Ugly Betty

serie televisiva statunitense
Ugly Betty
Ugly Betty Main.JPG
Titolo originaleUgly Betty
PaeseStati Uniti d'America
Anno2006-2010
Formatoserie TV
Generecommedia drammatica
Stagioni4
Episodi85
Durata41 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
IdeatoreFernando Gaitán da un'idea di Silvio Horta
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
ProduttoreReveille Productions, Ventanarosa Productions & Touchstone Television
Prima visione
Prima TV originale
Dal28 settembre 2006
Al14 aprile 2010
Rete televisivaABC
Prima TV in italiano
Dal18 maggio 2007
Al28 maggio 2010
Rete televisivaItalia 1 (st. 1)
Fox Life (st. 2-4)
Opere audiovisive correlate
OriginariaBetty la fea
AltreBetty en NY (2019)

Ugly Betty è una serie televisiva statunitense, prodotta dal 2006 al 2010 e trasmessa da ABC.

In Italia la serie debuttò inizialmente in prima visione assoluta su Italia 1 nel 2007, per poi passare alla pay TV grazie agli ottimi ascolti. A partire dalla seconda stagione, la serie venne trasmessa dapprima a pagamento da Fox Life, e in seguito in chiaro da Italia 1.

La serie è un rifacimento di una telenovela colombiana del 1999, ideata da Fernando Gaitán e intitolata Yo soy Betty, la fea. La protagonista Betty è interpretata da America Ferrera, affiancata nel cast principale da Eric Mabius, Vanessa L. Williams e Becki Newton.

TramaModifica

Betty Suarez è una giovane ragazza (neolaureata nel non troppo prestigioso Queens College) di origini messicane, che vive nel Queens con la sua famiglia composta dal padre Ignacio (cardiopatico), dalla sorella Hilda (ragazza madre) e dal nipotino Justin. I quattro conducono una vita semplice, e sono assillati da molti problemi economici.

Nonostante il suo aspetto non attraente né femminile (in particolare anche per via dell'apparecchio ai denti e del pessimo gusto nell'abbigliamento), Betty riesce a ottenere un posto nel campo dell'editoria diventando l'assistente personale del redattore capo di MODE (il magazine della moda per eccellenza), Daniel Meade. Ma Betty non è stata scelta per il suo curriculum, poiché Bradford Meade, magnate dell'editoria e padre di Daniel, infatti, l'ha voluta come assistente del figlio per evitare che Daniel (dongiovanni incallito e scapestrato) se la portasse a letto e, invece, cominciasse ad assumersi delle responsabilità.

Betty non avrà vita facile a MODE: scoprirà subito che nel mondo della moda l'apparenza è tutto, che la sua umiltà e timidezza non vengono apprezzate, e avrà difficoltà a fare nuove amicizie sul lavoro e i suoi colleghi (tra cui il perfido direttore creativo Wilhelmina Slater, desiderosa di occupare il posto di Daniel, il suo infido e presuntuoso assistente Marc e la receptionist Amanda, bella e stupida) cercheranno di sabotarla e umiliarla per farla andare via in tutti i modi. Ciò nonostante fa amicizia con Christina McKinney (la stilista di MODE) e anche con lo stesso Daniel che, se all'inizio non la voleva come assistente, nel corso già della prima stagione diventa suo ottimo amico e confidente, sentendosi spronato a fare qualcosa di rilevante nella sua vita. La serie ha dei toni comici ma nasconde lati drammatici e persino noir, considerando i numerosi segreti della famiglia Meade che vengono svelati nel corso della prima stagione, e le complesse vicissitudini della famiglia Suarez. Wilhelmina viene più volte estromessa dalla compagnia Meade per la sua indole spregiudicata, ma riuscirà a rientrarvi dimostrando di aspettare un figlio da Bradford, e poi anche con vari altri sotterfugi.

Betty trova l'amore con un contabile di nome Henry, ma il rapporto terminerà nella seconda stagione a causa del ritorno della ex di lui incinta. Nella terza stagione, Betty affronta un duro percorso per diventare redattore, ed effettivamente alla fine della stagione viene promossa a questo ruolo, suscitando l'invidia degli altri assistenti. All'inizio della quarta stagione, continuamente ostacolata e presa di mira anche perché tutti credono abbia ottenuto il posto per raccomandazione da parte di Daniel, troverà infine il coraggio di farsi più spavalda e sicura di sé per rivestire il proprio ruolo, anche cambiando look (per quanto Marc e Amanda, seppur più bonariamente, continueranno a prenderla in giro fino alla fine); nello stesso periodo Daniel sperimenta cosa significa tenere a una persona e perderla, con la morte della dolce insegnante Molly della quale si era innamorato, mentre Betty vivrà una tormentata relazione con il giovane "figlio di papà" Matt Hartley, che alla fine, ispirato da lei, rinuncia alla sua vita agiata per fare volontariato in Africa. Nonostante i continui pasticci, alla fine della serie Betty è ormai sulla via del successo a Mode, ma trova la forza di ritrovare il suo sogno originario e lasciare il mondo della moda per lavorare a Londra alla guida di una testata che si occupa di giornalismo vero e proprio. Daniel, che nel corso della serie è maturato e ha conosciuto sia l'amore che il dolore, si ritirerà, lasciando infine il controllo di Mode alla ormai "redenta" Wilhelmina, per cominciare una nuova vita anche lui a Londra, e lasciando intuire che tra lui e Betty possa nascere qualcosa.

EpisodiModifica

Stagione Episodi Prima TV originale Prima TV Italia
Prima stagione 23 2006-2007 2007
Seconda stagione 18 2007-2008 2008
Terza stagione 24 2008-2009 2009
Quarta stagione 20 2009-2010 2010

Personaggi e interpretiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Ugly Betty.

La serie in DVDModifica

In Italia sono uscite tutte le quattro stagioni complete che sono distribuite da Buena Vista Home Entertaiment.

  • La prima stagione è composta da tutti i 23 episodi, per una durata di circa 16 ore ed è suddivisa in 6 dischi.
  • La seconda stagione è composta da tutti i 18 episodi, per una durata di circa 12 ore ed è suddivisa in 5 dischi.
  • La terza stagione è composta da tutti i 24 episodi, per una durata di circa 16 ore ed è suddivisa in 6 dischi.
  • La quarta stagione è composta da tutti i 20 episodi, per una durata di circa 13 ore ed è suddivisa in 5 dischi.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica