Autostrada A14 (Italia)

autostrada italiana
Autostrada A14
Autostrada Adriatica
Autostrada A14 Italia.svg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioniEmilia-Romagna Emilia-Romagna
Marche Marche
Abruzzo Abruzzo
Molise Molise
Puglia Puglia
Italia - mappa autostrada A14.svg
Dati
ClassificazioneAutostrada
InizioBologna
FineTaranto
Lunghezza743,4[1] km
Data apertura1966[2] (primo tratto Bologna-Cesena)
GestoreAutostrade per l'Italia
PedaggioSistema chiuso
Percorso
Località serviteBologna, Cesena, Rimini, Ancona, Pescara, Foggia, Bari, Taranto.
Principali intersezioniRA1, A1, A25, A16
Strade europeeItalian traffic signs - strada europea 55.svg

L'autostrada A14, detta anche autostrada Adriatica, è il secondo asse meridiano della penisola italiana, lungo 743,4 km. È interamente gestita da Autostrade per l'Italia.

Sono obbligatorie le dotazioni invernali dal 15 novembre al 15 aprile tra Bologna e il chilometro 505[3], ovvero fino all'altezza di Poggio Imperiale.

Indice

StoriaModifica

 
Tracciato della SS 9 racc nel 1960

In seguito alla legge 729 del 1961 sul Piano di nuove costruzioni stradali e autostradali, il primo tratto di A14 a essere costruito fu quello da Bologna alla provincia di Forlì (il 7 luglio 1966, l'allora ministro dei lavori pubblici Giacomo Mancini tagliò il nastro tricolore a San Lazzaro di Savena[4]), mentre nel 1967 fu inaugurato il tratto della Tangenziale di Bologna; questo tratto ha assorbito una vecchia strada di raccordo tra l'A1 e la SS 9, denominata SS 9 racc, aperta a fine 1959 insieme al tratto bolognese dell'autostrada del Sole.

Nel 1969 l'autostrada raggiunse Ancona, e fu aperto anche il tratto Pescara-Vasto (circa 50 km). Nel 1973 l'autostrada era completa da Bologna a Bari (considerando il tratto allora classificato A17); nello stesso anno fu completata anche la diramazione per Ravenna. Il prolungamento verso Taranto aprì infine nel 1975.

Per ridurre l'impatto sull'ambiente e consolidare i terreni durante i lavori vennero impiantate 8 milioni di piante, sia nello spartitraffico sia nelle scarpate. Nel tratto tra Bari e Taranto, in particolare, si utilizzarono 75.000 cespugli di oleandri per le barriere che separano le carreggiate, 5 milioni di piante e 12.000 alberi di alto fusto.

L'autostrada oggiModifica

Il tracciato dell'autostrada è costituito da sei corsie (tre corsie per senso di marcia) nelle tratte A1-Interconnessione Ramo Casalecchio, Bologna S. Lazzaro-Porto Sant'Elpidio e nei 6 km precedenti la barriera Taranto Nord; il resto del tracciato è a due corsie per senso di marcia.

Il 16 gennaio 2008 nella tratta Ramo Casalecchio-Bologna S. Lazzaro (stretta ai lati dalla tangenziale complanare di Bologna) è stata aperta al traffico la terza corsia dinamica.

 
Il nodo di Bologna
 
Il tratto urbano di Bologna dove è attiva la terza corsia dinamica, nei pressi dello svincolo con la A13 Bologna-Padova e dello svincolo n.6 della tangenziale di Bologna-RA1, che scorre qui complanare all'autostrada

Il suo percorso lungo la costa adriatica è caratterizzato in alcuni tratti da continui saliscendi e curve, generalmente ad ampio raggio, e dalla presenza di numerose gallerie stradali e viadotti.

L'A14 ha origine a Bologna, intersecandosi con l'Autostrada A1 e termina il suo percorso circa 20 km prima di Taranto, allacciandosi alla Strada statale 7 Via Appia tra i comuni di Palagiano e Massafra, dove è presente una barriera autostradale denominata Taranto Nord.

Il primo tratto, affiancato alla tangenziale di Bologna, risulta tra i nodi stradali più trafficati d'Italia e per questo motivo, dal km 8 al km 22, è stato ampliato a 3 corsie con il metodo della terza corsia dinamica, che consente in caso di traffico intenso di usare la corsia di emergenza come una corsia di marcia vera e propria. L'apertura della terza corsia dinamica è avvenuta il 16 gennaio 2008[5].

Dopo aver ricevuto il traffico automobilistico proveniente dall'autostrada A13, attraversa la Romagna da nord-ovest a sud-est sino a Rimini, Riccione e Cattolica, per poi costeggiare interamente la costa marchigiana del Mare Adriatico toccando le città di Pesaro, Fano, Mondolfo, Senigallia, Ancona, Osimo, Loreto, Civitanova Marche, Porto Sant'Elpidio, Porto San Giorgio, Grottammare e San Benedetto del Tronto (Km 311) con la Riviera delle Palme; al Km 312 varca il fiume Tronto (antico confine tra lo Stato della Chiesa e il Regno delle due Sicilie) ed entra in Abruzzo dove, passa per la Val Vibrata (Km 319), dopo aver attraversato il fiume Salinello con un imponente e lungo viadotto (il 35° più alto d'Italia[6]), tocca le città di Giulianova (Km 334), Roseto degli Abruzzi, Montesilvano, Chieti, Pescara (dove a Villanova si collega all'autostrada A25 in direzione Roma), Ortona (Km 404), Lanciano (Km 411) e Vasto (Km 437). Il tratto abruzzese ha la caratteristica che i gard-rail laterali in alcune tratte non a viadotto sono realizzati in legno. Fino ai primi anni ottanta vi era una barriera allo svincolo di Lanciano. Lo svincolo di Vasto sud si trova in Molise mentre parte delle corsie di accelerazione è in territorio abruzzese. Il tracciato, varcato il fiume Trigno, attraversa quindi la parte costiera del Molise e giunge a Termoli (Km 476).

 
L'Autostrada A14 nei pressi di Cesena nord

Passato il fiume Biferno al Km 478, il paesaggio, dapprima collinare con stupendi scorci sul mare, diventa gradualmente più pianeggiante. Varcato il torrente Saccione presso il Km 490 entra in Puglia, tocca Poggio Imperiale, e passando anche a lato delle cave di Apricena, attraversa la pianura del Tavoliere da nord a sud toccando San Severo, Foggia (Km 554) e Cerignola.

Passato il fiume Ofanto e dopo aver ricevuto il traffico automobilistico proveniente dall'Autostrada A16, costeggia nuovamente la costa adriatica fino a Bari (Km 672), toccando Andria - Barletta (casello unico), Trani, Molfetta e Bitonto. Da qui si dirige verso sud in direzione del Mar Ionio, per terminare a pochi chilometri da Taranto.

Nel suo primo tratto hanno particolare importanza le uscite di Imola, Faenza, Forlì e Cesena (oltre che la diramazione verso Ravenna) per l'accesso alle zone industrializzate. L'uscita di Imola ha importanza anche per la presenza dell'Autodromo Enzo e Dino Ferrari, vecchia sede del Gran Premio di San Marino di Formula 1 e dei Gran Premi di motociclismo. All'altezza dell'uscita di Cesena Nord l'autostrada si interseca con la SGC Orte-Ravenna /E45 che consente di raggiungere Roma attraverso la Val Tiberina. Sempre in Romagna, vanno ricordate le uscite di Riccione e Cattolica che consentono di raggiungere l'autodromo "Marco Simoncelli" di Misano Adriatico sede del Gran Premio motociclistico di San Marino e della Riviera di Rimini del Motomondiale e del mondiale Superbike.

L'uscita di Rimini sud permette di raggiungere la Repubblica di San Marino attraverso la Strada statale 72 di San Marino che, superato il confine della piccola repubblica, assume la denominazione di Superstrada di San Marino.

Le uscite di Ancona Nord - Jesi e Ancona Sud - Osimo (e il futuro svincolo di Ancona Ovest) consentono di raggiungere il porto internazionale del capoluogo marchigiano, con imbarchi per la Croazia, l'Albania, il Montenegro e la Grecia.

Sempre con lo svincolo di Ancona Nord - Jesi, attraverso la SS76 della Val d'Esino, è possibile raggiungere l'entroterra anconetano, quindi il territorio della Vallesina (Jesi), Fabriano e le Grotte di Frasassi.

L'uscita di Loreto-Porto Recanati è a pochissimi Km dal Santuario di Loreto, mentre, dallo svincolo di Macerata-Civitanova Marche parte la superstrada della val di Chienti che collega velocemente la costa con l'Umbria (Foligno, Assisi e Perugia) e la Toscana (Arezzo, Siena).

 
Viadotto del Salinello. Sullo sfondo Giulianova e la Maiella (a destra).

Successivamente, il casello Giulianova-Teramo, appena dopo il Ponte del Salinello, permette l'allaccio con la A24 che collega l'Adriatico a L'Aquila e Roma, attraversando il Parco Nazionale del Gran Sasso. All'uscita di Pescara ovest-Chieti vi è un importante polo industriale e tramite il cosiddetto Asse attrezzato si può raggiungere il Porto di Pescara e imbarcarsi per Spalato e la Dalmazia.

Il casello di Casalbordino-Vasto nord è a pochi chilometri dal santuario della Madonna dei Miracoli, mentre, più a sud, tramite il casello di Termoli è possibile raggiungere il capoluogo molisano e il porto e da qui imbarcarsi per le isole Tremiti, e dal casello di Poggio Imperiale-Lesina (alternativamente da quello di San Severo o quello di Foggia), si può raggiungere San Giovanni Rotondo e quindi il santuario di San Pio, e Monte Sant'Angelo e quindi il santuario di San Michele Arcangelo, tutti posti lungo la Via Francigena.

 
Autostrada A14, uscita Mottola-Castellaneta, direzione Taranto

Nel suo tratto finale hanno particolare importanza le uscite di Canosa di Puglia (per la presenza dell'A16 direzione Napoli), Andria-Barletta e Trani (città a elevata densità abitativa), Bari a servizio del capoluogo di regione, e uscita ultima per il raggiungimento delle province di Matera (attraverso le SS 96 fino ad Altamura e SS 99 per il capoluogo di provincia lucano), Brindisi e Lecce, nonché del Salento in generale (attraverso le superstrade SS 16, SS 379 e SS 613), e Taranto, punto cruciale per il raggiungimento delle aree ioniche della Basilicata e Calabria mediante la SS 106 che giunge sino a Reggio Calabria.

 
Punto di intersezione, in direzione nord, tra la A14 e l'autostrada del Sole mediante il cosiddetto Ramo Casalecchio al km 8

Il percorsoModifica

 
Autostrada A14 nei pressi del casello di Forlì
 
Dall'Autostrada Adriatica si può raggiungere la Capitale seguendo il percorso della A25

  BOLOGNA-TARANTO
Autostrada Adriatica
Tipo Indicazione ↓km↓ ↑km↑ Area Strada europea
      Milano 0,0 743,4 BO  
  Area di servizio "La Pioppa" 2,3 741,1
  Bologna Borgo Panigale
  Ramo verde
  Aeroporto di Bologna-Borgo Panigale
4,8 738,6
    Ramo Casalecchio
Bologna Casalecchio
  Tangenziale di Bologna
    Firenze
8,5 734,9
    Padova
Bologna Arcoveggio
14,3 729,1
    Bologna Fiera 15,5 727,9
  Bologna San Lazzaro
  Tangenziale di Bologna
22,2 721,2
  Area di servizio "Sillaro" 37,5 705,9
    Castel San Pietro Terme 38,1 705,3
  Imola 50,1 693,3
    Ravenna
    Romea Venezia
56,7 686,7 RA
  Area di servizio "Santerno" 59,5 683,9
  Faenza 64,5 678,9
  Forlì
  Castrocaro Terme
81,6 661,8 FC
  Area di servizio "Bevano" 89,5 653,9
  Cesena nord[7]
    Tiberina
    Tiberina Perugia - Terni
    Umbro-Laziale Orte
93,6 649,8  
  Cesena sud 99,7 643,7
  Valle del Rubicone[8] 110,1 631,3
  Area di servizio "Rubicone" 111,3 630,1
  Rimini nord
Bellaria-Igea Marina
Santarcangelo di Romagna
117,3 626,1 RN
  Rimini sud
  Aeroporto di Rimini-Miramare
  di San Marino
  San Marino
127,4 616,0
  Area di servizio "Montefeltro" 133,5 609,9
  Riccione 135,4 608,0
  Cattolica
San Giovanni in Marignano
Gabicce Mare
143,9 599,5
  Pesaro
Urbino
155,9 587,5 PU
  Area di servizio "Foglia" 158,9 584,5
  Fano
    di Bocca Trabaria
    Senese Aretina Sansepolcro - Arezzo
173,3 570,1
  Marotta
Mondolfo
184,9 558,5
  Area di servizio "Metauro" 186,2 557,2
  Senigallia
  Spiaggia di Velluto
194,5 548,9 AN
  Montemarciano[9] 207,9 535,5
  Area di servizio "Esino" 208,7 534,7
  Ancona nord
Jesi[10]
  Aeroporto di Ancona-Falconara
Falconara Marittima - Fabriano
  Museo della carta e della filigrana

  della Val d'Esino
  Grotte di Frasassi

  di Valfabbrica Perugia
   Traghetti per Zara e Spalato (Croazia) - Patrasso (Grecia)
213,5 529,9
  Ancona sud
Osimo[11]
Castelfidardo
    Riviera del Conero
230,4 513,0
  Area di servizio "Conero" 239,0 504,4
  Loreto
Porto Recanati
  Basilica della Santa Casa - Recanati
245,5 497,9 MC
  Macerata
Civitanova Marche
  della Val di Chienti Foligno
  Flaminia Spoleto - Terni
  Centrale Umbra Assisi - Perugia
262,6 480,8
  Area di servizio "Chienti" 263,9 479,5 FM
  Porto Sant'Elpidio[12] 270,8 472,6
  Fermo
Porto San Giorgio
280,0 463,4
  Area di parcheggio "Torre di Palme"
Presente solo in carreggiata sud
282,0 461,4
  Pedaso 288,0 455,4
  Area di servizio "Piceno" 290,8 452,6
  Grottammare
  Riviera delle Palme
302,0 441,4 AP
  Area di parcheggio "Terrazza sul mare"
Presente solo in carreggiata nord
303,9 439,5
  Ascoli Piceno
San Benedetto del Tronto
  Ascoli Piceno
  Salaria Rieti - Roma
  Parco nazionale dei Monti Sibillini - Norcia - Cascia
311,7 431,7
  Val Vibrata
  Fortezza di Civitella del Tronto
319,5 423,9 TE
  Area di servizio "Tortoreto" 323,6 419,8
  Teramo
Giulianova
Mosciano Sant'Angelo
  Teramo
    L'Aquila - Roma
334,4 409,0
  Area di servizio "Vomano" 340,3 403,1
  Roseto
  Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga - Castelli
344,0 399,4
  Atri
Pineto
351,8 391,6
  Area di parcheggio "Fonte Antica" 357,2 386,2
  Area di servizio "Torre Cerrano" 363,1 380,3
  Pescara nord
Città Sant'Angelo
Montesilvano
364,5 378,9 PE
      Sulmona - Avezzano
    L'Aquila - Roma
378,0 364,4
  Pescara ovest
Chieti
  Via Tiburtina Valeria Sulmona
  Chieti scalo - Pescara centro
  Aeroporto di Pescara
  Traghetti per Spalato e Lesina (Croazia)
380,0 362,4 CH
  Area di parcheggio "Le Sirene" 388,9 354,5
  Pescara sud
Francavilla al Mare
  Parco nazionale della Majella
392,6 350,8
  Area di servizio "Alento" 393,9 349,5
  Ortona 404,6 338,8
  Lanciano
  Costa dei Trabocchi
413,8 329,6
  Val di Sangro
  di Fondovalle del Sangro Casoli - Castel di Sangro - Agnone
  Impianti sciistici di Roccaraso
422,0 321,4
  Area di servizio "Sangro" 428,8 314,6
  Casalbordino
Vasto nord
437,3 306,1
  Area di parcheggio "San Lorenzo" 441,8 301,6
  Montenero di Bisaccia
Vasto sud
San Salvo[13][14]
  Istonia Cupello - Castiglione Messer Marino
  di Fondovalle del Trigno Trivento - Isernia
454,6 288,8 CB
  Area di servizio "Trigno" 458,6 284,8
  Area di servizio "Riovivo"

  area servizio dismessa in direzione Bari

- 269,8
  Termoli[15]
  di Fondovalle del Biferno Larino - Campobasso
   Traghetti per le Isole Tremiti
477,0 266,4
  Area di servizio "Torre Fantine" 493,5 249,9 FG
  Poggio Imperiale
Lesina
  Laghi di Lesina e Varano
  Parco Nazionale del Gargano
  Peschici - Vieste
507,0 236,4
  Area di servizio "San Trifone"

  area servizio dismessa in direzione Pescara

517,5 -
  San Severo
  di San Giovanni Rotondo   San Giovanni Rotondo - Monte Sant'Angelo
528,6 214,8
  Area di servizio "Gargano" 542,2 201,2
  Foggia[16]
  Garganica Manfredonia
  dell'Appennino Abruzzese Lucera - Campobasso
  Bradanica Candela
  Potenza-Melfi Melfi - Potenza
554,1 189,3
   Area di servizio "Daunia"

area servizio dismessa

- -
  Foggia zona industriale

  svincolo in costruzione

584,8 158,6
  Area di servizio "Le Saline" 587,3 156,1
  Cerignola est 589,2 154,2
      Napoli 602,7 140,7
  Canosa
  Canne
610,5 132,9 BT
  Area di parcheggio "Monterotondo" 617,2 126,2
  Area di servizio "Canne della Battaglia" 620,4 123,0
  Andria
Barletta
  Traghetti per Durazzo (Albania)
  Castel del Monte
626,9 116,5
  Trani
ex   di Altamura Corato - Gravina - Altamura
  di Matera - Matera
638,1 105,3
  Area di servizio "Dolmen di Bisceglie"   644,4 99,0
  Molfetta

  Terlizzi   Ruvo di Puglia

  Adriatica-Bisceglie

652,4 91,0 BA
  Bitonto
  Aeroporto di Bari-Palese
663,0 80,4
  Area di servizio "Murge" 671,4 72,0
  Bari nord
  Raccordo   -   Tangenziale di Bari
    Adriatica Brindisi - Lecce - Otranto
  Barese Gravina - Altamura
  di Matera Matera
  Traghetti per Ragusa di Dalmazia (Croazia), Igoumenitsa e Patrasso (Grecia)
Solo entrata in carreggiata nord e solo uscita in carreggiata sud
672,2 71,2
  Bari sud
  Stadio San Nicola
Unica uscita per Bari in carreggiata nord
677,8 65,6  
  Area di parcheggio "Virgilio" 689,9 53,5
  Acquaviva delle Fonti
Sammichele di Bari[17]
698,4 45,0
  Area di servizio "Le Fonti" 698,4 45,0
  Area di parcheggio "Le Masserie"
Presente solo in carreggiata nord
701,4 42,0
  Gioia del Colle
  Aeroporto di Gioia del Colle
  Alberobello - Valle d'Itria
709,6 33,6
  Area di parcheggio "Le Grotte" 723,4 20,0 TA
  Mottola
Castellaneta
723,9 19,5
  Area di parcheggio "La Pineta" 732,2 11,2
  Barriera Taranto nord 735,2 8,2
  Palagianello[18]
  Via Appia Matera - Taranto
  Jonica Sibari - Catanzaro - Reggio Calabria
Uscita solo in direzione Taranto / entrata solo in direzione Bologna
736,4 7,0
  Taranto nord
  Allacciamento con la   Via Appia per Massafra - Taranto - Lecce
  di Gioia del Colle Mottola - Gioia del Colle - Bari
  Jonica Metaponto - Sibari - Reggio Calabria
743,4 0,0

Ramo CasalecchioModifica

Autostrada A14
Ramo Casalecchio
Localizzazione
Stato  Italia
Regioni  Emilia-Romagna
Dati
ClassificazioneAutostrada
InizioA1 presso Casalecchio di Reno
FineA14 presso Borgo Panigale
Lunghezza5,5[19] km
Percorso

Il ramo Casalecchio dell'A14 è un breve tratto autostradale che unisce l'A14 nelle vicinanze dell'Aeroporto di Bologna e l'A1 nei pressi di Casalecchio di Reno, il cui scopo principale è consentire ai viaggiatori provenienti dall'A13 e dall'A14 di dirigersi verso Firenze, dal momento che l'interconnessione con l'A1 situata più a nord è stata chiusa già da molti anni al traffico in direzione sud. È costituita da due corsie per senso di marcia ed è affiancata ai lati dalla tangenziale di Bologna. A sud è totalmente interlacciata con la A1, dato che la presenza dello svincolo di Bologna Casalecchio rende utile il movimento degli automobilisti da e verso Milano in riferimento al centro storico del capoluogo emiliano. A nord invece, il percorso è funzionale solo da e verso Ancona, dato che la direttrice verso Borgo Panigale è già servita dalla tangenziale complanare.

Sono obbligatorie le dotazioni invernali dal 15 novembre al 15 aprile su tutta la tratta[3]

 
Ramo Casalecchio
Tipo Indicazione ↓km↓ ↑km↑ Città metropolitana
      Milano - Firenze 0,0 5,5 BO
  Bologna Casalecchio
  Tangenziale di Bologna
1,0 4,5
      Ancona
  Padova
5,5 0,0

A14 diramazione RavennaModifica

Autostrada A14
Diramazione Ravenna
Localizzazione
Stato  Italia
Regioni  Emilia-Romagna
Dati
ClassificazioneAutostrada
InizioA14
FineRavenna
Lunghezza29,8[20] km
Data apertura1973

L’A14 dir (D14 nella numerazione interna ad Autostrade per l'Italia) congiunge Ravenna con l'autostrada A14. Ha origine tra le uscite Imola e Faenza dell'A14, nei pressi di Solarolo e di Castel Bolognese e ha termine immediatamente a nord di Ravenna, dove prosegue come SS 309 dir. Nel 2005 la barriera autostradale di Ravenna è stata spostata verso Imola di alcuni km a monte del casello di Lugo-Cotignola. Sempre in occasione dei recenti lavori di riqualificazione è stato aperto un nuovo svincolo in prossimità dell'abitato di Bagnacavallo.

È gestita da Autostrade per l'Italia.

Il decreto legislativo del 29 ottobre 1999 n. 461[21] ha classificato questa diramazione come A14 dir, tuttavia nei pannelli integrativi di identificazione dei cavalcavia è indicata come A14. In altri segnali è invece presente il simbolo A14 dir.

Sono obbligatorie le dotazioni invernali dal 15 novembre al 15 aprile sull'intera tratta[3].

 
Diramazione Ravenna
Tipo Indicazione ↓km↓ ↑km↑ Provincia Strada europea
      Bologna - Taranto 0,0 29,8 RA
  Barriera Ravenna 9,3 20,5
  Cotignola 9,8 20,0
  Lugo 9,9 19,8
  Bagnacavallo 13,9 15,9
  Area di servizio "S. Eufemia" 19,9 9,9
  Fornace Zarattini
  San Vitale
26,5 3,3
      Adriatica Ravenna - Alfonsine 29,8 0,0
    dir Romea Porto di Ravenna

Raccordo A14-Tangenziale di BariModifica

Autostrada A14
Raccordo A14-Tangenziale di Bari
Localizzazione
Stato  Italia
Regioni  Puglia
Province  Bari
Dati
ClassificazioneAutostrada
InizioA14
FineSS 16
Lunghezza4,6[6] km
Percorso
Strade europee 

Il raccordo A14-tangenziale di Bari è un breve tratto autostradale senza pedaggio che collega l'uscita di Bari nord dell'A14 con l'uscita 8 della SS 16 tangenziale di Bari. Il raccordo, che per la parte iniziale è complanare all'autostrada, costituiva il tratto terminale dell'A14 (e prima ancora della A17) quando essa non era ancora stata prolungata fino a Taranto. Nella segnaletica stradale è sempre indicato come A14, tuttavia, per distinguerlo dall'asse autostradale principale, gli è stata assegnata anche la numerazione D94.[22]

RACCORDO A14-TANGENZIALE DI BARI
Tipo Indicazione ↓km↓ ↑km↑ Provincia Strada europea
      Bologna
    Napoli
0,0 4,6 BA  
  Bari nord
  Bari zona industriale
  Barese - Altamura, Gravina, Potenza
  di Matera - Matera
  Modugno
    Tangenziale di Bari
    Adriatica - Brindisi - Lecce - Foggia
4,6 0,0

Lavori e progettiModifica

Il potenziamento dell'Autostrada A14 nelle sue tratte emiliano-romagnola e marchigiana è stato reso necessario da una critica domanda di mobilità che ha fonte nella rilevanza turistica delle riviere che interessa.

Sono in fase autorizzativa il passante di mezzo di Bologna, che prevede l'aggiunta della corsia d'emergenza al tratto autostradale e l'allargamento della tangenziale a tre corsie di marcia più corsia di emergenza (quattro nel tratto più trafficato), e l'allargamento alla quarta corsia tra San Lazzaro e la diramazione per Ravenna.

Sono terminati nel 2016 i lavori per l'ampliamento della sede stradale da due a tre corsie più corsia di emergenza per senso di marcia nei 154,7 km tra Rimini nord e Porto Sant'Elpidio, con una spesa di 2,44 miliardi di euro. L'intervento comprende anche l'apertura dei nuovi svincoli di Pesaro sud, Marina di Montemarciano, Ancona Ovest e Porto Sant'Elpidio, la riqualificazione della viabilità esistente mediante realizzazione di circa 36 km di bretelle di collegamento agli svincoli autostradali, nonché varie opere secondarie.

È altresì in costruzione un nuovo svincolo tra Foggia e Cerignola est, che dà accesso alla Zona Industriale del capoluogo della Capitanata.

È in programma ed è imminente la cantierizzazione del raccordo tra Taranto e l'Autostrada Adriatica senza passare per il centro abitato di Massafra e per la Appia: si tratta di una strada di tipo B (quattro corsie) che seguirà il tracciato di una vecchia strada mai ultimata passando vicino Statte e innestandosi sulla Strada statale 7 ter Salentina allo svincolo con la SS172.

Inizialmente era previsto il prolungamento della A14 da Taranto fino a Sibari in Calabria, agevolando il raggiungimento di questa e della Sicilia dalla costa adriatica e dalle regioni orientali.

CuriositàModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti