Elly Schlein

politica italiana (1985-), segretaria del Partito Democratico

Elena Ethel Schlein, detta Elly (IPA: /ˈɛlli ˈʃlain/; Lugano, 4 maggio 1985), è una politica italiana con tripla cittadinanza italiana, statunitense e svizzera, segretaria del Partito Democratico dal 12 marzo 2023.

Elly Schlein
Elly Schlein nel 2023

Segretaria del Partito Democratico
In carica
Inizio mandato12 marzo 2023
PresidenteStefano Bonaccini
PredecessoreEnrico Letta

Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna
Durata mandato28 febbraio 2020 –
24 ottobre 2022
PresidenteStefano Bonaccini
PredecessoreRaffaele Donini
SuccessoreIrene Priolo

Assessore al Welfare della Regione Emilia-Romagna
Durata mandato28 febbraio 2020 –
24 ottobre 2022
PresidenteStefano Bonaccini
PredecessoreElisabetta Gualmini
SuccessoreIgor Taruffi

Deputata della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato13 ottobre 2022
LegislaturaXIX
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico - Italia Democratica e Progressista
CoalizioneCentro-sinistra 2022
CircoscrizioneEmilia-Romagna
Incarichi parlamentari
Sito istituzionale

Europarlamentare
Durata mandato1º luglio 2014 –
1º luglio 2019
LegislaturaVIII
Gruppo
parlamentare
S&D
CircoscrizioneItalia nord-orientale
Incarichi parlamentari
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politicoPartito Democratico (2013-2015; dal 2022)
In precedenza:
Pos (2015-2019)
Ind. di csx (2019-2022)
Titolo di studioLaurea in giurisprudenza
UniversitàUniversità di Bologna
ProfessioneDirigente di partito

Aderente a varie formazioni di centro-sinistra e di sinistra, è stata europarlamentare per l'Italia nell'VIII legislatura. Candidatasi con una propria lista alle elezioni regionali in Emilia-Romagna del 2020, è stata eletta consigliera regionale all'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna e ha ricoperto fino al 24 ottobre 2022 la carica di vicepresidente della giunta regionale guidata da Stefano Bonaccini. Alle elezioni politiche del 25 settembre 2022 si candida alla Camera come indipendente nella lista Partito Democratico - Italia Democratica e Progressista, venendo eletta deputata. Nel 2023 si candida alle primarie del Partito Democratico, vincendo la corsa per la segreteria con il 54% dei voti e divenendo la prima donna, nonché la più giovane, alla guida del partito.

Biografia

Elena Ethel Schlein nasce il 4 maggio 1985 a Lugano, nel Canton Ticino (Svizzera).[1][2][3][4][5] Il padre, Melvin Schlein, è un politologo e accademico statunitense di origine ebraica aschenazita:[6] gli avi paterni di Elly Schlein erano originari di Žovkva, un villaggio vicino a Leopoli, allora parte dell'Impero austro-ungarico e oggi situato in Ucraina. Al loro arrivo a Ellis Island il nonno aveva mutato il cognome originario, "Schleyen", in quello attuale, e il suo nome da Herschel in Harry.[7] Il suo nome unisce quello delle due nonne: la materna Elena e la paterna Ethel, di origine lituana.[8] All'epoca della sua nascita, il padre era professore emerito di scienza della politica e storia presso la Franklin University di Lugano.[9]

La madre è l'italiana Maria Paola Viviani,[10] professoressa ordinaria di diritto pubblico comparato presso la facoltà di giurisprudenza dell'Università degli Studi dell'Insubria. È nipote dell’avvocato antifascista Agostino Viviani, che fu senatore del Partito Socialista Italiano e presidente della Commissione Giustizia del Senato e dal 1994 al 1998, membro laico del Consiglio superiore della magistratura (CSM) in quota Forza Italia.[11][12] Suo fratello è il matematico Benjamin Schlein (1975)[10][13] e sua sorella Susanna (1978) è primo consigliere diplomatico all'Ambasciata italiana ad Atene ed ex-capo della cancelleria consolare dell'ambasciata italiana a Tirana.[14][15][16]

Dopo aver conseguito la maturità al liceo cantonale di Lugano nel 2004 con il massimo dei voti[17], si trasferisce a Bologna, dove nel marzo 2011 si laurea con il massimo dei voti in giurisprudenza, discutendo una tesi di diritto costituzionale e avendo come relatore il professore Andrea Morrone.[18]

Nel 2012 collabora, in qualità di segretaria di produzione[19], alla realizzazione del documentario Anija - La nave, riguardante l'immigrazione albanese in Italia attraverso il mare Adriatico negli anni '90, vincitore del David di Donatello come miglior documentario 2013.[18]

Nel 2020 Schlein ha dichiarato pubblicamente di essere bisessuale.[20][21][22]

Attività politica

 
Schlein alla manifestazione contro il Jobs Act del 25 ottobre 2014.

Gli inizi

Nel 2008 partecipa a Chicago come volontaria alla campagna elettorale di Barack Obama per le elezioni presidenziali statunitensi di quell'anno; nel 2012, sempre a Chicago, partecipa anche alla campagna di Obama per la sua rielezione alle presidenziali.[18]

Nel 2011 contribuisce a fondare a Bologna l'associazione studentesca universitaria Progrè, che si occupa di approfondire e sensibilizzare l'opinione pubblica sui temi legati alle politiche migratorie e alla realtà carceraria, pubblicando una propria rivista e organizzando, dal 2012 e con cadenza annuale, ProMiGrè, un "festival" con incontri e tavole rotonde con la partecipazione di politici ed esperti.[23]

 
Schlein al gay pride di Bologna nel 2015.

Ad aprile 2013, dopo l'affossamento della candidatura al Quirinale di Romano Prodi nell'elezione presidenziale, a causa di un centinaio di franchi tiratori, decide con altri di dare vita alla campagna di mobilitazione #OccupyPD, poi sfociata nell'occupazione di numerose sedi del partito, per dare voce al malumore di parte della base giovanile circa la scelta dei vertici nazionali di far nascere il governo Letta con una maggioranza basata sulle larghe intese.[24]

Alle elezioni primarie del Partito Democratico del 2013 aderisce e sostiene la mozione di Pippo Civati, deputato alla Camera ed ex consigliere regionale della Lombardia, che si piazza in terza posizione dietro a Gianni Cuperlo e al sindaco di Firenze Matteo Renzi. Viene comunque eletta nella direzione nazionale del Partito Democratico come esponente della corrente civatiana del partito.[25]

Europarlamentare

A febbraio 2014 decide di candidarsi col PD al Parlamento europeo nella circoscrizione Italia nord-orientale, dando vita a una campagna elettorale ribattezzata Slow Foot all'insegna della sostenibilità, lanciando l'hashtag, che presto diventa virale, #siscriveschlein.[26] Alle elezioni europee del 25 maggio risulta eletta europarlamentare con 53 681 preferenze.[27] Nella legislatura è stata vicepresidente della delegazione alla Commissione parlamentare di stabilizzazione e di associazione UE-Albania (D-AL) e membro della commissione per lo sviluppo (DEVE).

A maggio 2015, tramite un post su Facebook, annuncia l'abbandono del PD, in dissenso con la linea politica adottata dal segretario e presidente del Consiglio Matteo Renzi, definendola «di centro-destra»[28], aderendo successivamente a Possibile, partito fondato da Giuseppe Civati.[29][30][31]

Dopo la sua prima legislatura al Parlamento europeo, sceglie di non ricandidarsi alle elezioni europee del 2019.[32]

Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna

Alle elezioni regionali in Emilia Romagna del 2020 Schlein si candida per la lista elettorale "Emilia-Romagna Coraggiosa Ecologista e Progressista" (formata da Articolo Uno, Sinistra Italiana, èViva e diverse realtà politico-associative locali)[33][34], a sostegno del presidente uscente Stefano Bonaccini, dove raccoglie 22.098 voti di preferenza, distribuiti tra i collegi di Bologna (15 975), Reggio Emilia (3 896) e Ferrara (2 227), risultando la candidata di lista con più preferenze in tutta la storia delle elezioni regionali in Emilia-Romagna (nonostante la sua lista avesse ottenuto solo il 3,77% dei voti), risultando eletta all'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna.[35][36][37][38][39]

L'11 febbraio 2020 viene nominata vicepresidente e assessore con deleghe al welfare e al coordinamento di un nuovo Patto per il Clima della giunta regionale dell'Emilia-Romagna presieduta dall'appena rieletto Stefano Bonaccini.[40][41]

Nel settembre 2020, a poche settimane dal referendum costituzionale sulla riduzione del numero dei parlamentari legato alla riforma Fraccaro avviata dal governo Conte I guidato dalla Lega assieme al Movimento 5 Stelle e ultimato dal governo Conte II rappresentato dalla coalizione tra M5S e PD,[42] Schlein annuncia il suo voto contrario,[43] in dissidenza con la posizione del suo presidente di Regione[44] e con gli alleati del PD, schierati in maggioranza per il .[45][46][47][48]

Il 5 febbraio 2021 viene confermata nell'ufficio di presidenza di Green Italia.[49]

Deputata nazionale

 
Schlein eletta alla Camera nel 2022.

Alle elezioni politiche anticipate del 2022 viene candidata alla Camera dei deputati, come indipendente in posizione di capolista del collegio plurinominale Emilia Romagna 02 tra le liste del Partito Democratico - Italia Democratica e Progressista, risultando eletta,[50][51] a cui seguono le dimissioni da vicepresidente della Regione il 24 ottobre. Nella XIX legislatura è componente della 1ª Commissione Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni.[52]

Segretaria del Partito Democratico

Elezioni primarie
 
Logo della campagna elettorale per le primarie del 2023

A seguito delle dimissioni di Enrico Letta da segretario nazionale del PD in conseguenza del risultato del partito alle elezioni politiche, l'11 novembre 2022 Schlein annuncia la sua intenzione di candidarsi come nuova segretaria del PD al prossimo congresso nel corso di una diretta Instagram; per questo motivo, sceglie dunque di tornare nel partito dopo sette anni di assenza.[53][54]

Il 4 dicembre si candida ufficialmente alla segreteria del PD[55] e il 12 dicembre rientra nel partito, aderendovi formalmente.[56]

A inizio febbraio 2023 denuncia attacchi antisemiti nei suoi confronti[57] ma viene a sua volta criticata da Ruth Dureghello, presidente della comunità ebraica romana, per la modalità con cui risponde a tali attacchi.[58][59]

Nelle votazioni interne ai circoli del PD, riservate agli iscritti, Schlein ottiene 52 637 voti, pari al 34,88%, contro il 52,87% del candidato avversario Stefano Bonaccini, il 7,96% di Gianni Cuperlo e il 4,29% di Paola De Micheli, arrivando così alle primarie aperte insieme a Bonaccini.[60]

Vince le elezioni primarie tenutesi il 26 febbraio, venendo eletta come segretaria del Partito Democratico con 587 010 voti, ossia il 53,75%, contro 505 032 voti, ossia il 46,25%, di Stefano Bonaccini.[61] Per la prima volta nella storia del partito l'esito del voto degli iscritti è stato ribaltato nelle primarie aperte.[62]

È stata eletta ufficialmente nell'Assemblea nazionale del partito il 12 marzo 2023.

Elezioni europee del 2024

Nell'aprile del 2024, in vista delle elezioni europee di giugno, Schlein annuncia la propria candidatura come capolista del PD nelle circoscrizioni centrale e insulare,[63][64] specificando però di voler rinunciare al proprio seggio nel Parlamento europeo in caso di elezione.[63]

Alle elezioni europee dell'8 e 9 giugno il PD ottiene il 24,1% dei voti,[65][66] aumentando di 5 punti percentuali e guadagnando 250 000 voti rispetto alle elezioni politiche del 2022, consolidando la segreteria di Schlein.[67][68] Schlein ottiene 171 114 preferenze nella Circoscrizione Italia centrale e 85 487 preferenze nella Circoscrizione Italia insulare.[69][70]

Posizioni e idee politiche

Economia

Schlein sostiene la necessità di contrastare il precariato: è favorevole all'introduzione del salario minimo, alla riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario e contraria all'abuso dei contratti di lavoro a tempo determinato.[71] È a favore di una diminuzione delle tasse sui redditi da lavoro e a un aumento di quelle da redditi fiscali e immobiliari, oltre a un aumento delle tasse sulle successioni.[72]

Diritti civili

Schlein si è particolarmente occupata dei diritti delle donne e delle persone LGBT,[73][74] affermando a tale proposito che in Italia vi sia ancora una società patriarcale.[75] È favorevole alla gestazione per altri, ma su questo tema si dice disponibile al confronto.[76] È a favore dell'eutanasia.[77] Si dichiara inoltre favorevole alla legalizzazione delle droghe leggere.[78]

Politica estera

In politica estera, è su posizioni fortemente europeiste, tanto da dichiararsi una federalista europea.[74] Si è dichiarata favorevole all'invio di armi all'Ucraina durante l'invasione russa dell'Ucraina del 2022, pur sostenendo la necessità di trovare una soluzione diplomatica come via d'uscita del conflitto.[79][80] Per quanto riguarda il conflitto israelo-palestinese, è favorevole alla soluzione dei due Stati.[81]

Opere

Note

  1. ^ Elly Schlein, su europarl.europa.eu. URL consultato il 7 marzo 2023.
  2. ^ Elena Schlein, su politici.openpolis.it. URL consultato il 7 marzo 2023.
  3. ^ Biografia, su ellyschlein.it. URL consultato il 7 marzo 2023.
  4. ^ Elly Schlein è la nuova segretaria del Partito Democratico con oltre il 53%, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 26 febbraio 2023.
  5. ^ Elly Schlein, la gioventù svizzera tra rock e proteste nell'aula K: "Era un vulcano", su la Repubblica, 6 dicembre 2022. URL consultato il 26 febbraio 2023.
  6. ^ Francesco Rosano, Chi è Elly Schlein: la famiglia a Lugano, il volontariato per Obama, i coming out in tv, le copertine, su Corriere di Bologna, 27 settembre 2022. URL consultato il 26 febbraio 2023.
  7. ^ Elly Schlein, da Bologna con storia multiculturale - Politica, su Agenzia ANSA, 26 febbraio 2023. URL consultato il 26 febbraio 2023.
  8. ^ Aldo Cazzullo, Intervista a Elly Schlein: "O il PD cambia o è finita Io non ho nulla da perdere e per questo vincerò, in Corriere della Sera, 18 febbraio 2023, p. 15. URL consultato il 18 febbraio 2023.
  9. ^ Elly Schlein, la politica che sognava di fare la regista, Donna Glamour, 12 febbraio, 2020
  10. ^ a b Giuseppe Civati, L'isola di Elly, su ciwati.it. URL consultato il 19 giugno 2018.
  11. ^ Copia archiviata, su csm.it. URL consultato il 2 febbraio 2023 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2023).
  12. ^ Il CSM diviso sul vicepresidente, in La Repubblica, 7 novembre 1996.
  13. ^ Paola Quarenghi, Una forza della natura in parlamento (PDF), in La Spinta, gennaio 2017, p. 4. URL consultato il 19 giugno 2018.
  14. ^ (EN) Italian embassy vehicle destroyed in firebombing, in eKathimerini.com, 2 dicembre 2022. URL consultato il 2 dicembre 2022.
  15. ^ Atene, attentato a Susanna Schlein: incendiata l’auto della consigliera dell’ambasciata, trovata molotov inesplosa. “Matrice anarchica”, in ilfattoquotidiano.it, 2 dicembre 2022. URL consultato il 2 dicembre 2022.
  16. ^ Anarchici greci rivendicano l'attentato a Susanna Schlein, in repubblica.it, 8 dicembre 2022. URL consultato l'8 dicembre 2022.
  17. ^ Franco Zantonelli, Elly Schlein, la gioventù svizzera tra rock e proteste nell'aula K: "Era un vulcano", in repubblica.it, 6 dicembre 2022. URL consultato il 6 dicembre 2022.
  18. ^ a b c Elly Schlein, Biografia, su ellyschlein.it. URL consultato il 13 febbraio 2020.
  19. ^ Elly Schlein: curriculum (PDF), su wwwservizi.regione.emilia-romagna.it. URL consultato il 27 gennaio 2023.
  20. ^ Perché è importante parlare della bisessualità di Elly Schlein?, su Giornalettismo, 13 febbraio 2020. URL consultato il 22 aprile 2021.
  21. ^ Davide Dummy, L'Assedio, Elly Schlein fa coming out in diretta: «Sto con una ragazza» - VIDEO, su NEG Zone, 12 febbraio 2020. URL consultato il 22 aprile 2021.
  22. ^ Elly Schlein, chi è: "Ho amato uomini e donne". La vita privata e la carriera, su corrieredellumbria.corr.it, 13 febbraio 2022. URL consultato l'8 marzo 2023 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2023).
  23. ^ Chi siamo - Progrè, su progre.eu (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2014).
  24. ^ #OccupyPD, sedi di partito occupate da giovani del Pd, su corriere.it. URL consultato il 28 maggio 2014.
  25. ^ I componenti della direzione nazionale del PD, su partitodemocratico.it. URL consultato il 28 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 29 maggio 2014).
  26. ^ Slow Foot, la Schlein in bicicletta sotto la pioggia per i beni comuni, su gazzettadireggio.gelocal.it. URL consultato il 28 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2019).
  27. ^ Preferenze, in Emilia fuori Caronna, dentro la Schlein, su bologna.repubblica.it. URL consultato il 28 maggio 2014.
  28. ^ Elly Schlein: Volevo riportare Prodi nel PD ma ora non sopporto più le troppe scelte di destra, su repubblica.it, 9 maggio 2015. URL consultato il 12 gennaio 2019.
  29. ^ Pd, l'eurodeputata Schlein segue Civati: "Questo partito non esiste già più", su Il Fatto Quotidiano, 8 maggio 2015. URL consultato il 28 marzo 2024.
  30. ^ Elly Schlein sarà la prossima segretaria del PD, il Post, 26 febbraio 2023. URL consultato il 7 dicembre 2023 (archiviato il 7 dicembre 2023).
  31. ^ Storia di Elly Schlein, prima segretaria del Pd, Wired, 27 febbraio 2023. URL consultato il 7 dicembre 2023 (archiviato il 22 marzo 2023).
  32. ^ Elly Schlein, Il mio impegno non si ferma, ma si trasforma., su ellyschlein.it, 17 aprile 2019.
  33. ^ Regionali, maratona per il deposito delle liste, su estense.com, 27 dicembre 2019. URL consultato il 28 dicembre 2019.
  34. ^ Inaugurato il comitato di 'Emilia Romagna Coraggiosa': "Al centro ambiente e lavoro", su RavennaToday. URL consultato il 28 dicembre 2019.
  35. ^ Elly Schlein è la candidata più votata nella storia delle elezioni in Emilia-Romagna, su Giornalettismo, 27 gennaio 2020. URL consultato il 27 marzo 2024.
  36. ^ Andrea Gagliardi, Elly Schlein, l’outsider di sinistra più votata in Emilia Romagna, in Il Sole 24 Ore, 29 gennaio 2020.
  37. ^ Elezioni Emilia-Romagna, "coraggiosa" Elly Schlein la più votata dagli emiliani, su bologna.repubblica.it. URL consultato il 27 gennaio 2020.
  38. ^ In Emilia Romagna Schlein è la più votata, 28 gennaio 2020.
  39. ^ Elezioni regionali in Emilia Romagna, Elly Schlein la più votata, 27 gennaio 2020.
  40. ^ Emilia-Romagna, la nuova vicepresidente della Regione è Elly Schlein, in la Repubblica. Bologna. URL consultato l'11 febbraio 2020.
  41. ^ Elly Schlein è stata nominata vicepresidente dell'Emilia-Romagna, su Il Post, 11 febbraio 2020. URL consultato il 23 novembre 2022.
  42. ^ Andrea Muratore, La democrazia non è un costo, Osservatorio Globalizzazione, 18 febbraio 2020
  43. ^ Susanna Turco, Elly Schlein: «Voto No al referendum. Per difendere la libertà dei parlamentari», L'Espresso, 2 settembre 2020
  44. ^ Taglio parlamentari, il governatore Pd Bonaccini annuncia il suo sì: "È da 30 anni che il centrosinistra propone di ridurli". Orfini: "Partito si schieri per il No", su Il Fatto Quotidiano, 24 agosto 2020. URL consultato il 29 agosto 2020.
  45. ^ Zingaretti: «Sì al referendum. Il Pd starà al governo finché farà cose utili al Paese», su corriere.it. URL consultato il 7 settembre 2020.
  46. ^ Elenco dei soggetti politici ai sensi dell’articolo 2 della delibera n. 52/20/CONS, su agcom.it.
  47. ^ I ribelli del No (di P. Salvatori), su L'HuffPost, 26 agosto 2020. URL consultato il 30 agosto 2020.
  48. ^ Annamaria Graziano, Referendum 2020: ecco come voteranno i big, The Italian Times, 11 settembre 2020
  49. ^ post di Green Italia, su Facebook, 5 febbraio 2021. URL consultato il 14 febbraio 2021.
  50. ^ Parlamentari eletti alle politiche in Emilia Romagna: chi sono. Collegi uninominali e plurinominali: sono 43 gli eletti alla Camera e al Senato dalla nostra regione, in il Resto del Carlino, 27 settembre 2022. URL consultato il 27 settembre 2022.
  51. ^ Collegio plurinominale EMILIA-ROMAGNA - P02, su Eligendo, Ministero dell'Interno, 26 settembre 2022. URL consultato il 27 settembre 2022 (archiviato dall'url originale il 19 novembre 2022).
  52. ^ XIX Legislatura - Deputati e Organi - Scheda deputato - SCHLEIN Elly, su www.camera.it. URL consultato il 22 novembre 2022.
  53. ^ "Nel Pd deve prendere spazio una nuova classe dirigente", l'annuncio di Elly Schlein, su Il Fatto Quotidiano, 11 novembre 2022. URL consultato il 22 novembre 2022.
  54. ^ Elly Schlein ha fatto capire che vuole candidarsi alla segreteria del PD, su Il Post, 11 novembre 2022. URL consultato il 22 novembre 2022.
  55. ^ Pd, Elly Schlein annuncia la candidatura: "Ripartiamo da disuguaglianze, precarietà e clima. Renzi ha lasciato macerie, taccia", su Il Fatto Quotidiano, 4 dicembre 2022. URL consultato il 4 dicembre 2022.
  56. ^ Elly Schlein iscritta al Pd nel circolo della Svolta in Bolognina: "Torno nel partito con umiltà", su la Repubblica, 12 dicembre 2022. URL consultato il 12 dicembre 2022.
  57. ^ Elly Schlein: "Insulti antisemiti per il mio naso e il mio cognome", su ilGiornale.it, 2023-2-3. URL consultato il 2023-2-3.
  58. ^ Elly Schlein e il 'naso ebreo', Ruth Dureghello: «Confermare gli stereotipi non è di aiuto contro l'antisemitismo», in Il Mattino, 5 febbraio 2023.
  59. ^ Anna Momigliano, Why This Rising Italian Politician Is Downplaying Her Jewish Roots, in Haaretz, 23 febbraio 2023.
  60. ^ Pd, I dati definitivi dei congressi di circolo, su partitodemocratico.it, 20 febbraio 2023.
  61. ^ Redazione di Rainews, Bonaccini riconosce vittoria Schlein: lei segretaria, su RaiNews, 26 febbraio 2023. URL consultato il 26 febbraio 2023.
  62. ^ Con la vittoria di Elly Schlein, uscita indietro dal voto nei circoli, è la prima volta nella storia del Partito Democratico che il voto degli iscritti nelle convenzioni di circolo è ribaltato nelle primarie aperte., su Twitter. URL consultato il 26 febbraio 2023.
  63. ^ a b Pd, lite sul nome di Schlein nel simbolo: la leader si candida al Centro e nelle Isole, su Domani, 21 aprile 2024. URL consultato il 21 aprile 2024.
  64. ^ Elezioni europee 2024, da Schlein a Tajani: tutti i big candidati, su Sky TG24, 21 aprile 2024. URL consultato il 21 aprile 2024.
  65. ^ Home | Risultati delle elezioni europee 2024 | Italia | Parlamento europeo, su https://results-elections.secvoting.com/. URL consultato il 14 giugno 2024.
  66. ^ I risultati definitivi delle elezioni europee, su Pagella Politica. URL consultato il 14 giugno 2024.
  67. ^ Sky TG24, L'andamento dei partiti italiani negli ultimi 10 anni: i dati, su tg24.sky.it, 10 giugno 2024. URL consultato il 14 giugno 2024.
  68. ^ Il voto delle europee rafforza il governo, ma anche l'opposizione - Il Post, su www.ilpost.it. URL consultato il 15 giugno 2024.
  69. ^ Andrea Gagliardi, A Meloni 2,5 milioni di preferenze, battuto il record di Salvini. Decaro primo tra i dem, Vannacci spinge la Lega. Salis eletta, su Il Sole 24 ORE, 10 giugno 2024. URL consultato il 15 giugno 2024.
  70. ^ Risultati elezioni europee 2024, su elezioni.interno.gov.it.
  71. ^ Schlein e lavoro: salario minimo e battaglia al precariato, su la Repubblica, 28 febbraio 2023. URL consultato il 31 maggio 2023.
  72. ^ Alessio De Giorgi, Elly Schlein: voglio nuove tasse su casa e successioni. Sconcerto nel mondo politico, su Il Riformista, 26 maggio 2023. URL consultato il 31 maggio 2023.
  73. ^ L'allarme di Schlein: "I diritti delle persone Lgbtq+ sono insidiati", in La Repubblica, 16 dicembre 2022. URL consultato il 6 marzo 2023.
  74. ^ a b Caterina Giusberti, Chi è Elly Schlein, candidata alla segreteria Pd: ambientalista, femminista ed europeista dalla Svizzera con furore, in La Repubblica, 4 dicembre 2022. URL consultato il 6 marzo 2023.
  75. ^ «La società è patriarcale», ripetiamo queste parole di Elly Schlein oggi che è l'8 marzo, su cosmopolitan.com.
  76. ^ "Personalmente favorevole". Schlein cala la maschera sull'utero in affitto, su ilGiornale.it, 19 aprile 2023. URL consultato il 31 maggio 2023.
  77. ^ Emilia-Romagna, sul fine vita arriva l’assist di Schlein a favore della legge, su corrieredibologna.corriere.it.
  78. ^ Adnkronos, Droghe leggere, Schlein per la legalizzazione: "Contrasta le mafie", su Adnkronos, 21 marzo 2023. URL consultato il 31 maggio 2023.
  79. ^ Lorenzo De Cicco, Schlein: “Dialogo con Conte e Calenda”. E sull'Ucraina: "L'invio di armi è assolutamente necessario", in La Repubblica, 6 marzo 2023. URL consultato il 6 marzo 2023.
  80. ^ Schlein a «Che tempo che fa»: «Sì all'invio di armi all’Ucraina, ma non basta», in Corriere della Sera, 5 marzo 2023. URL consultato il 6 marzo 2023.
  81. ^ Schlein: “Due popoli due Stati unica soluzione. Isolare Hamas, ora tocca alla politica”, su partitodemocratico.it. URL consultato il 4 marzo 2024.

Voci correlate

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autoritàVIAF (EN5630167082547758570007 · SBN RMRV192166 · LCCN (ENno2023077738 · GND (DE1274696860