Vacanze di Natale '90

film del 1990 diretto da Enrico Oldoini
Vacanze di Natale '90
Vacanze di natale 90.png
logo del film
Paese di produzioneItalia
Anno1990
Durata103 min
Rapporto2,35:1
Generecommedia
RegiaEnrico Oldoini
SoggettoFranco Ferrini, Enrico Oldoini
SceneggiaturaFranco Ferrini, Enrico Oldoini
ProduttoreLuigi De Laurentiis, Aurelio De Laurentis
FotografiaSergio Salvati
MontaggioRaimondo Crociani
MusicheGiovanni Dell'Orso
ScenografiaOsvaldo Desideri
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Vacanze di Natale '90 è un film del 1990 diretto da Enrico Oldoini.

TramaModifica

In un lussuoso albergo di St. Moritz, durante le vacanze natalizie, si svolgono le strane avventure di alcuni clienti.

Nick, proprietario di un ristorante sull'orlo del fallimento, vince quattro miliardi ai cavalli perdendo poi la voce nel gridare la sua gioia; recatosi nella cittadina elvetica conosce l'elegante Eliette e riesce a conquistarla. Durante la vacanza Nick vince nuovamente un'ingente somma ai cavalli riacquistando anche la voce ma continua a fingere di essere muto per non svelarle il suo marcato accento e le sue umili origini. La sera di Natale, invitato da Eliette ad una cena presso la villa dei nonni, viene presentato ai familiari e amici di lei, degli aristocratici ipocriti e snob: qui ritrova Alvaro, suo ex socio ora ridotto a cameriere e crudelmente umiliato dagli amici della donna; di fronte alle vessazioni che l'amico è costretto a subire, tuttavia, Nick torna a parlare, difende il lavoro di Alvaro e insulta tutti i presenti uno per uno per poi abbandonare la cena con l'amico. Pochi giorni dopo, al veglione di fine anno, Nick e Eliette si ritrovano e tornano insieme.

Tony, romano, giunge a St. Moritz con la moglie maceratese Gloria, più anziana di lui e che essendo molto ricca lo tiranneggia in tutto costringendolo anche a sopportare tutte le sue fantasie sessuali; durante la vacanza ritrova Bindo, suo ex compagno durante il servizio militare e ora ricco industriale di Busto Arsizio, che convince a uccidere le rispettive consorti dopo che la moglie di quest'ultimo, Rita, lo tradisce così da potersi finalmente unire alla sua giovane amante Gianna. Dopo varie peripezie, tuttavia, i due sono entrambi costretti a ritornare dalle proprie mogli.

Arturo Zampini, sgangherato corridore di corse con i cani in slitta, ruba un'ingente somma all'amico Pippo e giunto all'albergo di St. Moritz trova la bella Arabella, che comincia a corteggiare ignorando che sia l'infelice moglie del suo amico. Scoperto il legame della donna, tuttavia, Arturo si allontana dai due, ora riappacificati, non prima di aver rifilato un pugno in faccia a Pippo per la sua considerazione bassissima nei confronti della moglie, giudicata meno importante dei cani.

Beppe, soprannominato Zanna Bianca, maestro di deltaplano che passa da una donna all'altra, ritrova in albergo una sua ex amante che si burla di lui facendogli credere d'essere il padre di una delle proprie figlie, le quali tenteranno di sedurlo ma che alla fine riuscirà a schivare a causa del timore di cedere alla propria figlia. Alla fine la madre delle due gli rivela tutto e i due decidono di sposarsi in quanto Beppe, anche se molto impaurito, in realtà era molto felice all'idea di avere una famiglia vera.

CuriositàModifica

DistribuzioneModifica

Il film è uscito nelle sale Italiane il 21 dicembre 1990.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema