Apri il menu principale

Stefano Fattori

dirigente sportivo e calciatore italiano
Stefano Fattori
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 2009
Carriera
Giovanili
1990-1991 Verona
Squadre di club1
1991-1992 Virescit Bergamo 34 (0)
1992-1993 Salernitana 23 (2)
1993-1997 Verona 125 (0)
1997 Reggiana 3 (0)
1997-1999 Torino 63 (3)
1999-2000 Vicenza 35 (2)
2000-2003 Torino 81 (1)
2003-2004 Piacenza 42 (1)
2004-2006 Ternana 67 (2)
2006-2009 Sambonifacese 78 (7)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'11 luglio 2011

Stefano Fattori (Verona, 26 febbraio 1972) è un dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

CarrieraModifica

GiocatoreModifica

Cresciuto nell'Hellas Verona, a squadra della propria città, viene mandato per due anni a fare esperienza nelle categorie minori: nella stagione 1991-1992 è all'Alzano Virescit, neopromosso in Serie C2, mentre l'anno successivo gioca in prestito nella Salernitana[1], in Serie C1. Nel 1993 il nuovo allenatore degli scaligeri Bortolo Mutti lo integra nella rosa della prima squadra, con cui esordisce in Serie B e conquista la promozione in Serie A al termine del campionato 1995-1996. Resta in gialloblù anche nella stagione di Serie A, categoria in cui debutta l'8 settembre 1996 nella trasferta contro il Milan. A fine stagione conta 28 presenze, ma la formazione veneta retrocede in Serie B, e Fattori lascia Verona dopo 125 presenze di campionato con la maglia gialloblu.

L'anno successivo passa alla Reggiana[2], ma dopo 3 gare in Serie B passa al Torino[3] dove milita per due stagioni conquistando la seconda promozione nella massima serie al termine del campionato di Serie B 1998-1999. Nel 1999 viene ceduto al Vicenza[4] in cambio di Gustavo Méndez[5], sempre in Serie B; con i veneti ottiene la sua terza la promozione in Serie A. Dopo 2 partite nella massima serie, nel novembre 2000 fa ritorno al Torino[4], dove vince il campionato di Serie B 2000-2001. Con i granata gioca due campionati di Serie A, fino al 2003.

In scadenza di contratto, lascia il Torino[6] per accasarsi al Piacenza[7], in Serie B. In Emilia gioca una sola stagione, prima di passare alla Ternana[8], sempre in Serie B, dove milita per due campionati.

Dopo la retrocessione degli umbri in Serie C1, è tra i giocatori messi fuori rosa dalla dirigenza[9], e in ottobre si trasferisce alla Sambonifacese, con cui conquista la promozione in Serie C2[10] e dove conclude la carriera nel 2009.

Complessivamente ha disputato 88 partite in Serie A.

DirigenteModifica

Dall'8 giugno 2009 al 2 luglio 2010 è stato team manager dell'Hellas Verona[11]. Dal luglio 2013 è responsabile del settore giovanile del Sassuolo[12].

Il 2 maggio 2011 ha ottenuto la qualifica di direttore sportivo.[13]

PalmarèsModifica

NoteModifica

  1. ^ Statistiche su Salernitanastory.it
  2. ^ Il Ravenna a un passo da Colacone, D'Autilia a Foggia, La Gazzetta dello Sport, 25 giugno 1997
  3. ^ Statistiche su Lastoriadellareggiana.it
  4. ^ a b Profilo su Museovicenzacalcio1902.net, su museovicenzacalcio1902.net. URL consultato l'11 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  5. ^ Peruzzi e Inter lontani Lazio, bloccato Lopez, La Repubblica, 29 giugno 1999
  6. ^ Il Toro cambierà faccia, via quelli in scadenza, La Repubblica, 6 marzo 2003
  7. ^ Rosa 2003-2004 Storiapiacenza1919.it
  8. ^ Acquisti e cessioni 2004-2005 Storiapiacenza1919.it
  9. ^ La Ternana è senza stadio: 0-3 a tavolino Calcioblog.it
  10. ^ La Sambo a testa bassa per uscire dalla crisi[collegamento interrotto] Larena.it
  11. ^ Verona, piani e strategie di Bonato Tuttomercatoweb.com
  12. ^ Fattori: «Il Sassuolo deve restare umile La strada è lunga...», La Gazzetta di Modena, 14 gennaio 2013
  13. ^ Diplomati a Coverciano 56 nuovi direttori sportivi Settoretecnico.figc.it

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica