Apri il menu principale

Circondario di Ascoli Piceno

circondario del Regno d'Italia
Circondario di Ascoli Piceno
ex circondario
Localizzazione
StatoItalia Italia
ProvinciaProvincia di Ascoli Piceno-Stemma.png Ascoli Piceno
Amministrazione
CapoluogoAscoli Piceno
Data di istituzione1860
Data di soppressione1927
Territorio
Coordinate
del capoluogo
42°51′17″N 13°34′31″E / 42.854722°N 13.575278°E42.854722; 13.575278 (Circondario di Ascoli Piceno)Coordinate: 42°51′17″N 13°34′31″E / 42.854722°N 13.575278°E42.854722; 13.575278 (Circondario di Ascoli Piceno)
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+1
Cartografia
Circondario di Ascoli Piceno – Localizzazione
Circondario di Ascoli Piceno – Mappa

Il circondario di Ascoli Piceno era uno dei circondari in cui era suddivisa l'omonima provincia. Confinava a nord con il circondario di Fermo e la provincia di Macerata (circondario di Macerata), a ovest con le province di Macerata (circondario di Camerino) e dell'Umbria (circondario di Spoleto), a sud con le province dell'Abruzzo Ulteriore I (circondario di Teramo) e II (circondario di Cittaducale), a est con il Mar Adriatico.

Indice

StoriaModifica

L'istituzione del circondario conseguì alla riforma delle province marchigiane dettata dal decreto Minghetti del 22 dicembre 1860, allorché alla provincia di Ascoli fu annessa quella di Fermo, a sua volta trasformata in circondario al pari dell'altra sola provincia soppressa nella regione (Camerino). La ripartizione amministrativa cessò di esistere nel 1927 con la riforma amministrativa fascista.

Geografia fisicaModifica

TerritorioModifica

Il territorio del circondario corrispondeva esattamente a quello della preesistente provincia pontificia (delegazione di Ascoli) nella sua conformazione definitiva dopo la perdita del comune di Ancarano (ceduto al Regno delle Due Sicilie e perciò all'Abruzzo nel 1852). Rispetto alla provincia di Ascoli Piceno sorta nel 2004 per distacco del territorio fermano includeva i comuni di Amandola e Montefortino, ma non quelli di Cossignano, Cupra Marittima, Grottammare, Massignano, Montefiore dell'Aso e Ripatransone.

Suddivisione amministrativaModifica

NoteModifica

  1. ^ Mandamento di Arquata nella suddivisione del Circondario di Ascoli Piceno in Collezione celerifera delle leggi, decreti, istruzioni e circolari pubblicate nell'anno 1861 ed altre anteriori, op. cit.
  2. ^ a b c d Comune soppresso e aggregato al comune di Acquasanta Terme nel 1865.
  3. ^ a b c d Comune soppresso e aggregato al comune di Ascoli Piceno nel 1866.
  4. ^ a b Comune soppresso e aggregato al comune di Roccafluvione nel 1866.
  5. ^ Comune soppresso e aggregato al comune di Castignano nel 1865.
  6. ^ a b Comune soppresso e aggregato al comune di Rotella nel 1869.
  7. ^ a b Comune soppresso e aggregato al comune di Montalto delle Marche nel 1866.
  8. ^ Comune soppresso e aggregato al comune di Spinetoli nel 1866.

BibliografiaModifica

  • Collezione celerifera delle leggi, decreti, istruzioni e circolari pubblicate nell'anno 1861 ed altre anteriori, anno XLI, Parte Prima, Tipografia Editrice di Enrico Dalmazzo, Torino 1861, p. 22;

Collegamenti esterniModifica

  Portale Marche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Marche