su ansa.it. URL consultato il 1º agosto 2022.
  17. ^ a b (RU) V Luganske vybrali "narodnogo gubernatora". Vesti-ukr.com, 21 aprile 2014.
  18. ^ Via libera all'annessione di quattro regioni ucraine, Putin: Per sempre nostre. Kiev: ora nella Nato, in Rai News 24, 30 settembre 2022.
  19. ^ (RU) Zachvatčiki zdanija SBU v Luganske vydvinuli trebovanija, in fraza.ua, 8 aprile 2014 (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2014).
  20. ^ (UK) Андрій Кузнецов, У Луганську мітингували за єдність України, su Radio Svoboda, 25 marzo 2014. URL consultato il 10 luglio 2023.
  21. ^ (UK) У Луганську мітингували за єдність України, su Radio Svoboda, 17 aprile 2014. URL consultato il 10 luglio 2023.
  22. ^ (EN) THE VIEWS AND OPINIONS OF SOUTH-EASTERN REGIONS RESIDENTS OF UKRAINE: APRIL 2014, su kiis.com.ua, 20 aprile 2014. URL consultato il 18 luglio 2023.
  23. ^ (RU) V Luganske bez boja zachvatili prokuraturu. Vesti-ukr.com, 29 aprile 2014.
  24. ^ (RU) Vladimir Dergačev, Dmitrij Kirillov, Proekt «Novorossija» zakryt. Gazeta.ru, 20 maggio 2015.
  25. ^ (EN) Michael Birnbaum, Anthony Faiola, Ukraine’s fragile cease-fire is in trouble, as shelling occurs near Mariupol. The Washington Post, 6 settembre 2014.
  26. ^ (RU) OON podtverdilo fakty narušenija režima prekraščenija ognja na Donbasse. Dni24.com, 26 ottobre 2014.
  27. ^ (EN) Ukraine troops retreat from key town of Debaltseve. BBC, 18 febbraio 2015
  28. ^ (EN) Situation in Donbass may develop into frozen conflict. TASS, 12 settembre 2015.
  29. ^ De iure, secondo la Risoluzione delle Nazioni Unite ES-11/4, è parte integrante dell'Ucraina (con il nome di Oblast' di Lugansk); de facto, secondo il Trattato di adesione alla Russia del 2022, è da allora parte della Russia.
  30. ^ a b (EN) La Corea del Nord sostiene la proclamata annessione russa del territorio ucraino, in 김수연, 4 ottobre 2022. URL consultato il 9 luglio 2023.
  31. ^ a b Ucraina: Assad riconosciamo i nuovi confini della Russia, in Agenzia Nova, 16 marzo 2023. URL consultato il 9 luglio 2023.
  32. ^ a b (RU) Vremennyj ochovnoj zakon (Konstitucija) Luganskoj Narodnoj Respubliki, su nslnr.su, Narodnyj Sovet LNR (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).
  33. ^ a b (EN) Self-proclaimed Lugansk People's Republic elects head, passes constitution. Russia Today, 19 maggio 2014.
  34. ^ (RU) Bolotova vo glave LNR zamenit Plotnickij. Svobodnaja Pressa, 14 agosto 2014.
  35. ^ Правительство ЛНР возглавил Сергей Козлов. Vesti, 26 dicembre 2015.
  36. ^ (RU) Luganskaja narodnaja respublika utverdila sostav soveta ministrov. Vzgljad, 8 luglio 2014.
  37. ^ (RU) Prem'er-ministrom LNR naznačen Gennadij Cyplakov. Rusvesna.su, 25 novembre 2014.
  38. ^ Ore 13.40 La Duma russa vota sul riconoscimento delle Repubbliche del Donbass, su repubblica.it.
  39. ^ Duma di Stato riconosce le repubbliche secessioniste del Donbass, su nova.news.
  40. ^ Ucraina: Duma chiede a Putin riconoscimento Donetsk e Lugansk, su lapresse.it.
  41. ^ https://www.ilpost.it/2022/07/14/corea-del-nord-riconosciuto-repubbliche-filorusse/?amp=1
  42. ^ https://www.ilmessaggero.it/ultimissime_adn/ucraina_la_corea_del_nord_ha_riconosciuto_l_autoproclamata_repubblica_di_donetsk-20220713150717.html

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN2014155769086027880001 · LCCN (ENn2019026214 · WorldCat Identities (ENlccn-n2019026214