Apri il menu principale

Strada statale 652 di Fondo Valle Sangro

strada statale italiana
Strada statale 652
di Fondo Valle Sangro
Strada Statale 652 Italia.svg
Denominazioni precedentiStrada a scorrimento veloce di fondo Valle Sangro
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniAbruzzo Abruzzo
Molise Molise
ProvinceChieti Chieti
L'Aquila L'Aquila
Isernia Isernia
Dati
ClassificazioneStrada statale
InizioSS 158 presso Cerro al Volturno
FineSS 16 presso Fossacesia Marina
Lunghezza81,300[1] km
Data apertura1989
Provvedimento di istituzioneD.M. 462 del 22/07/1989 - G.U. 232 del 04/10/1989[2]
GestoreANAS (1989-)

La strada statale 652 di Fondo Valle Sangro (SS 652), nota anche come Strada a Scorrimento Veloce (SSV) Sangrina è una strada statale italiana; ha inizio a Cerro al Volturno dalla strada statale 158 della Valle del Volturno e collega l'interno del Molise alla costa adriatica, attraversando la val di Sangro e terminando nel comune di Fossacesia, in Abruzzo, dove si innesta nella strada statale 16 Adriatica. Attraversa le città di Lanciano, Atessa e Castel di Sangro.

Si tratta di una strada a scorrimento veloce, a carreggiata unica e due corsie complessive, senza incroci a raso e senza attraversamenti di centri abitati, esclusi i primi 6,5 chilometri nella piana costiera.

Lungo il percorso interseca altre importanti strade statali, come la strada statale 17 dell'Appennino Abruzzese e Appulo Sannitico; inoltre, esiste una interconnessione con la Autostrada A14 in corrispondenza del casello di Val di Sangro al quale la strada è direttamente connessa.

Costruita dalla Cassa del Mezzogiorno, vide la sua classificazione attuale con il decreto del Ministro dei lavori pubblici 462 del 22 luglio 1989 con i seguenti capisaldi di itinerario: "Svincolo strada statale n. 158 presso Cerro al Volturno - svincolo di Rionero Sannitico - svincolo di Ateleta - svincolo di Villa S. Maria - svincolo di Piano d'Archi - svincolo con l'A14 presso il casello di Val di Sangro - svincolo strada statale n. 16 presso Fossacesia Marina"[2].

Attualmente risulta suddivisa in due tronconi di cui il primo all'altezza di Sant'Angelo del Pesco e il secondo invece ha origine all'altezza di Quadri. Il 15 aprile 2014 è stata aperta al traffico la variante di Quadri, lunga 2,2 km[3]. Entro il 2022, secondo l'ANAS dovrebbe essere concluso l'ultimo pezzo di 8 km, che va da Sant'Angelo del Pesco a Quadri, con lo svincolo per i comuni di Civitaluparella, Gamberale e Borrello.

Indice

StoriaModifica

Anni SettantaModifica

La strada iniziò ad essere costruita nei primi anni '70, partendo dalla Marina di Fossacesia in Abruzzo, e dalla strada statale del Volturno in Molise, presso Cerro al Volturno, con allacciamento alla superstrada per Napoli. I lavori in Abruzzo si sono protratti per decine di anni, fino al completamento dell'uscita per Villa Santa Maria. Nel 1975 sorsero dei problemi nel comune di Bomba, e a Roccascalegna. A Bomba il viadotto non fu costruito a norma, soprattutto i locali sconsigliarono addirittura la sua costruzione, per via del terreno instabile. Così una frana interruppe i lavori, frana che interessò anche i comuni di Montebello sul Sangro, Colledimezzo e Pennadomo.

Controversie per la realizzazione dello scorrimento veloce per ChietiModifica

Sempre nello stesso periodo scoppiò una polemica provinciale riguardo l'allungamento o la costruzione di una seconda strada statale che collegasse la Fondovalle al capoluogo Chieti. Da una parte l'amministrazione riteneva che la Fondovalle fosse di interesse strategico, per l'accesso alla strada statale 16 Adriatica, con direzione a Pescara (sinistra) e Vasto (destra); dall'altra l'amministrazione di Lanciano, la città più grande della valle, auspicava il passaggio della strada presso il consorzio della Honda, presso lo scalo di Atessa. Fatto sta che durante la costruzione, fu creato lo svincolo per Piane D'Archi, con uscita Roccascalegna e Casoli. Da Casoli la via per Chieti prosegue in direzione di Guardiagrele, percorrendo contrada Caprafico, per poi collegarsi alla superstrada Marrucina di San Martino sulla Marrucina. La strada statale avrebbe dovuto essere realizzata proprio nei dintorni di Caprafico stessa.

Anni '90 e presenteModifica

Nel 1994 una depressione del terreno fece crollare un pezzo di viadotto presso Bomba, il che rallentò notevolmente i lavori. Tale viadotto incompiuto è ancora in piedi.

Si verificò una nuova frana per la vecchia via di accesso a Colledimezzo, tanto che il paese rischiò di rimanere isolato, se non per la via di Tornareccio dietro il Monte Pallano. Rimase a rischio crollo anche una galleria per l'uscita di Colledimezzo dalla strada statale, in direzione di Villa Santa Maria, riaperta successivamente nel 2011. Nel 2015 le intensive piogge di marzo causarono frane presso l'uscita di Bomba, con difficoltà di accesso alla via del lago, e a parti del viadotto di Villa Santa Maria, con crateri molto ampi. Successivamente l'asfaltamento è stato ricolato. Nel 2013 circa è stata perfezionata anche l'uscita allo svincolo di Roccascalegna.

Dopo l'apertura definitiva nel 2014 della variante di Quadri, con uscita per Fallo e Civitaluparella, i cui lavori erano iniziati l'anno prima, si attende il completamento definitivo della strada statale con l'allacciamento alla strada di Castel di Sangro-Ateleta, con uscita a Sant'Angelo del Pesco. L'apertura del bando di gara è stata inaugurata nel dicembre 2016 e terminata nel 2017, con i lavori iniziati ľanno seguente. L'ultimo tratto di questi 8 km, con la nuova uscita Gamberale - Civitaluparella dovrà essere aperto al pubblico entro il 2022; a quasi settant'anni di distanza dall'avvio dei lavori iniziali della Fondovalle.

PercorsoModifica

 
La S.s. 652 tra Colledimezzo (in primo piano) e Villa Santa Maria con l'omonimo ponte (sullo sfondo).
 
di Fondo Valle Sangro
Tipologia Indicazione km Provincia
    della Valle del Volturno - Cerro al Volturno
  Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise
0,0 IS
  Area di servizio 2,5
  Cupone
San Vittorino
2,8
  Predalve
7,9
  Rionero Sannitico
  dell'Appennino Abruzzese e Appulo Sannitico
10,1
  Area di servizio 11,4
    dell'Appennino Abruzzese e Appulo Sannitico - Alfedena
L'Aquila - Castel di Sangro - Roccaraso
13,1[4] AQ
  Castel di Sangro 16,5[4]
  Castel di Sangro 18,4
  Area di servizio 24,1
  San Pietro Avellana
ex   Sangritana Seconda - Capracotta - Vastogirardi
24,7 IS
  Area di servizio 26,2 AQ
  Ateleta - Castel del Giudice
ex   Sangritana Seconda
28,5
  SP 88 dir - Sant'Angelo del Pesco
Pizzoferrato - Gamberale
34,4 IS
  Tratto in costruzione
  ex   Sangritana Seconda - Quadri
Borrello
36,0 CH
  Fallo
Civitaluparella
38,2
  Area di servizio 40,5
  Villa Santa Maria - Rosello
Agnone - Montelapiano
41,5
  Villa Santa Maria
Montelapiano - Montebello sul Sangro
44,4[5]
  ex   di Atessa - Colledimezzo
Montazzoli - Monteferrante
47,5
    Lago di Bomba
Bomba
53,2
  Bomba - Torricella Peligna
Pennadomo
53,9
  Roccascalegna - Torricella Peligna 57,3
  Piane d'Archi - Casoli
  Frentana - Archi - Selva di Altino
62,9
  Area di servizio 64,3
    - Lanciano - Atessa
Castel Frentano - Sant'Eusanio del Sangro
69,3
    Sevel - Z.I. 70,8
  Lanciano -   Z.I. Lanciano Valle 72,6
  Area di servizio 74,5
  Mozzagrogna - Paglieta 76,2
  Area di servizio 78,3
      A14 Bologna-Taranto
Svincolo "Val di Sangro"
79,0
  Fossacesia
Paglieta - Torino di Sangro - Santa Maria Imbaro
80,0
    Adriatica - Fossacesia Marina
Pescara - Foggia
82,9

NoteModifica

  1. ^ Scheda sul sito dell'ANAS (selezionare la strada interessata), ANAS.
  2. ^ a b Provvedimenti concernenti la classificazione e la declassificazione di strade statali, Gazzetta Ufficiale n. 232 del 4 ottobre 1989.
  3. ^ Abruzzo, Anas: aperta al traffico la variante di Quadri, in provincia di Chieti, ANAS, 15 aprile 2014.
  4. ^ a b Solo uscita.
  5. ^ Solo ingresso in direzione Colledimezzo; Solo uscita in direzione Quadri

Voci correlateModifica