Bartolomeo I della Scala (vescovo)

vescovo di Verona
Bartolomeo I della Scala, O.S.B.
vescovo della Chiesa cattolica
Template-Bishop.svg
 
TitoloVescovo di Verona
 
Nominato vescovo1277
Consacrato vescovo1283
Deceduto8 novembre 1290, Verona
 
Signori di Verona
Della Scala
Stemma della Scala.svg

Jacopino
Figli
Mastino I
Figli
Alberto I
Figli
Bartolomeo I
Figli
  • Francesco
  • Cecchino, figlio naturale
  • Bailardino, figlio naturale
Alboino
Figli
Cangrande I
Figli
  • Gilberto, figlio naturale
  • Bartolomeo, figlio naturale
  • Francesco, figlio naturale
  • Margherita, figlia naturale
  • Franceschina, figlia naturale
  • Lucia Cagnola, figlia naturale
  • Giustina, figlia naturale
  • Alboino, figlio naturale
Alberto II
Figli
  • Alboina, figlia naturale
  • Margherita, figlia naturale
  • Gilenetto, figlio naturale
  • Rinaldo, figlio naturale
Mastino II
Figli
Cangrande II
Figli
  • Brunoro II, figlio naturale
  • Antonio II, figlio naturale
  • Nicodemo, figlio naturale
  • Guglielmo, figlio naturale
  • Paolo, figlio naturale
  • Fregnano, figlio naturale
  • Bartolomeo, figlio naturale
  • Oria, figlia naturale
  • Caterina, figlia naturale
Cansignorio
Figli
Paolo Alboino
Figli
  • Silvestra, figlia naturale
  • Pentesilea, figlia naturale
  • Orsolina, figlia naturale
Bartolomeo II
Antonio
Figli
Guglielmo
Figli
  • Nicodemo
  • Antonio II
  • Niccolò
  • Oria
  • Beatrice
  • Caterina
  • Paolo
  • Chiara
  • Fregnano
  • Bartolomeo
  • Brunoro

Bartolomeo I della Scala (... – Verona, 8 novembre 1290) è stato un vescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Era figlio naturale di Mastino I della Scala, signore di Verona. Fu monaco dell'Ordine di San Benedetto e nel 1321 abate nel monastero di San Zeno a Verona. Fu eletto dal clero nel 1277 vescovo di Verona a succedere al fratello Guido alla guida della diocesi. L'elezione venne confermata dal patriarca di Aquileia Raimondo della Torre e consacrato vescovo nel 1283 da ben tre vescovi.

BibliografiaModifica

  • Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Scaligeri di Verona, Torino, 1835. ISBN non esistente.

Collegamenti esterniModifica