Arturo Scotto

politico italiano
Arturo Scotto
Arturo Scotto daticamera.jpg

Coordinatore di Articolo Uno
In carica
Inizio mandato 7 aprile 2019
Predecessore Roberto Speranza

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XV, XVII, XIX
Gruppo
parlamentare
XV:
- L'Ulivo
(fino al 16/02/2007)
- SD-PSE
(dal 16/05/2007)
XVII:
- SI-SEL
(fino al 28/02/2017)
- Art.1-MDP-LeU
(dal 28/02/2017)
Coalizione L'Unione (XV)
Italia. Bene Comune (XVII)
Circoscrizione Campania 1
Incarichi parlamentari
XVII legislatura:
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Articolo Uno (dal 2017)
In precedenza:
PDS (1994-1998)
DS (1998-2007)
SD (2007-2009)
SEL (2009-2016)
Titolo di studio Laurea in Scienze politiche
Università Università degli Studi di Napoli Federico II
Professione Funzionario di partito

Arturo Scotto (Torre del Greco, 15 maggio 1978) è un politico italiano, dal 7 aprile 2019 è coordinatore di Articolo Uno.

È stato deputato alla Camera per due legislature: la XV e la XVII, ricoprendo vari incarichi parlamentari.

BiografiaModifica

Nato il 15 maggio 1978 a Torre Del Greco, in provincia di Napoli, laureatosi in scienze politiche all'Università degli Studi di Napoli Federico II, uomo sposato con Elsa Bertholet da cui ha avuto un figlio, s'iscrive nel 1994 all'organizzazione giovanile del Partito Democratico della Sinistra: Sinistra giovanile (SG), diventando due anni dopo nel 1996 segretario del Circolo di Torre del Greco e nel 2001 segretario della federazione provinciale di Napoli della SG. Nello stesso anno entra nella direzione nazionale dei Democratici di Sinistra (DS), e successivamente anche ad entrare nell'esecutivo nazionale della SG.[1][2]

Elezione a deputatoModifica

In occasione delle elezioni politiche del 2006 viene candidato alla Camera dei deputati, ed eletto tra le liste dell'Ulivo (lista che univa i DS con La Margherita di Francesco Rutelli) nella circoscrizione Campania 1, risultando il più giovane parlamentare della XV legislatura, dov'è componente della 2ª Commissione Giustizia, sostituendo il Ministro dell'università e della ricerca Fabio Mussi, e la 4ª Commissione Difesa.[3]

Componente della Sinistra DS, è stato uno dei primi firmatari della tesi "Alla fine c'era la terra da salvare", che si opponeva allo scioglimento dei DS ed alla costruzione del Partito Democratico (PD), presentata nel IV Congresso Nazionale della Sinistra Giovanile.[4]

Nel maggio 2007, in coerenza con la linea espressa fino ad allora, ha lasciato i DS in procinto di sciogliersi per lasciare spazio al PD, per aderire alla scissione di Sinistra Democratica di Fabio Mussi e Cesare Salvi.[5]

Alle elezioni politiche del 2008 viene candidato per la Camera dei deputati come capolista de La Sinistra l'Arcobaleno nella circoscrizione Campania 1[3]. Ma non viene eletto a causa del mancato superamento della soglia di sbarramento del 4% su base nazionale da parte della lista.[6]

Sinistra Ecologia LibertàModifica

Nel 2010 con Sinistra Democratica partecipa al processo di costituzione del partito Sinistra Ecologia e Libertà (SEL) di Nichi Vendola, di cui diventa il coordinatore regionale in Campania, oltre che membro della presidenza nazionale di SEL come Responsabile Esteri del partito.[6][7]

Nel dicembre 2012 si candida alle elezioni primarie parlamentari organizzate da SEL, al termine delle quali si rivela essere il più votato nella circoscrizione della Camera - Campania 1.[8][9]

Alle elezioni politiche del 2013 è stato ricandidato alla Camera dei deputati, venendo quindi rieletto tra le liste di Sinistra Ecologia Libertà nella circoscrizione Campania 1[6]. Diventa successivamente nella XVIII legislatura della Repubblica componente e capogruppo di SEL nella 3ª Commissione Affari Esteri e Comunitari della Camera.[6]

Il 10 luglio 2014 viene eletto come nuovo capogruppo di SEL alla Camera, sostituendo il capogruppo ad interim Nicola Fratoianni, dopo le dimissioni del predecessore Gennaro Migliore e di tutto l'ufficio di presidenza di SEL alla Camera, oltre che l'uscita di 12 deputati che contestavano la linea di Nichi Vendola a loro avviso, troppo oppositiva nei confronti del governo Renzi e del Partito Democratico che aveva portato SEL ad abbandonare l'idea di adesione al PSE con i democratici preferendo una costituenda della sinistra radicale già tracciato dal percorso delle europee 2014 con la Lista Tsipras.

Scotto è stato considerato un uomo di mediazione tra l'ala più radicale e di sinistra del partito e l'ala più dialogante con il PD e il governo.

Fondazione di Sinistra ItalianaModifica

Con lo scioglimento di SEL, e la trasformazione del gruppo parlamentare Sinistra Italiana (composto da fuoriusciti dal PD) in partito politico dove confluisce SEL, il 23 gennaio 2017, con un post nel suo blog sull'Huffington, si candida alla segreteria nazionale di Sinistra Italiana, in rappresentanza dell'ala più dialogante con il PD, contro la mozione del coordinatore di SEL Nicola Fratoianni, rappresentante dell'ala che punta tutto sulla costruzione di un soggetto autonomo anche dal centro-sinistra[10][11]. Presentatosi con un programma di 5 punti: lavoro e le tutele (appoggiando i referendum della CGIL), maggiori investimenti pubblici; il reddito minimo garantito; "la rivoluzione delle donne" e la "rivoluzione ecologica", a sostenere la mozione di Scotto ci sono almeno 16 parlamentari di Sinistra Italiana, più un gruppo di dirigenti che va dal vicepresidente della Regione Lazio Massimiliano Smeriglio ad Alfredo D'Attorre e i giovani Marco Furfaro e Simone Oggionni[11]. Ma il 2 febbraio annuncia il ritiro della candidatura, facendo forti accuse alla classe dirigente del nuovo partito.

Il 19 febbraio, al congresso fondativo di Sinistra Italiana svolto a Rimini, annuncia la volontà di non entrare nel nuovo partito.

Coordinatore di Articolo UnoModifica

Nello stesso mese Scotto, in seguito all'abbandono del Partito Democratico da una parte degli esponenti della "minoranza Dem", tra cui Massimo D'Alema, Pier Luigi Bersani, Roberto Speranza, Guglielmo Epifani, Enrico Rossi e Vasco Errani, si unisce a loro per fondare un nuovo partito di sinistra chiamato (allora) Articolo 1 - Movimento Democratico e Progressista (MDP).[12]

È stato ricandidato alle elezioni politiche del 4 marzo 2018, tra le liste di Liberi e Uguali, ma senza risultare eletto.

Il 7 aprile 2019 è stato nominato coordinatore nazionale di Articolo Uno, succedendo a Roberto Speranza diventato segretario del partito, caratterizzandosi successivamente tra i dirigenti più apprezzati dai militanti, per il suo stretto legame con i territori e per essere il propugnatore di un rapporto col PD che lui sintetizza "Ci interessa influire, non confluire", implicando anche la sua contrarietà all'ipotesi che Articolo Uno possa confluire nel PD.[13]

Nella notte di capodanno del 2019 è stato insultato e aggredito fisicamente in piazza San Marco a Venezia da un gruppo di giovani neofascisti.[14][15][16]

Alle elezioni politiche anticipate del 25 settembre 2022 viene candidato per la Camera nel collegio plurinominale Toscana 03 in seconda posizione nella lista Partito Democratico - Italia Democratica e Progressista in quota Articolo Uno, risultando eletto deputato.

Posizioni e idee politicheModifica

NoteModifica

  1. ^ Wanda Marra, I giovani? Parlano di pace e di precariato (PDF), in l'Unità, 02 aprile 2006, p. 8. URL consultato il 2 aprile 2010.
  2. ^ Wanda Marchi, La «resistenza» dei giovani Ds (PDF), in l'Unità, 05 dicembre 2004, p. 2. URL consultato il 2 aprile 2010.
  3. ^ a b I candidati e le candidati di Sinistra Democratica: le donne sono il 50%, su Sito ufficiale Sinistra Democratica. URL consultato il 2 aprile 2010.
  4. ^ Tesi alternativa alle numero 5, 6 e 7 …alla fine c’era da salvare la terra (PDF), su Sg Lombardia. URL consultato il 2 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2007).
  5. ^ Roberto Fuccillo, Al Vomero nascono i primi circoli così l'area Mussi si organizza, in La Repubblica, 05 maggio 2007, p. 5 sezione:Napoli. URL consultato il 2 aprile 2010.
  6. ^ a b c d Arturo Scotto | HuffPost, su huffingtonpost.it. URL consultato il 25 ottobre 2021.
  7. ^ Organismi SEL, su Sito ufficiale Sinistra Ecologia e Libertà. URL consultato il 2 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2010).
  8. ^ Primarie Sel: in Toscana trionfa Ulivieri, nel Lazio oltre 10mila al voto, in la Repubblica, 31 dicembre 2012. URL consultato il 3 gennaio 2013.
  9. ^ Primarie Sel, Arturo Scotto primo in Campania 1, in campanianotizie.com, 29 dicembre 2012. URL consultato il 3 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2017).
  10. ^ Perché ho deciso di candidarmi alla Segreteria di Sinistra Italiana [collegamento interrotto], su huffingtonpost.it.
  11. ^ a b Sinistra italiana, corsa a due per la segreteria: Scotto sfida Fratoianni, su la Repubblica, 23 gennaio 2017. URL consultato il 25 ottobre 2021.
  12. ^ Speranza: Il Pd di Renzi è il partito dei moderati, su Articolo Uno. URL consultato il 25 ottobre 2021.
  13. ^ a b Intervista ad Arturo Scotto: “La sinistra ha fallito, ora può rinascere”, su Il Riformista, 8 gennaio 2022. URL consultato il 28 aprile 2022.
  14. ^ Così i fascisti mi hanno aggredito nella prima alba degli anni Venti, su articolo1mdp.it, 1º gennaio 2020. URL consultato il 3 giugno 2020 (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2020). Ospitato su Google.
  15. ^ Andrew Griffin, Politician punched in antisemitic attack in Venice’s St Mark’s Square, su independent.co.uk. URL consultato il 3 giugno 2020 (archiviato il 3 giugno 2020).
  16. ^ Ex deputato pestato in piazza San Marco da giovani fascisti: Zaia, “fatto molto grave”, in L'Eco Vicentino, 2 gennaio 2020. URL consultato il 3 giugno 2020 (archiviato il 3 giugno 2020).
  17. ^ Giorgetti: "Draghi al Colle? Da lì guiderebbe il convoglio, sarebbe un semipresidenzialismo". Conte: "Non va bene, non servono uomini della provvidenza", su Il Fatto Quotidiano, 2 novembre 2021. URL consultato il 3 novembre 2021.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica