Apri il menu principale
Arcidiocesi di Curitiba
Archidioecesis Curitibensis
Chiesa latina
Metropolitan Cathedral 2 Curitiba Brasil.jpg
Regione ecclesiastica Sul 2
Diocesi suffraganee
Guarapuava, Paranaguá, Ponta Grossa, São José dos Pinhais, União da Vitória
Arcivescovo metropolita José Antônio Peruzzo
Ausiliari Francisco Cota de Oliveira,
Amilton Manoel da Silva, C.P.
Arcivescovi emeriti Pedro Antônio Marchetti Fedalto
Sacerdoti 408 di cui 98 secolari e 310 regolari
4.573 battezzati per sacerdote
Religiosi 613 uomini, 914 donne
Diaconi 87 permanenti
Abitanti 2.605.000
Battezzati 1.866.000 (71,6% del totale)
Superficie 5.751 km² in Brasile
Parrocchie 134
Erezione 27 aprile 1892
Rito romano
Cattedrale Nostra Signora della Luce
Indirizzo Av. Jaime Reis 369, 80510-010 Curitiba, PR, Brazil
Sito web arquidiocesedecuritiba.org.br
Dati dall'Annuario pontificio 2017 (ch · gc)
Chiesa cattolica in Brasile

L'arcidiocesi di Curitiba (in latino: Archidioecesis Curitibensis) è una sede metropolitana della Chiesa cattolica in Brasile appartenente alla regione ecclesiastica Sul 2. Nel 2016 contava 1.866.000 battezzati su 2.605.000 abitanti. È retta dall'arcivescovo José Antônio Peruzzo.

Indice

TerritorioModifica

L'arcidiocesi comprende 11 comuni dello Stato brasiliano del Paraná: Curitiba, Almirante Tamandaré, Balsa Nova, Campo Largo, Campo Magro, Colombo, Itaperuçu, Palmeira, Pinhais, Porto Amazonas e Rio Branco do Sul.

Sede arcivescovile è la città di Curitiba, dove si trova la cattedrale di Nostra Signora della Luce (Nossa Senhora da Luz dos Pinhais)

Il territorio si estende su una superficie di 5.751 km² ed è suddiviso in 134 parrocchie.

Provincia ecclesiasticaModifica

La provincia ecclesiastica di Curitiba, istituita nel 1926, comprende le seguenti suffraganee:

StoriaModifica

La diocesi di Curitiba fu eretta il 27 aprile 1892 con la bolla Ad universas Orbis Ecclesias di papa Leone XIII, ricavandone il territorio dalla diocesi di San Paolo (oggi arcidiocesi) e dall'arcidiocesi di Rio de Janeiro, di cui era originariamente suffraganea.

Il 19 marzo 1908 cedette una porzione del suo territorio a vantaggio dell'erezione della diocesi di Santa Caterina (oggi arcidiocesi di Florianópolis).

Il 7 giugno dello stesso anno entrò a far parte della provincia ecclesiastica dell'arcidiocesi di San Paolo.

Il 10 maggio 1926 per effetto della bolla Quum in dies numerus di papa Pio XI ha ceduto altre porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione delle diocesi di Ponta Grossa e di Jacarezinho e della prelatura territoriale di Foz do Iguaçu, e contestualmente è stata elevata al rango di arcidiocesi metropolitana.

Il 1º novembre 1952 con la bolla Ex antiquissima di papa Pio XII fu istituito il capitolo della cattedrale.

Il 21 luglio 1962, il 3 dicembre 1976 e il 6 dicembre 2006 ha ceduto ulteriori porzioni di territorio a vantaggio dell'erezione rispettivamente delle diocesi di Paranaguá, di União da Vitória e di São José dos Pinhais.

Cronotassi dei vescoviModifica

  • José de Camargo Barros † (16 gennaio 1894 - 9 novembre 1903 nominato vescovo di San Paolo)
  • Leopoldo Duarte e Silva † (10 maggio 1904 - 18 dicembre 1906 nominato vescovo di San Paolo)
  • João Francisco Braga † (27 ottobre 1907 - 22 giugno 1935 dimesso)
  • Ático Eusébio da Rocha † (16 dicembre 1935 - 11 aprile 1950 deceduto)
  • Manoel da Silveira d'Elboux † (19 agosto 1950 - 6 febbraio 1970 deceduto)
  • Pedro Antônio Marchetti Fedalto (28 dicembre 1970 - 19 maggio 2004 ritirato)
  • Moacyr José Vitti, C.S.S. † (19 maggio 2004 - 26 giugno 2014 deceduto)
  • José Antônio Peruzzo, dal 7 gennaio 2015

StatisticheModifica

L'arcidiocesi al termine dell'anno 2016 su una popolazione di 2.605.000 persone contava 1.866.000 battezzati, corrispondenti al 71,6% del totale.

anno popolazione sacerdoti diaconi religiosi parrocchie
battezzati totale % numero secolari regolari battezzati per sacerdote uomini donne
1949 480.000 500.000 96,0 161 24 137 2.981 224 550 39
1966 650.000 700.000 92,9 223 39 184 2.914 221 1.060 67
1968 800.000 1.000.000 80,0 253 53 200 3.162 250 1.089 76
1976 1.100.000 1.250.000 88,0 354 62 292 3.107 641 1.080 106
1980 1.187.000 1.270.000 93,5 58 58 20.465 389 1.167 110
1990 1.855.000 2.246.000 82,6 401 74 327 4.625 3 759 1.229 131
1999 2.194.000 2.656.000 82,6 432 91 341 5.078 31 906 1.123 146
2000 2.000.000 2.700.000 74,1 442 102 340 4.524 35 791 1.168 150
2001 2.000.000 2.770.034 72,2 447 101 346 4.474 37 860 1.103 151
2002 2.000.000 2.771.651 72,2 441 101 340 4.535 40 930 1.111 151
2003 2.000.000 2.771.731 72,2 439 99 340 4.555 61 795 1.076 155
2004 2.000.000 2.771.731 72,2 451 101 350 4.434 70 879 1.177 154
2006 1.480.046 2.262.347 65,4 426 92 334 3.474 67 721 1.025 129
2013 1.821.000 2.444.000 74,5 405 99 306 4.496 64 618 931 137
2016 1.866.000 2.605.000 71,6 408 98 310 4.573 87 613 914 134

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica