Vittore il Moro

santo berbero

Vittore il Moro, o anche Mauro ("della Mauretania") (Mauretania, III secoloLaus Pompeia, 303), è stato un militare romano di stanza a Milano all'epoca di Massimiano, che subì il martirio per la fede cristiana come gli altri martiri Nabore e Felice. La Chiesa cattolica lo venera come santo.

San Vittore il Moro
San Vittore dipinto nel Trittico della Natività di Jacopo, Gentile e Giovanni Bellini, 1464-1470 circa, Gallerie dell'Accademia, Venezia
 

Militare

 
NascitaMauretania, III secolo
MorteLaus Pompeia, 303
Venerato daTutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Santuario principaleSan Vittore al corpo a Milano
Ricorrenza8 maggio
Attributimartieri
Patrono diprigionieri ed esuli; Varese e altre località (vedi Patronati)
Vittore il Moro
MorteMilano, 303
Cause della morteDecapitato
Etniaberbero
ReligioneCristianesimo
Dati militari
Paese servitoImpero romano
Forza armataEsercito romano
Gradolegionario
voci di militari presenti su Wikipedia

Agiografia modifica

 
Mosaico del IV secolo raffigurante San Vittore in San Vittore in ciel d'oro a Milano.

La sua vita e il suo martirio vengono descritti da Ambrogio da Milano, in particolare nell'inno Victor, Nabor, Felix pii.

Quando Massimiano diede avvio ad una delle ultime persecuzioni, Vittore pur affermando la propria fedeltà all'imperatore per tutto ciò che riguardava la sua vita civile e la disciplina militare, rifiutò di abiurare la propria fede.

Arrestato, minacciato di tortura e lasciato per più giorni privo di cibo e bevande, anche quando fu condotto al Circo, al cospetto dello stesso imperatore Massimiano Erculeo, continuò a rifiutarsi di sacrificare agli idoli, e venne sottoposto ad atroci tormenti (tra l'altro gli fu versato piombo fuso sulle piaghe).

Nonostante ciò, riuscì ad evadere, ma dopo breve tempo venne scoperto, arrestato e decapitato. La tradizione vuole che il suo corpo fosse lasciato insepolto, ma sia stato ritrovato, intatto, dal vescovo di Milano, Materno, che lo seppellì in un sacello che venne poi denominato, per le sue ricche decorazioni a mosaico d'oro, San Vittore in Ciel d'Oro (oggi incorporato nella basilica di Sant'Ambrogio).

Culto modifica

 
San Vittore nella vetrata della facciata della basilica omonima a Varese

Il culto di san Vittore ebbe una larga diffusione, soprattutto su impulso di Ambrogio, che volle seppellire accanto a lui il proprio fratello Satiro. Molte chiese furono dedicate a san Vittore a Milano e nella diocesi ambrosiana, a tal punto che la presenza di chiese o edicole a lui dedicate viene considerata una prova dell'appartenenza (oggi o nel passato) di un territorio alla suddetta diocesi (Ubi Victor, ibi ambrosiana ecclesia). Oltre al sopra menzionato sacello di san Vittore in Ciel d'Oro, a Milano vi è anche la chiesa di San Vittore al Corpo, mentre vi erano un tempo le oggi demolite chiese di San Vittore al Carcere, San Vittore al Teatro e di San Vittore al Pozzo. Alle porte del capoluogo lombardo, a Rho è presente la basilica di San Vittore e a Corbetta la collegiata prepositurale dedicata al santo.

Sempre a san Vittore è intitolata la quattrocentesca basilica collegiata prepositurale in Arcisate (VA), sede di uno degli antichi capitoli della diocesi di Milano. In occasione delle festività in onore del patrono si organizza il "Palio dei rioni" che coinvolge tutto il paese con iniziative e giochi.

Patronati modifica

San Vittore è il santo patrono di alcune località, tra le quali:

Note modifica

  1. ^ Ad Arsago Seprio la basilica romanica è dedicata a San Vittore.
  2. ^ Varese nel 2003 ha commemorato con diverse iniziative il millesettecentesimo anniversario del suo martirio.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN304912140 · BAV 495/98927 · LCCN (ENno2016137558 · GND (DE1184833303 · WorldCat Identities (ENlccn-no2016137558