A Bigger Bang

album dei The Rolling Stones del 2005
A Bigger Bang
ArtistaThe Rolling Stones
Tipo albumStudio
Pubblicazione5 settembre 2005
Durata64:18
Dischi1
Tracce16
GenereRock
EtichettaVirgin Records
RegistrazioneNovembre 2004, 7-9 marzo e 6-28 giugno 2005; Francia, West Indies & Henson Recording Studios, Los Angeles; mixato ai Village Recorders, Los Angeles
Noten. 3 Stati Uniti
n. 1 Gran Bretagna
n. 1 Italia
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[1]
(vendite: 15 000+)
Danimarca Danimarca[2]
(vendite: 20 000+)
Francia Francia[3]
(vendite: 100 000+)
Giappone Giappone[4]
(vendite: 100 000+)
Grecia Grecia[5]
(vendite: 10 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[6]
(vendite: 40 000+)
Polonia Polonia[7]
(vendite: 10 000+)
Regno Unito Regno Unito[8]
(vendite: 100 000+)
Svezia Svezia[9]
(vendite: 30 000+)
Svizzera Svizzera[10]
(vendite: 20 000+)
Dischi di platinoArgentina Argentina[11]
(vendite: 40 000+)
Canada Canada[12]
(vendite: 100 000+)
Europa Europa[13]
(vendite: 1 000 000+)
Germania Germania[14]
(vendite: 200 000+)
Italia Italia[15]
(vendite: 100 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[16]
(vendite: 1 000 000+)
The Rolling Stones - cronologia
Album precedente
(2004)
Album successivo
(2008)
Singoli
  1. Streets of Love
    Pubblicato: 22 agosto 2005
  2. Rain Fall Down
    Pubblicato: 5 dicembre 2005
  3. Biggest Mistake
    Pubblicato: 21 agosto 2006

A Bigger Bang è il ventiduesimo album in studio del gruppo musicale inglese The Rolling Stones, pubblicato nel 2005 dalla Virgin Records.

DescrizioneModifica

Da questo album dei Rolling Stones sono stati tratti quattro singoli: Streets of Love, una canzone dalla natura soul che, con nostalgia, fa ripensare a Tell Me, Rain Fall Down, Biggest Mistake e Oh No, Not You Again. Apre invece in Rough Justice, un classico intro-riff di Keith Richards.

TracceModifica

Testi e musiche di Mick Jagger e Keith Richards.

  1. Rough Justice – 3:13
  2. Let Me Down Slow – 4:15
  3. It Won't Take Long – 3:56
  4. Rain Fall Down – 4:54
  5. Streets of Love – 5:09
  6. Back of My Hand – 3:32
  7. She Saw Me Coming – 3:12
  8. Biggest Mistake – 4:05
  9. This Place Is Empty – 3:16
  10. Oh No Not You Again – 3:46
  11. Dangerous Beauty – 3:48
  12. Laugh I Nearly Died – 4:54
  13. Sweet Neo Con – 4:35
  14. Look What the Cat Dragged in – 3:57
  15. Driving Too Fast – 3:56
  16. Infamy – 3:46
DVD edizione speciale
  1. Introduzione a A Bigger Bang – 10:45
  2. Streets of Love (video) – 4:25
  3. Streets of Love (esibizione televisiva) – 4:03
  4. Rough Justice (esibizione televisiva) – 3:10
  5. Rain Fall Down (remix) – 6:10
  6. Under the Radar (bonus track) – 4:36
  7. Don't Wanna Go Home (bonus track) – 3:34
  8. Streets of Love – 4:25

FormazioneModifica

The Rolling Stones
Musicisti addizionali
  • Darryl Jones – basso in Rough Justice, Let Me Down Slow, It Won't Take Long, Rain Fall Down, Streets of Love, Biggest Mistake, Oh No, Not You Again, Laugh, I Nearly Died, Driving Too Fast
  • Chuck Leavellpianoforte in Rough Justice, Streets of Love, e Driving Too Fast; organo in It Won't Take Long, Streets of Love, Biggest Mistake
Altri musicisti
  • Blondie Chaplin – armonie vocali in She Saw Me Coming e Infamy
  • Matt Clifford – tastiere, vibrafono in Rain Fall Down e Streets of Love
  • Lenny Castro – percussioni in Look What the Cat Dragged In
  • Don Was – piano in This Place is Empty
Crediti

NoteModifica

  1. ^ (DE) The Rolling Stones - A Bigger Bang – Gold & Platin, su ifpi.at, IFPI Austria. URL consultato il 28 aprile 2016.
  2. ^ (DA) Pladebranchen.08 offentliggøres i dag, su ifpi.dk, IFPI Danmark, 27 agosto 2009. URL consultato il 2 dicembre 2017 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2011).
  3. ^ (FR) The Rolling Stones - A Bigger Bang – Les certifications, su snepmusique.com, SNEP. URL consultato il 28 aprile 2016.
  4. ^ (JA) ゴールド等認定作品一覧 2005年9月, su riaj.or.jp, Recording Industry Association of Japan. URL consultato il 28 aprile 2016.
  5. ^ (EL) Top 50 Ξένων Aλμπουμ, su ifpi.gr, IFPI Greece. URL consultato il 28 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2006).
  6. ^ (NL) Goud/Platina, su nvpi.nl, Nederlandse Vereniging van Producenten en Importeurs van beeld- en geluidsdragers. URL consultato il 28 aprile 2016.
  7. ^ (PL) bestsellery i wyróżnienia, su bestsellery.zpav.pl, Związek Producentów Audio-Video. URL consultato il 28 aprile 2016.
  8. ^ (EN) A Bigger Bang, su bpi.co.uk, British Phonographic Industry. URL consultato il 28 aprile 2016.
  9. ^ (SV) Guld- och Platinacertifikat − År 2005 (PDF), su ifpi.se, IFPI Sverige. URL consultato il 28 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2011).
  10. ^ (DE) Edelmetall, su hitparade.ch, Schweizer Hitparade. URL consultato il 28 aprile 2016.
  11. ^ (ES) Discos de Oro y Platino – 2006, su capif.org.ar, Cámara Argentina de Productores de Fonogramas y Videogramas. URL consultato il 28 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  12. ^ (EN) A Bigger Bang – Gold/Platinum, su musiccanada.com, Music Canada. URL consultato il 28 aprile 2016.
  13. ^ (EN) IFPI Platinum Europe Awards – 2006, su ifpi.org, International Federation of the Phonographic Industry. URL consultato il 28 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2013).
  14. ^ (DE) The Rolling Stones - A Bigger Bang – Gold-/Platin-Datenbank, su musikindustrie.de, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 28 aprile 2016.
  15. ^ Le cifre di vendita - 2005 (PDF), su musicaedischi.it, Musica e dischi. URL consultato l'8 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2015).
  16. ^ (EN) The Rolling Stones - A Bigger Bang – Gold & Platinum, su riaa.com, Recording Industry Association of America. URL consultato il 28 aprile 2016.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock